Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

Venerdì’ 4 gennaio 2013

ANCORA VANDALISMO ANTI – CRISTIANO IN UN ANTICO VILLAGGIO DELLA GALILEA

Graffiti anti-Cristiani spruzzati sulla chiesa distrutta nel villaggio di Galilea Bir’em

Per Haggai Matar | Pubblicato 2 gennaio 2013

La comunità di sfollati di Bir’em ha trovato graffiti abusivi, stelle di Davide e la parola ‘vendetta’ spruzzati sulla sua chiesa, al cimitero e altri edifici. Eppure non è solo un atto di vandalismo, ma è uno dei problemi della comunità, che continua la sua lotta per il ritorno.

La scorsa settimana, alcuni giorni dopo aver celebrato il Natale, gli ex residenti di Bir’em hanno scoperto i graffiti, così come liquido infiammabile che era stato versato all’entrata della Chiesa di Nostra Signora del villaggio, che è stata in gran parte demolita. Come riportato da Haaretz , il Comitato per lo sradicamento di Kafar Bir’em ha presentato un reclamo ufficiale alla polizia, ma i sospetti non sono stati identificati.

“Questa è la seconda volta nell’ultimo mese che qualcosa di simile è successa”, dice Deeb Maroun, un membro del comitato. “Solo tre settimane fa, qualcuno ha spruzzato ‘vendetta’ sul pavimento della ex scuola, e messo adesivi razzisti sui muri. Questo non è mai successo in tutti i 64 anni da quando siamo stati sradicati dal paese, anche se abbiamo visto casi di profanazione di lapidi negli anni precedenti. Mentre, naturalmente, non si può essere certi circa l’identità di questi vandali, sembrano essere parte di una piaga brutta che sta spazzando l’intero paese, con chiese di Gerusalemme , il Monastero di Latrun e altro ancora. “

Sabato scorso, l’intera comunità si è raccolta da tutti i villaggi vicini per la preghiera settimanale. I fedeli avevano pulito la chiesa dai graffiti prima del tempo, ma altri slogan offensivi sono rimasti nelle sue vicinanze, perchè gli abitanti del villaggio non sono autorizzati a toccare nulla nel “parco nazionale”, che una volta era la loro casa, che ora serve da picnic per famiglie in vacanza.

Nel 1948, dopo la fine della guerra, le forze dell’IDF entrarono nei villaggi di Bir’em (scritto anche Bir’im) e Iqrit, e ordinarono ai residenti palestinesi (da allora cittadini dello Stato di recente fondazione di Israele) a lasciare le loro case per un periodo di due settimane, temendo che la loro vicinanza al confine con il Libano avrebbe messo in pericolo la sicurezza della regione. Le due settimane divennero ben presto un mese, un anno, e abbastanza presto, Bir’em fu popolata da appena arrivati immigrati ebrei. Quando la petizione degli abitanti del villaggio alla High Court ha portato a una sentenza che deve essere loro consentito di tornare, le case sono state demolite e le terre confiscate.

Le ripetute vittorie presso la Corte per entrambi i villaggi non hanno portato al ritorno degli abitanti del villaggio fino ad oggi, in gran parte a causa della paura dei governi successivi che il rispetto della sentenza della Corte avrebbe aperto le porte per i crediti molto più grandi di ritorno da parte dei profughi del 1948 e degli interni sfollati in Israele. I residenti dei due villaggi sono ancora determinati a realizzare i loro diritti, e a mantenere il collegamento alle loro terre, visitando le chiese e cimiteri superstiti su base regolare, e tenendo campi estivi annuali per i giovani per insegnare loro la loro storia.

Tutto questo, però, è nascosto da parte dei visitatori del parco nazionale istituito in Bir’em, soprannominato “Rovine di Bar’Am.” Avvisi ufficiali raccontano la storia che questo è l’antico sito del villaggio ebraico di Bar’am (databile tra la 2 e 6 ° secolo dC), priva di testimonianza per la vita dei cittadini israeliani che vivevano qui e che ancora frequentano le loro case demolite in parte. I sentieri del parco per i visitatori dal parcheggio alla Sinagoga Vecchia (che di solito portava lo slogan “Ci sia pace in questo luogo e in tutti i luoghi di Israele”), hanno nient’altro che erba e tavoli da picnic lungo la strada. Solo coloro che percorrono fuori del percorso troveranno le imponenti rovine del villaggio palestinese in cui gli sfollati hanno desiderio di tornare.

“Abbiamo cercato di mettere un cartello vicino alla chiesa una volta, solo in modo che le persone che vengono qui per un picnic possano conoscere la nostra storia, ma la Nature and Parks Authority l’ha tirato giù”, dice Kassan Makhoul, un giovane i cui genitori erano solo dei bambini quando i soldati ordinarono loro di uscire dalle loro case e li mandarono a dormire nei campi circostanti e nelle grotte. “Non capisco come Israele si aspetta di vedere noi a condividere l’onere (del servizio militare / nazionale, HM) senza darci la parità di diritti. Come si può semplicemente rubare la terra di un cittadino e ancora aspettarsi qualcosa da lui? Anche se tu avessi la più piccola e più brutta delle case del mondo, ancora non si vorrebbe essere sradicati, perché è la tua. “

http://972mag.com/anti-christian-graffiti-sprayed-on-church-in-destroyed-galilee-village-of-birem/63190/

…………………………………………………………………..

ISRAELE: 17 MILITARI SCAPPANO DALLA BRIGATA GOLANI

TELAVIV – Scandalo nell’esercito israeliano dopo che 17 militari della famigerata brigata Golani risultano essere scappati sul monte al Shaikh.
Secondo Yedioth Ahronoth, la fuga è seguita addirittura ad una ribellione dei soldati contro il comandante della unità 12 della brigata. I militari fuggitivi sono stati seguiti e successivamente arrestati e già condannati a diverse pene tra cui anche diversi giorni di reclusione. La base militare della brigata Golani, sul monte al Shaikh, e’ di importanza strategica perchè vicina sia alla Siria che al Libano.

http://italian.irib.ir/notizie/mondo/item/119060-israele-17-militari-scappano-dalla-brigata-golani

…………………………………………………………………..

ISRAELE INCONTRA I RIBELLI SIRIANI PER PREPARARE UN INTERVENTO NEL GOLAN
(Dateci i resti di Eli Cohen)

Il rendez-vous ad Amman, in Giordania. Da lì passano tutti i preparativi d’azione di Gerusalemme per la crisi in Siria

Il giornale arabo al Quds al Arabi scrive che c’è stato un incontro tra militari israeliani e ribelli siriani in campo neutro, ad Amman, capitale della Giordania, “per preparare un’eventuale operazione israelo-americana e mettere in sicurezza le alture del Golan”. L’altopiano del Golan è un’area di confine contesa da Siria e Israele fin dalla Guerra dei sei giorni del 1967. Particolare che aggiunge verosimiglianza alla notizia: gli israeliani hanno subito chiesto ai ribelli siriani un aiuto per recuperare le spoglie di Eli Cohen, la cui esecuzione a Damasco fu uno dei capitoli più disperati nella storia dello spionaggio di Israele. Cohen, abilissimo infiltrato del Mossad, riuscì a diventare viceministro della Difesa siriana prima di essere scoperto da agenti russi (già allora collaboravano con Damasco) mentre passava informazioni via radio e di essere impiccato durante una diretta della tv di stato siriana nel 1965. La restituzione delle sue spoglie a Israele è un tema simbolico ancora vivissimo. Quando nel 2010 il penultimo capo del Mossad, Meir Dagan, lasciò il suo incarico disse che il suo più grande rimpianto era di non essere riuscito a ottenere indietro i resti di Cohen dal presidente siriano Bashar el Assad.

La notizia dell’incontro con gli israeliani può danneggiare l’immagine dei ribelli coinvolti – perché i siriani guardano con ostilità a Israele e lo accusano con vaghezza di appoggiare con armi e materiali il regime di Assad (che rivolta la frittata senza battere ciglio e sostiene che i ribelli sono “terroristi armati da Israele e dall’America”) ma farà di certo sobbalzare parecchia gente sulla sedia. La guerra civile siriana avrà conseguenze che toccheranno Israele, che però per adesso sembrava avere scelto il ruolo dello spettatore silenzioso (tranne un’offerta di “aiuto umanitario” ai ribelli fatta a luglio e respinta sdegnosamente). In realtà il governo di Gerusalemme si sta muovendo: a fine dicembre il giornale arabo al Quds al Arabi ha scritto (sempre lui, poi però sono arrivate le conferme dei media israeliani: per questo ora la notizia dell’abboccamento con i ribelli è considerata credibile) che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha incontrato durante una visita segreta re Abdullah II di Giordania, per chiedere il suo assenso a un’operazione dentro la Siria contro le armi chimiche del governo.

Netanyahu è consapevole che la Siria considererebbe la Giordania complice di ogni possibile intervento. Due le opzioni presentate ai giordani: uno strike aereo preventivo contro i siti o un’azione di terra con 8.000 soldati, entrambe però respinte. Il 3 dicembre la rivista americana Atlantic Monthly ha raccontato che militari israeliani sono stati ad Amman in ottobre e in novembre con le stesse richieste ai giordani (sempre rifiutate) e che Israele sorveglia il confine siriano con i droni. Martedì è arrivata la notizia della costruzione di una barriera protettiva lunga 56 km sul Golan, confine che un tempo Israele non considerava pericoloso. Dall’altra parte, la maggior parte del territorio è ormai in mano ai ribelli, come ha detto a luglio l’ex ministro della Difesa israeliano Ehud Barak. Nota en passant: il capo di al Qaida in Siria si chiama “al Golani”, perché viene dal Golan.

http://www.ilfoglio.it/soloqui/16419?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+ilfoglio_generale+%28Il+Foglio+.it%29

…………………………………………………………………..

ISRAELE NON DICE QUANTI SUOI SOLDATI SI UCCIDONO OGNI ANNO….

I suicidi dei soldati israeliani: la storia non raccontata

da César Chelala
Pubblicato il Giovedi, January 3, 2013 da Common Dreams

Le statistiche rilasciate dalla Forze di Difesa Israeliane (IDF) mostrano che negli ultimi 10 anni, 237 soldati si sono suicidati. Quel numero rappresenta una media di 24 soldati che si tolgono la vita ogni anno. Il rilascio delle statistiche IDF è stato richiesto dalle informazioni relative ai suicidi pubblicati in forma anonima da un blogger conosciuto come “Eishton”, una combinazione di parole ebraiche per “uomo” e “quotidiano”.

Dopo aver rilasciato informazioni sui suicidi nelle forze armate, Eishton è stato studiato da Israele e la Polizia Militare. Ciò che rende questi suicidi preoccupanti è non solo il numero di morti, ma ciò che ha spinto questi giovani soldati a togliersi la vita. Poiché il blogger ha trovato una significativa disparità tra le statistiche ufficiali di mortalità pubblicate dalle forze di sicurezza e il numero di “memoria” delle pagine del sito web ufficiale di commemorazione “Yizkor”, egli ha creduto che il numero dei suicidi fosse molto più alto di quello indicato nelle statistiche ufficiali.

Una ragione di questa differenza può essere il modo in cui viene descritta una morte. E ‘noto che le famiglie di quei soldati morti non li vogliono classificati come suicidi. Questo potrebbe essere il motivo, secondo fonti dell’IDF, perché l’esercito israeliano si rifiuta di pubblicare i numeri esatti, comprese le circostanze della morte di ogni soldato.

Uno psichiatra citato in un articolo su Haaretz afferma che vi è una differenza significativa nel profilo di un suicidio nell’esercito a differenza di altri suicidi. Secondo lui, mentre la maggior parte di suicidi nella popolazione generale sono commessi da individui che sono clinicamente depressi, la maggior parte dei soldati che si suicidano sono persone che sono fisicamente e mentalmente sane, ma passano attraverso una crisi acuta della vita.

Eishton dice che il tasso di suicidi tra i soldati è superiore al tasso tra i cittadini in età da esercito che non servono nelle forze armate. Egli chiede che l’esercito renda noto il nome di ogni soldato con la vera causa della morte e dice: “Non sono solo i suicidi il problema, è il problema che [l’esercito] vogliono farci pensare che ogni soldato caduto è morto al servizio del suo paese. “

Cosa spiega i suicidi dei soldati? Una spiegazione può essere che essi sono tenuti a compiere azioni che vanno contro i loro principi morali e le credenze. Breaking the Silence , un’organizzazione fondata nel 2004, ha pubblicato nel 2009 un libro di testimonianze controverse sulla Operazione Piombo Fuso, le tre settimane di invasione della Striscia di Gaza che ha spinto il ministero degli Esteri di Israele a chiamare la Spagna, i Paesi Bassi e altri governi stranieri a tagliare i fondi per l’organizzazione.

Questa organizzazione ha ora un libro di testimonianze dei soldati chiamato ” La nostra logica difficile: Testimonianze dei soldati israeliani dai territori occupati, 2000-2010″, che contiene 145 interviste raccolte dalla ONG israeliana. Queste testimonianze offrono indizi su come i soldati si sentono circa l’occupazione e le tattiche utilizzate per reprimere l’opposizione ad essa dei palestinesi.

Una testimonianza, da un sergente maggiore della Brigata Nahal a Hebron, descrive il modo in cui ha trattato due bambini della scuola che lanciavano petardi mentre tornavano a casa dopo la scuola. Quando è stato chiesto se avesse visto i ragazzi lanciando petardi e quanti anni avevano, rispose:

“No, no, no. Non abbiamo visto loro che lanciavano. Li abbiamo appena visti di passaggio. Essi potevano essere gli esecutori. Non mi ricordo, ma mi ricordo che li abbiamo fermati per perquisirli . Uno di loro era veramente piccolo … Poteva avere quattro o cinque anni. Un bambino molto piccolo, con il fratello … Forse anche della scuola materna o la prima elementare … E tu stavi loro facendo una perquisizione. Lui e suo fratello, che era solo un po ‘più grande.

“Naturalmente non abbiamo puntato la pistola contro di lui, per non spaventarlo, ma questo è un altro problema difficile per me, un altro confronto con Hebron. Stai cercando a un tratto un ragazzino. Incredibile. Ho fatto la perquisizione, e sono rimasto scioccato. Mi sentivo così, posso dirti, mi sono sentito così immorale, al momento, mi sentivo così disumano. Ok, quindi l’arma non era puntata contro di lui, e tu non lo stai minacciando, non stai urlando contro di lui. Stai ispezionando proprio lui … E ‘qualcosa cui si può mettere? Non lo so. Mi fa male. Come ho già detto, io sono una persona istruita. Ho lavorato con i giovani, con i bambini. Sono stato con bambini di prima elementare nel mio pre-servizio militare. Improvvisamente immagina di fare questo a un bambino con cui hai lavorato con in classe, insegnandogli aritmetica. Proprio come un bambino piccolo, la stessa altezza, la stessa età, e lo stiamo perquisendo. Non è umano. “

http://www.commondreams.org/view/2013/01/03-5

…………………………………………………………………..

ISRAELE: COMPLETATA LA RECINZIONE LUNGO IL CONFINE CON L’EGITTO (La costruzione ha richiesto 2 anni di lavori ed è costata circa 420 milioni di dollari.)

Israele ha completato ieri la costruzione di una recinzione di filo spinato, lunga 230 chilometri ed alta 5 metri, lungo il confine con l’Egitto.
La barriera è dotata di moderni sistemi di sicurezza ed è stata progettata per impedire a militanti islamici, narcotrafficanti, migranti e richiedenti asilo di entrare in Israele dall’Egitto.
La costruzione ha richiesto due anni di lavori ed è costata circa 420 milioni di dollari.
“Questo è un grande risultato. È stato fatto l’impossibile (…) Lo scorso mese sono entrati illegalmente, e subito dopo sono stati arrestati, 36 immigrati. Lo scorso anno ne erano entrati 2.153″, ha detto ieri il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, durante la cerimonia che ha segnato la fine dei lavori.
La barriera entra a pieno titolo nella campagna elettorale in corso per le prossime elezioni legislative. Netanyahu sta cercando di sfruttare le sue ultime iniziative anche alla luce di un movimento anti-immigrati che ha preso corpo in particolare a Tel Aviv.

http://www.atlasweb.it/2013/01/03/israele-completata-la-recinzione-lungo-il-confine-con-legitto-579.html

…………………………………………………………………..

GAZA: GRANDE FOLLA PER IL FATAH DAY, E ABU MAZEN PARLERA’ PER TELEFONO PER LA PRIMA VOLTA DAL 2007

GAZA, 4 GEN – Una folla straboccante ha invaso stamane una grande piazza nel centro di Gaza e tutte le strade vicine per le celebrazioni del 48.mo anniversario della fondazione di al-Fatah.
E’ la prima volta che al-Fatah puo’ tenere a Gaza una manifestazione del genere da quando nel 2007 Hamas vi ha assunto il controllo con la forza. Il programma prevede un intervento (per telefono) del presidente dell’Anp Abu Mazen e messaggi di saluto delle diverse fazioni politiche palestinesi, fra cui Hamas.

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDNotizia=581865&IDCategoria=2686

…………………………………………………………………..

L’ESCALATION DELLA VIOLENZA ISRAELIANA IN CISGIORDANIA

Molti palestinesi feriti nell’invasione dell’esercito a Jenin

Giovedi 3 Gen, 2013 00:49 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni e agenzie

Fonti locali a Jenin, nel nord della Cisgiordania occupata, hanno riferito che diversi palestinesi sono stati feriti dal fuoco dei militari israeliani , giovedi mattina, durante gli scontri che hanno avuto luogo dopo che l’esercito ha invaso la città e circondato un edificio apparentemente in un tentativo per assassinare un combattente palestinese.

Fonti mediche riferiscono che almeno dieci palestinesi sono stati trasferiti in un ospedale locale con sofferenza per ferite lievi, mentre un altro palestinese ha riportato ferite moderate, quando decine di giovani hanno lanciato pietre e bottiglie vuote contro i soldati invasori. Decine di soldati israeliani con jeep blindate hanno circondato un edificio residenziale prima irrompendo in esso e perquisendo diverse abitazioni. I rapporti iniziali hanno indicato che l’esercito ha assassinato un combattente delle Brigate Al-Quds, il braccio armato della Jihad islamica, ma è apparso chiaro in seguito che il combattente è riuscito a fuggire dal palazzo prima che l’esercito lo raggiungesse. I soldati hanno sigillato l’intera area e impedito ai residenti di entrare o uscire da essa.

In precedenza, sempre giovedi, l’esercito ha invaso la città di Beit Ummar , a nord di Hebron, ed ha arrestato due residenti identificati come Nizar Ali Awad , 18 anni, e Rafat Mustafa Awad, 15. Vale la pena ricordare che Nizar era stato colpito e ferito, pochi giorni fa, da un proiettile sparato da un soldato israeliano, ed è stato rapito oggi, mentre ancora stava recuperando dal suo infortunio.

Sempre giovedi , diversi veicoli blindati militari israeliani e bulldozer militari hanno invaso la zona centrale di Gaza e raso al suolo vaste aree di terra palestinese. Fonti locali hanno riferito che l’esercito ha sparato anche colpi di munizioni dal vivo durante l’invasione, mentre un elicottero militare sorvolava sull’area.

Il mercoledì precedente i soldati hanno rapito quattro palestinesi , ex prigionieri politici, a Beit Ummar, e si sono scontrati con i giovani locali, con diversi feriti. Mercoledì sera, i soldati hanno rapito tre palestinesi del quartiere Al-Esawiyya , nella zona occupata di Gerusalemme Est, mentre la Corte del Distretto di Gerusalemme ha esteso la custodia cautelare di due palestinesi che sono stati recentemente rapiti dall’esercito, e ha ordinato il rilascio di undici palestinesi. I palestinesi rapiti sono stati identificati come Monir Kayed Mahmoud, Mohammad Jamal Atiyya, e Ayman Awni Atiyya, che sono stati fatti prigionieri dopo che i soldati hanno fatto violentemente irruzione nelle loro case perquisendole . La Corte ha anche deciso di tenere un palestinese in custodia fino alla prossima domenica, per sottoporlo a interrogatori. E ‘stato identificato come Rami Othman. Un altro residente, identificato come Fadi Mahmoud, rimarrà sotto interrogatorio fino a venerdì, mentre due residenti identificati come Mahmoud Alaa ‘e Dirbaas Khalid sono stati rilasciati sotto cauzione.

http://www.imemc.org/article/64817

…………………………………………………………………..

UNA LETTERA DAL CARCERE DI SAMER ISSAWI

(Nota della pagina: ricordiamo a tutti che lunedì 7 gennaio è prevista una giornata internazionale di solidarietà con Samer, digiunando tutti insieme)

Samer Issawi: Voglio ringraziare tutti coloro che mi stanno sostenendo

Inviato da: Ahrar Posted date: 30 dicembre, 2012

Ahrar-
Samer al-Issawi, che è in sciopero della fame da 156 giorni, ha detto in una lettera ricevuta dal suo avvocato: Io soffro di forti mal di testa, dolori della colonna vertebrale, dolore al petto, ai muscoli e alle articolazioni dolori, bruciori di stomaco, vomito liquidi gialli e verdi, ho dolori renali e non posso camminare con il piede destro.

I medici mi hanno detto che sono in un periodo molto difficile, ogni giorno passa nel mio sciopero della fame aumenta il rischio di avere un ictus, paralisi o morte improvvisa. Ma li ho confermato che continuerò il mio sciopero della fame fino a quando non avrò la mia libertà.

Sono stato in grado di raggiungere il 90% dei miei obiettivi nel mio sciopero della fame, che dovevano consegnare la mia voce agli egiziani, il secondo obiettivo è quello di mantenere i risultati della offerta di prevenzione per il nuovo arresto di prigionieri liberati in questa operazione, ho mantenuto il prestigio dell’Egitto come mediatore in questa operazione e per preservare il sangue dei martiri di Gaza. Così solo rimane ancora solo il 10% dei miei obiettivi, che è qualcosa di piccolo: “la mia libertà”.

Nel corso di questo lungo periodo, l’occupazione ha cercato di mettermi paura da parte dei medici che ero vicino alla morte, ma io ci sono ancora e continuerò a essere forte e proseguirò lo sciopero della fame fino alla libertà. La mia vittoria non è solo per me, ma per tutti coloro che mi hanno sostenuto con lettere, messaggi, manifestazioni, sit-in, appelli, e preghiere. Voglio ringraziare i miei fratelli che sono in sciopero della fame alla Croce Rossa a Gerusalemme.Mi avete insegnato tutti che siamo una nazione, grazie al comitato di Gerusalemme dei prigionieri e all’associazione dei detenuti .
Voglio ringraziare i figli del mio villaggio di Issawiye, che sono saldi e dimostrano che Gerusalemme è una città araba e rimarrà araba.

http://ahrar.ps/e/?p=2039

…………………………………………………………………..

TESTIMONIANZE DA “PIOMBO FUSO”: LA STORIA DI GHADA E DELLA SUA FAMIGLIA

Il 29 marzo, dieci settimane dopo aver dato la sua testimonianza a B’Tselem, Ghada Abu Halima è morta in un ospedale egiziano per le ferite subite, quando fu colpita dal fosforo bianco.

Testimonianza: I membri della famiglia Abu Halima uccisi e bruciati nel bombardamento dell’esercito della loro casa, 3 gennaio 2009

Ghada Abu Halima, 21 anni

Fino alla settimana scorsa, ho vissuto con mio marito, Muhammad, 24 anni, e le nostre due bambine, Farah, 3, e Aya, 6 mesi, a Sifa, un sezione di Beit Lahiya. Abitavamo nella stessa casa dei genitori di Muhammad, Sa’dallah Abu Halima, 44 anni, e Sabah Abu Halima, 44 anni, e i suoi fratelli e sorelle: ‘Omar, 18 anni, Yusef, 16,’ Abd ar-Rahim, 13, Zeid, 11, Hamzah, 10, ‘Ali, 4, e la piccola Shahd, 1.

La nostra casa era a due piani. Al primo piano ci sono 250 metri quadrati di magazzini, e vivevamo al secondo piano. Siamo contadini e abbiamo la terra vicino alla casa.

Sabato sera [3 gennaio], jet israeliani hanno sganciato volantini invitando i residenti della zona a lasciare le loro case. L’esercito aveva fatto la stessa cosa in incursioni precedenti e non eravamo usciti di casa, così anche questa volta, abbiamo deciso di non partire.

Verso le 4 del pomeriggio del giorno successivo [4 gennaio], quando tutta la famiglia era in casa, l’esercito ha iniziato a bombardare la nostra zona. Pochi minuti dopo, bombe sono atterrate sulla nostra casa. Un incendio è scoppiato in casa e diversi membri della famiglia bruciati a morte: mio suocero, la sua figlioletta Shahd, e tre dei suoi figli – ‘Abd ar-Rahim, Zeid e Hamzah.

Mia suocera e i suoi figli Yusef, ‘Omar e’ Ali hanno subito ustioni. Il fuoco si propagò in tutta la casa. Stavo tenendo mia figlia Farah e stavamo entrambe bruciando troppo. I miei vestiti erano andati in fiamme, e alcuni pezzi della mia pelle e della pelle di Farah erano stati bruciati. Per fortuna, mia figlia Aya non si era fatta male. Ho strappato i vestiti di dosso al mio corpo e ho gridato che stavo bruciando. Ero nuda davanti a tutti in casa. Il mio corpo era in fiamme e il dolore era straziante. Sentivo l’odore della mia carne che bruciava. Ero in una condizione orribile. Ho cercato qualcosa per coprirmi e ho gridato continuamente. Il fratello di mio marito si tolse i pantaloni e me li diede da indossare. La parte superiore del mio corpo restante è rimasta nuda fino a quando mio marito è venuto e mi coprì con la sua giacca.

Poi corse alla strada per trovare un’ambulanza o trovare qualcuno per aiutarci a portare i morti e di feriti fuori di casa. Non è stato possibile trovare un’ambulanza o un veicolo antincendio. I suoi cugini, che vivono vicino a noi, Matar e Muhammad-Hikmat Abu Halima, sono venuti ad aiutare. Mio marito mi sollevò e Nabilah, sua zia, prese Farah. Un’altra zia, che è venuta ad aiutare, prese Aya.

Muhammad, Farah, Nabilah, suo figlio ‘Ali,’ Omar, Matar e tutti eravamo su un vagone attaccato a un trattore. Muhammad Hahmat ha guidato, in direzione dell’ ospedale Kamal Adwan ‘. Abbiamo anche preso il corpo della bambina Shahd. Abbiamo lasciato tutti gli altri in casa.

Lungo la strada, abbiamo visto soldati a circa 300 metri da al-‘Atatrah Square. Muhammad ha fermato il trattore e all’improvviso, i soldati hanno aperto il fuoco contro di noi. Hanno ucciso Matar e Muhammad-Hikmat. ‘Ali fu ferito e riuscì a scappare con Nabilah e’ Omar.

I soldati hanno detto a mio marito di spogliarsi, cosa che fece. Poi gli rimisero le sue vesti e i soldati ci hanno detto di continuare a piedi. Abbiamo lasciato i tre corpi nel carro. Mio marito, Farah, e io abbiamo camminato verso la piazza, dove abbiamo trovato una macchina che si trovava a passare da lì. Ci ha portato allo Shifaa Hospital. Erano circa le 06:00 quando siamo arrivati in ospedale.

Sono ancora ricoverata in ospedale. Tutto il mio corpo è stato bruciato, e quindi anche la mia faccia. Farah ha ustioni di terzo grado. Siamo stati chiamati ad un ulteriore trattamento in Egitto e hanno cercato di portarci a Rafah in ambulanza, ma l’esercito ha sparato a noi lungo il cammino. Il conducente è stato leggermente ferito al volto e ha guidato per tornare in ospedale. Ora siamo in attesa di autorizzazione a partire per l’Egitto.

Ghada Riad Rajab Abu Halima, 21 anni, sposata con due figli, residente a Beit Lahiya, nella Striscia di Gaza. La testimonianza è stata data a Muhammad Sabah nell’ ospedale Shifaa il 9 gennaio 2009.

http://www.btselem.org/testimonies/20090104_abu_halima_home_set_on_fire_by_shelling

…………………………………………………………………..

RICOSTRUIRE CIO’ CHE VIENE DISTRUTTO: L’OSTINATA LOTTA DEL VILLAGGIO PALESTINESE DI AL MUFAQARA

Al Mufaqara ricostruisce la sua moschea demolita per la terza volta

DA JESSICA PURKISS- 1 GENNAIO, 2013

Il 22 dicembre i residenti del villaggio di Al Mufaqara nelle colline a sud di Hebron hanno cominciato a rimuovere i resti della loro moschea in preparazione per la sua ricostruzione, dopo che è stata distrutta dall’esercito israeliano il 4 dicembre.

Questa sarà la terza volta che la moschea sarà ricostruita dopo la sua seconda demolizione in due anni. Gli abitanti del villaggio di Al Mufaqara avevano appena finito di mettere il tetto quando arrivarono le ruspe.

I residenti sono stati raggiunti da circa 20 attivisti internazionali che sono venuti a manifestare la loro solidarietà con il villaggio. Circa 30 soldati israeliani, che erano arrivati in quattro jeep militari di prima mattina, sorvegliavano il gruppo dopo un primo tentativo di evitare che gli attivisti entrassero al paese, in primo luogo.

“Il collaborare nel costruire una moschea, che è un simbolo per noi e l’ Islam- dimostra che siamo mano nella mano”, ha detto Yousef dal vicino villaggio di Yatta.

Al Mufaqara si trova in un luogo che l’esercito israeliano ha dichiarato ‘zona di tiro’ adiacente alla linea verde. Il villaggio risiede anche nella zona C, una regione che rientra sotto il totale controllo militare e amministrativo israeliano .

Area C costituisce circa il 60% della Cisgiordania. Nonostante questo, Israele nega cittadini palestinesi il diritto di costruire il 70% di questa terra.

Una storia di resistenza

Al Mufaqara è una storia di resistenza, costellata di sfratti, ordini di demolizione e arresti. Nel 1999, gli abitanti del villaggio sono stati sfrattati dalla loro terra dopo solo 24 ore di preavviso. A seguito del ricorso all’Alta Corte israeliana furono in grado di ritornare nella loro terra sei mesi più tardi. Tuttavia l’esercito israeliano impedisce tuttora la costruzione di tutte le strutture su di essa.

Le autorità israeliane sostengono la legalità su due punti. Il primo si basa su un piano generale del territorio, approvato dalle autorità del Mandato Britannico nel 1942 in cui l’area è stata suddivisa in zone per l’agricoltura, quindi limitante la costruzione di edifici.

Questo tiene conto del fatto che gli insediamenti ebraici nella stessa zona non sono sotto le stesse restrizioni, infatti hanno una traccia separata di pianificazione per la quale le autorità israeliane hanno apportato le necessarie modifiche ai piani britannici.

In secondo luogo l’esercito israeliano ha assegnato la terra come una ‘zona di tiro’ e sostiene che si tratta di ‘necessità operative’ che questa terra sia sgombra dai residenti.

Ciò ha portato la gente di Al-Mufaqara a soggiornare in case-grotte che mancano di servizi essenziali e al tempo stesso a essere circondata da quattro insediamenti, in cui tutti godono di accesso all’energia elettrica e acqua.

Mentre i palestinesi nella zona di South Hebron Hills consumano appena 28 litri di acqua pro capite al giorno , al di sotto della quantità che l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda in 100 litri e in linea con le regioni come il Darfur, quelli negli avamposti dei coloni che la circondano consumano 211 litri pro-capite al giorno.

Molte delle famiglie stanno anche da 10 a 15 membri in una grotta angusta, e così i residenti sono stati costretti a espandere le grotte, invece di costruire case. Secondo Mahmoud Zawahre dal Comitato Popolare di Coordinamento Lotta, i rischi per la salute di questo sono gravi e un gruppo di ricercatori che è venuto a condurre studi sulle grotte ha trovato alti livelli di radiazioni.

Con l’aiuto del coordinamento del Comitato di Lotta Popolare il paese continua a combattere l’occupazione con la sua stessa esistenza.

“Queste persone non sono beduini, sono una vera e propria comunità che vive qui. Vivono qui, sono nati qui e i loro genitori sono nati qui. Loro hanno motivato noi, invece di noi a loro “, ha detto Mahmoud Zawahre.

Parlando della battaglia costante con le autorità israeliane Zawahre ha detto: “distribuiscono gli ordini di evacuazione nella zona per motivi di sicurezza e mettono gli ordini dove nessuno li può vedere. Gli abitanti del villaggio hanno diritto di ricorso per una settimana, ma nel momento in cui li scoprono e e preparano i documenti la settimana è finita. “

Gli abitanti del villaggio devono essere sempre pronti a difendere la loro esistenza.

“Non abbiamo alcun sostegno da parte del governo, sono venuti solo a vedere e parlare, ma non hanno mai fatto nulla”, ha detto un abitante del villaggio da dentro la sua caverna.

“E ‘molto importante ricostruire qualsiasi cosa l’occupazione distrugga, mantenere la nostra esistenza, naturalmente la nostra lotta è quella di fermare l’occupazione e buttarla fuori, ma questo è uno dei nostri modi di sfidare”, ha detto Kopty Abir del Comitato Popolare .

http://www.palestinemonitor.org/?p=9007

…………………………………………………………………..

 

SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , , , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam