CONTRO L’ORRORE, I PALESTINESI STANNO ANCORA CRESCENDO – di Amjad Iraqi

445

tratto da: https://www.972mag.com/palestinian-protests-unity-jerusalem/

Anche di fronte ai linciaggi e alla violenza di stato, molti palestinesi non possono permettersi che il governo coloniale di coloni israeliano torni alla “normalità”.

 

I cittadini palestinesi di Israele affrontano gli agenti di polizia israeliani durante una manifestazione di solidarietà con Gaza e Gerusalemme, nel centro di Haifa, il 9 maggio 2021. (Mati Milstein)

Il caos che si sta svolgendo sul terreno in Palestina-Israele è reale, brutale e terrificante. Jet da combattimento, razzi, poliziotti e linciaggi hanno ingoiato i cieli e le strade negli ultimi quattro giorni. L’esercito israeliano e i militanti di Hamas continuano a scambiarsi il fuoco sfrenato, uccidendo decine di persone e ferendone innumerevoli altri, in modo schiacciante nella Striscia di Gaza assediata. In tutto Israele, folle di gruppi armati, molti dei quali delinquenti ebrei accompagnati dalla polizia, vagano per città e quartieri distruggendo automobili, invadendo case e negozi e cercando spargimenti di sangue in quelli che molti giustamente definiscono pogrom.

Questa discesa in uno stato sfrenato e nella violenza della folla sta tragicamente soffocando uno dei momenti più incredibili della recente storia palestinese. Per settimane, le comunità palestinesi, con Gerusalemme nel loro epicentro, hanno organizzato manifestazioni di massa che si sono diffuse a macchia d’olio su entrambi i lati della Linea Verde. A causa degli eventi alla Porta di Damasco e al quartiere adiacente di Sheikh Jarrah, le proteste sono scoppiate dal campo profughi di Jabaliya a Gaza alla città di Nazareth in Israele fino al centro di Ramallah in Cisgiordania. E finora, mostrano pochi segni di diminuzione.

Anche se gli eventi attuali prendono una svolta orribile, queste mobilitazioni nelle ultime settimane non possono essere trascurate. Sebbene i palestinesi di ogni genere siano profondamente consapevoli della loro identità condivisa, molti hanno a lungo temuto che la violenta frammentazione israeliana del loro popolo – favorita dai leader nazionali che hanno imposto quelle divisioni – avesse paralizzato la loro unità in modo irreparabile. Il fatto che i palestinesi siano scesi in piazza all’unisono è un promemoria provocatorio che, nonostante l’incommensurabile bilancio delle sue vittime, la politica coloniale israeliana non ha ancora avuto successo. Questa perseveranza è più di una semplice fonte di conforto per i palestinesi; li ha galvanizzati a cogliere questo momento per forgiare un cambiamento radicale e decisivo.

Non è certo la prima volta che si verificano manifestazioni di questo tipo: il Piano Prawer del 2013 per spostare i cittadini beduini nel Naqab / Negev, la guerra a Gaza del 2014 e la Grande Marcia del Ritorno del 2018 hanno generato azioni congiunte simili solo negli ultimi dieci anni. Eppure qualsiasi palestinese che abbia assistito alle attuali proteste o seguito le notizie dall’estero non può fare a meno di sentire che questa ondata è diversa dalle altre. Qualcosa sembra diverso. Nessuno è abbastanza sicuro di cosa sia o quanto durerà – e dopo la follia della notte scorsa, forse non ha più importanza. Ma è snervante da guardare ed elettrizzante da vedere.

Non solo uno slogan

La centralità di Gerusalemme in questo risveglio nazionale è un pezzo vitale della storia. Sono passati anni da quando la capitale storica era nelle menti di tanti palestinesi – e in effetti, nelle menti di milioni di persone in tutto il mondo – nel modo in cui è stato nelle ultime settimane. L’ultima volta che ciò si è verificato è stato nel luglio 2017 quando, a seguito di un attacco da parte di militanti palestinesi alla polizia di frontiera vicino alla moschea di Al-Aqsa, le autorità israeliane hanno installato metal detector intorno al complesso e si sono rifiutate di consentire ai fedeli musulmani di entrare senza schermarli.

Palestinesi si riuniscono davanti alla Cupola della Roccia dopo aver eseguito l'ultima preghiera del venerdì del Ramadan per protestare contro lo sfratto di diverse famiglie palestinesi dalle case nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est, Gerusalemme, 7 maggio 2021 (Jamal Awad / Flash90 )

Palestinesi si riuniscono davanti alla Cupola della Roccia dopo aver eseguito l’ultima preghiera del venerdì del Ramadan per protestare contro lo sfratto di diverse famiglie palestinesi dalle case nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est, Gerusalemme, 7 maggio 2021 (Jamal Awad / Flash90 )

Rifiutando questa imposizione da parte del loro potere occupante, i palestinesi guidarono un boicottaggio di massa dei rilevatori e protestarono contro ogni tentativo di alterare lo “status quo” di Haram al-Sharif. La loro disobbedienza civile ha costretto gli attori regionali a intervenire e alla fine ha costretto Israele a rimuovere le installazioni. Sebbene di portata limitata, è stata una vittoria stimolante che ha offerto un assaggio del potenziale per l’organizzazione palestinese nella città, che molti temevano fosse stata decimata dalla repressione israeliana durante e dopo la Seconda Intifada.

Questa volta, la mobilitazione a Gerusalemme è molto più significativa. A differenza del 2017, i manifestanti palestinesi non si sono accontentati di revocare semplicemente le restrizioni arbitrarie della polizia sulle festività del Ramadan alla Porta di Damasco. In quello che si è rivelato essere un momento fatale, le autorità israeliane e i gruppi di coloni hanno intensificato la loro spinta per espellere le famiglie palestinesi dalle loro case a Sheikh Jarrah, i cui sfratti dovevano essere sigillati dalla Corte Suprema questo mese, nello stesso momento in cui la polizia stava aumentando la loro violenza repressiva nella Città Vecchia. Il destino di Sheikh Jarrah, insieme ad altre aree minacciate come Silwan, si è intrecciato con il cuore della Gerusalemme palestinese – non solo come uno stanco slogan, ma come un movimento che intraprende un’azione di massa per difenderli.

In tal modo, i palestinesi hanno aperto un terreno straordinario nel contrastare i tentativi di Israele di dividere i quartieri di Gerusalemme gli uni dagli altri e di tagliarli fuori dai loro fratelli fuori città. Spinti dal risveglio della capitale, i palestinesi di altre cittadine e città hanno organizzato le proprie proteste a sostegno di Sheikh Jarrah e Al-Aqsa, indifferenti alle minacce e agli atti di repressione israeliani. Sabato scorso, migliaia di cittadini palestinesi di Israele hanno sfidato gli ostacoli della polizia e hanno viaggiato in autobus e a piedi per pregare nel luogo sacro, pregando per Sheikh Jarrah nello stesso respiro. Fino a quando i pogrom di questa settimana non hanno permeato il paese, tutti gli occhi erano fissi su Gerusalemme con un’energia fervida che non era stata avvertita dai palestinesi da secoli.

Una caratteristica straordinaria delle manifestazioni è che sono organizzate principalmente non da partiti o personaggi politici, ma da giovani attivisti palestinesi, comitati di quartiere e collettivi di base. In effetti, alcuni di questi attivisti rifiutano esplicitamente il coinvolgimento delle élite politiche nelle loro proteste, vedendo le loro idee e istituzioni – dall’Autorità Palestinese alla Lista Unita – come addomesticate e obsolete. Si stanno affermando per le strade e soprattutto sui social, incoraggiando altri giovani che non erano mai stati alle proteste politiche ad aderire per la prima volta. In molti modi, questa generazione sta sfidando la sua leadership tradizionale tanto quanto sta combattendo lo stato israeliano.

Le forze di sicurezza israeliane arrestano i manifestanti durante una manifestazione contro il piano israeliano di sfrattare i palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est, Gerusalemme, 6 maggio 2021 (Jamal Awad / Flash90)

Le forze di sicurezza israeliane arrestano i manifestanti durante una manifestazione contro il piano israeliano di sfrattare i palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est, Gerusalemme, 6 maggio 2021 (Jamal Awad / Flash90)

Resilienza in mezzo al caos

Non c’è da meravigliarsi che Hamas abbia deciso di entrare in scena lanciando migliaia di razzi contro Israele centrale e meridionale nel nome della difesa di Gerusalemme. Per alcuni palestinesi, questo è un intervento militare giustificato per sostenere il movimento sul terreno; per altri, è un palese tentativo di dirottare le proteste per il guadagno di Hamas, come ha fatto con la Grande Marcia del Ritorno di Gaza. Tuttavia, con il presidente Mahmoud Abbas che rinvia a tempo indeterminato le elezioni palestinesi di quest’estate, i leader politici su entrambi i lati dei territori occupati hanno dimostrato di avere poco da offrire se non vecchie strategie e un governo più autoritario.

La cooptazione non è l’unica minaccia che il fiorente movimento deve affrontare. Nelle cosiddette “città miste” come Lydd, Jaffa e Haifa – città storicamente palestinesi che furono trasformate con la forza in località a maggioranza ebraica attraverso l’espulsione e la gentrificazione – folle ebraiche di destra, molte sorvegliate e aiutate dalla polizia, stanno linciaggio palestinesi e terrorizzando i loro quartieri. Bande armate ebraiche provenienti dagli insediamenti in Cisgiordania, dove dilagano violenti assalti ai palestinesi, stanno convergendo su queste città per unirsi alla mischia. Alcuni palestinesi stanno anche attaccando ebrei israeliani e incendiando i loro veicoli e le loro proprietà, compresi gli attacchi incendiari sulle sinagoghe. Solo uno di questi gruppi, tuttavia, ha poche ragioni per temere le autorità e, semmai, può tranquillamente contare sulla protezione della polizia.

Questi sviluppi strazianti probabilmente peggioreranno nei prossimi giorni mentre Israele e Hamas intensificano la loro guerra asimmetrica, con i palestinesi nella Gaza bloccata che pagano il prezzo più alto. Il governo israeliano sta ora valutando di schierare l’esercito per aiutare la polizia a stabilire “l’ordine” nel paese, una mossa che imporrà un’ulteriore tirannia sui cittadini palestinesi dello stato. Nel frattempo, molti palestinesi che sostengono le proteste hanno iniziato a temere di scendere in piazza per il rischio di lesioni, arresti o peggio. Altri si sono rassegnati a credere che – dopo decenni di rivolte, inazione internazionale e impunità israeliana – ci sono poche speranze che questo episodio determini un cambiamento significativo.

Sinagoghe e automobili bruciate e negozi vandalizzati nel centro della città di Lod, dopo una notte di scontri in città, il 12 maggio 2021 (Avshalom Sassoni / Flash90)

Sinagoghe e automobili bruciate e negozi vandalizzati nel centro della città di Lod, dopo una notte di scontri in città, il 12 maggio 2021 (Avshalom Sassoni / Flash90)

Eppure, anche se la violenza sembra sfuggire al controllo, non dovrebbe essere consentito cancellare le correnti di orgoglio, solidarietà e gioia che hanno alimentato l’ondata di resistenza palestinese di questo mese. In un’immagine simbolica domenica, un palestinese a Lydd si è arrampicato su un lampione per sostituire una bandiera israeliana con una palestinese – una scena provocatoria quasi 73 anni dopo che le forze sioniste hanno ripulito etnicamente la città nella Nakba. Quando la polizia ha bloccato l’ingresso degli autobus a Gerusalemme per la notte santa di Laylat al-Qadr, gli autisti di passaggio hanno offerto un passaggio ai palestinesi che erano pronti a percorrere chilometri a piedi per raggiungere Al-Aqsa. Nel quartiere di Haifa di Wadi Nisnas questa settimana, i residenti palestinesi si sono riuniti per allontanare la folla ebraica, sapendo che la polizia era più propensa ad aiutare gli aggressori che a fermarli.

Sui social media, un video virale mostrava cittadini palestinesi che ridevano e applaudivano mentre un’auto della polizia israeliana guidava ignara che una bandiera palestinese era stata bloccata nella sua porta sul retro. Un altro video popolare mostrava un ragazzo palestinese, spinto fuori da Al-Aqsa da una folla di poliziotti, che lanciava agilmente la sua scarpa direttamente in testa a un ufficiale con l’elmetto. Un altro mostrava un uomo palestinese che irrompeva in un sorriso quando sua figlia, ignara del fatto che suo padre era stato arrestato dalla polizia a casa sua, gli chiese con impazienza della sua bambola. Anche in mezzo al caos, questi momenti di bellezza e resilienza non dovrebbero essere dimenticati.

Una rivolta nazionale

Non c’è dubbio che questo sia un momento pericoloso per tutti coloro che vivono in Palestina-Israele. La volatilità per le strade è pietrificante e i pericoli che portano sembrano quasi senza precedenti. Questa follia avrebbe dovuto essere evitabile, ma i poteri che ne derivano l’hanno resa quasi inevitabile. La comunità internazionale, compresi gli stati arabi, ha effettivamente abbandonato la causa palestinese; la destra israeliana ha consolidato il suo dominio dell’apartheid tra il fiume e il mare; e le leadership palestinesi si sono rifiutate di dare voce al loro popolo nel loro futuro politico.

È proprio questo ambiente isolante e schiacciante che il nascente movimento palestinese sta cercando di infrangere. Molti dei giovani attivisti che hanno messo in pericolo il proprio corpo nelle ultime settimane hanno passato la vita a cercare di procurarsi le proprie libertà. Più assertivi e più attrezzati rispetto alle generazioni precedenti, si sono cimentati nei social media, nella difesa pubblica, nei programmi di “coesistenza”, nella pratica legale, persino nelle amicizie con i colleghi ebrei – solo per scoprire che rimangono intrappolati nelle stesse catene dei loro genitori e nonni prima di loro. Privata di opzioni, la disobbedienza pubblica è ora una delle poche strategie che i palestinesi hanno a disposizione per tenere a bada l’inesorabile oppressione di Israele, non ultimo nel combattere lo sfollamento da Sheikh Jarrah a Jaffa e oltre.

Gli agenti di polizia si scontrano con i manifestanti fuori dalla Porta di Damasco nella Città Vecchia di Gerusalemme, durante il mese sacro del Ramadan, il 9 maggio 2021 (Yonatan Sindel / Flash90)

Gli agenti di polizia si scontrano con i manifestanti fuori dalla Porta di Damasco nella Città Vecchia di Gerusalemme, durante il mese sacro del Ramadan, il 9 maggio 2021 (Yonatan Sindel / Flash90)

Questo atto di disordini di massa non può essere semplicemente classificato sotto un falso binario di resistenza “violenta” o “nonviolenta”. È, per dirla senza mezzi termini, una rivolta nazionale. Sebbene una parola profondamente stigmatizzata e usata di più per demonizzare e giustificare la brutalità contro i manifestanti, le rivolte sono una caratteristica familiare della resistenza popolare contro l’ingiustizia; le proteste di Black Lives in seguito all’omicidio di George Floyd lo scorso anno ne sono stati esempi evidenti. E per molti palestinesi per strada, qualunque sia la violenza che molti emanano da queste proteste – per quanto ripugnanti e condannabili possano essere – rimane incomparabile alla brutalità quotidiana, diretta e strutturale inflitta dallo Stato che le governa.

In effetti, insieme alle guerre sismiche del 1948 e del 1967, il successo del sionismo come progetto coloniale di coloni deriva in gran parte dal suo approccio strisciante all’espropriazione. Si ruba territorio pezzo per pezzo, espelle le famiglie casa per casa, e silenzia opposizione da persona a persona. “Silenzio” è la chiave per minare la resistenza collettiva, dando ai critici l’illusione di avere il tempo di invertire la tendenza. E come hanno dimostrato gli eventi a Gerusalemme questo mese, più sfacciatamente Israele persegue le sue politiche, più intensa sarà la resistenza.

I palestinesi che sono scesi in piazza nelle ultime settimane lo sanno molto bene – ed è per questo che non sono interessati a lasciare che Israele torni alla “normalità”. Normalità significa permettere che il colonialismo dei coloni e l’apartheid continuino a funzionare senza intoppi, senza ostacoli a controlli locali o internazionali. Questa condizione violenta e disumana forma l’esperienza vissuta comune di milioni di palestinesi, indipendentemente dal fatto che vivano sotto il blocco, il governo militare, la discriminazione razzista o l’esilio. Tutti capiscono che stanno affrontando una singola forza che sta cercando di sopprimerli, pacificarli e cancellarli, semplicemente a causa della loro identità nativa.

Anche sull’orlo di una spaventosa fase di guerra, molti palestinesi non possono permettersi di aspettare la prossima crisi per liberarsi di quella forza oppressiva. C’è una rivolta in corso ora – e anche se non libera i palestinesi dalle loro catene, per lo meno, può allentare la presa di Israele sulla loro coscienza.

https://www.972mag.com/palestinian-protests-unity-jerusalem/

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.