Criminali di guerra

0
79

Criminali di guerra

di Ugo Tramballi

Dopo attento studio e scrupolosi accertamenti, gli esperti del ministero della Difesa d’Israele hanno decretato che quella dell’estate scorsa a Gaza fu guerra. Con 50 giorni di combattimenti e 67 soldati uccisi (più cinque civili fra cui un bambino) “Soglia di protezione” non poteva essere considerata solo un’operazione militare. Nelle statistiche dei conflitti è l’ottava combattuta da Israele contro gli arabi, a partire dal 1948.
E’ tuttavia sorprendente che sia la prima israelo-palestinese ufficiale. Alla fine, dopo circa un secolo di rivolte, terrorismi e una nakba; 48 anni di occupazione, intifade e contro-intifade, inutili battaglie nella striscia di Gaza, israeliani e palestinesi hanno la loro guerra accertata. Probabilmente con 2.100 morti, 500 dei quali bambini (e 4mila razzi lanciati contro Israele), i palestinesi non avevano mai pensato che ”Soglia di protezione” non lo fosse.
E’ l’ultimo tassello dell’incredibile ma vero di questo conflitto, il più lungo della storia moderna e, per i sani di mente, il più insensato. Il comportamento schizofrenico di Bibi Netanyahu e di Abu Mazen, i due nemici, ne è il corollario. Lasciato senza una prospettiva di negoziato, il leader palestinese è partito con decisione verso il fronte delle Nazioni Unite: prima ha presentato al consiglio di sicurezza una risoluzione, nonostante sapesse che non sarebbe mai passata e nonostante il consiglio contrario del re giordano Abdullah. Poi ha avviato le pratiche per l’ingresso della Palestina nella Corte internazionale dell’Aia, nella speranza di condannare gli israeliani per crimini di guerra. (…)
Ma Bibi Netanyahu e alcuni dei ministri mediocri e razzisti del suo gabinetto, hanno dato fuori di matto. Vogliono che siano i palestinesi a essere denunciati alla Corte internazionale, vogliono che gli americani blocchino gli aiuti e arrestino ogni palestinese sul loro territorio, si rifiutano di trasferire milioni di tasse che raccolgono per conto dei palestinesi. Tutto questo perché i palestinesi si permettono di pensare che anche i soldati israeliani possano commettere crimini di guerra.
Terrorista è una definizione usata con molta frequenza da Israele: potenzialmente lo è ogni palestinese. Non pretendo che gli israeliani – obiettivo del terrorismo – comprendano il contesto: l’intrinseca violenza di un’occupazione. Un ripasso della storia servirebbe però a ricordare che anche il sionismo, come qualunque altro movimento di liberazione nazionale, ne ha fatto uso. Menachem Begin e Yitzhak Shamir sono stati dei terroristi: Begin è poi stato un premier importante (Shamir no). L’Irgun e la banda Stern hanno ucciso arabi civili, assassinato rappresentanti delle Nazioni Unite ed ebrei loro nemici, compiuto attentati senza curarsi di fare vittime innocenti.
Guardando il logo dell’Irgun della quale Begin era il capo, vengono in mente i simboli di Hamas e di Hezbollah: il pugno che stringe un fucile a dominare una carta geografica che non prevede spazio territoriale per l’avversario, si tratti della Grande Israele o della Grande Palestina. Quando gli inglesi che fino al 1948 governavano la Palestina mandataria, arrestavano e condannavano uno di loro, i ragazzi della Stern di Shamir rapivano qualche soldato nemico, lo impiccavano e lo fotografavano. A parte il web che allora non c’era, non vi ricorda il califfato islamico di Raqqah?

6 gennaio 2015, Slow News

 2014_logo_Anno ONU Palestina

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.