Coloni israeliani spianano nuovi terreni a Hebron

Pubblicato il 5 gennaio 2014 da AbuSara

fonte: Ma’an news

HEBRON ( Ma’an ) – Domenica i coloni israeliani hanno iniziato a spianare un largo tratto di terreno nel centro di Hebron, in preparazione per la costruzione di un nuovo avamposto di insediamento ebraico nella città assediata, nel sud della West Bank.

immagine1

I coloni israeliani, scortati da un bulldozer che ha sradicato alberi vecchi di oltre 50 anni nel quartiere di Tel Rumeida vicino al centro città, nei pressi di un già esistente insediamento israeliano della destra estremista.

Una fonte palestinese ha detto a Ma’an che il servizio di collegamento israeliano ha notificato alla parte palestinese che le autorità israeliane avrebbero fatto lavori di sbancamento nella zona per due mesi.

Tale notifica, ha aggiunto la fonte, suggerisce che gli israeliani abbiano intenzione di istituire un nuovo avamposto nei pressi del vecchio insediamento conosciuto come ” Ramat Yashi. “

Il portavoce del gruppo di attivisti di Hebron, Youth Against Settlements, Issa Amr ha fatto notare che una roulotte è stata collocata nella zona dopo che il bulldozer aveva fatto il suo lavoro di spianamento.

Ciò significa che un nuovo avamposto è in costruzione, ha aggiunto.

Il terreno che è stato sbancato è stato preso in affitto dalla famiglia Abu Heikal nel 1949 dall’ufficio del governo giordano per la “Custodia delle proprietà del nemico”, ha detto Abu Heikal a Ma’an in una telefonata.

Un nuovo contratto di locazione è stato firmato dopo che Israele ha occupato la Cisgiordania nel 1967, con la Banca Depositaria del governo israeliano per la Proprietà degli Assenti, ha aggiunto Abu Heikal . Nel 1981, il Custode della Proprietà degli Assenti ha rifiutato di prendere le spese di affitto, ma nel 2000 la famiglia ha raggiunto un accordo con gli israeliani e ha pagato per gli anni 1981-2000.

Nel 2001 e nel 2002, ha aggiunto, gli israeliani hanno continuato a prendere il costo dell’affitto, ma successivamente li hanno rifiutati di nuovo e hanno annunciato che la terra entrava in una zona militare chiusa, negando così ai palestinesi l’accesso ad essa, nonostante il suo contratto a lungo in vigore per la zona. E’ stato anche costruito un recinto intorno alla terra.

Amr Issa ha detto che l’Amministrazione Civile israeliana ha affittato il terreno ai coloni israeliani con un contratto di locazione che è entrato in vigore il 1 Gennaio 2014.

immagine2immagine3immagine4

500 coloni israeliani vivono nella Città Vecchia di Hebron, molti dei quali hanno illegalmente occupato le case palestinesi e hanno allontanato con la forza gli abitanti originari. Essi sono protetti da migliaia di soldati delle forze israeliane.

Coloni e forze israeliane rivolgono regolarmente molestie ai residenti in città, per la stragrande maggioranza palestinesi, e molti sono stati costretti a lasciare le loro case.

Un accordo del 1997 ha suddiviso Hebron in aree di controllo palestinese e israeliano.

La zona H2 controllata dai militari israeliani comprende l’antica Città Vecchia, sede della venerata moschea Ibrahimi – anche essa divisa in due, con una sinagoga denominata Tomba dei Patriarchi – e la una volta fiorente Shuhada street, ora solo prospetti di negozi e case abbandonate.

Più di 500.000 coloni israeliani vivono in insediamenti in Cisgiordania e a Gerusalemme Est, in violazione del diritto internazionale.

I territori palestinesi riconosciuti a livello internazionale di cui la Cisgiordania e Gerusalemme Est costituiscono una parte, sono state occupate dai militari israeliani dal 1967.

http://reteitalianaism.it/public_html/index.php/2014/01/05/coloni-israeliani-spianano-nuovi-terreni-a-hebron/

……………………………………………………………………………..

ARTICOLO ORIGINALE

Israelis begin construction on new settlement in central Hebron

Published yesterday (updated) 06/01/2014 10:08

immagine1

(MaanImages)
 HEBRON (Ma’an) — Israeli settlers began leveling a large tract of land in central Hebron in preparation for the construction of a new Jewish settlement outpost in the beleaguered southern West Bank city on Sunday.

Israeli settlers escorted a bulldozer which uprooted fifty-year-old trees in the Tel Rumeida neighborhood near the city center, near an existing extremist right wing Israeli settlement.

A Palestinian source told Ma’an that the Israeli liaison department notified the Palestinian side that Israeli authorities would do earthwork in the area for two months.

This notification, added the source, suggests that Israelis plan to establish a new settlement outpost near the old one known as “Ramat Yashi.”

Spokesman for the Hebron activist group Youth Against Settlements Issa Amr highlighted that a mobile home was placed in the area after it was leveled by bulldozers.

This means a new outpost is being built, he added.

The land which was leveled was leased by the Abu Heikal family in 1949 from the Jordanian government’s Custodian of Enemy Property, Abu Heikal told Ma’an in a phone call.

A new lease was signed after Israel occupied the West Bank in 1967, with the Israeli government’s Custodian of Absentee Property, added Abu Heikal. In 1981, the Custodian of Absentee Property refused to take the rent fees, but in 2000 the family reached an agreement with the Israelis and paid for the years 1981-2000.

In 2001 and 2002, he added, the Israelis continued to take rent fees and after that they refused them again and announced the land a closed military zone denying the Palestinians access to it, despite his long-standing lease over the area. A fence was also built around the land.

Issa Amr said that the Israeli Civil Administration had rented the plot of land to Israeli settlers in a lease which came into effect on Jan. 1, 2014.

500 Israeli settlers live in the Old City of Hebron, many of whom have illegally occupied Palestinian houses and forcibly removed the original inhabitants. They are protected by thousands of Israeli forces.

Settlers and Israeli forces regularly target locals in the overwhelmingly Palestinian city for harassment, and many have been forced from their homes as a result.

A 1997 agreement split Hebron into areas of Palestinian and Israeli control.

The Israeli military-controlled H2 zone includes the ancient Old City, home of the revered Ibrahimi Mosque — also split into a synagogue referred to as the Tomb of the Patriarchs — and the once thriving Shuhada street, now just shuttered shops fronts and closed homes.

More than 500,000 Israeli settlers live in settlements across the West Bank and East Jerusalem, in contravention of international law.

The internationally recognized Palestinian territories of which the West Bank and East Jerusalem form a part have been occupied by the Israeli military since 1967

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam