CISGIORDANIA. Video B’Tselem accusa: “UCCISIONE PALESTINESE INGIUSTIFICATA”

0

12 dic 2018

L’organizzazione israeliana per i diritti umani ha ieri rilasciato un filmato che dimostra come le forze armate israeliane abbiano ucciso lo scorso 4 dicembre il 22enne palestinese Mohammed Khabali senza che questi rappresentasse una minaccia per i soldati, come invece l’esercito aveva dichiarato sin dall’inizio

Il 23enne Mohammad Khossam Khabali ucciso a Tulkarem lo scorso 4 dicembre

della redazione

Roma, 12 dicembre 2018, Nena News – Un video rilasciato ieri dall’organizzazione israeliana per i diritti umani B’Tselem mostra come le forze armate israeliane non erano sotto minaccia quando hanno sparato e ucciso lo scorso 4 dicembre il 22enne palestinese Mohammed Khabali durante un blitz notturno avvenuto nella città di Tulkarem (Cisgiordania occupata). I militari erano stati accolti in città con il lancio di pietre da parte di alcuni giovani e avevano risposto con pallottole di acciaio ricoperte da gomma e gas lacrimogeni. Mentre già un precedente filmato mostrava come Khabali fosse stato raggiunto dal proiettile mortale quando era di spalle ai soldati, il video pubblicato ieri, e registrato da quattro differenti telecamere di sicurezza, conferma come non vi fossero nemmeno in corso degli scontri quando la vittima è stata colpita.

Di fatto viene completamente confutata la tesi dell’esercito secondo cui il giovane era stato raggiunto dal proiettile mentre erano in corso degli scontri con i soldati. I militari si erano subito difesi affermando che avevano usato “mezzi di dispersione” per allontanare i palestinesi e che il decesso del ragazzo era stata una tragica fatalità. Invece da ieri appare chiaro che i fatti siano andati diversamente. “[Nel filmato] si vedono i soldati camminare senza fretta, alcuni palestinesi parlano tra di loro quando [ad un certo punto] i militari sparano mortalmente a [Khabali] alla testa da una distanza considerevole” denuncia in una nota B’Tselem. “Il video mostra chiaramente che non stavano avvenendo dei disordini nelle sue vicinanze. Contrariamente a quanto affermano i militari, i soldati non erano in pericolo: lo sparo è stato ingiustificato e illegale”. Nel filmato il giovane, affetto da problemi mentali, cammin lungo la strada appoggiandosi ad un bastone lontano dall’esercito. Poi all’improvviso cade a terra con la schiena rivolta ai soldati.

“Il caso di Khabali, così come quello di tanti altri nel passato, porterà ad una inchiesta che non servirà a niente se non a insabbiare l’incidente e a silenziare le critiche.L’esercito continuerà ad usare un uso ingiustificato di forza senza essere ritenuto responsabile e senza pagar alcun prezzo per tali azioni”. L’inchiesta militare annunciata a inizio settimana da Israele si tratta per B’Tselem “puramente della prima fase di un processo che serve a coprire questa uccisione”.

Secondo l’Ufficio Onu per il Coordinamento degli Affari umanitari, le forze israeliane hanno ucciso 27 palestinesi in Cisgiordania a partire dallo scorso 19 novembre. A questo numero va aggiunta da ieri, oltre a Khabali, una nuova vittima: il 24enne palestinese Omar Hassan Awwad morto ieri mattina a causa delle pallottole sparate dalle forze armate israeliane. Sempre secondo le Nazioni Unite, quest’anno l’esercito ha ferito più di 5.000 persone in Cisgiordania. A questi dati bisogna aggiungere anche gli oltre 220 palestinesi uccisi a Gaza durante le proteste settimanali delle “Marce del Ritorno” che hanno causato più di 18.000 feriti. Nena News

Guarda il video di B’Tselem

CISGIORDANIA. Video B’Tselem accusa: “UCCISIONE PALESTINESE INGIUSTIFICATA”

http://nena-news.it/cisgiordania-video-btselem-accusa-uccisione-palestinese-ingiustificata/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.