Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

Martedì 22 gennaio 2013

SE IN CISGIORDANIA PIANGONO, A GAZA NON RIDONO…

Ministero: Ragazzo ferito a Gaza in un’esplosione

Pubblicato oggi (aggiornato) 22/01/2013 19:24

GAZA CITY (Ma’an) – Un ragazzo di 12 anni è stato gravemente ferito martedì in un’esplosione nei pressi deò campo profughi al-Bureij nel centro della Striscia di Gaza, un funzionario del ministero della Salute ha detto. Un oggetto non identificato è esploso in una zona agricola a est del campo, il portavoce del ministero Ashraf al-Qidra ha detto, aggiungendo che il dispositivo potrebbe essere stato lasciato dalle forze israeliane durante i loro otto giorni di attacco a Gaza nel mese di novembre. Il ragazzo è stato portato in Shuhada Al-Aqsa Hospital per il trattamento, al-Qidra ha detto

______________________________________________

I medici: forze israeliane sparano a un uomo vicino al confine di Gaza
Pubblicato ieri (aggiornato) 22/01/2013 15:06

GAZA CITY (Ma’an) – Le forze israeliane hanno sparato e ferito un operaio palestinese vicino al valico di Erez a nord di Gaza lunedi, hanno riferito i medici. Adbullah Maaroof, 19 anni, è stato colpito alla gamba da parte delle forze israeliane e portato in ospedale Kamal Udwan per il trattamento, secondo i medici palestinesi. Da fonti militari israeliane, l’esercito ha sparato colpi di avvertimento contro i palestinesi radunati vicino al confine, e dopo il loro ritorno più volte le truppe hanno sparato verso una persona che stava danneggiando la recinzione di confine. Tre palestinesi sono stati uccisi dai soldati israeliani lungo il confine dalla fine degli otto giorni di offensiva nel mese di novembre. Più di 40 persone sono state ferite negli incidenti, i funzionari di Gaza dicono . Venerdì scorso, paramedici hanno detto che un uomo è stato colpito a un piede da fuoco israeliano a nord di Beit Lahiya. Un uomo è stato ucciso Martedì scorso dopo essere stato colpito alla testa nella città di Beit Lahiya, al confine con Israele, secondo il ministero della salute di Gaza .

…………………………………………………………………………………..

IERI, IN CISGIORDANIA…. PURTROPPO, CI VIENE SOLO DA DIRE: NULLA DI NUOVO. 

Coloni sradicano piantine di olivi in Al-Khader

Martedì 22 Gennaio, 2013 00:11 ai nostri microfoni e agenzie

Martedì 22 gennaio, un certo numero di coloni estremisti armati israeliani hanno invaso un frutteto che appartiene ad un residente locale della città di Al-Khader, vicino a Betlemme, e sradicato alcuni giovani olivi, oltre a scavare una strada in mezzo al frutteto.
Ahmad Salah, coordinatore del Comitato Popolare contro il Muro e le colonie in Al-Khader, ha detto all’Agenzia Palestinese di Informazioni (WAFA) che i coloni hanno sradicato più di 50 alberelli che appartengono a residenti Khaled Saleh Salah, e preparato il terreno per un strada che intendono aprire sulla sua terra. Salah ha detto che questo non è il primo attacco contro la zona, e ha aggiunto che i coloni estremisti attaccano ripetutamente frutteti palestinesi nella zona, e spesso hanno recintato le terre palestinesi e i frutteti, al fine di “allegare” la terra ai loro avamposti. Ha anche detto che una donna identificata come la colona Nadia Matar, delle Donne in verde, è dietro l’incitamento che ha portato a questi attacchi contro i frutteti palestinesi, e ha aggiunto che Matar aveva precedentemente installato una tenda nella terra di Khaled Salah , WAFA ha detto. Il movimento Donne in Verde, fondato nel 1993, è un’organizzazione di coloni estremisti che pretende di essere una organizzazione di base, ed è finanziata da israeliani ed internazionali. Il movimento ritiene che la “Terra di Israele” è per le persone ebree, e lo stato sulla sua pagina web è che è “dedicata alla salvaguardia della patria biblica data da Dio”. Il gruppo è anche chiamato “Donne con i Cappelli verdi”; nella sua dichiarazione, il gruppo dice che i suoi membri a volte indossano cappelli verdi “per mostrare la loro opposizione ad abbandonare parti della patria “con il ritiro dal territorio palestinese occupato. “Il nostro movimento è dedicato alla salvaguardia della nostra Patria ciblica dataci da Dio Patria. Siamo popolarmente conosciute come “le donne in verde” a causa dei cappelli verdi che a volte indossiamo per mostrare la nostra opposizione all’ abbandono di parti della nostra patria e al ritorno di Israele alla “linea verde”, i confini precedenti al 1967 ” , nella mission del gruppo si legge. Il gruppo è fermamente convinto che “la Terra d’Israele è per il popolo ebraico”, e che Israele non dovrebbe ritirarsi da ogni parte del paese, facendo riferimento alla Cisgiordania e Gerusalemme est occupata.

________________________________________________

Soldati invadono diversi distretti della Cisgiordania, sequestrando residenti

Martedì 22 Gennaio, 2013 11:38 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni e agenzie

Martedì – 22 gennaio, i soldati israeliani hanno invaso diverse città e villaggi della Cisgiordania occupata, hanno fatto irruzione nella ricerca in decine di case e rapito un numero di residenti tra cui due bambini. L’esercito ha inoltre installato posti di blocco e ispezionato veicoli palestinesi mentre ha interrogato conducenti e passeggeri. Fonti locali del villaggio di Borqa , a nord di Nablus, hanno riferito che diversi veicoli blindati militari israeliani hanno invaso il villaggio, aggiungendo che i soldati hanno fatto irruzione nella ricerca in decine di case. L’esercito ha anche sequestrato due residenti identificati come Monjid Ragheb Salah, 23 anni, e Maher Ahmad Salah, 23, che sono stati ammanettati e bendati prima di essere portati in un luogo sconosciuto. Alcuni soldati hanno anche invaso il villaggio di ‘Aba, ad est di Jenin, rapito un residente, detenuto e interrogato diversi residenti e consegnato a un residente un mandato a una base di sicurezza per l’interrogatorio. Il residente sequestrato è stato identificato come Suleiman Hazhouzy Salim, 20 anni; è stato rapito dalla sua casa dopo che i soldati vi hanno violentemente fatto irruzione nella proprietà e l’hanno perquisita. L’esercito ha anche installato un posto di blocco a est del villaggio di Ya’bod, a sud ovest di Jenin, fermato e perquisito decine di veicoli , mentre ispezionava le carte d’identità dei residenti e li interrogava. Fonti di stampa hanno riferito che i soldati hanno anche invaso Beit Ummar , a nord di Hebron, ed hanno arrestato tre palestinesi, tra cui due bambini. Il residente Mohammad Abu Ayyash ha dichiarato che l’esercito ha fatto irruzione nella sua casa, rapito suo figlio 12enne Rabee ‘, e ha informato il padre che il suo bambino sarà portato alla base militare di Etzion. Al padre è stato detto che il suo bambino sarà rilasciato dopo che avrà pagato una cauzione 1.000 NIS. I soldati hanno inoltre invaso la zona di Al-Baq’a, a est di Hebron, hanno fatto irruzione nella casa di Badawi Ikhlayyil, e rapito suo figlio di 15 anni , Yazan. Alcuni soldati hanno attaccato il bambino e lo hanno spinto intorno, prima di scagliare una bomba a gas e una granata a concussione a casa della famiglia. Un altro residente, identificato come Ibrahim Mohammad Ibregheeth, 40 anni, è stato rapito dopo che l’esercito ha fatto irruzione nella sua casa di Al- Baq’a . Fonti locali hanno riferito che scontri sono avvenuti tra i residenti e i soldati invasori israeliani, e ha aggiunto che molti residenti sono stati trattati per gli effetti di inalazione di gas lacrimogeni. Lunedi ‘, i soldati israeliani rapiti quattro palestinesi nei distretti di Jenin e Tuba. L’esercito ha anche demolito una casa palestinese, e una serra, di proprietà di agricoltori locali. L’esercito ha invaso Yatta , vicino a Hebron, e demolito una casa a due piani lasciando il residente Hamad Mohammad Al-Amour, ed i suoi 15 membri della famiglia al freddo. L’esercito ha continuato a demolire una serra e un bene che appartiene ai residenti Mousa Mohammad Makhamra. I soldati hanno invaso anche Al-Eesawiyya , nella zona occupata di Gerusalemme Est, ed ha arrestato due ragazzi dopo che l’esercito ha fatto irruzione in diverse abitazioni cercandoli.

_________________________________________________
Bulldozer israeliani rimuovono ampie zone del Cimitero di Ma’man-Allah (Mamanullah) 

Martedì 22 Gennaio, 2013 08:07 da Saed Bannoura – ai nostri microfoni Notizie

Lunedi 21 gennaio, La Fondazione Al-Aqsa per Waqf e il patrimonio ha riferito che i bulldozer israeliani hanno rimosso e raso al suolo vaste aree delle terre del cimitero storico islamico Mananullah , nella parte occupata di Gerusalemme, come parte del piano di Israele di costruire il cosiddetto “Museo della Tolleranza “.
La fondazione ha detto che i bulldozer hanno scavato la terra in profondità fino a 15 metri (49.21 piedi) in preparazione per la costruzione del museo, una caffetteria e un magazzino di 25 dunam (6,17 Acri). In un comunicato stampa, la fondazione ha detto che il lavoro è stato condotto dal governo israeliano e un’organizzazione americana chiamata Simon Wiesenthal Center. La fondazione ha aggiunto che diverse compagnie israeliane sono parte del lavoro che comprende anche la costruzione di un bar su un’altra sezione del cimitero. Una sezione del cimitero è ora usata come magazzino per i materiali da costruzione e gli strumenti di memorizzazione. Diverse tombe e lapidi sono stati già distrutte e rimosse. L’Ingegnere Zakki Ighbariyya, capo di Al-Aqsa Foundation, ha invitato la comunità internazionale ad agire e fermare la violazione israeliana, soprattutto dal momento che Israele sta distruggendo l’antico sito storico islamico al fine di costruire il “Museo della Tolleranza”. Diversi personaggi storici islamici, i residenti musulmani di Gerusalemme e mullah sono stati sepolti nel cimitero Mamanullah, costruito circa 1400 anni fa. La Fondazione Al-Aqsa ha detto che la distruzione di Israele del cimitero storico fa parte della serie in corso di violazioni israeliane, e crimini, contro i palestinesi, la loro storia e il patrimonio in terra di Palestina. Le violazioni contro il cimitero sono iniziate dopo che Israele si è stabilito nella terra storica della Palestina nel 1948, la fondazione ha aggiunto. Vale la pena ricordare che Israele ha già distrutto la maggior parte delle tombe antiche, e che la dimensione originale del cimitero era circa 200 dunum. Le tombe sono state sostituite da caffè, un cantiere pubblico, e condotte fognarie che Israele ha anche installato, oltre sistemi di energia elettrica e acqua, e strade. Il 25 giugno 2012, i bulldozer israeliani hanno rimosso e distrutto diverse tombe nel cimitero come parte del piano israeliano per la costruzione del Museo. In data 13 luglio 2012, Agence France-Presse (AFP) ha riferito che Israele ha approvato la costruzione sulla cima di un sito di sepoltura musulmano . Il piano è stato oggetto di una lunga battaglia legale intentata dai palestinesi, alcuni dei quali hanno famiglia sepolte nel sito proposto. Il ministero dell’Interno israeliano ha dato il via libera per la costruzione del “Museo della Tolleranza” sul terreno del sito della antica sepoltura musulmana . Il percorso di iniziare la costruzione era stato cancellato a seguito di una decisione del 2008 della Corte israeliana, secondo la quale il sito: ” Non è più un cimitero”

__________________________________________________

Esercito demolisce sei strutture residenziali vicino a Hebron

Lunedi 21 gennaio 2013 14:57 ai nostri microfoni e agenzie

Lunedi – 21 gennaio, i soldati israeliani hanno invaso Ath-Thaheriyya, vicino Hebron, e demolito sei case palestinesi e strutture.
Fonti locali hanno riferito che diversi veicoli blindati militari israeliani, accompagnati da bulldozer militari, hanno invaso la zona dopo l’installazione di blocchi stradali e l’applicazione di un assedio che fortemente ha influenzato la libertà di movimento della gente del luogo. Il residente Shihada Hamad Al-Wreidat, della zona Al-Rahwa , ha dichiarato che l’esercito ha costretto sei famiglie fuori dalle loro case, tra cui la sua , e le ha fatte abbattere. I soldati hanno anche demolito diverse strutture nella zona, arrestato e interrogato un certo numero di residenti. Ha aggiunto che i soldati hanno attaccato diversi residenti e le case, con lesioni e danni alle cose. La zona di ‘Al-Rahwa si trova a sud di Ath-Thaheriyya, ed è una delle aree a Hebron che l’esercito sta più cercando di sequestrare illegalmente per “considerazioni militari” e per la costruzione e l’espansione di insediamenti ebraici. Sempre lunedi, i soldati hanno demolito una sezione quadrata di 150 / metro di un capannone che appartiene ad un residente ed i suoi 15 membri della famiglia, a Beit Safafa, nella Gerusalemme occupata. Il proprietario del capannone demolito, Salah Ali Salah, 48 anni, ha detto a Palestine News Network (PNN), che diverse jeep militari israeliane hanno circondato la zona, mentre i bulldozer militari hanno demolito la sua proprietà con il pretesto che è stata installata senza un permesso di costruzione. Salah ha aggiunto che l’attacco israeliano ha portato alla morte di alcuni degli animali di proprietà della famiglia, e che l’esercito anche portato via alcuni dei bovini rimanenti. Salah ha anche dichiarato che l’esercito ha rapito Mohammad Khaled Abu Dayya, 25 anni, lo ha spinto a un impianto di interrogatorio nella zona, e ha attaccato la nipote, Aaya Mahmoud Salah , 19 anni. Ha detto che tutta la sua famiglia ha vissuto in baracche sulle loro terre di Beit Safafa dopo che organizzazioni di coloni israeliani illegali avevano occupato la casa di famiglia nel 2010. La famiglia viveva nella casa dal 1967, ed è stato in battaglie legali nei tribunali di Israele . Alcuni soldati hanno anche consegnato quattro famiglie ordini militari, che le loro stalle devono essere demolite in un prossimo futuro. I capannoni sono la patria di più di 50 residenti, ai proprietari sono stati concessi tre giorni per demolire le loro proprietà, in caso contrario l’esercito demolirà le strutture e infliggerà multe salate e sanzioni sui residenti.

…………………………………………………………………………………..

 ASHRAF, UN PRIGIONIERO PALESTINESE, RIMASTO SENZA CURE ADEGUATE PER ANNI IN UN CARCERE ISRAELIANO, MUORE DUE MESI DOPO LA SUA LIBERAZIONE

UFREE Network: Israele dovrebbe essere ritenuto responsabile per aver ucciso l’ex prigioniero Ashraf Abu Thra ‘

22 gennaio 2013

UFREE Network, che difende i diritti dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane, esprime il suo profondo cordoglio e dolore per la morte dell’ex prigioniero palestinese Ashraf Abu Thra ‘. Ashraf è morto ieri sera, lunedi 21 gennaio 2013, due mesi dopo essere rilasciato dalle carceri di Israele.

In questo caso UFREE ritiene lo stato di occupazione di Israele e le autorità israeliane sui prigionieri responsabili della sua morte: era malato in prigione da 6 anni e mezzo. Quindi, è stato rilasciato solo quando erano a conoscenza del peggioramento delle sue condizioni di salute e che poteva morire da un momento all’altro.

“Tutto prova che Israele era dietro l’assassinio di Abu Thra ‘ perchè lo hanno tenuto in prigione per molto tempo, nonostante le sue precarie condizioni di salute. E ‘stato rilasciato solo quando Israele si rese conto che la sua vita era in fase critica e che poteva morire da un momento all’altro. Per non parlare che non gli è stata data la necessaria adeguata assistenza sanitaria eche vi era chiaramente una dimenticanza intenzionale nel suo trattamento . ” ha detto UFREE Network

Secondo Mohammad Hamdan, Presidente di UFREE, lo stato di occupazione israeliano non è impegnato con il diritto internazionale concernente i prigionieri. Ha aggiunto che le azioni israeliane sono in palese violazione dell’articolo 92 della Quarta Convenzione di Ginevra del 1949.

“Siamo preoccupati per la vita del resto dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane. Siamo addolorati per la morte di Ashraf e condividiamo questi momenti tristi con la sua famiglia. Continueremo il nostro lavoro per esporre Israele, in unione con il nostro mondo libero, fino a quando i nostri prigionieri non saranno liberati. Non aspetteremo fino a quando vengono uccisi da Israele. Oggi Abu Thra ‘è morto e di recente c’è stato Zuhair Abu Zakaria Lubada e Issa Dawood. ” ha detto Hamdan.

È degno di nota che ci sono 1.000 prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane che soffrono di diverse malattie e problemi di salute. Circa 13 di loro soffrono di cancro, 90 soffrono di malattie cardiache e diabete. Mentre il 18 soffre di insufficienza cardiaca e renale. Nel frattempo, decine hanno handicap o soffrono di problemi psicologici, i quali necessitano di assistenza sanitaria adeguata ed estesa, ma Israele gira gli occhi. Nelle carceri, è raro trovare dove i prigionieri hanno una buona assistenza sanitaria.

Di conseguenza, la rete UFREE invita le organizzazioni internazionali per i diritti umani come il CICR e l’OMS per sostenere la propria responsabilità e salvare i prigionieri palestinesi. Certo, c’è una grande carenza di cure mediche e di salute e la vita di molti detenuti è a rischio, mentre Israele procrastina nel fornirle.

http://ufree-p.net/index.php/site/index/news/150/3

…………………………………………………………………………….

MORIEL , L’ATTIVISTA E PACIFISTA ISRAELIANO CHE ORMAI BEN CONOSCIAMO, RIVOLGE UN APPELLO PER AIUTARE LA DONNA ARRESTATA VICINO AD HEBRON INSIEME AL SUO BAMBINO DI 18 MESI

(email nell’articolo)

 

Un promemoria della crudeltà dell’occupazione e una richiesta di aiuto

Posted on 21 gennaio 2013 da Moriel Rothman

Se si dovessero sfogliare i quotidiani israeliani, come Yediot Aharonot, Ma’ariv e Israel HaYom nel corso delle ultime settimane, si può avere l’impressione che l’occupazione e la crudeltà che l’accompagna sono stati messi in pausa fino al termine della stagione elettorale. In verità, però, non solo l’occupazione non è stata “messa in pausa”, ma il livello di crudeltà di base e sostanzialmente ignorato -sembra essere aumentato nelle ultime settimane.

Scrivendo per Haaretz, il giornale di sinistra che, con tutti i suoi difetti, deve essere lodato per essersi ostinatamente rifiutato di aderire al crescente consenso vis-a-vis Palestinesi-Pace (cioè, che sono cose del 1990), Gideon Levy ha espresso indignazione sul silenzio del pubblico e l’apatia per quanto riguarda gli omicidi di quattro palestinesi da parte dei soldati israeliani (“Samir è stato ucciso a sangue freddo. Non c’è altro modo per descrivere la sua morte. Uno studente di scuola superiore, che non è stato un pericolo nessuno”) e per il fatto che si continui a parlare di democrazia, mentre funziona in pratica come uno Stato di apartheid per i milioni di palestinesi. “Come diavolo fa Israele a essere considerato una democrazia? Come può non essere chiamato uno stato di apartheid? Perché nessuno sta discutendo il problema? “

In un evento meno orribile, ma ancora estremamente inquietante lo scorso fine settimana, 10 palestinesi e cinque attivisti di accompagnamento israeliani sono stati arrestati nelle colline a sud di Hebron, mentre il gruppo cercava di entrare sotto la minaccia di acquisizione da parte di un vicino insediamento. Tra gli arrestati c’era una madre che teneva in braccio il suo bambino di 18 mesi di età. Ho fatto questo tipo di attivismo per un po ‘, e ho visto molte cose spiacevoli, sia in video che di persona, ma il guardare il video specifico mi ha fatto sentire più triste e sconvolto del solito. Si prega di guardare:

Per quelli di voi che stanno votando alle elezioni israeliane domani, queste immagini possono guidare la vostra mano al seggio elettorale, vi ricordano che l’occupazione è moralmente orribile e che gli unici degni dei nostri voti sono quelli che riconoscono che lo è inequivocabilmente.

E per tutti, anche se non votano o che vivono in Israele-Palestina, o sono negli Stati Uniti, nel Regno Unito o altrove, voglio fare una richiesta del tipo che non faccio spesso su questo blog: La donna , la madre, mostrata nel video è stata costretta a versare una cauzione di 5.000 shekel dopo l’accusa di aver “aggredito un poliziotto,” (ha questa donna rappresentato una minaccia per i soldati armati fino ai denti? Tenendo un bambino? Come così in basso può questa “legge “chinarsi?) e la sua famiglia non era in grado di trovare tutti quei soldi. Il costo è stato coperto dalle tasche degli individui palestinesi e israeliani, la maggior parte dei quali non può davvero permetterselo. In quanto tale, chiedo che la gente doni al Ta’ayush, il gruppo di attivisti israeliani, che lavora a stretto contatto con i palestinesi nelle colline a sud di Hebron (ed i cui membri conosco e ho fiducia profondamente), che si assicurerà che questa somma non finisca cadendo interamente sulla famiglia e se ci sono soldi in più da donazioni, verrà fatto un fondo per casi simili in futuro.

Se siete interessati a donare, anche una piccola quantità, si prega di contattare me direttamente a moriel18@gmail.com, e io vi darò le informazioni necessarie per il trasferimento.

In pace,
Moriel

http://thelefternwall.com/2013/01/21/a-reminder-of-the-occupations-cruelty-and-a-call-for-help/

…………………………………………………………………………….

HAYA, EBREA SOPRAVVISSUTA AD AUSCHWITZ, CONTINUA A SOGNARE LA PACE PER LA SUA TERRA

Haya non ha rinunciato ai principi per i quali si è trasferita in Israele: «Dopo la guerra avevo una casa in Transilvania, una vita. Sono venuta qui perché sono ebrea, non per bisogno. Ma nel paese oggi ci sono troppi estremisti, gente che non lavora e non fa il militare, la società è cambiata. Io continuo a credere nella pace, nell’accoglienza dovuta ai nostri cittadini arabi, in uno stato palestinese che ci faccia vivere tranquilli. Capisco la disillusione verso la politica, i partiti mentono ma almeno i laburisti mentono meno degli altri e io voto per i giovani, per il futuro».

http://www.lastampa.it/2013/01/22/esteri/haya-sopravvissuta-ad-auschwitz-troppi-estremismi-in-israele-Zoac1nOhpbfDXMTmuHGBwK/pagina.html

…………………………………………………………………………….

Lunedì 21 gennaio 2013

IL MURO, QUEL SERPENTE DI CEMENTO CHE STRITOLA LA PALESTINA

Report: Israele prevede di completare il muro intorno a E1

Pubblicato oggi (aggiornato) 21/01/2013 15:21

TEL AVIV, Israele (Ma’an) – Il ministro della Difesa israeliano Ehud Barak ha intenzione di terminare la costruzione del muro di separazione intorno ai previsti insediamenti israeliani nella zona E1 che taglia fuori la Cisgiordania da Gerusalemme, i media israeliani hanno riferito.

La proposta è di chiudere un varco di tre chilometri nel muro che impedisce l’accesso dei palestinesi a E1, dove gli attivisti avevano eretto un villaggio di tende di protesta la scorsa settimana (sgomberato oggi, nota della pagina) , il quotidiano israeliano Haaretz ha riferito lunedi. Se completato, il muro sarebbe a circondare il villaggio palestinese di al-Zayyem da entrambe le parti, dice il giornale.

Barak anche ha deciso di andare avanti con la costruzione di una strada oltre al-Zayyem per far viaggiare i palestinesi dal sud al nord della Cisgiordania, senza entrare negli insediamenti israeliani in E1. Il piano sarà sottoposto al premier israeliano Benjamin Netanyahu per l’approvazione la prossima settimana.

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=557926

…………………………………………………………………………….

CERTO DELLA CONFERMA, NETANYAHU DELINEA LE LINEE GUIDA DEL NUOVO GOVERNO DOPO LE ELEZIONI

Netanyahu: “No a uno Stato palestinese, sì agli insediamenti”

Lunedi 21 gennaio 2013 07:07 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni e agenzie

Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha dichiarato domenica che rifiuta totalmente l’idea di creare uno stato palestinese, e ha parlato di “una sorta di autonomia per i palestinesi”. Ha anche detto che Israele continuerà a costruire insediamenti nella Cisgiordania occupata, e in Gerusalemme Est occupata.

“Non voglio che i palestinesi diventino cittadini israeliani”, ha detto Netanyahu, “Io non voglio controllarli entrambi”. In un’intervista televisiva con Walla Israeli News, Netanyahu ha detto che Israele dovrà raggiungere una sorta di comprensibile “concessione ai palestinesi di una specie di autorità disarmata”, ha respinto con forza ogni tipo di “entità” palestina in questa fase attuale, e ha detto che “Israele ha bisogno di sapere che cosa può fare, Abu Mazen (il presidente palestinese Mahmoud Abbas) abbraccia Hamas, lo stesso gruppo che richiede il nostro annientamento “, secondo Netanyahu.

Il sito di notizie Arabs48 ha riferito che Netanyahu ha anche detto che i partiti di sinistra israeliani stanno “gettando un occhio su ciò che sta accadendo”, aggiungendo che “i partiti di sinistra vogliono solo un accordo indipendentemente dalle conseguenze “. “Questo è lo stesso modo con cui abbiamo consegnato Gaza ai palestinesi”, ha detto Netanyahu, facendo riferimento al piano di disimpegno da Gaza condotto dall’ex primo ministro, Ariel Sharon, del Likud di Netanyahu, “In pochissimo tempo, Hamas era in grado di controllare Gaza, e ha ottenuto decine di migliaia di missili
iraniani “, ha affermato.

Per quanto riguarda la costruzione di insediamenti illegali di Israele e delle attività di espansione, Netanyahu ha detto che un governo sotto il suo comando non potrà mai sfrattare qualsiasi insediamento. “Non ho mai tolto un solo insediamento , e io non intendo rimuoverne alcuno “, ha aggiunto,” Abbiamo rimosso i coloni da Gaza, e guardate cosa è successo, io non potrà mai fare una cosa del genere “.

Il primo ministro israeliano ha inoltre dichiarato che Israele non sfratterà gli insediamenti relativamente a qualsiasi accordo di pace con i palestinesi, e ha aggiunto che i blocchi degli insediamenti di Gush Ezion, Ariel e Maale Adumim saranno sempre parte di Israele. Ha anche detto che il suo governo non si limiterà a costruire entro i confini degli insediamenti esistenti in Cisgiordania e Gerusalemme occupata, ma ovunque si possa fare. Per quanto riguarda gli insediamenti più piccoli che non si trovano all’interno dei blocchi , Netanyahu ha detto che la questione sarà determinata nei negoziati, ma ha anche detto che non lascerà mai sgomberare qualsiasi insediamento fintanto che condurrà Israele.

In risposta a una domanda sull’ Iran, Netanyahu ha detto che sta facendo tutto il possibile “per evitare che Teheran diventi una potenza nucleare”, e ha anche promesso che fino a quando egli sarà primo ministro, l’Iran non sarà mai in grado di diventare una potenza nucleare. Ha detto inoltre che le sue politiche hanno anche altri argomenti importanti, come quello che ha chiamato “armi chimiche”, i missili siriani ottenuti dal partito Hezbollah in Libano, oltre a questioni interne, come la riduzione dei costi abitativi.

http://www.imemc.org/article/64923

…………………………………………………………………………….

CI SONO DATE IMPOSSIBILI DA DIMENTICARE..

21 GENNAIO 2009, ISRAELE RITIRA LE TRUPPE DA GAZA

Completato il ritiro delle truppe israeliane dalla Striscia di Gaza. Lo hanno reso noto fonti militari questa mattina.

Circa un mese dopo l’inizio dell’ operazione “piombo fuso” l’ esercito lascia Gaza e si riposiziona sul confine pronto a qualunque intervento, come dichiara un portavoce. Il ritiro di gran parte delle truppe era già cominciato lunedi’, alla vigilia dell’insediamento di Barack Obama. Un atto che rappresenta secondo alcuni la volontà di Israele di cominciare con il piede giusto le relazioni con il nuovo presidente.

Gaza 21 gennaio2009

http://it.euronews.com/2009/01/21/israel-says-its-forces-have-left-gaza/

…………………………………………………………………………….

ANCHE IL VILLAGGIO DI PROTESTA “PORTA DELLA DIGNITA” DEMOLITO E SGOMBERATO DALL’ESERCITO ISRAELIANO

I soldati demoliscono Bab Al-Karama

Lunedi 21 gennaio 2013 09:08 da Saed Bannoura – ai nostri microfoni

Lunedi all’alba – 21 gennaio, i soldati israeliani hanno invaso il villaggio palestinese di Bab Al-Karama , installato da attivisti palestinesi sulle terre che Israele intende confiscare illegalmente a Beit Iksa, a nord-ovest di Gerusalemme occupata, e rimosso tutte le tende e le strutture.

Attivisti palestinesi a Bab Al-Karama (Porta della Dignità) hanno dichiarato che i soldati hanno rimosso e demolito tutto ciò che gli attivisti avevano installato, e li hanno sgombrati costringendoli lontano dalla zona intera. Hababa Kamal, capo del consiglio del villaggio di Bab Al-Karama, ha dichiarato che un gran numero di soldati israeliani, accompagnati da veicoli militari e bulldozer, hanno invaso la zona e rimosso le strutture.

L’esercito ha inoltre proseguito il suo assedio nell’area impedendo ai residenti di raggiungere Bab Al-Karama. Il nuovo ‘villaggio’ palestinese era stato installato venerdì su terre private palestinesi che appartengono agli abitanti di Beit Iksa,. Le terre sono nella zona israeliana nota come E1, dove il governo Netanyahu intende costruire migliaia di unità per i coloni ebrei.

Domenica scorsa, le forze israeliane hanno chiuso il checkpoint che porta a Beit Iksa e attaccato i manifestanti non violenti con bombe a gas e granate assordanti, e hanno comunicato che avrebbero sgomberato il villaggio. I palestinesi insistono sul fatto che,come il villaggio Bab Al-Shams che era stato attaccato e rimosso da parte dell’esercito israeliano e la polizia, mercoledì scorso di notte, Bab Al-Karama è costruito su terre palestinesi, e che i palestinesi hanno il diritto di costruire sulle loro terre, parte del futuro stato palestinese.

Israele, d’altra parte è per la costruzione di un’ espansione illegale di insediamenti per soli ebrei nelle terre palestinesi in diverse parti della West Bank occupata, e a Gerusalemme est. il sito in cui è stato installato Bab Al-Karama si affaccia sulla valle con il confine del 1948, dove i resti del villaggio di Lifta sono visibili. Lifta è stato uno delle centinaia di villaggi spopolati nel 1948, quando Israele è stato fondato nella terra della Palestina storica. Poco oltre Lifta, i resti del villaggio di Deir Yassin, anch’esso spopolato nel 1948, sono ancora visibili. Prima del 1948, gli abitanti del villaggio di Beit Iksa avevano più di 14000 dunum di terra, ma ora hanno accesso a solo 2000 dunam delle loro terre. Se il piano di Israele per E1 andasse avanti, gli abitanti del villaggio avranno solo circa 600 dunams. (1 dunam = 0,247 Acri)

http://www.imemc.org/article/64925

……………………………………………………………………………

DOMANI LE ELEZIONI IN ISRAELE. LE MANI DELLA DESTRA SUL PARLAMENTO.

Una vera e propria sferzata nazionalista. Il prossimo Parlamento israeliano, quello che uscirà delle elezioni anticipate di martedì prossimo, al di là della spartizione dei 120 seggi in palio, sarà probabilmente guidato dai partiti di destra. E questo potrebbe segnare un profondo cambiamento della politica nei confronti di Iran e Autorità palestinese.

http://www.televideo.rai.it/televideo/pub/articolo.jsp?id=14497

…………………………………………………………………………….

 

SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam