COSA SIGNIFICA L’EPIDEMIA DI CORONAVIRUS PER I RIFUGIATI PALESTINESI

0
205

tratto da: INVICTA PALESTINA

26/03/2020

I rifugiati palestinesi sono tra i più vulnerabili in Medio Oriente alla pandemia di coronavirus.

Copertina: Volontari palestinesi spruzzano disinfettante in una strada del campo profughi di al-Shati nella città di Gaza. [Getty]

Fonte – English version


Di Yara Hawari – 25 Marzo 2020

Covid-19, comunemente indicato come coronavirus, si sta diffondendo in tutto il mondo e l’11 marzo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) l’ha dichiarata una pandemia. Sebbene il virus non scelga le sue vittime in base alla classe sociale o alla razza, influenzerà in modo sproporzionato le classi lavoratrici, molte comunità di colore e i rifugiati, che generalmente hanno meno o nessun accesso alle cure sanitarie.

Sfortunatamente, suggerire che il virus ci influenzerà tutti allo stesso modo non è purtroppo vero e ignora le strutture di iniquità e oppressione che esistono intorno a noi. In uno stato di capitalismo globale, crisi come queste influenzeranno sempre di più i poveri e gli emarginati, poiché i governi e le società si muovono rapidamente per attuare programmi politici e massimizzare i profitti.

Naomi Klein lo spiega come un capitalismo disastroso e prevede che la pandemia del coronavirus sarà sfruttata per salvare le industrie e per avanzare con determinate politiche. I rifugiati palestinesi sono tra i più vulnerabili alla pandemia nella regione. Tanto che l’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite che fornisce i servizi necessari ai rifugiati palestinesi, ha appena lanciato un “appello istantaneo” di emergenza per raccogliere 14 milioni di dollari al fine di rispondere alla diffusione del virus nei paesi in cui opera, Cisgiordania e Gaza, Libano, Giordania e Siria, nei prossimi tre mesi.

L’UNRWA ha già adottato misure preventive chiudendo tutte le sue 144 scuole, che normalmente offrono il servizio a mezzo milione di studenti. L’agenzia ha anche istituito una linea medica diretta  nel tentativo di limitare il numero di visite fisiche alle loro cliniche sul campo. Eppure, nonostante queste misure preventive, la pianificazione e la preparazione dell’UNRWA, potrebbero facilmente essere sopraffatte se ci fosse un focolaio in uno qualsiasi dei settori operativi, anche nel caso raggiungano i 14 milioni di dollari di cui hanno così tanto bisogno.

La maggior parte dei rifugiati palestinesi dipende interamente dall’UNRWA per molti servizi sanitari, non essendo in grado di permettersi alternative o essendo privati dell’assistenza statale. In Libano, ad esempio, è stato loro sistematicamente e storicamente negato l’accesso ai servizi statali. I campi profughi di tutto il mondo sono maggiormente a rischio di malattie e infezioni in periodi di pandemia a causa di sovraffollamento, mancanza di servizi igienico-sanitari e infrastrutture generalmente scarse. I campi profughi palestinesi non sono diversi, ma quelli all’interno della Palestina hanno il fattore aggiuntivo di dover affrontare un regime repressivo di occupazione che accentua nei campi questi problemi comuni. Solo pochi giorni fa, sono state condivise foto sui social media di soldati israeliani con indumenti protettivi, inclusi guanti e tute ignifughe, che hanno condotto un’incursione con arresti nel campo di Dheisha a Betlemme.

A Gaza in particolare, dove su 1,9 milioni di abitanti 1,4 milioni sono rifugiati, c’è la vera preoccupazione che un focolaio provocherebbe devastazioni a un livello inimmaginabile. Le Nazioni Unite hanno già definito Gaza “invivibile” entro il 2020 a causa delle terribili condizioni umanitarie e della mancanza di infrastrutture, compresi i servizi di base. Questo è il risultato diretto dell’assedio israeliano e degli attacchi incessanti a Gaza negli ultimi 13 anni.

Mentre la maggior parte dei servizi sanitari in tutto il mondo viene sopraffatta dal coronavirus, il fragile settore sanitario di Gaza fa già fatica a curare i pazienti così com’è, e molti muoiono a causa del mancato accesso alle cure essenziali. Il responsabile dell’OMS a Gaza stima che l’attuale infrastruttura possa gestire 300 casi di contagio in tre mesi, non di più, e i medici dovranno prendere decisioni difficili tra chi possa ricevere le cure e chi no. Al momento della stesura di questo documento, diversi casi di coronavirus sono stati confermati a Gaza e le autorità di Hamas hanno preso provvedimenti immediati per chiudere ristoranti, caffè e moschee.

Per i rifugiati palestinesi, la pandemia di coronavirus è un’ulteriore preoccupazione per le loro vite già insicure. Eppure la realtà della vita sotto assedio significa che per le autorità e per il popolo, il loro destino è nelle mani del regime israeliano. Infatti, l’accesso alle forniture mediche e l’ingresso per personale medico di emergenza saranno tutti determinati da Israele. Il loro perpetuo spostamento a causa del rifiuto di Israele di concedere loro il diritto al ritorno nelle loro case è la causa principale della loro insicurezza.

Il popolo di Gaza lo ha dimostrato con la sua Grande Marcia del Ritorno nel 2018, dove hanno marciato coraggiosamente verso le recinzioni militari israeliane, che li tiene ingabbiati in una prigione a cielo aperto, per chiedere il diritto al ritorno dei rifugiati palestinesi. Decine di migliaia sono stati colpiti e feriti e centinaia sono stati uccisi. Pertanto, mentre in un momento come questo è importante sostenere gli aiuti umanitari, come l’appello dell’UNRWA, è altrettanto importante sottolineare che la questione dei rifugiati palestinesi è di natura politica e che il rispetto dei loro diritti sanciti a livello internazionale è fondamentale come non mai.

Cosa significa l’epidemia di coronavirus per i rifugiati palestinesi

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.