Come Israele ha vessato gli arabi nei suoi primi decenni e come ha cercato di nasconderlo

0
154

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/41394

11/01/2021

“Una persona che viola il coprifuoco non deve essere uccisa, ma può essere schiaffeggiata e colpita con un fucile”: documenti appena declassificati rivelano i modi in cui il governo militare rese amara la vita degli arabi israeliani

Fonte:English Version

Adam Raz – 8 gennaio 2021

Immagine di copertina: Poliziotti militari ispezionano un sacco di cipolle nel 1952. Credit: Beno Rothenberg / National Library

Le origini della brutalità documentata in tutta la sua crudezza la scorsa settimana – un soldato israeliano che spara a un palestinese disarmato che stava cercando di proteggere il generatore elettrico di cui, in mezzo all’estrema povertà delle colline meridionali di Hebron, aveva vitale bisogno – risalgono a diversi decenni fa, al periodo del vero e proprio governo militare di Israele. Testimonianze di documenti recentemente declassificati, insieme a documenti storici presenti negli archivi, fanno luce sulla feroce violenza che Israele  impose dal 1948 al 1966 allo “stato nello stato”, ovvero vaste aree del paese in cui vivevano cittadini arabi

Per più di 18 anni, circa l’85 per cento dei cittadini palestinesi del paese fu soggetto a un regime oppressivo. Tra le altre restrizioni, qualsiasi movimento al di fuori dei propri villaggi doveva essere autorizzato, le loro comunità erano soggette a coprifuoco permanente, era loro vietato trasferirsi senza l’approvazione formale, la maggior parte delle organizzazioni politiche e civili era vietata e intere regioni in cui avevano vissuto prima del 1948 erano a loro interdette. Sebbene questa parte del passato sia stata in gran parte rimossa dalla maggior parte della popolazione ebraica di Israele, costituisce parte integrante dell’identità e della memoria collettiva dei cittadini arabi del paese. Quei ricordi includono, oltre al regime delle autorizzazioni, gli abusi quotidiani e la presenza di una rete di informatori e collaboratori.

In pratica, per coloro che erano soggetti al governo militare, la democrazia israeliana era sostanzialmente diversa da quella  riservata agli ebrei. Yehoshua Palmon, consigliere per gli affari arabi del primo ministro David Ben-Gurion, scrisse al quartier generale del governo militare – in una lettera dell’ottobre 1950 estratta dagli archivi di Stato – che erano stati ricevuti rapporti secondo i quali il personale del governo militare nel Triangolo ( una concentrazione di comunità arabe adiacenti alla Linea Verde, nel centro del paese) stavano esercitando “pressioni illegali durante gli interrogatori dei residenti, come l’uso di cani, minacce e simili”.

Un anno dopo, Baruch Yekutieli, vice di Palmon, spiegava al segretario di gabinetto che la situazione nelle aree arabe a volte richiedeva “una mano forte da parte delle autorità”. Sebbene non fosse entrato nei dettagli di quella politica, le testimonianze rese pubbliche ne descrivono l’attuazione e tutte riflettono una realtà di umiliazioni e sottomissione.

Così, si è saputo che rappresentanti del governo militare minacciavano i cittadini in modo da impedire loro di denunciare le azioni intraprese contro di loro; un governatore militare (erano tre: per il Negev, il Triangolo e il Nord) chiese alle persone che frequentavano il caffè di un villaggio di mostrare il loro rispetto alzandosi in piedi quando entrava, minacciando chiunque disubbidisse; i soldati si divertivano ad intimidire un cittadino arabo piegandosi verso di lui e mettendogli un’arma da fuoco sulla spalla; altri impedivano ai cittadini musulmani di pregare. In altri casi, i rappresentanti del governo militare vessavano  gli agricoltori e distruggevano le loro proprietà; le persone venivano umiliate regolarmente e ci si rivolgeva a loro in un linguaggio volgare; la violenza veniva perpetrata anche sui bambini e il personale del governo militare minacciava i cittadini arabi se alle elezioni non avessero votato per i candidati favoriti dalle autorità.

Nella sua testimonianza recentemente resa pubblica su richiesta dell’Akevot Institute for Israeli-Palestinian Conflict Research, il governatore militare del sud, Yehoshua Verbin, che nel 1956 diede inizio a un comitato governativo, sostenne che “il governo militare è troppo liberale e gentile. Non parliamo affatto di crudeltà, perché è una calunnia per la quale non c’è alcun fondamento“.

Tuttavia, le osservazioni del governatore del Triangolo, Zalman Mart, nella sua testimonianza del 1957 in un processo relativo al massacro di Kafr Qasem avvenuto l’anno precedente – quando la polizia di frontiera sparò e uccise 49 palestinesi che non erano a conoscenza del coprifuoco che era stato imposto – confutano le affermazioni di Verbin. Secondo Mart, non c’era l’obbligo di uccidere una persona che aveva violato il coprifuoco, ma c’era una sorta di protocollo per la punizione: “Puoi schiaffeggiarlo, colpirlo con un fucile alla gamba, puoi urlargli contro”.

Un insieme di lunghe testimonianze del personale della Polizia di frontiera, che agiva come forza di polizia nei villaggi arabi, offre un quadro della vita quotidiana all’ombra del governo militare. La schietta franchezza degli ufficiali nella loro testimonianza al processo Kafr Qasem è straziante. “Ha la sensazione che gli arabi  siano i nemici dello Stato di Israele?”  veniva chiesto a un ufficiale, il quale rispose semplicemente: “Sì”. A un agente di polizia fu chiesto: “Ucciderebbe qualcuno? Anche una donna, un bambino?” “Sì”, questi rispose. Un altro poliziotto testimoniò che se gli fosse stato ordinato di farlo, avrebbe aperto il fuoco contro un autobus pieno di donne arabe. E un altro spiegò: “Mi è sempre stato detto che ogni arabo è un nemico dello stato e una quinta colonna”.

Gli ufficiali  mostrarono poco senso di pietà quando fu chiesto loro di sparare a persone indifese, la maggior parte affermò che lo avrebbe fatto se necessario. Uno di loro dichiarò che se si fosse imbattuto in un bambino che aveva “violato” il coprifuoco – “Potrebbe sembrare crudele, ma gli sparerei. Sarei obbligato a farlo.”

Uomini interrogati da un ufficiale dell’esercito israeliano, 1952 Credito: Beno Rothenberg / Biblioteca nazionale

Alcune delle denunce avanzate dai sudditi del governo militare  furono presentate in forma anonima. Un rapporto dell’Associazione ebraico-araba per la pace, inviato nel 1958 a un comitato ministeriale, si apriva spiegando le ragioni delle accuse anonime: “In casi precedenti l’apparato del governo militare utilizzava minacce e pressioni contro le persone [intendendo i cittadini palestinesi di Israele] che ha dato testimonianza contro di essa.” L’associazione aveva compilato un gran numero di resoconti e aveva aggiunto a ciascuno il nome del denunciante, chiedendo che “gli onorevoli ministri assicurino che non ci sia tale pressione e che le persone non siano costrette a soffrire a causa della loro testimonianza”.

Diverse testimonianze del villaggio di Jish (Gush Halav) risalenti al 1950, conservate nell’archivio Yad Yaari, fanno luce su ciò che il governo militare ha cercato di nascondere. Un residente locale, Nama Antanas, ha raccontato di come i soldati fossero entrati nella sua casa nel cuore della notte e lo avessero portato a un interrogatorio. Antanas era accusato di aver acquistato un paio di scarpe di contrabbando. Gli interrogatori gli dissero che se non aveva intenzione di parlare, avrebbero fatto in modo che lo facesse. Secondo la sua testimonianza, “In mezzo a questo, mi fu ordinato di togliermi le scarpe e di togliermi il copricapo. Quando lo feci, fui costretto a sedermi sul pavimento e le mie gambe furono sollevate e poste su una sedia. In quel momento, due soldati mi si avvicinarono e  iniziarono a picchiarmi sulla pianta dei piedi con un bastone di legno ricavato dal ramo grezzo di un albero di datteri“. In seguito, fu buttato fuori, incapace di camminare.

 Per coloro che erano soggetti al governo militare, la democrazia israeliana era sostanzialmente diversa da quella degli ebrei.

Un’altra persona, identificata come al-Tafi, riferì che le forze di sicurezza  fecero irruzione in casa sua e lo picchiarono senza pietà. Un funzionario del governo militare gli  disse che lo avrebbero giustiziato e gli ordinò di salire su un’auto, mentre sua moglie era in piedi, sconvolta. Dopo un breve viaggio l’auto si fermò sul ciglio della strada e una pistola fu premuta contro la testa di Al-Tafi. Quindi fu preso a pugni di nuovo e gettato in un recinto per animali, dove, disse, languì per due settimane.

Hana Yakub Jerassi  fu sottoposto a un trattamento simile, dopo che il governatore militare  gli disse che era “spazzatura”. Venne picchiato sulle mani fino a farle sanguinare. “In seguito fui portato fuori e uno dei miei amici fu portato dentro, e lo trattarono allo stesso modo. Poi fu introdotto un terzo e gli fecero lo stesso“.

Per molti quella era la routine.

Le diverse serie di testimonianze che abbiamo scoperto ci costringono a dubitare delle parole di Mishael Shaham, comandante del governo militare tra il 1955 e il 1960. Nel 1956 disse a un comitato governativo che stava discutendo del futuro di quell’organismo che “non era serio e (addirittura) che costituisce un elemento per l’educazione alla buona cittadinanza“.

Ciò che è chiaro è che lo stato ha adottato misure per nascondere al pubblico le informazioni su ciò che è accaduto nell’ambito del governo militare. Nel febbraio 1951, l’allora capo di stato maggiore delle forze di difesa israeliane Yigael Yadin si infuriò per la pubblicazione di un rapporto sull’espulsione di 13 abitanti arabi dai loro villaggi. Secondo Yadin, “Rapporti di questo tipo possono essere dannosi per la sicurezza dello Stato, quindi è necessario trovare un modo per consentire alla censura di ritardarne la pubblicazione”. Il poeta Natan Alterman sapeva di cosa stava parlando quando un anno dopo scrisse “Whisper a Secret”, una poesia che criticava il duro regime di censura.

L’apparato di governo militare è stato smantellato anni fa, ma il suo spirito vive in Israele e al di fuori di esso – nei territori occupati. Allora questo apparato supervisionava e governava i cittadini palestinesi del paese all’interno della Linea Verde, mentre ora le azioni di polizia sono condotte da soldati contro una popolazione civile oltre la Linea Verde. E c’è un’altra somiglianza. Oggi come allora, la maggioranza dell’opinione pubblica israeliana convive con i torti perpetrati e tace.

Adam Raz è un ricercatore presso l’Akevot Institute for Israeli-Palestinian Conflict Research. Questo articolo è basato sul libro “Military Rule, 1948-1966: A Collection of Documents”, pubblicato questo mese da Akevot.

 

Trad: Grazia Parolari “Tutti gli esseri senzienti sono moralmente uguali” – Invictapalestina.org

 

Come Israele ha vessato gli arabi nei suoi primi decenni e come ha cercato di nasconderlo

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.