COME RABBINO CRESCIUTO IN SUD AFRICA, NON POSSO IGNORARE CHE ISRAELE E’ UNO STATO DI APARTHEID

540

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/02/18/come-rabbino-cresciuto-in-sud-africa-non-posso-ignorare-che-israele-e-uno-stato-di-apartheid/

https://truthout.org/

17 febbraio 2021         Brian Walt

Poche settimane fa, la principale organizzazione israeliana per i diritti umani B’Tselem ha pubblicato il rapporto “Un regime di supremazia ebraica dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo. Questo è l’apartheid.“

Bambini palestinesi passano davanti a un checkpoint israeliano mentre camminano verso la loro casa in Shuhada Street, che è in gran parte chiusa ai palestinesi, nel centro della città di Hebron, in Cisgiordania, il 24 settembre 2020.

Il rapporto contiene analisi fondamentali e innovative e il governo israeliano si è immediatamente mosso per censurare il gruppo. Eppure, non c’è stata quasi nessuna discussione sui risultati del rapporto nei principali media statunitensi o tra i principali gruppi ebraici statunitensi che per decenni hanno ignorato le violazioni dei diritti umani commesse da Israele contro i palestinesi.

Quando ho sentito per la prima volta che B’Tselem stava affermando concretamente che Israele e le terre che occupa costituiscono un sistema di apartheid, sono immediatamente tornato indietro al 2008, al momento in cui quella verità mi divenne chiara quando guidavo un rabbino per Viaggio per i diritti umani in Nord America (Truah) in Israele e nella Cisgiordania occupata.

 Siamo arrivati ​​a Hebron. Michael Manikin, un leader del gruppo israeliano per i diritti umani Breaking the Silence, ha indicato Shuhada Street, la strada che il nostro gruppo stava per percorrere e ci ha detto che era una “strada sterile” – una strada vietata ai palestinesi.

Solo ebrei e altri turisti erano autorizzati a camminare per quella strada. Ero inorridito. Il mio cuore batteva forte mentre le lacrime mi rigavano il viso. Da bambino cresciuto nell’Apartheid in Sud Africa, conoscevo intimamente spiagge separate, autobus, taxi, ingressi agli uffici postali e panchine pubbliche con cartelli “Solo bianchi”.

Ma anche nel Sud Africa dell’Apartheid, non c’erano “strade sterili” su cui solo i bianchi potevano camminare. In Sud Africa, da studente all’Università di Cape Town, avevo combattuto contro l’apartheid. Ho lavorato su questioni di giustizia economica per i lavoratori domestici e ho fondato e curato un giornale studentesco ebraico dedicato alla fine dell’apartheid.

E durante il mio attivismo anti-apartheid, Israele è sempre stato una parte centrale della mia identità ebraica: ero un sionista progressista e impegnato. Creare un Israele giusto e democratico che riflettesse i più alti valori morali del giudaismo era – e rimane – un impegno fondamentale della mia vita spirituale / morale.

Per diversi decenni ho sostenuto attivamente vari gruppi per i diritti umani in Israele. Nel 2003, ho co-fondato Rabbis for Human Rights-North America e ne sono stato il primo direttore esecutivo. Per decenni, in tour e attivismo in Cisgiordania con organizzazioni come The Israeli Committee Against House Demolitions, ho assistito a realtà inquietanti che mi hanno profondamente colpito: la demolizione di case palestinesi, l’esproprio di terra palestinese per insediamenti ebraici, oliveti sradicati da coloni e palestinesi sfrattati dalle case di Gerusalemme che possedevano da generazioni.

Queste esperienze furono così scioccanti che, se non le avessi viste con i miei occhi, non avrei mai creduto che fossero vere. Queste esperienze mi hanno ricordato ingiustizie molto simili che avevo visto in Sud Africa. Ed è stata la “strada sterile” che mi ha spinto oltre il limite. Nel diritto internazionale dei diritti umani, l’apartheid è definito come “un regime che utilizza leggi, pratiche e violenza organizzata per cementare la supremazia di un gruppo su un altro”. Sono cresciuto in Sud Africa, e ciò a cui stavo assistendo a Hebron e in Israele e nella terra che occupa, era anche apartheid – un sistema di dominio e controllo che privilegia sistematicamente le vite degli ebrei rispetto alle vite dei palestinesi.

In quel preciso momento, quando camminavo per una strada spogliata dei palestinesi, ho deciso che non avrei mai più evitato di usare la parola “apartheid” per descrivere le politiche di Israele contro i palestinesi.

So cos’è l’apartheid e lo vedevo davanti a me.

Per anni, alcuni familiari e cari amici mi avevano suggerito di parlare di “disuguaglianza e discriminazione sistemiche” in Israele. Se avessi usato la parola “apartheid”, hanno detto che avrei rischiato di alienare altri ebrei. Avevo dato ascolto a quel consiglio, anche se le organizzazioni palestinesi per i diritti umani avevano costantemente dimostrato che il governo israeliano stava attuando l’apartheid nelle sue violazioni dei diritti umani contro i palestinesi.

Avevo dato ascolto a quel consiglio, anche se ero stato testimone di atrocità dopo atrocità sistemica contro i palestinesi. Nel 2008, stando nel mezzo di Hebron, mi sono reso conto che il mio pregiudizio non esaminato contro i palestinesi mi aveva impedito di riconoscere la verità che i palestinesi dicevano da decenni: Israele era uno stato di apartheid.

In quel momento a Hebron, ho sentito una determinazione interiore a chiamare ciò che vedevo come apartheid. Noi, il popolo ebraico, dobbiamo dire la verità. Non possiamo più nascondere la sconvolgente discriminazione sistemica e l’oppressione dei palestinesi da parte dello Stato di Israele, uno stato che fa affidamento sul nostro sostegno e agisce in nostro nome e in nome della nostra tradizione.

Dal 1989, B’Tselem, il Centro israeliano di informazione per i diritti umani nei territori occupati, ha rigorosamente documentato i molti modi in cui Israele viola i diritti umani fondamentali dei palestinesi nella Cisgiordania occupata e a Gaza: attraverso la confisca della terra, l’uccisione di palestinesi per motivi di sicurezza da parte di forze armate o coloni, trasferimento forzato di palestinesi, restrizioni al movimento, tortura e abusi durante gli interrogatori e detenzione amministrativa.

Riferisce anche di violazioni da parte dei palestinesi contro i diritti dei civili israeliani. Il rapporto di B’Tselem sull’apartheid sfida ciò che l’analista Nathan Thrall definisce la “delusione di regimi separati” – l’idea che Israele all’interno della Linea Verde sia una democrazia che è in qualche modo fondamentalmente diversa dalla sua occupazione militare “temporanea” dei Territori occupati per cui esisteva già da più di 50 anni. Il rapporto sostiene che nel tempo la distinzione tra le due aree “si è allontanata dalla realtà”. Gerusalemme est è stata annessa e in pratica anche la Cisgiordania è stata annessa.

“L’intera area tra il Mediterraneo e il fiume Giordano è organizzata secondo un unico principio: avanzare e cementare la supremazia di un gruppo – gli ebrei – su un altro – i palestinesi”. Dobbiamo immaginare una nuova realtà di uno stato con uguali diritti per tutti e in cui la cultura ebraica e palestinese sia apprezzata. Il rapporto descrive come Israele privilegia sistematicamente gli ebrei rispetto ai palestinesi: permettendo l’immigrazione solo agli ebrei; appropriarsi della terra per gli ebrei mentre affollavano i palestinesi nelle enclavi; limitare la libertà di movimento dei palestinesi; e negare ai palestinesi il diritto alla partecipazione politica.

Il rapporto sottolinea anche la legge dello stato-nazione del 2018, che stabilisce “l’insediamento ebraico come valore nazionale” e sancisce il diritto “unico” del popolo ebraico all’autodeterminazione escludendo tutti gli altri. Usare la parola apartheid per descrivere Israele è estremamente angosciante per molti ebrei, come me, che sono stati educati a considerare Israele come una parte essenziale della loro identità ebraica. Per gli ebrei liberali, credere nella centralità di Israele è spesso molto più importante della pratica o del credo religioso ebraico. Israele è visto come uno stato ebraico democratico che ha fornito un domicilio nazionale sicuro agli ebrei dopo la catastrofe dell’Olocausto e secoli di discriminazione nell’Europa cristiana.

L’accusa di apartheid è l’antitesi della visione liberale di Israele. In passato, coloro che hanno osato usare la parola “apartheid” sono stati attaccati senza pietà, etichettati come “antisemiti”. In effetti, la definizione operativa di antisemitismo dell’International Holocaust Remembrance Alliance, promossa da Israele, include l’accusa di razzismo a Israele.

Nel 2006, quando il presidente Jimmy Carter pubblicò il suo libro Palestine: Peace or Apartheid? ha sostenuto che Israele doveva fare una scelta fatale, o una soluzione negoziata a due stati che avrebbe posto fine all’occupazione, o l’espansione degli insediamenti ebraici che avrebbe inevitabilmente portato a una soluzione di uno stato di apartheid, dove ci sono due insiemi di leggi, una che privilegia gli ebrei e un’altra che nega ai palestinesi questi stessi diritti. Il rapporto di B’Tselem, pubblicato 15 anni dopo la pubblicazione del libro di Carter, conferma che Israele ha scelto di escludere la possibilità di una soluzione a due stati e ha scelto un sistema di apartheid dal Mediterraneo al fiume Giordano. Il governo israeliano ha fatto più volte questa scelta mentre costruiva una massiccia infrastruttura di insediamenti, città e strade ebraiche esclusive. Questo progetto è in corso.

Nonostante questa realtà, molti ebrei liberali e organizzazioni ebraiche continuano a insistere sul fatto che una soluzione a due stati è ancora possibile. Sostengono che c’è ancora tempo. Ignorano B’Tselem e altre organizzazioni israeliane per i diritti umani, come hanno ignorato Carter, e come se avessero continuamente ignorato le voci palestinesi, perché non possono affrontare la verità che Israele ha precluso la possibilità di una soluzione a due stati.

Non sono disposti ad affrontare la perdita dell’illusione di un Israele giusto: il nostro attaccamento emotivo e spirituale allo stato ebraico idealizzato. Le persone di coscienza devono respingere l’apartheid in Israele con la stessa chiarezza e forza con cui rifiutiamo la supremazia bianca negli Stati Uniti. Sono consapevole di quanto sia dolorosa questa perdita per molti ebrei. Ho trascorso anni in Israele e ho un profondo amore per la cultura ebraica in Israele. Ho mantenuto forti legami con amici e familiari in Israele.

Tuttavia, so anche che non posso usare la mia paura della perdita per negare la responsabilità del governo israeliano nel danneggiare i palestinesi. Sostengo una fiorente comunità e cultura ebraica in Israele, ma deve essere nel contesto di uno stato che garantisca l’uguaglianza per ogni persona, palestinesi ed ebrei. Dobbiamo immaginare una nuova realtà di uno stato con uguali diritti per tutti e in cui la cultura ebraica e palestinese sia apprezzata.

Viviamo in un’epoca in cui molti ebrei americani bianchi stanno affrontando la verità sulla supremazia bianca, il razzismo sistemico negli Stati Uniti presente sin dall’inizio del paese. Molti ebrei americani e organizzazioni ebraiche sono impegnate nell’educazione e nell’attivismo antirazzista. Affrontare la verità sull’ingiustizia sistemica nel proprio paese è doloroso, eppure molti ebrei bianchi liberali si sono impegnati in questo importante compito. Il dilemma morale che dobbiamo affrontare è se abbiamo il coraggio di fare lo stesso lavoro in relazione a Israele.

Credo che sia necessario e possibile per noi farlo. Come ha detto Hagai El Ad, il direttore di B’Tselem, “Chiamare le cose con il loro nome proprio – apartheid – non è un momento di disperazione, piuttosto è un momento di chiarezza morale, un passo di un lungo cammino ispirato dalla speranza. Guarda la realtà per quello che è, nominala senza batter ciglio e aiutaci a realizzare un futuro giusto “. Possiamo e dobbiamo realizzare un futuro giusto per palestinesi ed ebrei. Le persone di coscienza devono respingere l’apartheid in Israele con la stessa chiarezza e forza con cui rifiutiamo la supremazia bianca negli Stati Uniti.

Questo non è solo un problema politico per noi; è una questione morale / spirituale. Il nome, B’Tselem (“a immagine di Dio”) è basato sul versetto della Genesi – “Dio creò Adamo a immagine di Dio”. È un impegno per il principio fondamentale del giudaismo, che ogni essere umano è di valore infinito, meritevole di dignità, libertà, uguaglianza e giustizia. È tempo di impegnarci per l’adempimento di questo fondamentale valore morale ebraico per tutte le persone tra il Mar Mediterraneo e il fiume Giordano. Questo è l’unico percorso che c’è per la giustizia per tutti coloro che vivono tra il Mar Mediterraneo e il fiume Giordano.

 

 

http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/02/18/come-rabbino-cresciuto-in-sud-africa-non-posso-ignorare-che-israele-e-uno-stato-di-apartheid/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.