College israeliano: palestinesi costretti a onorare Israele

WEDNESDAY, 09 MAY 2012 07:46 ALTERNATIVE INFORMATION CENTER

 

 Il Western Galilee College, nel Nord di Israele, ha tentato di obbligare gli studenti palestinesi a partecipare alla cerimonia per il Giorno dell’Indipendenza, chiudendo a chiave gli edifici universitari e bagnando le panchine così da non permettere di sedersi durante il minuto di silenzio.

Il preside del college ha confermato l’accaduto, aggiungendo che la cosa si ripeterà anche il prossimo anno. A riportare la notizia, il sito di informazione israeliano mynet. Gli studenti palestinesi hanno raccontato che l’amministrazione dell’università “ha bagnato le panchine nel cortile del college così che non ci era possibile sederci durante il minuto di silenzio e ha chiuso a chiave la caffetteria, le aule e i cancelli del campus”.

Uno degli studenti ha poi spiegato che, durante la cerimonia, “una lezione che doveva svolgersi è stata cancellata e abbiamo avuto un’ora libera. Un gruppo di 12-13 studenti, me compreso, si è seduto sulle panchine del cortile. Improvvisamente l’addetta alle pulizie è arrivata e ci ha chiesto di alzarci perché voleva pulire le panchine. Noi abbiamo cercato di spiegarle che eravamo semplicemente seduti, ma lei ha insistito perché ci alzassimo in piedi. Poi è arrivato un usciere e ci ha chiesto di alzarci o di entrare nel college. Gli ho detto che non poteva obbligarmi ad alzarmi, ma lui ha risposto di sì, che dovevo andarmene. Sono andato verso l’edificio ma le porte erano chiuse a chiave e allora sono tornato indietro e con i miei amici ci siamo seduti a terra”.

“Una delle guardie – ha raccontato un altro studente – che parlavano con i miei amici che rifiutavano di alzarsi dalle panchine, ha chiesto che gli venisse portato un tubo così da lavare le panchine con l’acqua”.

Circa il 40% degli studenti del Western Galilee College, un0università privata, sono palestinesi cittadini di Israele. Come notato da uno studente, “i nostri sentimenti vanno tenuti in considerazione. Era ovvio che non ci volevamo identificare con la cerimonia e alzarci in piedi nel minuto di silenzio”.

Mentre l’amministrazione dell’università ha tentato di negare l’evento, il preside Yehuda Ben Simon ha confermato l’accaduto. Utilizzando il termine militare israeliano di “area sterile”, ha spiegato a mynet che “basandosi su esperienze passate, il college ha deciso che l’intera area della cerimonia e quella intorno era da considerare ‘ area sterile’. Per cui, abbiamo ordinato di chiudere a chiave i cancelli del campus. Abbiamo bagnato le panchine così che la gente non potesse sedersi e abbiamo rimosso quelle non fissate al terreno”.

Ben Simon ha aggiunto: “Il 40% degli studenti del college sono arabi. Basta che tre o quattro di loro tentino una provocazione. Al fine di evitarla, abbiamo deciso di ‘sterilizzare l’area’. È vero che abbiamo bagnato le panchine e lo faremo anche negli anni a venire”.

Siete tutti invitati a contattare il Western Galilee College per esprimere il vostro sdegno per l’azione dell’università, che ha costretto studenti palestinesi a rendere onore all’esercito israeliano:

Linda Futterman, direttrice delle Relazioni Internazionali

Telefono: 00972 (0) 4 9015229

Fax: 00972 (0) 4 9015320

E-mail: int-relations@wgalil.ac.il

Tradotto in italiano da Emma Mancini (Alternative Information Center)

http://www.alternativenews.org/italiano/index.php/topics/societa-israeliana/3578-college-israeliano-palestinesi-costretti-a-onorare-israele

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam