Coloni armati occupano le terre di un villaggio a Hebron

Pubblicato il 16 marzo 2014 da AbuSara

14 Marzo 2014 | International Solidarity Movement, Team Khalil | Arab ar Rashyaida, Palestina Occupata

Martedì 11 marzo 2014, degli abitanti del villaggio di Arab ar Rashyaida, a 15 km da Hebron, hanno notato la presenza di un tendone e di un escavatore industriale in cima   ad una collina situata su delle terre del villaggio.

colono
Foto: un colono col volto coperto e dei soldati sulla collina palestinese occupata (Foto ISM).

Essendo stato contattato, il gruppo ISM di Hebron ha accompagnato gli abitanti e degli attivisti palestinesi sul posto per opporsi ai coloni.

Quando sono arrivati al villaggio, i manifestanti hanno posteggiato su una collina di fronte a quella dove si erano piazzati i coloni, e si sono incamminati nella vallata in direzione dell’accampamento dei coloni.
I coloni erano armati con fucili d’assalto, pistole automatiche, e cani per proteggere il loro accampamento illegale.

Gli attivisti si sono opposti ai coloni in modo non violento mentre questi ultimi scattavano delle fotografie di tutti manifestanti con i loro telefoni.

Poco dopo, un colono armato con un mitra e vestito di nero con il volto coperto, si è arrampicato su un muro e ha iniziato ad insultare un attivista palestinese, affermando che avrebbe ucciso altri palestinesi.
L’attivista ha risposto con la propria voce urlando la propria indignazione nei confronti dei commenti pieni di odio del sionista.

image

Poi molto velocemente è arrivato l’esercito che ha tentato di rimuovere i manifestanti dall’area del cantiere. A più riprese il leader dei coloni ha preso da parte i soldati per dare loro suggerimenti. E’ stata fatta la proposta secondo cui, se l’accampamento dei coloni fosse stato rimosso, i manifestanti se ne sarebbero andati e avrebbero portato il caso in tribunale, ma non è stata accettata.

In seguito è arrivato sul posto un ufficiale militare alto locato a cui sono stati presentati degli attestati di proprietà di un abitamnte del villaggio, i quali datano di 130 anni fa. L’ufficiale ha affermato che anche i coloni possedevano degli attestati di proprietà (presumibilmente non così vecchi!).

Nel frattempo, il colono con il volto coperto si è avvicinato alle auto dei palestinesi accompagnato dal suo cane molto aggressivo. Un piccolo gruppo di persone si è avvicinato a lui per impedirgli di danneggiare le auto.

Vedendo che i palestinesi si stavano avvicinando, il colono si è diretto verso il tassista che stava aspettando di riaccompagnare il team dell’ISM a Hebron.

I palestinesi hanno avuto il timore che il colono volesse aggredire il tassista, così il gruppo si è diretto ai piedi della collina per supporto all’autista.

Il colono armato poi però si è incamminato verso il cantiere.

In seguito è arrivata la polizia israeliana che ha arrestato l’attivista che aveva avuto il battibecco con il colono sionista armato, il quale si è lamentato dicendo di essere stato aggredito fisicamente.

Il palestinese si è recato dalla polizia in modo pacifico e in seguito è stato arrestato e accusato di aggressione.

Gli attivisti hanno fornito delle prove video e il prigioniero è stato rilasciato su cauzione pagando 2000 NIS. Stiamo aspettando la data del processo.

Arab ar Rashyaida è molto vulnerabile agli attacchi dei coloni. Le terr attorno al villaggio sono state designate “Intended Nature Reserve” secondo gli Accordi ad Interim di Oslo, e di conseguenza sono sotto pieno controllo israeliano.

La strategia che consiste nel costruire avamposti su terre palestinesi per poi sviluppare degli insediamenti illegali è molto diffusa e sostenuta dalle autorità israeliane, nonostante il fatto che sia contraria alla legge internazionale e alla Quarta Convenzione di Ginevra.

http://reteitalianaism.it/public_html/index.php/2014/03/16/coloni-armati-occupano-le-terre-di-un-villaggio-a-hebron/

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam