CISGIORDANIA OCCUPATA: HA AFFERRATO IL SUO GENERATORE. GLI HANNO SPARATO AL COLLO. E’ PARALIZZATO COMPLETAMENTE – di Yuval Abraham

407

tratto da: https://frammentivocalimo.blogspot.com/2021/01/un-rampollo-dellaristocrazia-sionista.html

 

Traduzione sintesi

Venerdì pomeriggio, un soldato israeliano ha sparato al collo a bruciapelo a un palestinese di 26 anni di nome Harun Abu Aram. Abu Aram è ora in condizioni critiche in un ospedale di Hebron, nella Cisgiordania occupata. Secondo il ministero della Sanità palestinese, se dovesse vivere, Abu Aram sarebbe probabilmente paralizzato.

La sparatoria è avvenuta vicino al villaggio palestinese di al-Rakiz nelle colline a sud di Hebron. Solo un mese fa l’esercito è arrivato con i bulldozer per demolire quattro case nella comunità; quella di Abu Aram era una di quelle case.

Contrariamente alle affermazioni dell’esercito israeliano, i residenti di al-Rakiz non sono criminali. Hanno costruito le loro case sulla loro terra in conformità con la legge. L’esercito le ha distrutte  perché l’Amministrazione Civile – il braccio del governo militare israeliano che gestisce la vita quotidiana di 2,8 milioni di palestinesi in Cisgiordania – rifiuta di rilasciare permessi di costruzione alla comunità. Infatti, l’Amministrazione Civile respinge il 98,7 per cento delle richieste di permessi di costruzione da parte di palestinesi che vivono nei 164 villaggi dell’Area C, un’area che costituisce due terzi della Cisgiordania ed è sotto il pieno controllo militare e amministrativo israeliano.

Lo scopo di questa ostinazione burocratica è di immiserire le vite dei palestinesi  spingendoli ad andarsene. Perché? Perché se se ne vanno, sarà più facile per Israele annettere la terra in futuro senza dover concedere a nessuno la cittadinanza israeliana. Un semplice calcolo demografico.

L’Amministrazione Civile rifiuta l’idea che si tratti di terra palestinese di proprietà privata, e quindi impedisce loro di ottenere permessi di costruzione e piani generali. L’Amministrazione sa che la distruzione di case e infrastrutture renderà miserabile la vita della popolazione locale e, col tempo, la costringerà ad abbandonare la propria terra.

GUARDA: Un soldato israeliano spara ad Harun Abu Aram al collo

Abu Aram è arrivato venerdì mattina per aiutare a ricostruire una delle case che erano state demolite. Dopo alcune ore di lavoro al sole, è arrivato un veicolo dell’amministrazione civile che trasportava cinque soldati israeliani. I soldati hanno detto ad Abu Aram e ai suoi amici che non potevano costruire lì. Quindi si sono avvicinati al suo generatore, che stava usando per la costruzione, e lo hanno confiscato. Tali confische sono ancora un altro metodo per costringere i palestinesi dell’Area C ad abbandonare le loro terre, infatti, l’esercito porta regolarmente via serbatoi d’acqua, attrezzi da costruzione, trattori e capanne di latta.

Quando il soldato ha iniziato a trascinare il generatore, Abu Aram ha resistito. Ha iniziato a urlare, mentre i suoi amici più cari cercavano di farlo calmare. Ma lui ha urlato. Un mese fa, la sua casa è stata demolita. Un mese fa sua sorella e sua madre hanno subito un trauma inimmaginabile. Ero lì. Adesso sono venuti a prendere il suo generatore. E così, ha urlato e ha resistito.

Abu Aram ha cercato di riprendere il generatore con la forza, maledicendo i soldati. Per un momento ci è persino riuscito. Poi  un soldato ha reagito.

Prima una spinta, poi uno sparo. I soldati non hanno lanciato granate assordanti o lacrimogeni. No, hanno sparato al collo a un uomo disarmato – la cui casa è stata demolita un mese fa, sua  sorella e sua  madre sono state costrette a dormire all’aperto – con munizioni vere a bruciapelo. 

Un video della sparatoria è diventato rapidamente virale sui social media. Lo sparo può essere sentito nel video. Poi vediamo Abu Aram sanguinare. Poi sentiamo le urla di sua madre.

In seguito alla sparatoria, l’unità del portavoce dell’IDF ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Durante un incarico di routine da parte delle forze di polizia israeliana e di polizia di frontiera di confiscare ed evacuare una struttura illegale nel villaggio di a-Tuwani, si è sviluppato un violento disturbo causato da  circa 150 palestinesi con incluso un massiccio lancio di pietre. I soldati dell’IDF hanno risposto utilizzando misure di controllo antisommossa e sparando in aria. Durante i disordini si è verificato un incidente violento e  diversi palestinesi hanno usato la violenza contro le forze [dell’esercito]”.

Questa affermazione è una palese menzogna. Si può vedere nel video. C’è una famiglia lì, circa 10 persone in totale. I testimoni dicono che non c’erano pietre e neanche lontanamente 150 persone.

Nei prossimi giorni, l’esercito israeliano potrebbe annunciare di aver “avviato un’indagine sull’incidente”. Quasi sempre lo fanno, ma quasi mai emerge qualcosa a loro caricoIn occasioni molto rare, potrebbero persino annunciare che un soldato ha aperto il fuoco “in violazione delle norme”. Forse, poiché la sparatoria di Abu Aram è stata registrata su nastro, useranno di nuovo questa scusa.

Non è questo il punto. La politica generale è quella che genera il comportamento di quel soldato ad al-Rakiz.  Una politica motivata dalla demografia che impedisce a migliaia di palestinesi nell’Area C di costruire sulla loro terra. Impedisce ai palestinesi di vivere. Non è facile scrivere, ma è vero. Di solito, quando arrivano i soldati, tutto finisce con oggetti rubati o una casa distrutta. Questa volta è finita con una pallottola al collo.

Una versione di questo articolo è apparsa per la prima volta in ebraico su Local Call. Leggilo qui.

 

 

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2021/01/un-rampollo-dellaristocrazia-sionista.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.