Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

martedì 8 gennaio 2013

L’OFFENSIVA COLONIALE ISRAELIANA A GERUSALEMME E’ DIRETTAMENTE COLLEGATA ALLE IMMINENTI ELEZIONI

Funzionari del Likud ammettono che la decisione sull’espansione coloniale è direttamente collegata alle imminenti elezioni parlamentari. “Prima delle elezioni, c’è bisogno di definire le posizioni – ha detto un ministro del Likud al sito israeliano NRG – Abbiamo finalmente compreso che gli elettori del Likud sostengono le costruzioni a Gerusalemme e nelle colonie e accolgono di buon grado tali decisioni. Questo contrasta con il modo in cui le stesse decisioni vengono dipinte dai media”.
Il comitato di pianificazione del Ministero degli Interni israeliano ha approvato mercoledì 19 dicembre un progetto per la costruzione di 2.610 nuove case a Givat Hamatos, colonia a Nord dell’insediamento di Har Homa e a Ovest di quello di Gilo, nelle aree che Israele ha annesso a Gerusalemme dopo la Guerra dei Sei Giorni del 1967.

http://www.palestinarossa.it/

……………………………………………………………..

EMERGENZA FARMACI A GAZA: ESAURITE LE SCORTE DI MEDICINALI ESSENZIALI E FORNITURE MEDICHE

Più di 600 farmaci spariti a Gaza

Martedì 8 gennaio 2013 06:15 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni e agenzie

Il Ministero della Sanità palestinese nella Striscia di Gaza ha riferito che più di 602 tipi di farmaci e forniture mediche non si trovano a Gaza, tra cui diversi tipi di farmaci essenziali come farmaci per il cuore e quelli utilizzati dai pazienti che soffrono di anemia.

Il ministero ha detto che, dalla fine del 2012, la Striscia di Gaza ha esaurito 160 tipi di farmaci e 442 tipi di forniture mediche, aggiungendo che la maggior parte dei farmaci mancanti e le forniture sono urgentemente necessarie in quanto sono utilizzate in unità di terapia intensiva, anestesia , cure urgenti, trattamento delle disfunzioni renali, e molti altri tipi di condizione di salute.

Il ministero ha anche avvertito che tutte le procedure di cauterizzazione cardiaca possono smettere in qualsiasi momento a causa della mancanza di forniture, aggiungendo che i chirurghi non saranno in grado di eseguire qualsiasi tipo di intervento chirurgico al cuore.

Ha inoltre dichiarato che la mancanza di farmaci ha influito sulla salute delle donne incinte, neonati e bambini, e ha avvertito che centinaia di pazienti potrebbero morire se continua il blocco israeliano.

Vale la pena ricordare che centinaia di pazienti sono morti negli ospedali della Striscia , dal momento che Israele ha imposto il suo assedio mortale a Gaza a metà del 2006, a causa della mancanza di farmaci, attrezzature mediche e forniture, e’assedio israeliano di Gaza ha lasciato o centri medici privi di rifornimenti urgenti.

http://www.imemc.org/article/64837

……………………………………………………………..

NEL 2012 ISRAELE HA ARRESTATO 68 MINORENNI PALESTINESI A BEIT UMMAR

News Rapporti e statistiche – 7/1/2013

Al-Khalil (Hebron) – InfoPal. Dati pubblicati dal Comitato popolare contro l’insediamento e il comune di Beit Ummar, a nord di Hebron, hanno rivelato che nel 2012, le forze di occupazione israeliane hanno effettuato 256 incursioni nel villaggio palestinese, arrestando 127 cittadini, 68 dei quali avevano meno di 18 anni.

I dati hanno anche evidenziato che il mese di dicembre dell’anno appena concluso ha registrato il numero più alto di arresti, con 20 cittadini di Beit Ummar finiti nelle carceri israeliane.

Secondo il rapporto, sempre nel 2012, 32 studenti del villaggio sono stati arrestati, altri quattro cittadini sono stati colpiti dal fuoco israeliano e 18 sono stati bersaglio diretto del lancio di bombe sonore e gas lacrimogeni, o hanno subito percosse. Nello stesso anno, 86 palestinesi di Beit Ummar sono rimasti feriti dai proiettili di gomma, mentre centinaia sono rimasti intossicati per aver inalato gas lacrimogeno.

Il rapporto ha anche registrato 32 aggressioni, compiute da soldati e coloni israeliani contro i contadini e i cittadini del villaggio, la maggior parte delle quali si è concentrata nella zona adiacente all’insediamento Bat Ayin, mentre altre aggressioni si sono verificate all’ingresso di Beit Ummar. Inoltre, nell’anno appena concluso,146 alberi di mandorli e viti sono stati sradicati.

Il rapporto ha anche reso noto che Israele, e con il pretesto delle mancate licenze, ha consegnato avvisi di demolizione a dieci proprietari di case e strutture, situate nelle zone di Shu’ub al-Sair e sulla via principale del villaggio. Mentre il servizio d’intelligence israeliano ha recapitato 47 avvisi di apparizione ad altrettanti cittadini di Beit Ummar.

http://www.infopal.it/nel-2012-israele-ha-arrestato-68-minorenni-palestinesi-a-beit-ummar/

……………………………………………………………..

NEL 2012 ISRAELE HA AGGREDITO I GIORNALISTI PALESTINESI IN 177 OCCASIONI

Evidenza Giornalisti nel mirino Rapporti e denunce – 8/1/2013

Ramallah-InfoPal. Dati ufficiali palestinesi confermano che le violazioni israeliane della libertà di stampa nei territori palestinesi occupati, sono continuate nel corso del 2012.

Un rapporto pubblicato dall’agenzia stampa ufficiale dell’Autorità palestinese (Anp), lunedì 7 gennaio, riferisce di 177 aggressioni, tra cui tre omicidi mirati, commessi dalle autorità israeliane contro i giornalisti palestinesi durante lo scorso anno.

La relazione, che viene rilasciata annualmente, ha confermato che “le forze di occupazione israeliane continuano a perseguitare e aggredire i giornalisti, con aerei da guerra, proiettili e gas lacrimogeni, o con gli arresti, le percosse e i processi davanti ai tribunali. Il tutto nel quadro di una politica sistematica atta a sequestrare la verità, imbavagliare la libertà di opinione e di espressione per coprire i crimini quotidiani che Israele commette contro i civili palestinesi, e evitare che vengano rivelati all’opinione pubblica mondiale”.

La relazione ha osservato che “nonostante i giornalisti godano di una speciale immunità, sancita dal diritto internazionale umanitario, quelli palestinesi continuano ad essere oggetto del fuoco, degli abusi, della repressione, dellla tortura e dei trattamenti degradanti delle forze israeliane”.

Il rapporto ha anche evidenziato i “tre omicidi che Israele ha commesso, a sangue freddo, lo scorso mese di novembre, quando un missile israeliano ha ucciso Mohammed Abu Eisha, 24 anni, manager del canale televisivo al-Quds Educational Television, mentre si trovava a bordo della sua auto a Deir al-Balah. La stessa sorte è toccata ai due cameraman dell’emittente al-Aqsa Satellite Channel di Gaza, quando un caccia israeliano ha lanciato un missile contro l’auto sulla quale viaggiavano nella via ‘Izz al-Din al-Qassam, nel quartiere di Nassr, a Gaza”.

Inoltre, spiega il rapporto, “Israele non si è limitato ad assassinare, arrestare e trattenere per lunghissime ore i giornalisti ai posti di blocco militari, esso ha anche colpito, e barbaramente distrutto, le sedi di alcune istituzioni mediali palestinesi, specialmente durante la sua ultima aggressione contro la Striscia di Gaza”.

http://www.infopal.it/nel-2012-israele-ha-aggredito-i-giornalisti-palestinesi-in-177-occasioni/

…………………………………………………………….

 

Piogge da record, Israele sott’acqua. Danni e disagi, situazione critica.

NON VA MEGLIO NELLO STATO PALESTINESE DOVE IERI VENTO E ACQUAZZONI HANNO CREATO NOTEVOLI DISAGI A NABLUS, TULKAREM, RAMALLAH , E GAZA

(foto e video all’interno del link)

La pioggia battente che dilaga da giorni in Israele, la più pesante da 10 anni a questa parte, sta provocando seri disagi nel Paese e soprattutto a Tel Aviv. Negli ultimi tre giorni sono caduti 260mm ad Har-knaan, 218mm a Tel Aviv, 193mm a Beit Dagan. A causa degli allagamenti provocati dalle inusuali precipitazioni e dalla possibilità che il torrente Ayalon straripi, il comune ha deciso oggi di chiudere un tratto dell’autostrada che lambisce la citta’ e costituisce l’anello di congiunzione del traffico tra il nord e il sud, compreso l’aeroporto Ben Gurion.
Le autorita’ sconsigliano di raggiungere Tel Aviv in auto se non per casi di estrema necessita’ e hanno dirottato il traffico su strade alternative che si sono subito intasate. Ma anche la circolazione ferroviaria ha subito gravi ripercussioni per l’allagamento di alcune stazioni di Tel Aviv e fuori citta’. Le pessime condizioni atmosferiche – e le previsioni restano negative per i prossimi giorni – hanno provocato danni e problemi in tutto il resto del paese, inclusa Gerusalemme dove ora e’ attesa la neve. Il fiume Giordano a nord sta raggiungendo la piena ed e’ gia’ straripato in alcune zone agricole vicine, mentre il livello del lago di Tiberiade e’ cresciuto in modo sensibile e per la prima volta in molti si sta valutando la possibiluta’ di aprire la diga di Degania alla sua estremita’ meridionale. La pioggia e’ accompagnata da un forte vento che ha abbattuto alberi e cartelloni. Non va meglio nei Territori palestinesi dove ieri vento e acquazzoni hanno creato notevoli disagi a Nablus, Tulkarem e Ramallah.

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=ie5tXQEzKrE VIDEO

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=A6puca6X89c VIDEO

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=MHquXyOXRe8 VIDEO

http://www.meteoweb.eu/2013/01/piogge-da-record-israele-sottacqua-danni-e-disagi-situazione-critica-foto-e-video/175886/

……………………………………………………………..

 

APPELLO PER GAZA DA MUSIC FOR PEACE. 

https://www.facebook.com/notes/music-for-peace-creativi-della-notte/music-for-peace-e-il-secondo-container-servono-500-pacchi-famiglia-entro-il-1401/10151158491361991

 

……………………………………………………………..

APPELLO A ISRAELE DELLA COMUNITA’ RELIGIOSA EBRAICA NEGLI STATI UNITI PERCHE’ FERMI IL PIANO DEI NUOVI INSEDIAMENTI IN CISGIORDANIA E A GERUSALEMME EST

Più di 700 rabbini, cantori, studenti rabbinici protestano contro la costruzione in E1

da Allison Deger il 7 Gennaio, 2013 11

Nonostante l’annuncio di venerdì che Benjamin Netanyahu ritarderà la costruzione nel corridoio E1 tra Gerusalemme e la Cisgiordania, i capi religiosi ebrei hanno consegnato una lettera alla sede del Consiglio dei Ministri, firmata oggi da più di 700 rabbini americani, cantori e studenti rabbinici, denunciando il controverso piano del regolamento . E1 si trova nell’ultimo grande spiazzo di terra tra un blocco di insediamento israeliano in Cisgiordania e le comunità palestinesi a Gerusalemme est. Se i piani andranno in vigore per costruire 3.000 nuove unità che sono state approvate alla fine del 2012 a seguito della positiva offerta di statualità palestinese di non membro delle Nazioni Unite , i leader religiosi temono che sarà la fine di un futuro Stato palestinese.

“Temiamo che la costruzione di insediamenti in E1 sarebbe il colpo di grazia a una soluzione pacifica. Se Israele costruisce in E1, che taglierà Gerusalemme Est dai territori circostanti in Cisgiordania ed effettivamente biforcherà la Cisgiordania. Così facendo, E1 letteralmente rappresenta un ostacolo a una soluzione a due
stati “, dice la lettera.

La dichiarazione contro la costruzione in E1 è stata diffusa dalla J Street, Rabbini per i Diritti Umani-Nord America, e gli americani di Peace Now. Nella lettera per intero si legge:

“Scriviamo come rabbini americani e cantori che sono profondamente impegnati nella sicurezza a lungo termine e la sostenibilità di Israele come stato ebraico e democratico. Abbiamo vissuto in Israele, l’abbiamo visitato spesso, abbiamo portato lì le nostre comunità , e predicato e insegnato Israele all’interno delle nostre sinagoghe, scuole, campi, e altre istituzioni. Molti di noi hanno figli, genitori, fratelli e altri parenti e amici che vivono in Israele. Alcuni di noi hanno la cittadinanza israeliana.

Noi e le nostre comunità abbiamo lavorato sodo per costruire un sostegno bipartisan per Israele. Abbiamo raccolto milioni di dollari per sviluppare lo Stato di Israele e la sua società civile. E ci siamo vigorosamente opposti agli sforzi di delegittimare lo Stato ebraico.

Tutti noi crediamo che la sicurezza massima e la sicurezza di Israele come stato ebraico dipende dal raggiungimento di un accordo di pace che permetta anche ai palestinesi di vivere in tutta sicurezza nel proprio stato.

Per queste ragioni, siamo profondamente preoccupati per il recente annuncio per far avanzare la costruzione di insediamenti nella zona E1 della Cisgiordania, nonché di autorizzare la costruzione di migliaia di unità di nuovi insediamenti a Gerusalemme est. La situazione attuale nei territori occupati palestinesi viola i diritti umani e mina i valori stessi su cui si fonda Israele – democrazia, libertà, giustizia e pace.

Temiamo che la costruzione di insediamenti in E1 sarebbe il colpo di grazia a una soluzione pacifica. Se Israele costruisce in E1, che taglierà Gerusalemme Est dai territori circostanti in Cisgiordania ed effettivamente biforcherà la Cisgiordania. In tal modo, E1 letteralmente rappresenta un ostacolo ad una soluzione a due stati.

Come rabbini americani e cantori, abbiamo anche paura che la costruzione in E1 danneggi il rapporto critico tra Israele e gli Stati Uniti. La costruzione in E1 violerebbe gli impegni ripetuti verso gli Stati Uniti, risalenti al 1994, di non costruire insediamenti nella zona.

La Mishna (Pirke Avot 1:12) ci dice: “Siate dei discepoli di Aaron, amando la pace e il perseguimento della pace, amando l’umanità e avvicinandola alla Torah.” Il commento a questo di Avot d’Rabbi Natan ci dice che non è sufficiente limitarsi ad amare la pace, ma che si deve perseguire strenuamente come Aronne.

Per il bene dello Stato di Israele e del popolo ebraico, vi invitiamo a cessare i piani per la costruzione di nuovi insediamenti in E1, altrove in Cisgiordania, o a Gerusalemme est. Preghiamo di seguire l’esempio di Aaron con il ritorno al tavolo dei negoziati il più presto possibile.

Non possiamo permetterci di indebolire il forte legame tra Israele e gli Stati Uniti. Né possiamo rischiare di sabotare la nostra migliore occasione per porre fine al decennale conflitto che è costato la vita a troppi israeliani e palestinesi .

Con preghiere per la pace di Gerusalemme, “

Eppure all’interno di Israele esiste un consenso tra i funzionari a fare pressione su Netanyahu di andare avanti con la costruzione. Ma al di fuori l’Europa è all’avanguardia nella sfida internazionale per annullare l’espansione degli insediamenti. Oggi Israel Hayom ha riportato che 27 ministri degli Esteri dell’Unione europea si sono riuniti lunedi per discutere le strategie, mentre ieri il Jerusalem Post ha riferito che il sindaco di Ma’ale Adumim è in attesa della firma del Presidente del Consiglio per gli immobili nuovi proposti .

Nonostante le proteste internazionali contro lo sviluppo di E1, va sottolineato che l’area attualmente separa Gerusalemme Est dalla Cisgiordania, anche senza avamposti israeliani. Anche se non esistono strutture permanenti all’interno di E1, a parte una stazione di polizia finanziata dal magnate americano dell’insediamento Irving Moskowitz, il paese è circondato da una rete autostradale ed i suoi unici abitanti sono i beduini Jahalin . Per il collegamento al sistema viario esterno, i residenti della comunità di Khan-Al-Ahmar , uno dei villaggi Jahalin più all’interno di E1, sono costretti a saltare una autostrada mediana. E intanto, i tubi che trasportano i liquami dell’insediamento passano sotto l’accampamento.

http://mondoweiss.net/2013/01/rabbinical-students-construction.html

……………………………………………………………..

 

SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam