Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

giovedì 13 dicembre 2012

ERA IL GIORNO DEL 17° COMPLEANNO DI MOHAMMED: L’ULTIMO DELLA SUA VITA

Le forze israeliane uccidono un adolescente a Hebron
Pubblicato ieri (aggiornato) 2012/12/12 21:39

HEBRON (Ma’an) – Le guardie di confine israeliane mercoledì hanno ucciso un adolescente palestinese nella Città Vecchia di Hebron nel sud della West Bank.

La gente del posto ha identificato la vittima come il 16enne Ziad Muhammad Awad Salaymah. Un medico locale, udito i colpi sparati, si è precipitato al quartiere Salaymah, nei pressi della moschea di Ibrahim, ma non è stato in grado di rianimare l’adolescente. Il medico ha detto a Ma’an che le donne locali hanno discusso con le forze israeliane che impedivano loro di raggiungere Salaymah.

“Ho seguito le donne, e quando ho sentito il polso, ho scoperto che era morto, ” ha detto il dottore. La polizia israeliana ha detto che la vittima sembrava in possesso di una pistola finta. “I risultati iniziali sono che aveva una pistola finta che ha puntato agli ufficiali al momento dell’incidente, “il portavoce della polizia Micky Rosenfeld ha detto a Ma’an. Ha detto che la sparatoria era sotto inchiesta, ma le indicazioni iniziali erano che Salaymah puntava l’oggetto alla polizia di frontiera, che “ha risposto sparando una serie di colpi al palestinese che è stato criticamente ferito e dichiarato morto in un ospedale di Hebron poco dopo “.

I medici palestinesi hanno detto che il corpo era stato trasferito in ospedale in ritardo mercoledì. La sparatoria ha portato a scontri tra residenti arrabbiati e soldati israeliani, che si sono schierati nella zona in gran numero con spari di gas lacrimogeni e granate stordenti. Il fratello di Salaymah è stato arrestato e suo padre è stato ricoverato in ospedale con ferite moderate, testimoni hanno detto a Ma’an. Altri due palestinesi erano stati uccisi a Hebron in scontri con gli israeliani il mese scorso.

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=547450&utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter

…………………………………………………

DA ROSA SCHIANO: L’ESERCITO ISRAELIANO SPARA SUI CONTADINI E GLI INTERNAZIONALI CHE LI STAVANO PROTEGGENDO (VIDEO)

Gli attacchi di questa mattina sono una ulteriore violazione del cessate il fuoco, oltre che una violazione dei diritti umani, perché i soldati hanno sparato contro noi civili disarmati e contadini intenti a lavorare la terra.

http://italy.palsolidarity.org/2012/12/12/le-forze-israeliane-sparano-sui-manifestanti-a-khuzaa/

…………………………………………………

IMMEDIATI GLI EFFETTI DELLA “LICENZA DI SPARARE” ACCORDATA ALLE FORZE DI OCCUPAZIONE ISRAELIANE.

Un residente locale di Ni’lin ha dichiarato: “Oggi il mio villaggio ha subito un’invasione molto violenta. Duri scontri sono iniziati dopo che l’esercito di occupazione israeliano l’ha invaso e ha tentato di arrestare persone. Si poteva sentire che tra tutti gli spari nel villaggio c’erano principalmente proiettili veri. Hanno sparato più di 1000 proiettili direttamente sulle persone .”

http://italy.palsolidarity.org/2012/12/12/proiettili-ricoprono-le-strade-di-nilin-a-causa-della-maggior-liberta-di-sparare-concessa-ai-soldati/

……………………………………………….

PER FARE POSTO AL MURO DELL’APARTHEID, SI METTE IN PERICOLO UN LUOGO DENSO DI MEMORIA STORICA, PROSSIMO SITO CHE SARA’ DICHIARATO DALL’UNESCO PATRIMONIO DELL’UMANITA’: BATTIR

Il Muro di separazione israeliano minaccia gli antichi terrazzamenti di Battir

Ambientalisti israeliani e anche l’autorità dello Stato per i parchi sostengono i tentativi degli abitanti del villaggio palestinese per preservare il paesaggio, che dovrebbe essere dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco

Harriet Sherwood a Gerusalemme
The Guardian , Martedì 11 dicembre 2012

Il futuro di un antico paesaggio agricolo, che comprende ampie terrazze con pareti in pietra e un sistema unico di irrigazione naturale, potrebbe essere deciso mercoledì, quando una petizione contro il progetto del tracciato della grande barriera di separazione in cemento e acciaio di Israele verrà ascoltata dalla corte.

Le terrazze del villaggio palestinese di Battir, vicino a Betlemme, dovrebbero essere dichiarato patrimonio dell’umanità da parte dell’Unesco , l’organismo culturale dell’ONU, nei prossimi mesi.

Ma Friends of Earth , che ha presentato la petizione, dice che la decisione di Israele di costruire la barriera in Cisgiordania attraverso una valle che corre tra i terrazzamenti rischia di infliggere un danno irreversibile al paesaggio.

Il caso è stato sostenuto da una svolta dell’ultimo minuto dall’Authority di Israele per la natura e i parchi, che ha chiesto al giudice martedì di accettare la petizione, dicendo che la “zona speciale e preziosa” deve essere protetta nel pubblico interesse. L’autorità ha sostenuto che non c’è più un’emergenza di sicurezza tale da richiedere di mettere da parte le considerazioni ambientali .

Secondo Gidon Bromberg, degli Amici della Terra del Medio Oriente, Battir è “uno dei primi esempi di agricoltura a terrazze, e continua ancora oggi fondamentalmente nello stesso stato. Circa mezzo miliardo di pietre sono state raccolte, generazione dopo generazione, riparate dopo ogni stagione invernale , ampliate nel corso del tempo. “

Gli alberi e raccolti piantati sulle terrazze, che si estendono per più di 325 ettari, sono alimentati da un sistema di irrigazione naturale risalente all’epoca romana, che l’acqua dei canali che proviene da sette sorgenti ed è lavorato come una cooperativa dalle otto principali famiglie estese del villaggio.

Le terrazze di Battir sono al cavallo di una valle attraverso la quale passa la linea di armistizio del 1949, che separa Israele dalla Cisgiordania. Gli edifici del villaggio e alcune terrazze sono sul lato della West Bank che è nota come la Linea Verde, la maggior parte delle terrazze si trovano all’interno di Israele. Nel 1949, il famoso capo militare israeliano Moshe Dayan diede il permesso agli abitanti dei villaggi di Battir di coltivare la loro terra sul lato israeliano della linea.

Ma 10 anni fa, Israele ha iniziato la costruzione della barriera in risposta a un’ondata di attentati suicidi palestinesi. In un comunicato, il ministero della Difesa israeliano ha dichiarato: “La barriera di sicurezza ha contribuito a ridurre il numero di attacchi e di decessi, tuttavia, ci sono ancora entrate naturali, attraverso le quali decine di infiltrati illegali sono intercettati ogni giorno..

“E ‘per questo motivo che le parti finali della fascia di Gerusalemme (parte meridionale) devono essere completate. Senza queste sezioni, Gerusalemme rimane vulnerabile al terrore.”

Il percorso originale nei pressi di Battir era già stato cambiato dopo le obiezioni dei gruppi ambientalisti e naturalisti, ha aggiunto. Gli abitanti del villaggio sarebbero in grado di accedere alla propria terra sul lato israeliano della barriera attraverso due porte, e il sistema di irrigazione non ne risentirebbe, ha detto.

Il tratto della barriera vicino a Betlemme ha dovuto affrontare una serie di sfide legali, tra cui una dagli abitanti dei villaggi e monaci e monache cristiani nella valle vicina di Cremisan . Il percorso attuale della barriera di 800 km barriera, che è per circa due terzi completa, trasferisce quasi il 10% del territorio della Cisgiordania sul lato israeliano.

“La barriera distruggerà il patrimonio culturale e naturale di Battir”, ha detto Bromberg. “Esperti internazionali e israeliani dicono che questa zona è meritevole di tutela. Si tratta di preservare il modo con cui le cose sono state fatte per migliaia di anni.”

• Il titolo e standfirst questo articolo è stato modificato il 12 dicembre 2012 perché il titolo originale ha descritto gli antichi terrazzamenti di Battir come sito del patrimonio mondiale, quando non è ancora stata dichiarato come tale.

http://www.guardian.co.uk/world/2012/dec/11/israel-palestinians-battir-separation-wall

………………………………………………

mercoledì 12 dicembre 2012

ISRAELE SPENDE 647 MILIONI DI DOLLARI USA PER RICARICARE LE MUNIZIONI, DOPO LA GUERRA DI GAZA.

11 Dicembre 2012
Il Pentagono ha approvato un accordo per la fornitura di 6900 kit di bombe di precisione per riforaggiare le scorte di armi di Israele, diminuite dalla recente guerra contro Hamas a Gaza. Il contratto ha un valore di 647 milioni di dollari.

“Gli Stati Uniti sono impegnati a garantire la sicurezza di Israele, ed è di vitale importanza per gli interessi nazionali americani aiutare Israele a sviluppare e mantenere una forte e pronta capacità di auto-difesa”, il Pentagono ha detto in un comunicato. L’accordo dovrebbe navigare attraverso l’approvazione formale da parte del legislatore.

I Boeing-made Joint Direct Attack Munitions sono complessi dispositivi di guida elettronici montati sui missili per renderli molto più precisi. Incursioni aeree molto precise sono state la tattica principale utilizzata da Israele durante gli 8 giorni di attacco a Gaza il mese scorso.

10.000 cariche esplosive sono anche parte integrante del contratto. Di questi, 3.450 sono bombe sonore, 1725 bombe del peso di 250 kg, mentre il resto sono bombe anti-bunker BLU-109 e GBU-39.
Il bombardamento di Gaza, che Israele afferma essere partito in risposta a più di 2.000 razzi palestinesi lanciati quest’anno, è stato costoso per entrambe le parti.

Le autorità palestinesi hanno detto che il costo di 120 edifici distrutti e 8.000 edifici danneggiati ammonta a 1,2 miliardi di dollari.

Nel frattempo, l’operazione militare “Pilastro di Difesa” è costata ad Israele circa 760 milioni di dollari. I funzionari stimano anche che il conflitto sia indirettamente costato al paese 1,8 miliardi di dollari di ricavi turistici persi.

Nel conflitto sono stati uccisi più di 180 palestinesi e 6 israeliani.

Fonte: http://rt.com/news/israel-gaza-pentagon-precision-830/

-jasmine-

……………………………………………….

AMNESTY INTERNATIONAL DENUNCIA LA PERSECUZIONE DI ISRAELE CONTRO LE ORGANIZZAZIONI PALESTINESI DEI DIRITTI UMANI, IN PARTICOLARE DI ADDAMEER, CULMINATA CON I RAID NELLA LORO SEDE E IN QUELLA DI ALTRE ONG. 

Comunicato stampa

11 Dicembre 2012

Israele deve fermare gli attacchi contro le ONG palestinesi e i difensori dei diritti umani

All’inizio di martedì 11 dicembre 2012, i membri della Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno fatto irruzione presso tre ONG palestinesi a Ramallah, sequestrando computer, file di lavoro e impianti e saccheggiando i loro uffici in quello che Amnesty International dice che è parte di un “modello di molestie” contro gli attivisti nei Territori Palestinesi Occupati.

“Questo raid israeliano contro i sostenitori dei prigionieri di Addameer e Human Rights Association, la rete delle ONG palestinesi, e l’Unione dei Comitati delle donne palestinesi è parte di un attacco più ampio contro i palestinesi per i diritti umani e le organizzazioni della società civile e il loro personale”, ha dichiarato Ann Harrison, Vice Direttore del programma di Amnesty International per il Medio Oriente e Nord Africa .
“E ‘un modello di molestie che sembra progettato per ridurre il loro lavoro vitale.”

Le autorità israeliane spesso limitano i movimenti di difensori dei diritti umani e di altri attivisti in Cisgiordania in base a informazioni segrete, ed impediscono i viaggi tra la Cisgiordania e la Striscia di Gaza. Le ONG a Gaza sono state direttamente colpite dalla recente operazione militare israeliana .

Amnesty International ha chiesto all’IDF per informazioni riguardanti i motivi per il raid ma non ha ancora ricevuto una risposta.
Amnesty International è particolarmente preoccupata per la persecuzione israeliana della Ong Addameer per i diritti umani dei palestinesi da molti mesi, inclusi gli ordini militari che vietano al suo leader, Abdullatif Ghaith, di entrare nella West Bank o di viaggiare all’estero.
Le autorità israeliane spesso impediscono agli avvocati di Addameer di visitare i prigionieri e detenuti che rappresentano. Più preoccupante, secondo il suo avvocato, è che il ricercatore di Addameer e difensore dei diritti umani Ayman Nasser è stato torturato durante il lungo interrogatorio dopo il suo arresto da parte delle forze israeliane il 15 ottobre.

“Le restrizioni arbitrarie del movimento, gli attacchi ai diritti umani e alle organizzazioni della società civile, e la tortura dei difensori dei diritti umani non possono mai essere giustificate. Devono finire ora, e i responsabili devono essere chiamati a risponderne “, ha dichiarato Ann Harrison.

http://www.amnesty.org/en/for-media/press-releases/israel-must-stop-attacks-palestinian-ngos-and-human-rights-defenders-2012-1

……………………………………………….

I SOLDATI ISRAELIANI SI ERANO LAMENTATI PERCHE’ LE REGOLE SULL’ “APRITE IL FUOCO” LI FACEVANO SENTIRE CON LE MANI LEGATE. E SUBITO SONO STATI ACCONTENTATI. 

Ai soldati concessa più libertà nei regolamenti per l’uso delle munizioni vere

Mercoledì 12 dicembre 2012 01:07 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni e agenzie

L’esercito israeliano ha modificato le sue istruzioni ai soldati per quanto riguarda l’uso di munizioni vere contro i manifestanti palestinesi nella Cisgiordania occupata, permettendo ai soldati sul campo di prendere tali decisioni in base alla loro situazione, garantendo loro una maggiore libertà nell’uso di munizioni, invece di bombe a gas, proiettili in gomma rivestiti di metallo , granate assordanti e munizioni simili.

Israele TV, Canale 7, ha riferito che un alto comandante militare israeliano nella West Bank ha detto che “un soldato operativo nel settore ha la possibilità di prendere la decisione appropriata, dopo aver valutato la situazione e la quantità di pericolo che lui e i suoi colleghi si trovano ad affrontare, e quella basata sulla sua valutazione personale, può ricorrere all’utilizzo di munizioni vere “.

Le modifiche recenti sono venute dopo che sono stati pubblicati video che mostrano i soldati israeliani in fuga da manifestanti palestinesi nel villaggio di Kufur Qaddoum, vicino alla città di Qalqilia, e in Hebron, nel sud della Cisgiordania occupata.

È degno di menzione che il Ministro degli Interni israeliano, Elie Yishai, e il capo del partito di opposizione Kadima, Shaul Mofaz, hanno chiesto nel corso di una riunione del Consiglio dei ministri, conosciuto come ” Cabinet “, che i soldati avrebbero dovuto essere autorizzati a utilizzare la massima forza contro i palestinesi. Inoltre, una fonte militare israeliana ha dichiarato martedì che l’ordine di “aprire il fuoco” che l’esercito ha, sono chiari, e non ha imposto restrizioni sui soldati, e ha aggiunto che “i soldati devono valutare la loro situazione sul campo e agire di conseguenza, se sentono che le loro vite sono in pericolo, poi si può sempre utilizzare proiettili veri”, l’agenzia di stampa Maan ha detto.

La fonte ha aggiunto che, l’anno scorso, i soldati israeliani di frequente hanno fatto ricorso all’uso di munizioni, anche senza la necessità di ricorrere al fuoco vero, e che il numero di volte in cui i soldati hanno scelto di utilizzare munizioni dal vivo è molto più grande del numero di volte che si sono astenuti dal farlo. Inoltre, il corrispondente militare dell’israeliana Bet Reshet Radio , ha dichiarato che l’esercito sta studiando due incidenti in cui sono stati catturati i soldati israeliani in un film, mentre sono in fuga da manifestanti palestinesi, in Kufur Qaddoum, e un incidente simile a Hebron, dove i soldati hanno dovuto nascondersi in un negozio locale nel città.

I video e le immagini dei soldati che fuggono ha inoltre concesso terreno fertile per i leader fondamentalisti israeliani, come il ministro degli Esteri, Avigdor Lieberman, e Elie Yishai che, tra un anello di giornalisti, chiedevano un cambiamento significativo nella politica dell’aprire il fuoco per consentire ai soldati più libertà di usare proiettili veri contro i palestinesi “al fine di evitare scene di sconfitta e umiliazione dei soldati dell’esercito israeliano”.

I soldati israeliani usano proiettili di gomma rivestiti di metallo , bombe a gas e granate assordanti contro i manifestanti non violenti contro il Muro e gli insediamenti in Cisgiordania, oltre a spruzzi con acqua miscelata con sostanze chimiche, un problema che ha portato a centinaia di feriti e anche diversi morti tra i manifestanti. Essi utilizzano spesso anche proiettili veri, portando a ulteriori morti e feriti, ma il nuovo regolamento concede loro una maggiore libertà nell’uso di munizioni live, basata su una propria valutazione e giudizio, il che potrebbe significare un uso più grande e molto più frequente di munizioni.

http://www.imemc.org/article/64733

SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam