Come la Palestina unisce gli arabi ai mondiali

302

Articolo pubblicato originariamente su Arab News e tradotto dall’inglese da Beniamino Rocchetto

Di Ramzy Baroud*

Abbiamo sbagliato a pensare che la Palestina rappresenti la questione centrale per tutti gli arabi. Tale linguaggio suggerisce che la Palestina è un soggetto esterno, da paragonare ad altre lotte collettive che consumano la maggior parte degli arabi ovunque. Tuttavia, la continua celebrazione della Palestina e della bandiera palestinese alla Coppa del Mondo del Qatar da parte di migliaia di tifosi arabi ci costringe a ripensare alle nostre precedenti ipotesi sul rapporto del popolo arabo con la Palestina.

Il punto di partenza della mia argomentazione è Roma, Italia, non Doha, Qatar. Nell’agosto 2021 ho assistito a un’amichevole di calcio tra il Raja Casablanca del Marocco e la squadra italiana dell’AS Roma. Migliaia di tifosi marocchini hanno accompagnato la loro squadra. Anche se meno numerosi, i loro abiti abbinati, inni, canti e balli sugli spalti li hanno resi più visibili dei tifosi italiani.

Sebbene l’ambiente del gioco avesse poco o nessun contesto politico, i marocchini cantavano per la Palestina e indossavano kefiah drappeggiate con i colori della bandiera palestinese. È stato un gesto toccante, tipico dei tifosi arabi alle partite di calcio. Quando i tifosi hanno iniziato a lasciare lo stadio, mi sono reso conto che la cultura dei tifosi del Raja Casablanca era modellata interamente sulla Palestina. Il loro slogan principale è “Rajawi Filistini” (Rajawi Palestinesi), le parole ricamate sulle loro maglie.

Considerando l’assenza di contesto politico in quella partita, chiaramente i marocchini hanno interiorizzato il loro sostegno alla Palestina al punto da farne parte integrante della loro realtà quotidiana. Quando ho chiesto a un gruppo di loro perché abbracciano simboli e canti palestinesi, la domanda li ha lasciati perplessi. “La Palestina è nel nostro sangue. L’amore per la Palestina scorre nelle nostre vene”, ha risposto un uomo più anziano, sopraffatto dall’emozione.

Negli ultimi anni sono stati condotti numerosi studi per valutare l’opinione pubblica araba sull’importanza della Palestina, in particolare il sondaggio dell’Indice delle Opinioni Arabe condotto dal Centro Arabo di Statistica e Studi Politici nel 2020. Questo sondaggio ha rilevato che l’85% degli intervistati si è opposto alla normalizzazione con Israele. In effetti, il popolo arabo rimane chiaro sulla propria fedeltà alla lotta palestinese per la libertà.

La Coppa del Mondo del Qatar, tuttavia, solleva nuove domande, non sulla centralità della Palestina per la coscienza politica araba, ma se le rappresentazioni della Palestina siano semplicemente politiche e se la Palestina sia solo un’altra “questione” da sovrapporre ad altre urgenti cause arabe.

Persino gli israeliani, con le loro tanto decantate agenzie di sicurezza e la presunta buona conoscenza dello stato d’animo della cosiddetta via araba, sembravano confusi e persino arrabbiati mentre si precipitavano in Qatar per riportare sulla Coppa del Mondo. Hanno anche cercato di utilizzare l’evento sportivo internazionale come un modo per tradurre il riconoscimento diplomatico e le normalizzazioni politiche in accettazione popolare.

Tuttavia, due giornalisti israeliani, Raz Shechnik e Oz Mualem, sono tornati in Israele delusi. Non riuscendo a collegare la relazione tra l’Apartheid israeliano e l’occupazione militare in Palestina, i giornalisti di Yedioth Ahronoth sono giunti a questa conveniente conclusione: “Nonostante crediamo, da liberali di mentalità aperta, che il conflitto con il mondo arabo sia tra i governi e non tra le persone, il Qatar ci ha insegnato che l’odio esiste prima di tutto nella mente delle persone comuni”.

Non solo i “liberali di mentalità aperta” mancavano di qualsiasi senso di autoconsapevolezza, ma, come la maggior parte degli israeliani, avevano completamente liquidato il popolo arabo come politicamente capace di pensare e comportarsi secondo le proprie priorità collettive. Inoltre, hanno anche confuso la giustificabile rabbia degli arabi per le terribili ingiustizie inflitte dagli israeliani ai palestinesi per “odio” ingiustificato, che sembra semplicemente riflettere la presunta natura odiosa degli arabi.

Se i due giornalisti riflettessero sui propri articoli con una vera mentalità aperta, non presunta, avrebbero trovato qualche indizio. “Ogni volta che riportiamo, siamo sempre seguiti da palestinesi, iraniani, qatarini, marocchini, giordani, siriani, egiziani e libanesi, tutti ci lanciano sguardi pieni di odio”, hanno scritto.

Considerando le profonde divisioni politiche che attualmente esistono tra le nazioni arabe, ci si chiede perché persone comuni provenienti da nazioni arabe e mediorientali molto diverse siano unite nell'”odiare” Israele e nell’amare la Palestina. La risposta non sta nella parola “antisemitismo”, ma nelle rappresentazioni.

Per gli arabi, Israele rappresenta una storia di imperialismo e colonialismo occidentali, occupazione militare, razzismo, violenza, ingerenze politiche, interventi militari, guerre e ancora guerre, immagini quotidiane di ragazzi e ragazze palestinesi uccisi dai soldati israeliani, violenti coloni israeliani che espellono con la forza i palestinesi dalle loro case e fattorie, l’arroganza politica e molto altro.

I palestinesi, d’altra parte, rappresentano qualcosa di completamente diverso. Incarnano la ferita non rimarginata di tutti gli arabi. Coraggio e sacrificio. Rifiuto di arrendersi. Resistenza. Speranza.

La maggior parte degli israeliani non è in grado di cogliere la relazione simbiotica tra arabi e palestinesi semplicemente perché si rifiuta di accettare che il loro Paese evochi tali sentimenti negativi. Confrontarsi con questa realtà significherebbe riflessioni profonde e scomode. Giornalisti come Shechnik e Mualem preferirebbero spiegare un compito così complesso attraverso alcuni comodi riferimenti all’inspiegabile e ingiustificabile “odio” arabo per Israele.

L’abbraccio arabo della Palestina non riguarda solo Israele, ma anche gli arabi stessi. Sebbene la bandiera palestinese sia stata ispirata dalla bandiera pan-araba del 1916, si è trasformata, nel corso degli anni, per svolgere il ruolo di simbolo arabo unificante.

Il fatto che i tifosi arabi del Qatar abbiano scelto spontaneamente, senza alcuna indicazione ufficiale o intervento del governo, di utilizzare la bandiera palestinese come simbolo di unità la dice lunga sulla posizione della Palestina nella coscienza araba collettiva. Ci dice anche che l’amore per la Palestina non è un risultato diretto dell’odio per Israele, né che gli arabi vedano la Palestina come un simbolo di sconfitta o umiliazione.

Quando il giocatore marocchino Jawad El-Yamiq ha celebrato la vittoria della sua squadra in Coppa del Mondo contro il Canada la scorsa settimana, garantendo così il passaggio del Marocco agli ottavi di finale, ha alzato una bandiera palestinese. In sottofondo, i fan marocchini cantavano per la Palestina e il Marocco. Per loro la Palestina non è una causa esterna e i loro applausi non sono semplicemente un atto di solidarietà. Per loro, Palestina e Marocco sono sinonimi, descrivono la stessa esperienza collettiva di sconfitta, lotta e, alla fine, vittoria.

*Ramzy Baroud è un giornalista e redattore di The Palestine Chronicle. È autore di sei libri. Il suo ultimo libro, curato insieme a Ilan Pappé, è “La Nostra Visione per la Liberazione: Leader Palestinesi Coinvolti e Intellettuali Parlano”. Il Dr. Baroud è un ricercatore senior non residente presso il Centro per l’Islam e gli Affari Globali (CIGA), Università Zaim di Istanbul (IZU).

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.