Coloni mascherati minacciano il villaggio di At-Tuwani e attivisti per i diritti umani

Wednesday, 28 September 2011 13:39 Operazione Colomba

Coloni mascherati da Havat Ma’on durante un precedente attacco a luglio 2011 (Foto: Operazione Colomba)

Sabato 24 Settembre tre volontari di Operazione Colomba, operanti nel villaggio palestinese di At-Tuwani, mentre ritornavano verso casa dopo aver accompagnato un pastore al pascolo, sono stati minacciati di aggressione da un gruppo di coloni del vicino avamposto illegale di Havat Ma’on.

In breve tempo si sono radunati più di dieci coloni ai limiti dell’avamposto nei pressi di una casa che è stata frequentemente punto di partenza degli attacchi contro palestinesi e internazionali; i cinque coloni più visibili erano mascherati e uno di essi portava un fucile mitragliatore. I volontari hanno provato a chiamare la polizia israeliana per tre volte senza ottenere risposta. Hanno allora contattato Ta’ayush, un’associazione pacifista israeliana i cui membri stavano visitando un villaggio vicino.

Accompagnati da esercito e border police, dodici attivisti di Ta’ayush sono entrati nell’avamposto di Havat Ma’on e hanno chiesto ai soldati di identificare i coloni mascherati. Nel frattempo più di quindici coloni, di cui cinque a volto coperto, sono usciti dall’avamposto raggruppandosi all’ingresso di At-Tuwani, dove tre membri dell’esercito hanno debolmente cercato di trattenerli. Circa una trentina di abitanti di Tuwani si sono quindi radunati ai limiti del villaggio a protezione delle proprie abitazioni. A loro si sono aggiunti gli attivisti per i diritti umani israeliani e internazionali. Infine sul luogo sono arrivati esercito, polizia e border police con 11 mezzi.

I soldati hanno trattenuto i cinque coloni mascherati e li hanno costretti a togliersi i cappucci. Dopo più di due ore i coloni sono rientrati nell’avamposto. I tre volontari italiani minacciati in precedenza si sono recati alla stazione di Kiryat Arba per presentare regolare denuncia.
Una jeep di militari è rimasta ai margini del bosco fino alla fine della giornata.

Il villaggio di At-Tuwani subisce attacchi dei coloni del vicino insediamento di Ma’on e dell’avamposto illegale di Havat Ma’on

fin dalla loro creazione rispettivamente nel 1982 e nel 2000. Le statistiche mostrano che la maggior parte degli attacchi effettuati da gruppi di coloni sono avvenuti durante lo Shabbat, la festività settimanale ebraica.

Operazione Colomba e Christian Peacemaker Teams mantengono una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell’area delle colline a sud di Hebron dal 2004.

Per informazioni: Operazione Colomba, +972 54 99 25 773

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell’Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

http://www.alternativenews.org/italiano/index.php/topics/settlers-violence/3177-coloni-mascherati-minacciano-il-villaggio-di-at-tuwani-e-attivisti-per-i-diritti-umani

 

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam