COME HA DETTO QUEL CARISMATICO PREDICATORE EBRAICO….

401

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/41558

Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio, e poi vedrai chiaramente come togliere la pagliuzza dall’occhio di tuo fratello.

Fonte: English Version

Leon Rosselson – 20 gennaio 2021

Esatto. I sionisti non hanno il diritto di accusare gli altri di antisemitismo quando essi stessi sostengono lo stato più razzista del pianeta.

Il razzismo è profondamente radicato nel DNA di Israele. Israele è stato fondato su un’ideologia razzista, in particolare la discriminazione nei confronti degli ebrei della diaspora. Non è un segreto che Herzl, il padre fondatore del sionismo politico, fosse un antisemita. I suoi scritti sono pieni di stereotipi antisemiti. Disprezzava l’ebreo della diaspora, l’ebreo di shtetlekh, l’ebreo del ghetto. Si riferiva agli ebrei come “persone adoratrici del denaro” e scriveva sullo “spaventoso potere finanziario degli ebrei”. La sua avversione verso gli ebrei perché sono ebrei è l’essenza stessa dell’antisemitismo. Nel 1885, dopo aver partecipato a una serata a Berlino, scrisse nel suo diario che erano presenti “trenta o quaranta ebrei ed ebree piccoli e orribili. Veramente deprimente“. Piccoli? Orribili? Tutti quanti?

Nel 1897, un anno dopo la pubblicazione di Der Judenstaat (Lo Stato Ebraico), scrisse un articolo per la rivista sionista Die Welt. Lo chiamava Mauschel, un’espressione gergale tedesca dispregiativa, equivalente a “kike”, per l’ebreo della diaspora, l’ebreo che parlava yiddish o che parlava tedesco con accento yiddish; l’ebreo che non aveva alcun interesse nello stato ebraico di Herzl (La parola kike è nata a Ellis Island quando c’erano migranti ebrei che erano anche analfabeti o non potevano usare lettere dell’alfabeto latino). Il Mauschel, egli scrisse, è “viscido e corrotto”, è un’orrenda distorsione del carattere umano, qualcosa di indicibilmente squallido e ripugnante”. Il solo guardarlo è “sufficiente per farci star male”. Ha messo a confronto il Mauschel con il “nuovo ebreo”, l’ebreo sionista, “un essere umano come un altro”, l’ebreo che, trasformato vivendo in uno stato ebraico, sarebbe stato moderno, sano, onorevole, virile, coraggioso, a immagine degli eroici antichi ebrei come i Maccabei e Bar Kochba.

Herzl credeva che gli ebrei che non avevano scelto di vivere nel suo Stato Ebraico alla fine si sarebbero assimilati e sarebbero scomparsi, il che, per lui, sarebbe stato un buon risultato. A suo avviso, gli ebrei erano una razza contaminata. “In un momento oscuro della nostra storia”, ha scritto, “del materiale umano inferiore è entrato nella nostra sfortunata gente e si è mescolato con essa”. Non sorprende quindi che gli antisemiti fossero sostenitori del progetto di Herzl. Dopo il 1° Congresso Sionista nel 1897, il Kaiser scrisse: “Sono tutti a favore della diaspora verso la Palestina. Prima se ne vanno, meglio è.”

Herzl al 1st Zionist Congress

La prima brillante idea di Herzl per risolvere la “questione ebraica” fu una conversione di massa degli ebrei austriaci al cattolicesimo. “Dovrebbe essere fatto di domenica, nella cattedrale di Santo Stefano”, ha scritto, “pubblicamente, in pieno giorno, con musica e orgoglio”. La logica è impeccabile. Niente più ebrei, niente più antisemitismo. Poi, rendendosi conto che la conversione non avrebbe funzionato, ha concepito il progetto che lo avrebbe ossessionato per il resto della sua vita: uno Stato Ebraico.

Come ho sottolineato in un articolo precedente, e come scoprirà chiunque legga Der Judenstaat, la cosa più sorprendente dello Stato Ebraico di Herzl è che non c’è praticamente nulla di ebraico in esso. La religione ebraica, della quale non aveva alcun interesse, non avrebbe avuto  alcun ruolo nell’amministrazione dello Stato. “Terremo i nostri sacerdoti entro i confini dei loro templi”. Non si fa menzione dell’osservanza del sabato o della celebrazione di feste ebraiche. La bandiera, sette stelle dorate su uno sfondo bianco, non ha alcun simbolismo ebraico. Quanto alla lingua che parleranno i “nuovi ebrei”, lo yiddish è assolutamente vietato. “Smetteremo di usare quei miserabili e insignificanti gerghi, quelle lingue del ghetto che ancora usiamo, perché quelle sono le lingue furtive dei prigionieri”. Non credeva che l’ebraico fosse pratico. Invece ci sarà una “federazione di lingue” fino a quando la lingua più utile non avrà la meglio. Non è difficile indovinare che la lingua preferita di Herzl sarebbe stata il tedesco poiché, per lui, la civiltà e la cultura tedesche erano le più avanzate al mondo.

In breve, e non credo che questa sia un’esagerazione, lo scopo del progetto sionista di Herzl era quello di far scomparire gli ebrei dal mondo.

“La negazione della diaspora”, shlilat ha’galut, attraversa il sionismo da sinistra a destra. Jabotinsky, il fondatore del sionismo revisionista, il partito di Menachem Begin e Netanyahu, ha seguito Herzl nel contrastare l’ebreo della diaspora, “lo Yid”, con il “nuovo ebreo”, ancora da creare. “Poiché lo Yid è ripugnante, nauseante e indecoroso”, scrisse, “doteremo di virilità l’immagine ideale dell’ebreo. Lo Yid è vile e sottomesso mentre gli ebrei dovrebbero essere orgogliosi e indipendenti. Lo Yid ha accettato la sottomissione e, quindi, gli ebrei dovrebbero imparare a comandare.”

Ben Gurion, leader nella guerra spietata contro i palestinesi che portò alla fondazione dello stato di Israele, condivideva questo pregiudizio contro gli ebrei della diaspora dell’Europa orientale e la loro “stridente lingua straniera”, come diceva, sebbene lui stesso provenisse da una famiglia che parlava l’yiddish. La vita della diaspora, ha affermato in una lettera a Simon Rawidowicz, è “un’esistenza infelice, lacerata, zoppicante e impoverita”. In una conversazione con Isaac Deutscher ha definito gli ebrei che vivono nella diaspora “cosmopoliti senza radici”. Non può esserci niente peggiore di questo. “Era loro dovere, quindi, stabilirsi nello stato di Israele perché “solo in uno stato di ebrei è possibile una vita ebraica piena e completa”. Poiché era totalmente laico, non è chiaro cosa intendesse per “una vita ebraica completa”. Come Herzl, che venerava, credeva che gli ebrei che vivevano al di fuori dello stato ebraico si sarebbero assimilati e sarebbero scomparsi.

Per Ben Gurion, come per Herzl e Jabotinsky, l’ebreo ideale era “il nuovo ebreo” (che è, a quanto pare, sempre un uomo) preferibilmente uno “tzabar”, nato e cresciuto nello stato ebraico, il “chalutz”, il  pioniere, di lingua ebraica, forte, sano, libero, sicuro di sé, che disprezzava il “peccato della debolezza”, tutto quello che l’ebreo della diaspora non era. Non pensava molto ai “sionisti hitleriani”, gli ebrei tedeschi a cui era stato permesso di emigrare in Palestina negli anni ’30, perché venivano come rifugiati, non come coloni. Ha definito i sopravvissuti all’Olocausto e gli ebrei mizrahi “rifiuti umani”.

Quando ripenso alla mia adolescenza nel movimento giovanile socialista-sionista Hashomer Hatzair, ho un’immagine nella mia mente del nostro “shaliach” (predicatore), Gaby, che era stato mandato per persuadere tutti i ragazzi e le ragazze ebrei a “fare l’aliya”. Era un uomo grande e forte, l’immagine stessa di un chalutz, un modello perfetto per il “nuovo ebreo”, esemplificativo di tutte quelle splendide virtù sioniste. Chazak ve’ematz, comandò. Sii forte e coraggioso, l’unica cosa che non era, ai miei occhi, ebreo.

Approfondendo la letteratura ebraica dagli anni ’40 agli anni ’70, si incontrano più biondi dagli occhi azzurri di quanti se ne potrebbe incontrare ovunque in Israele. Nelle opere di Yizhar, gli ‘altri’ sono schifosi ebrei di origine mediorientale o ebrei della diaspora dall’Europa. Nel romanzo di Shamir, ‘l’altro’ è un ebreo della diaspora, un sopravvissuto all’Olocausto, descritto come “un uomo tozzo e calvo” e anche come uno spregevole truffatore”. (Yitzhak Laor I miti del sionismo liberale)

Il razzismo del sionismo, un’ideologia dei soli ebrei ashkenaziti, era ancora più virulento contro il tipo sbagliato di ebreo della diaspora: ebrei mizrahi, ebrei del Nord Africa e paesi arabi. Erano necessari per fare il duro lavoro nella costruzione del nuovo stato, ma furono trattati con totale disprezzo. Venite a costruire una nuova patria, fu detto loro, ma quando arrivarono nei primi anni ’50 furono costretti a vivere in condizioni spaventose e insalubri nei  Ma’abarot, accampamenti di tende per rifugiati.

“Le persone possono vivere per anni nelle tende. Chi non vuole viverci non deve preoccuparsi di venire qui.” (Ben Gurion)

Erano visti come primitivi, ignoranti, sporchi; secondo Ben Gurion “non sapevano come usare il bagno in casa“. Ha definito “il semplice lavoratore originario dello Yemen” come, al pari degli arabi, “in grado di lavorare a qualsiasi cosa, senza demerito, senza logica e senza ribattere”. I loro valori dovrebbero essere cambiati. Dovrebbero essere occidentalizzati, europeizzati, civilizzati vivendo nel moderno stato di Israele.

“Anche l’immigrato del Nord Africa, che sembra un selvaggio, che non ha mai letto un libro in vita sua, nemmeno religioso, e non sa nemmeno come dire le sue preghiere, consapevolmente o inconsapevolmente ha alle spalle un’eredità spirituale di migliaia di anni”. – David Ben-Gurion.

“La primitività di queste persone è insuperabile. Di norma, sono solo leggermente più avanzati degli arabi, degli africani e dei berberi nei loro paesi. I nordafricani portano le loro abitudini ovunque si stabiliscano. Non sorprende che il tasso di criminalità nel paese stia aumentando, soprattutto c’è un fatto altrettanto grave e cioè la loro totale incapacità di adattarsi alla vita in questo Paese, e soprattutto la loro pigrizia cronica e l’avversione per qualsiasi tipo di lavoro.”  Arye Gelblum, Ha’aretz, 22 aprile 1949.

“L’obiettivo deve essere quello di instillare in loro uno spirito occidentale e non lasciare che ci trascinino in un Oriente selvaggio.” Abba Eban 1967

Il razzismo del sionismo e dei suoi padri fondatori (non ci sono madri fondatrici) è stato assimilato nella mentalità dello stato sionista. Quando ho vissuto in Israele nel 1958/59, ho scoperto che, essendo inglese, ero un privilegiato poiché gli ebrei occidentali erano in cima alla gerarchia che componeva la società israeliana. I Sabra, ovviamente, erano saldamente stabiliti al vertice. Scendendo c’erano ebrei del Nord Africa e dei paesi arabi. Si chiamavano shachorim, neri, e ricevevano i lavori più sporchi e le peggiori condizioni di vita. Il linguaggio quotidiano era costantemente razzista. Yemeniti? “Cavalieri di asini.” Marocchini? “Tutti i ladri.” Se parlavano arabo, erano doppiamente disprezzati.

“Tutti i loro valori umani devono essere azzerati e reinsegnati.” (David Ben-Gurion, sui nuovi immigrati yemeniti in Israele.)

Yemenite immigrants

In quei primi anni dello stato, migliaia di bambini yemeniti, e bambini di altre famiglie Mizrahi, furono rapiti dalle loro famiglie e venduti o dati in adozione alle famiglie ashkenazite. Di solito accadeva subito dopo il parto in ospedale, alla madre veniva detto che il suo bambino era morto ma non le era permesso di vedere il corpo del suo bambino o la tomba.

L’infermiera disse: “Hai molti figli, perché non ce ne lasci prendere uno?” Mia nonna rifiutò. Un paio di giorni dopo, l’infermiera le disse che la sua bambina era morta. Non ha ricevuto un certificato di morte e non le è stata mostrata una tomba. (Shlomi Hatuka, che ha contribuito a fondare Amram, un’organizzazione portavoce delle famiglie.)

Che razza di paese fa questo ai propri cittadini?

“Un bambino su otto è scomparso da una famiglia yemenita. Uno su otto.”

Nel 1990, è stato rivelato che la banca nazionale del sangue israeliana aveva regolarmente distrutto il sangue donato dagli ebrei etiopi a causa dei timori dell’HIV.

E un altro scandalo razzista. Nel gennaio 2013, Roni Gamzo, del Ministero della Salute israeliano, ha finalmente ammesso che alle donne etiopi era stato iniettato il Depo-Provera, un farmaco con effetti collaterali durante la gravidanza, a loro insaputa o senza consenso informato.

“Riteniamo che sia un metodo per ridurre il numero di nascite in una comunità africana e povera.” (Hedva Eyal, Women’s Rights Organization.)

Si dice che una delle donne etiopi intervistate abbia detto: “Il personale medico ci aveva detto che si trattava di vaccinazioni. Lo prendevamo ogni tre mesi. Abbiamo detto che non volevamo.” Si afferma che alcune delle donne siano state costrette o indotte a prendere il farmaco mentre si trovavano nei campi di transito in Etiopia. La testimonianza delle donne potrebbe aiutare a spiegare il calo di quasi il 50% negli ultimi dieci anni del tasso di natalità della comunità etiope di Israele.

Non sarebbe il caso di avere troppi ebrei africani nel moderno stato di Israele, no?

Gli ebrei etiopi, che sono immigrati principalmente negli anni ’80 e ’90, hanno il più alto tasso di disoccupazione e povertà tra gli ebrei israeliani e sono i più soggetti a essere fermati e perquisiti, arrestati e incarcerati.

Ethiopian immigrants heading for Tel Aviv

Il razzismo di Israele nei confronti del tipo sbagliato di ebrei non è, tuttavia, allo stesso livello del razzismo diretto alle persone a cui Israele ha rubato la terra. Gli ebrei mizrahi subiscono discriminazioni razziste ma sono accettati come cittadini a pieno titolo e hanno una voce nella vita politica del paese. Gli israeliani palestinesi, tuttavia, non possono essere cittadini a pieno titolo in uno stato designato per tutti gli ebrei del mondo. Sono visti come una minaccia demografica. (Naturalmente, i palestinesi nella Cisgiordania occupata, che vivono sotto l’occupazione militare israeliana e sono soggetti alla legge militare, non hanno diritti civili e sono soggetti a violenze sistematiche da parte dei coloni e dell’IDF.)

Un regime di supremazia ebraica dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo: questo è l’apartheid (Report del Centro Israeliano per i Diritti Umani B’Tselem)

I palestinesi in Israele vivono, principalmente, sotto un sistema di apartheid, separato e disuguale. Non hanno voce né potere nel sistema politico. Gli israeliani palestinesi e gli israeliani ebrei raramente interagiscono e quasi mai si sposano tra loro poiché in Israele non esiste il matrimonio civile.

“Un arabo non è ancora al livello umano che vorrei per un uomo che sposa una donna ebrea” (Ben Gurion)

A parte alcune “città miste” come Haifa e Jaffa, (miste ma non condivise) israeliani palestinesi ed ebrei israeliani vivono separatamente. La Israel Land Authority (Autorità Fondiaria Israeliana) gestisce il 93% della terra per conto dello Stato israeliano. Questa terra è interdetta per gli insediamenti palestinesi.

“La politica israeliana su entrambi i lati della Linea Verde limita i palestinesi a densi centri abitati massimizzando al contempo la terra disponibile per le comunità ebraiche”. (Human Rights Watch)

I palestinesi costituiscono il 21% della popolazione, ma la stragrande maggioranza di loro vive in comunità / municipalità che occupano meno del 3% della terra.

“Le politiche fondiarie israeliane trattano le città all’interno dei propri confini in termini decisamente disuguali a seconda che i suoi abitanti siano israeliani o palestinesi. Dopo decenni di confisca delle terre dei palestinesi, Israele li confina in città affollate mentre consente alle città ebraiche vicine che li escludono di prosperare.

Decenni di confische di terre e politiche di pianificazione discriminatorie hanno confinato molti cittadini palestinesi in città e villaggi densamente popolati che hanno poco spazio per espandersi. Nel frattempo, il governo israeliano alimenta la crescita e l’espansione delle vicine comunità prevalentemente ebraiche, molte costruite sulle rovine di villaggi palestinesi distrutti nel 1948“. (Human Rights Watch)

Le leggi sulla zonizzazione impediscono ai palestinesi di costruire nelle proprie comunità. Le case costruite senza permesso vengono regolarmente demolite.

“Ci sono più di 50.000 case costruite senza permesso nelle comunità arabe e druse in Israele. Applicare la legge “alla cieca” significa cancellare interi quartieri e lasciare mezzo milione di persone senza un tetto sopra la testa”. (Ha’aretz 13 gennaio 2017)

Le costruzioni illegali nelle comunità ebraiche non vengono demolite.

Oltre 900 piccole città ebraiche hanno il diritto di decidere chi può viverci. Ciò significa che possono, e lo fanno, vietare ai non ebrei di vivere lì.

100.000 beduini (nominalmente cittadini israeliani) vivono in 46 villaggi non riconosciuti nel Negev. Ciò significa che non ricevono servizi municipali, né elettricità, acqua corrente, smaltimento dei rifiuti, cure mediche, istruzione o strade. I villaggi non riconosciuti sono costantemente oggetto di demolizione, i cui costi sono a carico dei beduini.

Nel 2018, dopo aver combattuto per 15 anni contro la demolizione e lo sgombero forzato, il villaggio di Umm al-Hiran è stato alla fine demolito e gli abitanti del villaggio sono stati sfollati per far posto a un insediamento per soli ebrei chiamato Hiran. Solo “un cittadino ebreo israeliano o residente permanente di Israele che osserva la Torah e i comandamenti secondo i valori ebraici ortodossi” sarà autorizzato a vivere lì.

Nell’ottobre 2020 il villaggio non riconosciuto di al-Araqib è stato demolito per la 179esima volta dal 2000. Gli abitanti del villaggio si rifiutano ancora di essere sradicati dalla loro terra.

“Ricostruiremo il nostro villaggio”, ha affermato il Comitato Locale per la Difesa di al-Araqib.

Non ci sono villaggi ebraici non riconosciuti.

 

Secondo Adalah, ci sono 65 leggi israeliane che discriminano direttamente o indirettamente i suoi cittadini palestinesi e limitano i loro diritti in tutti gli ambiti sociali. Le più eclatanti sono la legge sullo Stato-Nazione recentemente emanata che afferma che “il diritto di esercitare l’autodeterminazione nazionale è esclusivo del popolo ebraico”, che l’ebraico è la lingua ufficiale, declassando l’arabo e che “l’insediamento ebraico” è “un  valore nazionale la cui istituzione e sviluppo deve essere incoraggiata e promossa dallo stato”; e la Legge del Ritorno, approvata nel 1950, che conferisce a ogni ebreo nel mondo il diritto di vivere come cittadini a pieno titolo in Israele. I palestinesi cacciati nel 1948 e i loro discendenti non hanno tale diritto, nonostante la risoluzione 194 delle Nazioni Unite che afferma che “ai rifugiati che desiderano tornare alle loro case e vivere in pace con i loro vicini dovrebbe essere consentito di farlo il prima possibile”. Un palestinese israeliano che sposa un palestinese che vive in Cisgiordania non può portare il proprio coniuge a vivere con lui / lei.

Israele gestisce un sistema educativo segregato. Ci sono scuole ebraiche e scuole “arabe” (Israele non accetta la parola “palestinese”), separate e ineguali. Secondo i dati del governo, lo studente ebreo medio ha ricevuto dal 78 all’88% di finanziamenti in più rispetto allo studente arabo medio. Di conseguenza le scuole palestinesi sono sovraffollate e con risorse insufficienti, prive di strutture di apprendimento di base.

Il curriculum nazionale imposto a tutte le scuole è fortemente sbilanciato verso una narrativa sionista. Mira a sopprimere e cancellare la storia e la memoria palestinese. Vengono insegnati i simboli dello stato ebraico: la bandiera israeliana, la Menorah, l’inno nazionale israeliano “Hatikvah”, i cui testi escludono la Palestina. Le lezioni di geografia usano nomi biblici come Giudea e Samaria (invece di Cisgiordania) per affermare il diritto esclusivo degli ebrei di appartenere alla terra. “La politica educativa e il programma di studi israeliani sono concepiti per sostenere il progetto di costruzione della nazione ebraica. In quanto tali, mettono a tacere la narrativa araba palestinese mentre ridisegnano la storia regionale per studenti ebrei e arabi per adattarla alla narrativa sionista. Inoltre, la politica educativa israeliana ha svolto un ruolo essenziale nel relegare gli arabi palestinesi ai margini sociali, economici e politici della società“. (International Education Journal 2006)

La maggior parte dei bambini nelle scuole ebraiche non giocherà mai con un bambino palestinese, né è probabile che incontrerà un palestinese a parità di condizioni quando crescerà. Allora cosa imparano a scuola sull “altro arabo”?

Nel giugno 2018, il defunto giornalista israeliano, attivista per la pace Uri Avnery, scrisse un articolo sul successo della propaganda statale e dei media nell’indottrinamento dell’opinione pubblica israeliana. Lo paragonò alla macchina della propaganda nazista, solo che ora erano gli “arabi” a essere visti come “Untermenschen” (“Subumani”). Ci sono poche voci di dissenso, quindi la propaganda rimane praticamente incontrastata. Sarebbe certamente stato espulso dal Partito Laburista per averlo scritto.

L’indottrinamento inizia molto presto perché tutti i ragazzi e le ragazze israeliani presteranno servizio nell’IDF quando cresceranno e questo significa che potrebbero essere chiamati a umiliare, sparare, bombardare, torturare o terrorizzare un uomo, una donna o un bambino palestinese.

Nurith Peled-Elhanan, una professoressa di educazione dell’Università Ebraica, citata nel Guardian del 6 agosto 2011, spiega come gli “arabi” sono descritti nei libri scolastici israeliani: “L’arabo con un cammello vestito da Ali Baba. Li descrivono come vili, devianti e criminali, persone che non vogliono pagare le tasse, persone che vivono ai margini, che non vogliono evolversi. Non si vede mai un bambino, un medico, un insegnante, un ingegnere palestinese o un moderno contadino.”

“Nessuno dei libri contiene fotografie di esseri umani palestinesi e tutti li rappresentano in icone razziste o immagini classificatorie umilianti come terroristi, rifugiati e agricoltori primitivi”. (Palestina nei libri scolastici israeliani: ideologia e propaganda nell’educazione. Nurit Peled-Elhanan)

Gli eventi nella Nakba possono essere insegnati, ma solo nel contesto di giustificarli come necessari per stabilire uno stato ebraico. Ciò che non può essere giustificato non deve essere menzionato.

“Uccisero bambini fracassandogli la testa con dei bastoni. Non c’era una casa senza morti. Un comandante ordinò a un geniere di mettere due donne anziane in una casa e di farla saltare in aria con loro dentro. Il geniere rifiutò. Il comandante ordinò quindi ai suoi uomini di eseguirlo ed essi obbedirono. Una donna, con un neonato in braccio, fu impiegata per pulire il cortile dove mangiavano i soldati. Lavorò un giorno o due. Alla fine spararono a lei e al suo bambino.” (Rapporto sul massacro di Al Dawayima il 29 ottobre 1948 ricevuto dal quotidiano israeliano Al Ha-Mishmar. Non fu mai pubblicato.)

Secondo Ha’aretz, i documenti che descrivono le atrocità commesse dalle forze israeliane durante la Guerra d’Indipendenza sono stati e stanno per essere rimossi dagli archivi e depositati in un bunker. Alla domanda sul perché il ministero della Difesa lo stesse facendo, poiché molti dei documenti sono già stati pubblicati, Yehiel Horev, che ha promosso il progetto, ha sostenuto che rivelare questa storia potrebbe generare agitazione tra la popolazione araba del paese e che senza le copie dei documenti originali, le accuse delle atrocità non possono essere provate.

Uri Avnery ha fornito come esempio dell’indottrinamento dell’opinione pubblica israeliana il modo in cui i media e i politici hanno giustificato la risposta omicida di Israele alla Grande Marcia del Ritorno a Gaza. La menzogna è stata ripetuta più e più volte: migliaia di terroristi stanno assaltando la barriera di confine e stanno invadendo Israele, quindi dobbiamo sparare contro di loro. Nessuna prova è stata prodotta o era effettivamente necessaria poiché il 95% dell’opinione pubblica israeliana ha approvato l’uccisione e il ferimento di migliaia di manifestanti palestinesi disarmati, uomini donne, bambini, paramedici e giornalisti. Le ferite sono state devastanti perché i soldati hanno usato deliberatamente munizioni esplosive a frammentazione che producono danni fisici irreparabili.

“La natura di queste ferite mostra che i soldati israeliani stanno usando armi militari ad alta velocità progettate per causare il massimo danno ai manifestanti palestinesi che non rappresentano alcuna minaccia per i soldati. Questi tentativi apparentemente deliberati di uccidere e mutilare sono profondamente inquietanti, per non parlare della loro completa illegalità. Alcuni di questi casi sembrano equivalere a omicidio intenzionale, una grave violazione delle Convenzioni di Ginevra e crimini di guerra.” (Medici Senza Frontiere)

“Che goduria vedere le Forze di Difesa Israeliane bombardare edifici a Gaza con bambini e famiglie allo stesso tempo. Boom boom.” (Adolescente israeliano con oltre un migliaio di follower su Facebook.)

Ridurre i palestinesi a Untermenschen, Subumani, è intenzionale e calcolato. È anche necessario affinché Israele possa commettere crimini di guerra, in modo che i suoi cittadini possano radunarsi sui pendii delle colline e fare il tifo e ballare mentre il suo esercito, l’esercito più morale del mondo, bombarda Gaza riducendola in macerie e assassinando i suoi figli, in modo che i suoi soldati possano rapire e torturare bambini e studenti palestinesi, in modo che i suoi rabbini possano sollecitare il “metodo nazista” e chiedere l’eliminazione di uomini, donne, bambini palestinesi e decretare che un milione di arabi “non valgono un’unghia israeliana”, in modo che i suoi politici possano ridurre i palestinesi a scorpioni e piccoli serpenti, in modo che le folle di cittadini israeliani possano gridare “Morte agli arabi” e farlo sul serio, in modo che il 56% degli studenti delle scuole superiori creda che agli arabi dovrebbe essere impedito di diventare membri del parlamento, e il 48% degli israeliani voglia che gli arabi siano espulsi da Israele, e il 79% pensi che gli ebrei dovrebbero ricevere un trattamento preferenziale, e il 61% pensi che Israele sia stato dato da Dio al popolo ebraico.

Il razzismo verso i palestinesi la cui terra è stata rubata è una diretta conseguenza del progetto coloniale che è il sionismo. Dovranno essere cancellati o resi invisibili, “Una terra senza popolo per un popolo senza terra”, o disumanizzati. Senza di esso, le atrocità e le espulsioni di massa perpetrate dalle forze sioniste durante la Guerra d’Indipendenza non avrebbero potuto avere luogo.

Tra il 1948 e il 1966, i cittadini palestinesi di Israele vissero sotto il governo militare. Non c’erano finzioni, né negazioni. Erano ufficialmente degli Untermenschen, dei Subumani.

“Un governatore militare (ce n’erano tre, per il Negev, il Triangolo e il Nord) ha chiesto che le persone che frequentano un caffè del villaggio mostrassero il loro rispetto alzandosi in piedi quando è entrato minacciando chiunque disobbedisse; i soldati si divertivano intimidendo un cittadino arabo premendogli un’arma sulla spalla; e altri hanno impedito ai cittadini musulmani di pregare. In altri casi, i rappresentanti del governo militare hanno molestato gli agricoltori e distrutto le loro proprietà; le persone venivano umiliate regolarmente e affrontate in un linguaggio volgare; è stata usata violenza sui bambini; e il personale del governo militare ha minacciato i cittadini arabi se non avessero votato alle elezioni per i candidati favoriti dalle autorità.” (Riportato da Ha’aretz)

Perché i sionisti del Movimento Laburista Ebraico sono così ferventi sostenitori di uno stato del genere? Naturalmente, questi sono sionisti da poltrona che non si sognerebbero di andare a vivere in Israele.

“I soldi li diamo volentieri, Israele è la nostra stella polare. Non che vivremmo mai lì, preferiamo venerarla da lontano”

Capiscono che anche loro sono dei “rifiuti umani”, i “Mauschel” di Herzl e di Ben Gurion? Capiscono anche qual è il disegno sionista?”Se ogni ebreo nel mondo facesse Aliyah in Israele, forse sarebbe possibile dire che la “questione ebraica” è stata risolta”.  (Ehud Olmert parlando al 35° Congresso Sionista nel 2006)

L’obiettivo di negare la diaspora non è cambiato. Nell’ottobre 2020, Avraham Duvdevani, presidente dell’Organizzazione Sionista Mondiale, ha affermato, in un’intervista al Jerusalem Post, che potrebbe essere difficile convincere gli ebrei a lasciare la loro vita agiata nella diaspora, sradicarsi e trasferirsi in Israele. Tuttavia, “il sionismo  significa fare l’impossibile e stiamo lavorando con tutte le nostre forze e capacità”.

Ma cosa sanno i sionisti del Movimento Laburista Ebraico del sionismo? Cosa sa Starmer? Non molto, sospetto. Per quanto riguarda Israele, la sua storia e le sue politiche, sono ignoranti, illusi o in diniego. Le loro identità sono così legate all’etnocrazia militarizzata che è “Lo Stato ebraico” che le critiche ai suoi crimini li mandano nel panico e possono rispondere solo con accuse di “antisemitismo”. E queste accuse stanno diventando sempre più isteriche ora perché sanno di aver esaurito le giustificazioni e che Israele ha perso il controllo della narrazione.

Nonostante le ardenti speranze di Herzl e Ben Gurion, gli ebrei della diaspora non sono scomparsi. E se si fossero fusi in un’unica israelianità omogenea di lingua ebraica, non sarebbe stata una fine scioccante per migliaia di anni di storia ebraica e una tragica perdita per i paesi in cui gli ebrei hanno vissuto nel corso dei secoli e a cui hanno dato il loro contributo?

Immagine per post

 

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

Come ha detto quel carismatico predicatore ebraico….

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.