COME ISRAELE CONTRIBUI’ A SOSTENERE IL REGIME HUTU DEL RUANDA PRIMA DEL GENOCIDIO.

0

Israele si rifiuta di confessare i suoi legami con il sanguinario regime hutu che 25 anni fa compì il genocidio in Ruanda. Ma documenti del Ministero degli Esteri mostrano che Israele era a conoscenza dei massacri contro la minoranza tutsi negli anni ’60 e che chiuse gli occhi.

English version

Eitay Mack – 29 Aprile 2019

Foto di copertina: bambini ruandesi in un campo profughi a Goma, nella Repubblica Democratica del Congo, durante il Genocidio ruandese. (Dell’UNAMIR)

Il 6 aprile 1994, ore dopo che un missile terra-aria aveva abbattuto un aereo che trasportava i dittatori del Ruanda e del Burundi, il regime hutu al governo del Ruanda  iniziò a compiere un genocidio ben pianificato contro la minoranza Tutsi. In 100 giorni furono assassinati 800.000 Tutsi, come pure gli Hutu moderati che si opponevano alle uccisioni di massa. Questo massacro è considerato uno dei più grandi genocidi dalla seconda guerra mondiale. Negli ultimi mesi, i Ruandesi hanno  ricordato i 25 anni dal genocidio.

Nonostante le ripetute richieste, Israele ha sempre rifiutato di rivelare i suoi legami con il regime che ha compiuto il massacro, anche a fronte dei vari rapporti che affermano che il governo israeliano fornì sostegno militare al regime hutu durante la guerra civile ruandese che infuriò fino al 1994. Secondo tali rapporti,Israele continuò a inviare armi, inclusi cannoni, munizioni e granate,agli Hutu anche quando questi diedero il via al genocidio.

Nonostante il rifiuto di Israele di rivelare i suoi legami con il regime durante gli anni ’90, i documenti pubblicati rivelano che durante gli anni ’60 e ’70 Israele era ben consapevole della gravità della crisi in Ruanda, così come del pericolo di massacri nel Paese. Tuttavia, secondo quanto riferito, continuò a sostenere la dittatura.

Le radici coloniali del genocidio.

Le radici del genocidio ruandese risalgono al diciannovesimo secolo, ai tempi del dominio coloniale. Fino ad allora, non vi era alcuna rigida distinzione tra i gruppi etnici tutsi e hutu. I Tedeschi, che formalizzarono il loro dominio sul Ruanda nella Conferenza di Berlino del 1884, stabilirono il loro regime coloniale basandolo su di una monarchia feudale gestita da un’élite della minoranza tutsi, creando così una gerarchia razziale tra loro e gli Hutu.

I Belgi, che conquistarono il Ruanda durante la prima guerra mondiale, consolidarono quelle distinzioni razziali, tra cui la supremazia dei Tutsi e l’oppressione e lo sfruttamento della maggioranza hutu. A partire dal 1935, i Belgi iniziarono a costringere i Ruandesi a portare con sé carte d’identità nazionali che riportavano  la loro classificazione etnica, bloccando così la possibilità di “passare” da un gruppo all’altro.

Negli ultimi anni del loro dominio, i Belgi cambiarono posizione e iniziarono a sostenere gli Hutu, dopo che questi si rivoltarono contro il regime tutsi nel 1959. La gerarchia razziale si rovesciò e l’élite hutu iniziò a opprimere i Tutsi. Dopo che il Ruanda conquistò l’indipendenza nel 1962, con il sostegno del Belgio quella stessa élite hutu continuò con la sua politica di oppressione razziale.

Il neo-indipendente stato ruandese era guidato da Grégoire Kayibanda, un membro dell’élite hutu. Governò il paese con un pugno di ferro fino a che fu rovesciato da un colpo di stato militare nel 1973 e sostituito dal suo Ministro della Difesa, Juvénal Habyarimana. Habyarimana guidò il Paese fino al suo assassinio nell’incidente aereo del 1994.

Come il regime coloniale prima di loro, Kayibanda e Habyarimana mantennero una dittatura etnica, costringendo i cittadini ruandesi a portare le stesse carte d’identità. Quelle carte dettavano il destino di ogni cittadino, comprese le possibilità di essere accettati in un’università, di lavorare nel servizio civile o di aprire un’attività. I massacri e i pogrom contro i Tutsi continuarono sotto Kayibanda e Habyarimana.

Il Presidente Juvénal Habyarimana durante una visita alla Base Aerea Andrews nel Maryland. Il suo assassinio segnò l’inizio di quello che sarebbe diventato il genocidio ruandese.

Nel corso degli anni, centinaia di migliaia di Tutsi  fuggirono dal Paese. Nell’ottobre del 1990, il Fronte Patriottico Ruandese, guidato dai rifugiati tutsi, invase il paese dall’Uganda, segnando l’inizio della guerra civile. Vi è un’ampia documentazione di massacri contro i Tutsi in Ruanda durante la guerra civile, compresi gli squadroni della morte del regime hutu.

La situazione  raggiunse il culmine con l’abbattimento dell’aereo di Habyarimana nel 1994. Radio Télévision Libre Des Mille Collines trasmise continue chiamate per sterminare i Tutsi, anche leggendo nomi, indirizzi e targhe di automobili di Tutsi e di Hutu moderati.. Alcuni degli ordini per eseguire lo sterminio furono trasmessi  direttamente dalla stazione radio, tanto che gli assassini insieme alle armi spesso si portavano anche una radio a transistor. I Tutsi erano considerati “scarafaggi” che dovevano  essere sterminati.

E sebbene il genocidio fosse stato pianificato dalla dittatura, con le sue ben addestrate squadre della morte, fu anche perpetrato da cittadini medi: i mariti uccisero le mogli, le mogli uccisero i mariti, i vicini si uccisero a vicenda. La maggior parte delle uccisioni furono eseguite con il machete, oltre che con fucili e mitragliette.

Penetrare nei sistemi di sicurezza.

Uno sguardo ai file del Ministero della Difesa israeliano, che possono essere trovati negli Archivi Nazionali di recente aperti al pubblico, rivela che durante la dittatura di Kayibanda tra il 1963 e il 1973 Israele fu coinvolto nella costituzione delle forze di sicurezza ruandesi e che cercò di beneficiare politicamente delle divisioni etniche.

Le missive inviate dai rappresentanti israeliani in Ruanda dimostrano che sapevano benissimo delle attività del dittatore e dei militari. In una lettera  che Meir Yaffe inviò da Kigali il 18 giugno 1968,  si legge: “È possibile che sia ancora troppo presto per predire che il Ruanda stia marciando verso una dittatura militare, anche se recentemente ho sentito speculazioni da vari ambienti… Pertanto, è positivo che stiamo penetrando nel loro sistema di sicurezza (servizi di sicurezza, affari giovanili, una visita in Israele da parte di un gruppo di ufficiali, una visita del Ministro della Difesa in Israele, proposte di appalti), anche se non ci aspettiamo nulla in cambio”.

In una lettera inviata il 2 dicembre 1968, Yaffe chiede di ricevere un rapporto da un ufficiale ruandese che aveva guidato un tentativo di colpo di stato militare. Secondo la lettera, l’ufficiale aveva visitato Israele tre mesi prima con un gruppo di altri ufficiali ruandesi e aveva molto apprezzato ciò che vedeva. “Durante la loro breve visita, hanno imparato molto di più che durante i loro due mesi di formazione in Belgio”, scrive Yaffe.

In una lettera del 3 febbraio 1969, Yaffe descrive le celebrazioni del “Giorno della Democrazia” , che si era tenuto  solo pochi giorni prima. Il Presidente Kayibanda, scriveYaffe,ha pronunciato un discorso in francese destinato ai diplomatici stranieri, per poi tenere un discorso nella lingua locale che è durato cinque volte di più e che ha descritto le epurazioni compiute nel partito al governo.

Lou Kedar, che era a capo della Divisione Africa del Ministero degli Esteri israeliano, rispose con una lettera del 12 febbraio. “Non riesco a capire il pensiero del Presidente ruandese: maledice e insulta in modo molto pesante persone che erano deputati del suo Partito, mentre allo stesso tempo li consiglia di formarne uno loro. Penso che secondo lui il termine “democrazia” sia molto ampio.”

Haim Harari, un diplomatico israeliano a Kigali,  descrive in una missiva dall’11 agosto 1969 l’evento per l’inaugurazione della nuova sede del Partito al potere, che comprendeva marce di scolari e di attivisti del partito e dove “la maggior parte delle canzoni riguardava Kayibanda e il suo Partito, un vero culto della personalità”.In un’altra lettera dello stesso giorno, Harari scrive: ” Viviamo in una situazione molto strana qui in Ruanda, non esiste un solo quotidiano o settimanale, e  quando accade qualcosa, la radio locale trasmette in francese e ignora le notizie locali “.

In una missiva del 26 settembre 1969, Harari  spiega che poiché il 90% della popolazione era analfabeta, durante le precedenti elezioni gli elettori si  erano rivolti a un rappresentante del regime  presente ai seggi per chiedere assitenza, cosa che ovviamente aveva influenzato l’esito del voto. Per quanto riguardava le prossime elezioni, il Paese aveva deciso un metodo di voto diverso e “originale”, in base al quale il giorno prima delle elezioni ogni elettore avrebbe ricevuto una busta con i nomi dei candidati. L’elettore, ricevuta a casa la lettera, sarebbe stato aiutato da un familiare che sapeva leggere. Il giorno seguente sarebbe dovuto andare alla cabina elettorale con la busta sigillata,dopo avere indicato la sua scelta. In una lettera del 6 ottobre 1969, Harari aggiunge che Kayibanda aveva vinto un ulteriore mandato con il supporto del 99 percento degli elettori.

Nessuna di questi avvenimenti, tuttavia,  impedì a Israele di aiutare il regime a farsi propaganda. Il 10 gennaio 1969, Yaffe scrive di aver aiutato il regime a preparare un opuscolo di propaganda per incoraggiare il turismo in Ruanda e che  il Ministro degli Esteri ruandese gli chiedeva di stamparne  altre 10.000 copie.

Gli Israeliani sapevano.

In seguito a una serie di massacri, in quel periodo  centinaia di migliaia di Tutsi fuggirono dal Ruanda. Nel dicembre del 1963, in risposta agli attacchi della guerriglia dei rifugiati tutsi in Burundi, il regime ruandese uccise 10.000 cittadini tutsi nell’arco di quattro giorni. Il regime hutu usò la violenza della guerriglia per giustificare l’oppressione dei Tutsi che erano rimasti in Ruanda (circa il 10% della popolazione), per etichettarli come invasori stranieri indegni dei diritti umani e civili e  quindi passabili di stupri, torture e uccisioni.

I rappresentanti israeliani erano a conoscenza della persecuzione, dell’espulsione e dello sterminio dei Tutsi. L’8 maggio 1962, Hanan Bar On, un consigliere dell’ambasciata israeliana a Washington DC, scrive una lettera in cui afferma che la situazione in Ruanda preoccupava il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti forse più di ogni altro problema in Africa. La partenza del Belgio, scrive, non ha lasciato “alcuna  possibilità per le Nazioni Unite di mantenere la pace in Ruanda-Burundi e non c’è nessuno in grado di riempirne il vuoto, tanto che si potrebbe arrivare a una guerra civile.”

Un convoglio di veicoli militari americani porta acqua fresca da Goma, in Congo, ai rifugiati ruandesi nel campo profughi di Kimbumba, nello Zaire, nell’agosto del 1994.

In una lettera del 10 luglio 1962, l’ambasciatore israeliano presso l’ONU, Michael Comay, aveva elogiato la decisione dell’ONU di inviare una delegazione in Ruanda e Burundi per sovrintendere  le forze belghe e addestrare i poliziotti locali. “Tutti sapevano che senza di loro, con l’indipendenza,  ci sarebbe stato un serio pericolo di guerra tribale e di spargimento di sangue,  soprattutto in Ruanda”.

In una lettera del 29 novembre 1968, Harari descrive i contatti tra le forze di sicurezza israeliane  e quelle della dittatura ruandese in Burundi, avvenuti con lo scopo di collaborare contro i gruppi di guerriglieri rifugiati tutsi. “I Tutsi sono stati sterminati dagli Hutu, che governano il Ruanda”, scrive Harari in una lettera datata 25 agosto 1969. Un mese dopo, il 29 settembre, Harari scrive che unità dell’esercito ruandese erano di stanza al confine con il Congo, con il Burundi e con l’Uganda “per paura di un’invasione dei rifugiati Tutsi, conosciuti in Kinyarwanda (la lingua locale) come ” Inyenzi ” o “scarafaggi”.

In un report preparato l’8 ottobre 1971, Harari scrive che “il regime del Ruanda è uno dei regimi più stabili del continente africano a causa dell’unità della lingua e della mancanza di dispute tribali, a parte quella con la tribù dei Tutsi, sconfitta dalla maggioritaria tribù degli Hutu, che costituisce il 90% della popolazione … Con l’eliminazione del regime dei Tutsi in Ruanda nel 1959 e la loro fuga nei Paesi vicini, a tutt’oggi questa componente non ha mai smesso di preoccupare i governanti ruandesi. La considerano come una potenziale minaccia per il loro regime e ciò deve essere considerato al fine di valutare correttamente la politica del Ruanda verso i suoi vicini “.

Una guerra congiunta contro i rifugiati.

Invece di preoccuparsi del destino dei rifugiati Tutsi fuggiti dal loro Paese, i leader israeliani ritennero opportuno sfruttare la paura ruandese dei rifugiati per spingere il governo di Kigali a sostenere Israele nei forum internazionali sulla questione dei profughi palestinesi. “Il Ruanda non ha alcun motivo logico per non sostenere la nostra posizione”, scrive Aryeh Levin, un diplomatico israeliano a Kigali, il 21 febbraio 1966. “Comprendono il problema dei profughi poiché decine di migliaia di Tutsi sono presenti oltre il confine ed è ben noto che sono sostenuti dagli Arabi (ci sono uffici tutsi al Cairo, ad Algeri e Rabat). Negli ultimi mesi il Ruanda è stato nuovamente minacciato dall’invasione dei rifugiati tutsi, alcuni dei quali hanno preso parte alle ribellioni in Congo “.

L’8 giugno 1966, l’ambasciatore israeliano in Ruanda riporta una conversazione che aveva avuto con il ministro degli Esteri del Ruanda. Per affrontare il problema dei guerriglieri tutsi, l’ambasciatore suggerisce un corso di intelligence che il Mossad “sarebbe interessato a offrire ai Ruandesi”.

In una lettera del 9 ottobre 1966, Levin riporta una conversazione con un diplomatico ruandese all’ONU in vista delle audizioni all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. “Gli ho ricordato che nell’ultimo anno siamo rimasti delusi dal Ruanda e che speriamo che questa volta siano in grado di dimostrare comprensione e amicizia. Le posizioni fondamentali del Ruanda e di Israele sono molto simili, specialmente per quanto riguarda il problema dei rifugiati. Problemi come, tra gli altri,  l’OLP, e l’istituzione della Custodian of Absentee Property dovrebbero essere compresi dal Ruanda forse più che da altri Paesi “.

Secondo Levin, un rappresentante del Ruanda all’ONU rispose che “il Ruanda non sarà sempre in grado di seguirvi sul filo del rasoio: i nostri problemi sono estremamente complicati e chiediamo ai nostri amici di capire le sfumature della nostra argomentazione, cosa che non è sempre possibile. Oltretutto fedeli alleati di Israele come gli Stati Uniti, la Francia e l’Italia, così come la maggior parte degli Africani, ci hanno abbandonato”.In risposta, Levin gli disse che “Molti Paesi africani con una minore comprensione, rispetto al Ruanda,  del problema dei rifugiati, votano per noi. ”

In una lettera del 21 ottobre 1966, Levin afferma di aver incontrato Kayibanda, a cui aveva spiegato la posizione di Israele nei confronti della questione dei profughi e gli aveva detto: “Ci aspettiamo comprensione e cooperazione da parte dei nostri amici, specialmente da coloro ai quali questa questione non è estranea.” Kayibanda espresse il suo sostegno alla posizione di Israele sulla questione dei rifugiati e aggiunse che il sostegno internazionale ai rifugiati doveva essere contrastato, poiché era un’apertura a un intervento nei loro affari interni. Kayibanda  chiese a Levin di inviare una lettera al Ministero degli Esteri del Ruanda dettagliando le richieste di Israele rispetto alle varie votazioni e promettendo che avrebbero cercato di di agire secondo tali richieste.

Nonostante Israele avesse usato la paura del governo ruandese verso i rifugiati tutsi per ottenere sostegno nella sua posizione contro i Palestinesi, i rappresentanti israeliani sapevano che i rifugiati Tutsi non costituivano una vera minaccia al regime di Kayibanda. “I Ruandesi sanno che attualmente  in Uganda vivono più di mezzo milione di Ruandesi, tra cui 150.000 rifugiati tutsi, in attesa dell’opportunità di tornare in patria per liberarsi del regime hutu, guidato dal Presidente Kayibanda”, scrive Harari  il 5 luglio del 1971. “È francamente difficile credere che un tale passo possa essere portato a termine, ma i Ruandesi, che sono già naturalmente sospettosi e temono i Tutsi che vivono tra di loro, in quanto visti come una quinta colonna, sono preoccupati del pericolo che  potrebbe arrivare dal Nord. ”

La formazione del Mossad e le basi Nahal.

Le lettere mostrano che la dittatura ruandese sperava che Israele l’avrebbe aiutata nelle sue relazioni con i vicini,Congo e Uganda, poiché lo Stato ebraico forniva sostegno militare a quei regimi. Secondo una missiva di Yaffe del 15 novembre 1968, il direttore del Ministero degli Esteri del Ruanda aveva chiesto aiuto nei confronti del regime di Mobutu in Congo, considerando che  “Israele ha ottimi rapporti con Kinshasa e che forniamo al Congo risorse tecniche e assistenza alla sicurezza,  oltre al fatto che notoriamente Mobutu sostiene Israele “.

Il Ruanda chiese anche il sostegno di Israele per agire come mediatore con il Presidente ugandese Idi Amin dopo che questi aveva chiuso il confine con il Ruanda. A quel tempo Israele forniva ad Amin sostegno militare e, secondo i documenti del settembre 1971, il Ruanda e il Belgio sospettavano che gli esperti israeliani aiutassero le forze armate ugandesi nelle loro ostilità contro il Ruanda. In seguito alla richiesta del Ruanda, sia il capo della Divisione Africa del Ministero degli Esteri israeliano che un rappresentante del Mossad discussero la questione con Amin, cercando di convincerlo ad aprire il confine. Gli sforzi portarono frutto e nell’ottobre 1971 Israele riuscì a convincere Amin a ristabilire i legami con il Ruanda.

Ma i legami non erano solo politici. Una lettera inviata dall’ambasciatore israeliano in Uganda l’11 agosto 1967 afferma che il ministro della Difesa ruandese Juvénal Habyarimana,che sarebbe diventato il capo del Paese fino al suo assassinio nell’attacco aereo,aveva inviato una richiesta ufficiale di assistenza alla sicurezza israeliana.

L’ambasciatore scrive che “per esaminare questo problema in particolare, il Col. Bar-Saber si è recato in Ruanda e  si è incontrato con il Ministro della Difesa. Per riassumere, vorrei sottolineare due questioni che sembrano degne di essere menzionate: la prima riguarda la richiesta del Ministro della Difesa di mandargli un consulente per l’istituzione di un servizio di sicurezza che sia in grado di istituire corsi di base ; il secondo è relativo al Nahal (Fighting Pioneer Youth, un programma paramilitare dell’IDF che combina il servizio militare con la creazione di insediamenti agricoli in tutto Israele – EM)”. I documenti dimostrano che Israele adempì ai suoi obblighi, aiutando nella creazione di un nuovo servizio di sicurezza così come nella creazione di un movimento giovanile stile Nahal.

Nel febbraio 1968 l’ambasciatore israeliano in Uganda scrive della sua conversazione con il Ministro degli Esteri del Ruanda a Kigali. I due concordarono che quello stesso anno il Mossad avrebbe fornito un corso sulla sicurezza. “All’inizio di maggio, due agenti del Mossad arriveranno per tenere un corso sulla sicurezza di base per i membri della sicurezza, tra cui il capo del servizio di intelligence, che durerà  due-tre mesi”, scrive Yaffe nell’aprile di quell’anno. “Il Ministro della Difesa e il capo dei servizi di sicurezza hanno ripetutamente affermato che sarebbero stati felici se il Mossad avesse lasciato un consigliere per un periodo di un anno o due. Naturalmente, personalmente consiglierei con tutto il cuore di farlo, poiché questa posizione ci consentirebbe di penetrare e di influenzare il centro nevralgico dello Stato. Spero che il Ministro della Difesa ruandese, così come la delegazione degli ufficiali ruandesi in visita in Israele, rafforzeranno la loro volontà di cooperare con Israele “.

Secondo una lettera inviata dall’ambasciatore israeliano in Uganda il 24 luglio 1968: “Il Mossad ha terminato un corso di base in Ruanda, e i servizi di intelligence si stanno organizzando in base a ciò che hanno appreso dai due Israeliani che erano con loro. So dagli istruttori e da Meir Yaffe che i Ruandesi chiederanno un consulente permanente per i loro servizi di sicurezza. È improbabile che qualcuno nel Mossad sia disponibile per questa posizione, ma considerando le circostanze e le pressioni, potrebbero  soddisfare tale richiesta anche per un periodo di soli sei mesi”. Secondo un’altra missiva dell’ambasciatore datata 5 agosto 1968 “Il capo dei servizi di sicurezza ruandesi mi ha sinceramente ringraziato per gli aiuti forniti a lui e al suo Paese dai due istruttori che, secondo lui, hanno fatto un ottimo lavoro”.

Nel dicembre di quell’anno, Yaffe riferisce sui continui contatti con il Ministro della Difesa Habyarimana. “In una conversazione avuta con lui il 12 dicembre 1968, il Ministro della Difesa ha detto che a causa del cambiamento del capo dei servizi di intelligence, aveva chiesto di aspettare due o tre mesi prima di iniziare a implementare il piano del servizio, così come era stato proposto da due dei nostri uomini (Yehuda Gil e Meir Ben-Ami). Si è detto interessato a far venire ancora una volta in Ruanda il signor Binyamin Rotem… al fine di stabilire legami con il nuovo capo dei  servizi e per discutere il piano proposto. Ho acconsentito alla sua richiesta. ”

L’amore per il dittatore.

Il piano Nahal partì senza intoppi. Il 9 giugno 1971, Harari riferisce come il Ministero della Difesa israeliano avesse inviato alcuni ufficiali dell’IDF per costituire un movimento giovanile in stile Nahal in vari campi disseminati in tutto il Paese. Un anno prima, il 6 agosto 1970, aveva scritto che Israele aveva presentato rapporti al Ministro della Difesa ruandese sui progressi del progetto Nahal, nonostante il fatto che nel settembre 1968, in una lettera al Maj. Menachem Baram, Harari avesse scritto che l’attività di addestramento di Nahal si era spostata sospettosamente dalle aree di confine a un campo militare vicino alla capitale Kigali.

Ma ben presto non si trattò soltanto di addestrare ufficiali dell’esercito ruandese in Israele, inviare il Mossad per la formazione dei servizi di sicurezza e costruire un movimento Nahal in Ruanda. Il 14 giugno 1968, il direttore della Divisione Africana del Ministero degli Esteri israeliano, Hanan Bar-On, scrisse che il regime hutu aveva chiesto di acquistare mortai e munizioni da Israele, nonché di portare istruttori israeliani di artiglieria in Ruanda.

Sembrava che gli sforzi di Israele nel Paese avessero avuto successo e, secondo una lettera di Harari del 1 ° settembre 1969, Kayibanda mostrò “simpatia e ammirazione per Israele”.

“La posizione del Ruanda su Israele continua ad essere favorevole “, Harari scrive in una lettera un anno dopo, “e probabilmente sosterrà la nostra politica sulla questione arabo-israeliana e sulla questione dei profughi”. Il 10 agosto 1971 Harari scrive  di aver proposto al Ministro degli Esteri ruandese di aprire un’ambasciata a Gerusalemme,cosa mai avvenuta prima.

In una panoramica preparata l’8 ottobre 1971, un anno e mezzo prima del colpo di stato militare che rovesciò Kayibanda, Harari giustamente pronosticò che l’unica persona che poteva sostituire il dittatore era il suo Ministro della Difesa, Habyarimana. I documenti appena resi pubblici, tuttavia, non forniscono alcuna risposta sulla questione dei legami di Israele con il regime di Habyarimana fino al genocidio. Questi documenti devono ancora essere desecretati

Qual è stato il ruolo di Israele nel genocidio?

Un memoriale per le vittime del genocidio ruandese a Nyamata, in Ruanda. (Fanny Schertzer / CC BY-SA 3.0)

Negli ultimi anni in Israele c’è stata una serie di procedimenti legali che, insieme al prof. Yair Oron, ricercatore sul genocidio, chiedevano di rendere pubblici i documenti del Ministero della Difesa sulle esportazioni militari al regime hutu negli anni ’90. Questi stessi procedimenti hanno cercato di chiamare in giudizio gli Israeliani come complici di genocidio e di crimini contro l’umanità.

In risposta, il procuratore generale Shai Nitzan ha dichiarato che il direttore generale del Ministero della Difesa, David Ivri, aveva ordinato il congelamento dell’attività di sicurezza israeliana in Ruanda il 12 aprile 1994, sei giorni dopo l’inizio dello sterminio dei Tutsi, sostenendo che solo allora egli aveva ricevuto informazioni sullo scoppio della guerra civile. Nitzan ha affermato che il materiale presentato dal Ministero della Difesa indicava che prima di quella data nessun funzionario israeliano fosse a conoscenza della violenza omicida che si stava perpetrando contro i Tutsi .

I documenti pubblicati qui per la prima volta in merito agli anni ’60 e ai primi anni ’70 confermano che Israele e i suoi rappresentanti hanno saputo per decenni del carattere omicida, razzista e corrotto del regime hutu in Ruanda. Apparentemente, questo non li interessava. Forse avevano interessi più importanti a cui tendere, come ad esempio ottenere voti nei forum internazionali.

Anche se la Corte Suprema ha vietato la pubblicazione dei documenti risalenti al periodo del genocidio in Ruanda (sulla base del fatto che ciò danneggerebbe la sicurezza e le relazioni estere di Israele), non c’è dubbio che negli ultimi anni la consapevolezza pubblica del vergognoso coinvolgimento di Israele in Ruanda è aumentata considerevolmente. I dettagli completi di tale coinvolgimento sono ancora sconosciuti, dal momento che alcuni documenti del Ministero degli Esteri,così come tutti i documenti relativi al Ministero della Difesa, all’IDF, al Mossad e allo Shin Bet , sono ancora nascosti al pubblico. Non c’è dubbio, tuttavia, che il coinvolgimento ci sia stato.

Il Presidente della Francia Emmanuel Macron ha recentemente ordinato la nomina di un team di esperti e di storici per esaminare il coinvolgimento del suo Paese negli eventi ruandesi. Venticinque anni dopo il genocidio, è tempo di istituire una simile commissione d’inchiesta anche in Israele.

 

Eitay Mack è un avvocato israeliano per i diritti umani che lavora per fermare gli aiuti militari israeliani a regimi che commettono crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in Ebraico su Local Call.

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” – Invictapalestina.org

 

 

Come Israele contribuì a sostenere il regime hutu del Ruanda prima del genocidio.

Come Israele contribuì a sostenere il regime hutu del Ruanda prima del genocidio.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.