Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

Domenica 27 gennaio 2013

 

CONTINUARE A PIANTARE ULIVI NELLA TERRA RUBATA: LA PALESTINA CHE NON SI ARRENDE

Grandi punizioni per piccole speranze

Inserito il: 26 gennaio 2013 |
da Haroun Zeitoun

26 gen 2013 | International Solidarity Movement, Burin, Palestina occupata

Questa mattina a Burin, il villaggio che si trova nella valle tra gli insediamenti coloniali di Yizhar e Brachah appena a sud di Nablus, ha visto un gruppo piccolo, ma di alto spirito, che piantava alberi di ulivo . Il lavoro è stato fatto nel giro di un’ora e gli attivisti internazionali hanno poi mostrato gli alberi tagliati di recente e, proprio al momento giusto, l’esercito israeliano si poteva vedere alla periferia di Yizhar. Presto è sceso giù per indagare e tre soldati hanno trovato persone che preparavano del tè accanto ai filari degli alberi appena piantati.

Salto in avanti un paio d’ore, e la popolazione di Burin ha trovato le loro strade di accesso chiuse, mentre i soldati sparavano gas lacrimogeni e hanno fatto irruzione in dieci case. Il loro pretesto dichiarato: alla ricerca di prove di molotov che hanno detto sono state lanciate contro i coloni. Per gli abitanti del villaggio, loro sanno molto bene che questo è gergo militare per descrivere la loro punizione collettiva per chi aspira ad un sostentamento in una terra che viene loro metodicamente rubata .

Burin è nei giorni scorsi stata oggetto di addestramento notturno da parte dell’esercito, e la copertura del buio ha visto anche 30 e 25 ulivi distrutti dai coloni in episodi distinti di questa settimana.
E ‘ stato obiettivo di tale violenza per anni, con un residente che ha ricordato agli attivisti oggi, quando la moschea locale è stata distrutta da un incendio nel 1990 dai coloni. I coloni non hanno alcun interesse ad essere buoni vicini e, con una base militare in vista tra le due colonie e Burin, sono liberi di continuare a loro piacimento.

Haroun Zeitoun è un volontario con l’International Solidarity Movement (il nome è stato cambiato).

http://palsolidarity.org/2013/01/big-punishments-for-small-hopes/

…………………………………………………………………………….

L’ULTIMA BARRIERA PER SALAH SALLUHA

Paziente palestinese muore a Erez a causa del prolungarsi delle misure di sicurezza 

[26/01/2013 – 05:11]

GAZA, (PIC) – Un paziente palestinese è morto a Erez, a nord della Striscia di Gaza, venerdì sera, a causa del ritardo nel permettere il passaggio dell’autoambulanza che lo portava.

Fonti mediche hanno detto a PIC che Salah Salluha era a bordo dell’ ambulanza e hanno dovuto aspettare per due ore a Erez a causa di misure di sicurezza complesse.

Le fonti hanno detto che Salluha, un dentista, soffriva di polmonite acuta nelle ultime due settimane ed era in terapia intensiva negli ospedali di Gaza prima di decidere di trasferirlo all’ospedale Carmel nella Palestina occupata del 1948.

Hanno sottolineato che le autorità di occupazione israeliane (IOA) avevano ripetutamente negato il permesso e quando è stato accettato, le forze di occupazione israeliane che presidiavano il passaggio hanno perquisito lui e l’ ambulanza, ritardando la sua traversata, che alla fine ha portato alla sua morte.

Decine di pazienti palestinesi sono morti a causa del rifiuto della IOA a consentire il loro trattamento all’interno della Palestina occupata del 1948, a causa di ritardi simili a quello che è successo a Salluha.

http://www.palestine-info.co.uk/En/default.aspx?xyz=U6Qq7k%2BcOd87MDI46m9rUxJEpMO%2Bi1s7HSW6t99twsgCtKxNGJc9uuK49AI11YEeIV2lPvVW29P1HV%2BHS4g%2Foj4OtpvZeb7hCfi5%2B%2FQMnjBFg%2BINHiOi2qA1iDk%2BktJwL7KkFWFqYJI%3D

………………………………………………………………………….

SHLOMI ELDAR E GLI SCHELETRI NEL SUO ARMADIO DI GIORNALISTA, SEMPRE PIU’ DIFFICILI DA NASCONDERE

Giornalista israeliano ammette la soppressione di immagini di ‘cataste di corpi di civili’ quando Israele ‘impazzì ‘ a Gaza

di Philip Weiss gen 20, 2013

Un’ intervista incredibile, carica di condanna, pubblicata da Haaretz con un giornalista televisivo israeliano suggerisce che la piena verità di ciò che è accaduto a Gaza 4 anni fa è stata soppressa non solo quando gli Stati Uniti e il suo autore hanno calpestato il rapporto Goldstone – che sosteneva che erano stati deliberatamente presi di mira i civili – ma soppressa anche dagli israeliani. Shlomi Eldar fu corrispondente da Gaza per Canale 10 News. Ecco quello che ha visto e non poteva vivere, ma ha messo in “una busta”, e non ha mai pubblicato, in attesa di una commissione d’inchiesta che non è mai venuta:

“Io sono venuto in possesso di materiale scioccante. Il tipo di materiale che vi manda da uno psicologo. Non l’ho mai mostrato. Bambini che sono stati colpiti. Mucchi di corpi di civili … sono entrato in possesso di materiale su eventi molto tristi relativi all’idea che Israele era deliberatamente ‘impazzito.’ Testimonianze, immagini e molto altro ancora. Così tante persone sono state uccise. “

Riflettete che questo era un massacro iniziato da un governo centrista ormai percepito come centro-sinistra nella politica israeliana. Pensate che su una storia di cui Eldar ha fatto una relazione, un documentario dal titolo “Vita Preziosa” circa gli il lavoro degli israeliani per il trattamento di un bambino di Gaza nato con una deficienza immunitaria, fu descritta a lungo da Tom Friedman sul New York Times, con una conferenza ai suo lettori che, se avevano intenzione di criticare Israele, avrebbero dovuto guardare questo video sul “reale Medio Oriente” in modo da essere “costruttivi”.

Haaretz : “. Shlomi Eldar riflette in diretta televisiva sulla relazione che ha profondamente cambiato il modo in cui vede il conflitto israelo-palestinese” (Grazie a Annie Robbins.) Estratto:

Che cosa, a suo avviso, avverrà a Gaza in termini del prossimo governo israeliano?

Io vi sorprenderò dicendo che Netanyahu si è comportato molto responsabilmente nei confronti di Gaza durante il suo mandato. In Operazione Piombo Fuso, Olmert ha voluto ripristinare a se stesso l’onore perduto nella seconda guerra del Libano. Andò su tutte le furie a Gaza. Dopo l’Operazione Piombo Fuso, quando stavo facendo il mio film, sono venuto in possesso di materiale scioccante. Il tipo di materiale che vi manda da uno psicologo. Non l’ho mai mostrato. I bambini che sono stati colpiti. Mucchi di corpi di civili. Al contrario, nell’Operazione Pilastro della Difesa difficilmente qualche ambulanza arrivava negli ospedali. Le persone sono state uccise, ma non c’è assolutamente paragone.

…………….

E’ giusto dire “non esiste un partner”?

Ho rivelato qualche anno fa che Meshal voleva parlare con Olmert e aveva mandato messaggi tramite [capo dello Shin Bet Yuval] Diskin. Olmert non solo ha rifiutato, ha omesso di informare i vertici dell’establishment della difesa e ha portato il paese in una operazione a Gaza. Quindi forse Meshal è stato un partner, ma oggi non sono sicuro che lo fosse. Posso fare una pace globale con lui oggi, con la condizione della società palestinese? La risposta è no.

Quindi è una causa persa. Non esiste una soluzione.

Ha ragione: non c’è soluzione. Non esiste una soluzione perché, anche se ci fosse l’unità palestinese, la società israeliana di oggi non è pronta a pagare il prezzo della pace. Noi non siamo in grado di evacuare neanche un solo avamposto di coloni, così come saremo in grado di fare di più?

Il processo che ha subito, per essere una persona che ha fotografato il segno “Welcome to Gaza” ad essere amico, quasi un membro della famiglia lì, l’ha fatta disperare o le ha dato speranza?

C’è stato un periodo in cui ho avuto la speranza.

Ed è finito?

Oggi non ho speranza. Questa è la sensazione generale di tutto il pubblico israeliano, sia a destra che a sinistra.

E’ in uno stato di disperazione.

Sì. Qualcosa di brutto sta accadendo qui: politicamente, nella politica e in particolare nel campo del benessere sociale. La società israeliana si sta trasformando in un luogo pericoloso. Le cose non stanno andando bene.

………

Lei è molto riservato.

Io sono riservato per tutto il tempo .

Come un meccanismo di difesa?

Sì.

Da che cosa si difende?

Mi salvaguardo, e ho bisogno di tutelare me stesso contro una serie di cose. Vi dirò una cosa non ho mai detto a nessuno, e spero che non ve ne pentirete dicendola. Durante l’Operazione Piombo Fuso sono venuto in possesso di materiale su eventi molto cupi relativi all’idea che Israele è deliberatamente “impazzito”. Testimonianze, immagini e molto altro. Così tante persone sono state uccise lì. Ho preso tutto e l’ho messo in una busta. Ho detto a Reudar Benziman, che era direttore generale di Channel 10 News, al momento, quello che avevo. Mi ha detto, “Lavora su di esso.” Gli ho detto che non potevo. Perché questa è la verità – non ho potuto. Se avessi verificato quello che ho sentito, non sarei stato in grado di vivere con esso. Non avrei potuto evocare la metafora delle “mele marce” . Ho ancora il materiale in una camera chiusa. Io non l’ho dato a nessuno. Quando si parlava di una commissione d’inchiesta, ho detto che sarei stato pronto a dare loro il materiale – lasciare che loro indagassero, non io. Non lo sto toccando. Io non sono capace. Non posso. Anch’io, capisco i miei limiti.

http://mondoweiss.net/2013/01/reporter-suppressing-civilians.html

………………………………………………………………………….

LA MOGLIE DI UN PRIGIONIERO PALESTINESE IN SCIOPERO DELLA FAME IN SOLIDARIETA’ CON IL MARITO E GLI ALTRI DETENUTI

Umm Hamza, moglie di Jafar Ezzedine, prosegue lo sciopero di soli liquidi in solidarietà con il marito

Il Centro di informazione palestinese ha riferito la storia che segue il 21 gennaio 2013:

Umm Hamza, moglie del prigioniero Jafar Ezzedine, insiste nel continuare il suo sciopero della fame che ha iniziato 28 giorni fa in solidarietà con il marito, in sciopero della fame da 56 giorni per protestare contro la sua detenzione amministrativa, senza alcuna colpa o accusa.

Ezzedine era andato in sciopero della fame l’anno scorso per 55 giorni per lo stesso motivo, prima di essere rilasciato per poi essere arrestato in detenzione amministrativa, ancora una volta.

“Sto facendo un parziale sciopero della fame e assumo solo fluidi da 27 giorni, e vorrei continuare a farlo fino a quando mio marito non viene rilasciato,” Umm Hamza ha affermato.

“Sto cercando attraverso il mio sciopero della fame di inviare un messaggio al mondo e a coloro che hanno una coscienza vivente che stiamo soffrendo a causa della mancanza di mio marito e che lui stesso, soffre di più a causa della sua detenzione amministrativa e senza alcun onere” , la moglie di Ezzedine detto.

“Non si vede alcun [internazionale] mossa a favore dei detenuti in sciopero nelle carceri israeliane, e non abbiamo ascoltato la condanna contro la loro detenzione”, ha aggiunto.

Umm Hamza ha osservato che lei prende solo i liquidi durante il suo sciopero della fame, al fine di essere in grado di stare in piedi e prendersi cura dei suoi figli.

http://samidoun.ca/2013/01/umm-hamza-wife-of-jafar-ezzedine-goes-on-fluids-only-strike-in-solidarity-with-her-husband/

………………………………………………………………………….

Sabato 26 gennaio 2013

NON NE PARLEREMO MAI ABBASTANZA: CONTINUANO GLI SCIOPERI DELLA FAME DEI PRIGIONIERI POLITICI PALESTINESI NELLE CARCERI DI ISRAELE

Nuovo ciclo di scioperi della fame prigionieri palestinesi

Da: Fadi Abu-Saada
Pubblicato Giovedi, December 20, 2012

Ramallah – Dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane, si sente spesso dire dai palestinesi : “Non abbiamo onore senza di voi.” Questo è particolarmente vero per chi va in sciopero della fame per protestare contro le basse condizioni dei loro arresti, in particolare la politica israeliana di ” detenzione amministrativa “, che consente la detenzione dei prigionieri senza processo.

Nel 2012, circa 2.000 prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane hanno fatto lo sciopero della fame. Quando lo sciopero si è concluso nel maggio 2012, a molti prigionieri avevano assicurato la loro liberazione, ma Israele non vi ha dato seguito .

Attualmente, ci sono cinque prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane che continuano il loro sciopero della fame: Ayman al-Sharawneh, 36 anni, da Dura nei pressi di Hebron, e Samer al-lssawi, 33 anni, da Issawiya a Gerusalemme Est, sono in sciopero della fame per 174 e 143 giorni rispettivamente. Entrambi sono in condizioni critiche. Jaafar Azzadine, 41, e Tareq Qaadan, 40, da Arrabeh, e Yousef Shaaban Yasin, 29 anni, del villaggio di Aneen nel distretto di Jenin, sono stati tra le decine di palestinesi detenuti da Israele in Cisgiordania dopo l’ultimo attacco di Israele contro la Striscia di Gaza.

Nel 2011, Sharawneh è stato rilasciato dal carcere dopo aver scontato dieci anni dei 38 inflittigli per la sua partecipazione in una operazione a Beersheba, in cui rimasero feriti 24 israeliani. Ma ha avuto appena il tempo di festeggiare la sua libertà prima che le forze di occupazione israeliane lo detenessero di nuovo il 31 gennaio.

Sua moglie, Nabila, ha descritto a Al-Akhbar come le truppe hanno fatto irruzione la loro casa, costringendo lei e i bambini sotto la pioggia prima di portarlo via. Durante la sua incarcerazione precedente, a Nabila erano stati consentiti solo 40 minuti di visita in un anno.

Il fratello di Sharawneh , Jihad, ha detto che le sue condizioni fisiche si sono deteriorate. Il suo avvocato ha informato la famiglia che non era più in grado di muovere il suo corpo, ed è solo in grado di respirare. Ha iniziato rifiutando il cibo il 1 ° luglio 2012, ma ancora non è stata concessa una prova, o anche una data per una comparizione in tribunale.

Issawi è stato dato in udienza il 17 dicembre 2012. Quando tentò di salutare i membri della sua famiglia in aula, è stato picchiato dalle guardie di sicurezza israeliane e buttato giù dalla sua sedia a rotelle. Sua sorella avvocato, Shireen, fu in seguito arrestata.

“Non mi aspettavo di vederlo in quello stato,” disse la madre. “Ho potuto vedere che era in precarie condizioni di salute. Era pelle sulle ossa. Il tribunale non ci ha nemmeno fatto salutare
Samer. ” Ha accusato i funzionari dell’Autorità Palestinese di non fare abbastanza per sostenere i detenuti in sciopero della fame.

Il morale di Jaafar Azzadine è alto e la sua mente lucida,ma riesce a malapena a reggersi e non può più pregare in piedi. I membri della famiglia hanno detto ad Al-Akhbar che lo sciopero di Azzadine non era solo per il suo caso e la sua libertà, ma mira a sostenere la causa di tutti i detenuti amministrativi e porre fine a questa pratica ingiusta ed arbitraria.
Il fratello Azzadine, Tareq, che era stato condannato all’ergastolo, è stato uno dei prigionieri rilasciati per la Striscia di Gaza come parte del più recente accordo.

Tareq Qaadan è stato arrestato dagli israeliani 11 volte, passando un totale di dieci anni in varie carceri israeliane e centri di detenzione. Fonti informate hanno detto che stava vivendo mentre il dolore è aumentato e le sue condizioni stavano peggiorando costantemente.

I detenuti in sciopero della fame non sono soli. Lunedi ‘, una campagna su Internet è stata varata per loro conto, con la partecipazione di centinaia di pagine di social media e siti web, intesi a far conoscere la loro causa e il sostegno in tutto il mondo per loro. Gli organizzatori hanno detto che decine di gruppi online palestinesi, arabi ed europei sono stati coinvolti nella campagna, e che le loro pagine di Facebook avevano ottenuto oltre 10 milioni di seguaci.

La campagna è stata un tentativo di riportare l’attenzione sulla causa dei prigionieri e di ravvivare l’interesse ufficiale e pubblico e l’impegno in essa, che è stato in calo negli ultimi mesi.

Il ministro dell’Autorità palestinese per gli Affari dei detenuti, Issa Qraiqei, da parte sua, ha chiesto la formazione di un team legale per pianificare modi di usare il riconoscimento delle Nazioni Unite della Palestina come Stato osservatore, che le dà il diritto di aderire a diverse istituzioni internazionali sui diritti umani relativi ad accordi e convenzioni, per difendere i diritti dei detenuti.

Egli ha suggerito che l’Assemblea generale delle Nazioni Unite chieda un parere consultivo alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia sullo status giuridico dei prigionieri palestinesi detenuti da Israele, e sugli obblighi giuridici della comunità internazionale per quanto riguarda le violazioni dei loro diritti.

http://english.al-akhbar.com/node/14445

………………………………………………………………………….

REPORT DALLA CISGIORDANIA

Esercito invade diverse aree vicino a Jenin

Sabato 26 Gennaio 2013 11:08 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni e agenzie

Sabato all’alba, il 26 gennaio, i soldati israeliani hanno invaso diverse aree nel nord del distretto di Jenin, e arrestato due palestinesi.
Fonti locali nel villaggio di Al-Yamoun, vicino a Jenin, hanno riferito che l’esercito ha arrestato e interrogato due giovani palestinesi dopo il loro fermo a un posto di blocco nei pressi di un insediamento illegale israeliano nei pressi del vicino villaggio di Ya’bod. I due sono stati identificati come Bara ‘Mohammad Abu Baker, e Ahmad Tawfiq Abu Shamla. Inoltre i soldati sono entrati in alcune case, con perquisizioni e interrogatori. L’esercito ha invaso anche i villaggi vicini e le città di ‘Aanin, Ta’nak e Al-Yamoun. Venerdì sera, i soldati israeliani hanno rapito due palestinesi di Al-Fahs , a sud della città di Hebron. I due sono stati identificati come Jibril, 22 anni, e suo fratello Mos’ab, 20. Inoltre, un colono ha spruzzato gas a un giovane palestinese identificato come Mohammad Ishaq Abu Hitta, 17, che è stato trattato dai medici locali.

______________________________________________

L’esercito attacca la protesta settimanale di Bil’in contro il muro

Sabato 26 Gennaio 2013 05:57 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni

Venerdì 25 gennaio. 2013. Il Comitato Amici di libertà e giustizia a Bil’in, vicino Ramallah, ha riferito che i soldati israeliani hanno attaccato con violenza la protesta settimanale non violenta contro il Muro di Annessione e gli insediamenti nel villaggio, causando diversi feriti. Il Comitato ha detto che Hamde Abu Rahma, 27 anni, e Rateb Abu Rahma, 47 anni, sono stati feriti alle gambe da lacrimogeni sparati dall’esercito, e che decine di manifestanti sono stati trattati per gli effetti di inalazione di gas lacrimogeni. La protesta della settimana era stata denominata “Il Venerdì di fedeltà a Lubna Hanash”, una giovane donna palestinese che è stata uccisa dall’esercito israeliano, di fronte ad un college a Hebron il mercoledì. Come le settimane precedenti, la protesta si è svolta dopo la preghiera del venerdì a mezzogiorno nella moschea locale nel centro del paese, ed i manifestanti, accompagnati da attivisti pacifisti israeliani e internazionali, hanno marciato verso il Muro di Annessione israeliano portando bandiere palestinesi, cantando contro l’occupazione, e chiedendo la liberazione di tutti i prigionieri politici detenuti da Israele. Mentre i manifestanti raggiungevano la zona di Abu Lemon, adiacente alla parete, alcuni manifestanti sono riusciti a tagliare una parte del filo spinato appena prima del muro di cemento. I soldati, di stanza dietro il murom hanno sparato bombe a gas, proiettili in gomma rivestiti di metallo e granate a concussione, e anche spruzzato i manifestanti con materiale mescolato a sostanze chimiche. Decine di manifestanti sono stati trattati per gli effetti di inalazione di gas lacrimogeni. L’attacco militare israeliano ha portato a violenti scontri tra decine di giovani del posto e l’esercito che sono durati per diverse ore. sempre venerdì, diversi feriti sono stati riportati quando l’esercito ha attaccato le proteste non violente contro il Muro e gli insediamenti in Ni’lin e Nabi Saleh , villaggi vicini, oltre al villaggio di Kufur Qaddoum vicino a Qalqilia, e ad Al-Ma’sara vicino a Betlemme.

………………………………………………………………………….

CONTINUANO NELLA STRISCIA DI GAZA LE VIOLAZIONI ALLA TREGUA

Sette palestinesi feriti dal fuoco dell’esercito a Gaza

Sabato 26 Gennaio 2013 04:38 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni e agenzie

Venerdì 25 gennaio 2013, fonti mediche palestinesi nella Striscia di Gaza hanno riferito che sette palestinesi sono stati feriti dal fuoco militare israeliano nella parte settentrionale della regione costiera.

Le fonti hanno detto che i soldati, di stanza sul lato israeliano del confine, hanno aperto il fuoco verso decine di residenti in due aree a nord di Gaza. Il primo attacco è avvenuto a est del cimitero di Al-Shuhada ‘, a est di Jabalia.

Il Dr. Ashraf Al-Qodra, portavoce del ministero della Sanità di Gaza, ha riferito che cinque palestinesi hanno riportato ferite moderate. Altri due contadini erano nelle loro terre a est di Beit Hanoun, il dottor Al-Qodra aggiunto. Ha detto che gli ultimi attacchi sono parte di continue violazioni israeliane verso la tregua mediata dall’Egitto che pose fine alla guerra di otto giorni a Gaza lo scorso novembre, e ha aggiunto che quattro palestinesi sono stati uccisi da allora e decine sono stati feriti.

Il Dr. Al-Qodra ha dichiarato che l’esercito ha anche arrestato almeno 30 pescatori da quando la tregua è stata raggiunta, facendo esplodere e sequestrato diversi pescherecci nelle acque territoriali di Gaza. Il cessate il fuoco aveva concluso 8 giorni di guerra nel mese di novembre dello scorso anno, durante i quali i missili israeliani hanno ucciso 191 palestinesi, tra cui bambini, donne e anziani, mentre almeno 1.492 palestinesi sono stati feriti, decine seriamente.

L’Information Center del Ministero palestinese delle informazioni sanitarie, ha riferito che 48 bambini, di cui 16 di età inferiore ai cinque anni, sono stati uccisi da missili israeliani e granate, oltre a 12 donne e 20 anziani. Il Centro ha aggiunto che 1.492 palestinesi, tra cui 533 bambini (195 di età inferiore ai 5), 254 donne e 103 anziani sono stati feriti dal fuoco israeliano e granate. Inoltre, almeno cinque palestinesi sono stati uccisi dopo l’accordo del cessate il fuoco , e 54 sono stati feriti.

Nell’ambito dell’accordo di cessate il fuoco che pose fine alla guerra di Israele a Gaza nel mese di novembre 2012, i pescatori palestinesi sono stati autorizzati a pescare entro le 6 miglia nautiche al largo della costa di Gaza . Ma la marina israeliana ha continuato ad attaccare i pescatori palestinesi, con decine di feriti.

http://www.imemc.org/article/64953

………………………………………………………………………….

Venerdì 25 gennaio 2013

MARIA, CHE VUOLE VIVERE COME GLI ALTRI BAMBINI

Paralizzata da un missile israeliano, una bambina ha di fronte il sistema legale israeliano

Venerdì 25 Gennaio, 2013 11:18 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni e agenzie

La Corte suprema israeliana ha ritardato, giovedi, la deliberazione in un ricorso presentato per conto di una bambina palestinese di Gaza che è stata paralizzata da un missile israeliano che ha ucciso anche diversi membri della famiglia a Gaza.

Maria Aamen ha ora 11 anni, ma quando aveva solo tre anni, un missile israeliano ha colpito un veicolo civile a Gaza, portando alla morte della madre, della nonna e del fratello di 7 anni. Maria non è morta durante l’attacco, ma è stata gravemente ferita quando l’esplosione ha gettato il suo corpo fuori dalla macchina, causandole tetraplegia. Altri sette palestinesi sono stati feriti durante l’attacco.

Maria vive a Um al-Fahem, a nord del paese, ricevendo cure mediche in un centro specializzato israeliano . Seguendo le sue gravi lesioni, la Corte suprema israeliana ha preso una decisione rara in favore di Maria che le permetteva di ricevere il necessario trattamento medico. Ma il ministero della Difesa israeliano non ha voluto pagare le spese per il trattamento di Maria, e nel 2007, ministro della Difesa israeliano, Ehud Barak, ha deciso di interrompere i finanziamenti per il suo trattamento. Da allora, la famiglia di Maria è stata in battaglie legali con Israele, cercando di garantire la prosecuzione del trattamento in centri medici israeliani.

L’avvocato della difesa, Adi Lustigman, ha dichiarato che la Corte Suprema ha deciso di rinviare le deliberazioni fino alla prossima settimana, al fine di studiare la cartella clinica di Maria. Lustigman ha presentato al giudice una relazione medica dettagliata che illustra le condizioni di salute della bambina, e ha informato il giudice che Maria ha bisogno costantemente di respiratori, completa assistenza medica, ed è sempre dipendente dalla sua sedia attrezzata .

Maria ha detto all’agenzia di stampa Bokra che vuole la sua “vecchia vita”, e che vuole essere come gli altri bambini, senza la sua carrozzina, e senza tutte queste macchine. “Voglio vivere come fanno gli altri bambini, voglio vivere senza carrozzina, senza respiratori “, ha detto.” Da bambina, sono stata derubata dei miei diritti di base per vivere in pace, il missile israeliano ha ucciso la mia cara madre, mio fratello, mia nonna e mio zio, e mi ha lasciato in questa situazione “. “Oggi sto lottando per la mia vita in questa corte, cercando di convincere Israele a continuare a pagare per le mie spese mediche molto necessarie”.

Maria ha aggiunto: “Sono ancora in vita per la grande attenzione medica che ricevo qui, e per il mio respiratore, mi muovo sulla mia carrozzina, non posso spostare qualsiasi parte del mio corpo, posso solo muovere la testa “.

http://www.imemc.org/article/64950

………………………………………………………………………….

SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam