Continuiamo a pubblicare testimonianze sulla catastrofe umanitaria in atto nella striscia di Gaza…

immagine1

CONTINUIAMO A PUBBLICARE TESTIMONIANZE SULLA CATASTROFE UMANITARIA IN ATTO NELLA STRISCIA DI GAZA SOMMERSA DALL’ACQUA E DAI LIQUAMI. NOI, CHE DA POCO ABBIAMO PIANTO I MORTI IN SARDEGNA, SIAMO VICINI A QUESTA TERRA MARTORIATA, DIMENTICATA , UMILIATA

The Washington Report su Affari del Medio Oriente

Abbiamo deciso di pubblicare questa relazione urgente da Mohammed Omer in un’azione di avviso – gli abitanti di Gaza hanno bisogno del nostro aiuto ora!

Segreteria di Stato John Kerry:
Scrivere: US Department of State
2201 C ST., NW
Washington, DC 20520

Chiama: 202-647-4000; selezionare l’opzione 4 e chiedere dell’operatore per la linea di commento.

202-647-6575 (Public Communication Division), selezionare l’opzione 8 per lasciare il vostro commento.
……………………………………………………………………..

<p style=”text-align: justify;”>Stato di emergenza a Gaza

di Mohammed Omer

E ‘freddo, non c’è corrente, e sto ricaricando il mio computer usando una batteria per auto, al fine di mandare questo messaggio. E ‘così freddo a Gaza che ognuno ha i piedi freddi e il naso freddo. Una nuova tempesta sta colpendo questa enclave assediata. Non c’è elettricità, e la carenza di acqua, carburante e servizi vitali significa che la gente semplicemente si siede e aspetta l’ignoto.

Decine di case a est di Gaza City, nel nord della Striscia di Gaza, a Khan Younes e Rafah sono inondate di pioggia di oggi. Il sistema di depurazione non può funzionare e la municipalità di Gaza ha annunciato lo stato di emergenza. Le scuole e la maggior parte dei negozi sono chiusi, non c’è traffico e poche persone stanno camminando per la strada.

I camion della nettezza urbana della città di Gaza sono stati a un punto morto a causa della carenza di carburante in corso.Ero abituato ai camion arancione brillante che in genere passavano, suonando il clacson, un segno per tutti i miei vicini di portare la loro spazzatura per la raccolta.

Ora l’asino è la nostra unica speranza rimasta. Dalla scorsa settimana, quando le forniture di carburante sono rimaste a secco, l’unico suono che si sente è ora il click-click dei loro zoccoli mentre tirano i loro carretti lungo la strada alle 4 del mattino. A mezzogiorno, hanno raccolto tutto il possibile sulla loro strada indaffarata. Nel quartiere di Gaza Barcellona, i contenitori della spazzatura sono stracolmi – un fenomeno normale in quanto il combustibile è esaurito.

Sono andato giù a chiacchierare con il 41enne Abu Ghaleb. Da solo, sul suo carretto con l’asino, non c’è modo che Abu Ghaleb possa riuscire a ripulire tutte le strade dalla spazzatura. Un uomo timido ed esile, la sua attenzione è concentrata solo sulla raccolta di sacchi di immondizia, che accumula sul carretto, li svuota, poi si sposta al palo successivo.

Prima della crisi, Abu Ghaleb vendeva datteri da palma dal suo carretto, chiamando i clienti attraverso un altoparlante. Si tratta di un business che non paga bene, soprattutto quando le persone hanno i loro stipendi in ritardo e non possono comprare i suoi datteri, che iniziano a rovinarsi sul carrello.

Ora la sola opzione di Abu Ghaleb è quella di raccogliere spazzatura, che gli fa guadagnare circa 200 dollari al mese, non molti per sfamare la sua famiglia, così come il suo asino. Ma almeno lui mantiene un senso dell’umorismo sulla situazione. Lui mi dice, sorridendo timidamente, “La crisi del carburante significa che le persone come me ottengono qualche lavoro, almeno.”

Poiché il comune di Gaza non può permettersi di acquistare nafta israeliana costosa, paga 450 persone, che lavorano con 250 asini, per eliminare enormi mucchi di spazzatura prima che i rischi per la salute peggiorino fra i 1,8 milioni di civili di Gaza sotto assedio da parte di Israele.

Dopo aver raccolto mucchi di immondizia e riempito il suo carretto fino all’orlo, Abu Ghaleb è stanco e si scusa. So bene che io non lo vedrò per molti giorni, perché è in così forte richiesta. Quindi la mia unica opzione è quella di trovare un posto per scaricare la spazzatura dal mio appartamento. L’odore sta diventando insopportabile.

Nella 8th Street nella città di Gaza mi imbatto in una madre e la sua piccola figlia su un carretto. Mi chiedo se lei sta facendo un lavoro simile a quello di Abu Ghaleb e porti sua figlia con lei. Ma presto ho imparato che si guadagna da vivere, e sostiene otto figli, dal riciclaggio dei rifiuti domestici. Lei può usare plastica per coprire una finestra rotta o un vecchio telaio per fare oggetti improvvisati di arredo.

Non avevamo acqua negli ultimi due giorni, quando non c’è combustibile l’acqua non viene pompata regolarmente nelle case. Il serbatoio sul nostro tetto è vuoto. Quindi non possiamo nemmeno lavare il nostro gabinetto.

Il carburante non può entrare a Gaza attraverso i tunnel di approvvigionamento recentemente chiusi dal nuovo governo egiziano. Come risultato l’impianto di trattamento delle acque di Gaza è fermo, con liquami che arrivano alla cintola in alcune strade e inondano le case di Gaza, portando con sé ratti e malattie.
La lotta politica tra Hamas e gli avversari -Israele e l’Autorità palestinese, da un lato , e il regime egiziano, dall’altro – sta influenzando la vita di tutti qui.

Secondo le Nazioni Unite, la Turchia ha donato 850 mila dollari per alleviare la crisi. Ma da quello che ho sentito dal comune locale, questo rappresenta solo una piccola goccia in un grande secchio. I 16.700 litri di carburante che sono stati ricevuti a Gaza City dureranno solo per pochi giorni. I funzionari dicono che la Striscia di Gaza ha bisogno di 150.000 litri al mese solo per i camion della nettezza urbana .

Questa sera, l’odore delle inondazioni fognarie riempie il mio naso. Inspiro ed espiro la puzza di spazzatura marcia. L’aria della notte è piena di questo odore soffocante, e la mattina posso solo sperare che Abu Ghaleb sarà in giro con il suo asino e carretto per cercare di sgombrare più che può.

E mi domando se il segretario di Stato americano John Kerry è a conoscenza della situazione di Gaza. Avrebbe trovato accettabile se i cittadini israeliani vivessero nelle stesse condizioni degli abitanti di Gaza? O a Gaza non contiamo come esseri umani?

Mi aggiro per strada per vedere cosa fanno gli altri. Abu Karim si siede nel suo supermercato, con la porta chiusa, incapace di tollerare l’odore. Uno dei suoi vicini di casa ha cercato di ridurre l’odore bruciando la spazzatura, così ora l’aria della notte è piena di fumo e dell’odore nauseabondo di plastica bruciata. L’atto di base di respirare è faticoso, e sono consapevole del fatto che comunque cerco di descrivere questo pasticcio ai lettori di Washington Report , non posso fare giustizia alle attuali crisi.

Il mio amico Richard Falk, relatore speciale delle Nazioni Unite, ha descritto la situazione a Gaza come una vicina catastrofe. Posso solo sperare che rimanga al livello-“vicina” -come è la crisi abbastanza – senza ottenere alcun peggioramento.

Mentre le inondazioni continuano a invadere le case della gente, Abu Ghaleb-e anche il suo asino- capiscono la situazione disastrosa che sta di fronte al popolo di Gaza. E ‘una cosa che i leader politici-non possono o non vogliono afferrare.

 

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

……………………………………………………………………………

ARTICOLO ORIGINALE

http://normanfinkelstein.com/2013/state-of-emergency-in-gaza-what-we-can-do/

State of Emergency in Gaza

by Mohammed Omer

immagine1

A rescue worker carries a child through Gaza’s dark and sewage-filled streets. Photo M. Omer

It is cold, there is no power, and I am charging my computer using a car battery in order to get this message out. It is so cold in Gaza that everyone has cold feet and a cold nose. A new storm is hitting this besieged enclave. There is no electricity, and shortages of water, fuel, and vital services mean people just sit and wait for the unknown.

Tens of houses east of Gaza City, in the northern Gaza Strip, in Khan Younes and Rafah are flooded with rain today. The sewage system cannot function and Gaza municipalities announced a state of emergency. Schools and most shops are shut, there is no traffic and few people are walking in the street.

Gaza City’s garbage trucks have been at a standstill due to the ongoing fuel shortage. I’d gotten used to the bright orange truck that usually passes by, sounding its horn, a sign for all my neighbors to bring out their garbage for collection.

Now the donkey is our only remaining hope. Since last week—when fuel supplies ran dry—the only sound one hears now is the click-click of their hooves as they pull their carts along the road at 4 a.m. By noon, they have collected all they can on their busy route. In Gaza’s Barcelona neighborhood, garbage containers are overflowing—a normal occurrence since fuel ran out.

I went down to chat with 41-year-old Abu Ghaleb. Alone, on his donkey-cart, there’s no way Abu Ghaleb can manage to clear all the streets of garbage. A shy, slim man, his attention is focused only on collecting sacks of garbage, which he piles onto the donkey cart, empties, then moves on to the next pile.

Prior to the crisis, Abu Ghaleb sold palm dates from his donkey cart, calling customers through a loudspeaker. It’s a business which doesn’t pay well—especially when people have their wages delayed and cannot buy his dates, which begin to spoil on the cart.

Now Abu Ghaleb’s only option is to collect garbage, which earns him around $200 per month—not much to feed his family as well as his donkey. But at least he keeps a sense of humor about the situation. He tells me, smiling shyly, “The fuel crisis means that people like me get some work at least.”

Because the Gaza municipality can’t afford to purchase expensive Israeli oil, it pays 450 people, who work with 250 donkeys, to clear away massive piles of garbage before health risks worsen among the 1.8 million Gazan civilians under siege by Israel.

After collecting piles of garbage and filling his cart to the brim Abu Ghaleb is tired and excuses himself. I am well aware that I may not see him for many days, because he is in such high demand. So my only option is to find a place to dump the garbage from my apartment. The smell is becoming unbearable.

On 8th Street in Gaza City I run into a mother and her small daughter on a donkey cart. I wonder if she is doing work similar to Abu Ghaleb’s and taking her daughter with her. But I soon learn that she earns a living, and supports eight children, by recycling household waste. She can use plastic to cover a broken window or an old frame to make improvised items of furniture.

We had no running water for the past two days—when there is no fuel, water is not pumped regularly into houses. The tank on our rooftop is empty. So we can’t even flush our toilet.

Fuel cannot enter Gaza through the supply tunnels recently shut down by Egypt’s new government. As a result Gaza’s water-treatment plant is at standstill, with raw sewage waist-deep in some streets and flooding into Gazan homes, bringing with it rats and disease.
The political strife between Hamas and opponents—Israel and the Palestinian Authority on one hand, and the Egyptian regime on the other—is affecting the life of everyone here.

According to the United Nations, Turkey donated $850,000 dollars to ease the crisis. But from what I hear from the local municipality, this represents just a small drop in a very large bucket. The 16,700 liters of fuel which was received in Gaza City will last for only a few days. Officials say the Gaza Strip needs 150,000 liters per month for garbage trucks alone.

Tonight, the smell of rotten sewage floods into my nose. I inhale and exhale the stink of rotten garbage. The night air is filled with this suffocating smell, and in the morning I can only hope that Abu Ghaleb will be around with his donkey and cart to try to clear away as much as he can.

It makes me wonder if U.S. Secretary of State John Kerry is aware of Gaza’s situation. Would he find it acceptable if Israeli citizens lived in the same conditions as Gazans? Or don’t we in Gaza count as humans?

I wander down the street to see what others are doing. Abu Karim sits in his supermarket, door closed, unable to tolerate the odor. One of his neighbors tried to lessen the smell by burning his garbage—so now the night air is filled with smoke as well as the nauseating smell of burned plastic. The basic act of breathing is uncomfortable, and I am aware that however I try to describe this mess toWashington Report readers, I cannot do justice to the present crises.

My friend Richard Falk, the U.N. special rapporteur, described the situation in Gaza as a near catastrophe. I can only hope it stays at the “near” level—which is crisis enough—without getting any worse.

As floodwaters continue to invade people’s homes, Abu Ghaleb—and even his donkey—understand the dire situation facing the people of Gaza. It’s one that political leaders can’t—or don’t want to—grasp.

Contrassegnato con i tag: , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam