Con la macchina in panne… (e un popolo sotto occupazione!)

di Amira Hass

La settimana scorsa la mia Renault ha cominciato a rallentare mentre mi trovavo sull’unica strada aperta a sud di Ramallah, vicino al posto di blocco di Qalandia. Cosa fare? La mia assicurazione è convenzionata con un servizio di soccorso stradale israeliano, così ha dovuto mettermi d’accordo per incontrare il carro attrezzi fuori del posto di blocco. L’autista israeliano, mentre guidava, ha cominciato a farmi delle domande: “Da che parte stai?, mi ha chiesto alla fine. “Con i buoni”, gli ho detto. “E chi sono i buoni?”. “Mettiamola così”, ho risposto rassegnata, “se fossi un palestinese non vorrei vivere sotto occupazione”. Lui è stato ancora più schietto:”Se fossi vissuto io sotto occupazione, sarei stato un terrorista”.

(Internazionale 843)

Contrassegnato con i tag: ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam