Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

Venerdì 14 dicembre 2012

AUMENTA LA TENSIONE IN CISGIORDANIA: L’ESERCITO ISRAELIANO ORA SPARA DAVVERO. 

Decine di feriti in scontri a Hebron, un ragazzo in condizioni critiche

Pubblicato ieri (aggiornato) 13/12/2012 21:55

HEBRON (Ma’an) – Un adolescente palestinese è stato colpito dal fuoco vivo dalle forze israeliane durante gli scontri a Hebron, hanno detto testimoni, il giorno dopo che un ragazzo di 17 anni, è stato ucciso dalle truppe in città.

Nasser Mohammad Al-Wasfi Sharabati, 17 anni, è stato colpito al petto da un proiettile in al-Zawiye zona di Bab, un giornalista ha detto a Ma’an. I medici hanno riferito che era in gravi condizioni. Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto che egli avrebbe cercato l’incidente.

Gli scontri sono avvenuti durante la notte tra i residenti di Hebron e soldati israeliani, che hanno schierato nella zona un gran numero dopo che il 17enne Muhammad Ziad Awad Salaymah è stato ucciso da una guardia di frontiera israeliana nel centro storico di Hebron. Il portavoce dei Servizi di emergenza Nasser Kabbajh ha detto che durante gli scontri di giovedì 26 palestinesi sono stati portati all’ospedale governativo di Hebron e 12 in una clinica medica. Altre 51 persone sono state trattate sul posto, ha detto.
Circa 21 palestinesi sono stati feriti da proiettili di gomma durante gli scontri

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=547800

…………………………………………………………

IL 13 DICEMBRE, A HEBRON

I funerali di Shaheed Muhammad Awwad Zaid Salayam seguite da scontri e feriti . 13 Dicembre 2012 – in immagini

13 DICEMBRE 2012 DA OCCUPIEDPALESTINE

Intorno alle 19:30 di mercoledì 12 dicembre 2012 una soldatessa israeliana, Nofar Mizrahi, ha assassinato Mohammad Salayme, uccidendolo a sangue freddo con diversi proiettili al corpo e alla testa, nel quartiere Salayme di Hebron, vicino alla moschea Ibrahimi.

E ‘ stato colpito per il suo compleanno. Compiva 17 anni.

Pesanti scontri sono avvenuto oggi a Al-Khalil (Hebron) e più di 55 sono rimasti feriti tra le persone che hanno partecipato al funerale: sono stati attaccati con gas lacrimogeni e proiettili di acciaio rivestiti di gomma.

http://occupiedpalestine.wordpress.com/2012/12/13/the-funeral-of-shaheed-mohammad-zaid-awwad-salayam-dec-13-2012-in-pictures/

……………………………………………………….

Giovedì 13 dicembre 2012

LA PAURA COSTANTE DELLA MORTE, GLI INCUBI DEI BIMBI DI GAZA

Continuamente nella paura della morte imminente

da Abby Zimet
12.12.12

I bambini di Gaza , ancora una volta, hanno visto e sentito cose terribili: fratelli e sorelle e genitori saltati via, case rase al suolo, le bombe che cadevano, i vetri rotti, corpi per le strade.

Mentre gli abitanti di Gaza ora lottano per tornare alla vita normale, unaa vita difficile, una vasta maggioranza di Gaza, 950.000 bambini, lottano anche con traumi e i loro sintomi , dagli incubi all’ enuresi, al mal di stomaco, al panico a rumori forti, all’insicurezza prevalente e ciò che nei termini dei rapporti delle Nazioni Unite è ” la paura in modo continuo o usuale di morte imminente “. Questi sono i bambini, ricordate. Questo per quanto riguarda la linea infame israeliana che “non ci sono innocenti a Gaza.”

L’Alleanza dei bambini mediorientali (MECA) sta lavorando con la società della Mezzaluna Rossa di Gaza per aiutare a guarire i bambini più colpiti. Dona qui.

Abbiamo visto i volti di coloro che hanno gettato i nostri figli
fuori della finestra di questo ultimo spazio
Noi moriremo qui, qui nell’ultimo passaggio.
Qui e qui il nostro sangue pianterà il suo albero di olivo.

– Mahmud Darwish, 1943-2008

https://www.commondreams.org/further/2012/12/12-1

…………………………………………………

LE CONDIZIONI DEI PRIGIONIERI PALESTINESI IN SCIOPERO DELLA FAME CONTINUANO A PEGGIORARE. LA PETIZIONE DI UFREE NETWORK.

UFREE Network: 5 prigionieri palestinesi sono a rischio, Azione Urgente richiesta

UFREE Network | Campagne 12 dic 2012

UFREE, la rete a sostegno dei diritti dei prigionieri palestinesi, ha invitato intensificare gli sforzi e le azioni di solidarietà con i prigionieri palestinesi che sono in sciopero della fame nelle carceri israeliane. I provvedimenti di emergenza sono necessari per salvare la vita dei prigionieri palestinesi, ha detto l’organizzazione.

Questo avviene quando i prigionieri in sciopero, Samer Al Essawi e Ayman al Sharawna, sono in condizioni critiche in una delle prigioni israeliane. In una telefonata con Network, Shereen Al Essawi, sorella del prigioniero al Essawi, ha affermato che sia Ayman che Samer sono stati ricoverati in ospedale Asaf Hroviah martedì 2012/11/12.

“Samer soffre di distrofia muscolare e anche di una disfunzione del sistema nervoso da una settimana. Ciò è dovuto agli svenimenti e alle aritmie del battito cardiaco e ha difficoltà a respirare, vomita sangue e ha altri sintomi gravi “, ha aggiunto Shereen Al Essawi

Samer è stato ammesso giovedi della scorsa settimana in un ospedale di Al Ramla. Eppure, si rifiuta di prendere la terapia come parte del suo sciopero della fame.

Ayman al Sharawna, 36 anni, residente del villaggio di Dora a Hebron, è in sciopero della fame da 165 giorni, mentre Samer, 33 anni, dalla città di Esawya a Gerusalemme, è in sciopero da 136 giorni. È stato riferito che tre altri prigionieri palestinesi hanno aderito allo sciopero : Ja’far Izeldin, 41 anni, e Traiq Qadan, 40, entrambi dalla città Araba nella città maggiore di Jenin . Il terzo prigioniero è Yousef Yasin Shaban Shafi ‘, 29 anni, del villaggio di Anin a Jenin.

Il Presidente di UFREE Network, Mohammad Hamdan, ha espresso la sua preoccupazione per la vita dei prigionieri in sciopero della fame. La sua preoccupazione è dovuta al fatto che non c’è molta consapevolezza su questo caso. Hamdan ha dichiarato che la solidarietà con i prigionieri dovrebbe compensare il loro sacrificio e il loro dolore.

“E ‘ingiusto alzarsi e vedere i prigionieri palestinesi che sono in sciopero della fame da centinaia di giorni, è un atto imperdonabile rimanere in silenzio”, ha detto Hamdan

Su un altro versante, UFREE Network ha condannato l’invasione dell’esercito di occupazione israeliano, del 2012/11/12 martedì mattina, nella città di Ramallah, che ha colpito un certo numero di organizzazioni della società civile come Addameer e Human Rights Association. La rete UFREE ha suggerito che le premesse di tale assalto e il sabotaggio e la confisca delle attrezzature fa parte della feroce campagna che ha come target i detenuti, le loro famiglie e le organizzazioni che si occupano di loro.

Per sostenere la lotta dei prigionieri palestinesi, UFREE Network continua la sua petizione internazionale dal titolo “Salva Ayman e Samer, Libertà e Giustizia per i detenuti palestinesi nelle carceri israeliane” Pertanto, UFREE chiama a sostenere i prigionieri firmando la petizione al seguente link:

http://www.ipetitions.com/petition/freedom-and-justice-for-palestinian-detainees-in/

………………………………………………………………..

LA VIOLENZA DEI COLONI ISRAELIANI NON SI FERMA NEANCHE DAVANTI ALLE INSEGNE DELLA CROCE ROSSA

Coloni attaccano famiglie dei prigionieri palestinesi

Mercoledì 12 Dicembre, 2012 14:45

I coloni israeliani hanno attaccato un autobus della Croce Rossa che da Betlemme portava parenti dei prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri di Israele.

L’autobus è stato attaccato dai coloni di Beit Amer, a nord di Hebron, il direttore dell’Associazione dei prigionieri, Abdul-Fattah Khalil, ha dichiarato: “I coloni hanno lanciato pietre contro il bus e danneggiato i suoi finestrini e il parabrezza.”

Nonostante il logo della Croce Rossa fosse esposto ben visibile sui bus, Khalil ha detto che i coloni israeliani li attaccano sempre in ogni caso. “Una madre di un prigioniero è stata ferita in un attacco simile il mese scorso”, ha sottolineato.

Nel frattempo, un gruppo di coloni hanno attaccato i palestinesi nel villaggio di Shaqbeh ad ovest di Ramallah, un auto di proprietà di un palestinese è stata data alle fiamme. I proprietari hanno detto che erano impotenti a prevenire l’attacco da parte dei coloni, che sono sempre pesantemente armati.

I coloni hanno anche scritto slogan razzisti sui muri dei negozi della zona, tra cui il famigerato “cartellino del prezzo”. Hanno anche scritto, “Stiamo arrivando di nuovo”, a dispetto dei residenti arabi e delle autorità del paese.

Testimoni hanno detto che un’unità dell’esercito israeliano è andata al villaggio la mattina di mercoledì e convocato un numero di abitanti come parte delle loro indagini

http://www.middleeastmonitor.com/news/middle-east/4806-settlers-attack-families-of-palestinian-prisoners

………………………………………………………..

PCHR lancia la campagna “Palestine alla Corte Penale Internazionale (ICC)”

Il 10 dicembre 2012, in occasione della giornata dei diritti umani, il PCHR ha lanciato la sua campagna “La Palestina alla Corte Penale Internazionale”. La campagna mira ad incoraggiare i diretti interessati, vale a dire lo Stato della Palestina, il Pubblico Ministero della Corte Penale Internazionale e la Comunità Internazionale, di arrogarsi le proprie responsabilità nell’assicurare giustizia e risarcimento per le vittime palestinesi in tutti i casi di violazione della legge internazionale.

10 anni dopo la creazione della Corte Penale Internazionale, l’istituzione adottata per mettere fine all’impunità dei perpetratori dei più terribili crimini di interesse proprio della comunità internazionale stessa come organo, il PCHR chiede responsabilità per le ormai innumerevoli vittime palestinesi alle quali è stato negato l’accesso alla giustizia per troppo tempo. I pianificatori dello “Statuto di Roma” hanno riconosciuto che “tutti i popoli sono uniti da legami comuni, le loro culture unite insieme in un’eredità culturale condivisa.” I valori che formano la Corte sono assolutamente universali, costruiti sui diritti che vennero proclamati dalla dichiarazione universale dei diritti umani nel 1948.
Come proclama l’articolo 2 “… nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico o internazionale del Paese o del territorio cui una persona appartiene, sia che tale Paese o territorio sia indipendente, o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o non autonomo, o soggetto a qualsiasi altra limitazione di sovranità.”
64 anni dopo, innumerevoli quantità di persone subiscono ancora discriminazioni e grandi distinzioni vengono fatte tra individui, semplicemente in base allo stato politico della terra nella quale sono nati. Il popolo palestinese è stato vittima di discriminazione massiccia precisamente per via della mancanza di indipendenza dei suoi territori e la limitazione di sovranità imposta su di loro dalla creazione dello stato di “Israele”- proprio nello stesso anno.
La situazione dei diritti umani nei territori occupati palestinesi peggiora anno dopo anno. Il diritto all’autodeterminazione e il raggiungimento di un vero e proprio stato della Palestina appaiono come nobili ideali a confronto della realtà sul terreno della concretezza. La situazione in Cisgiordania e a Gerusalemme sta deteriorando sotto l’occupazione e con le colonie in via di espansione, con l’intero mondo come testimone. Nello Stretto di Gaza, 1.7 milioni di persone sono soggetti ad una scellerata forma collettiva di punizione, tagliati fuori dal mondo e costretti a re-svilupparsi.
Queste stesse persone, gente protetta dalla legge internazionale umanitaria, sono soggette a incessanti attacchi. Durante la così soprannominata “Operazione Piombo Fuso”, era la popolazione civile ad essere nell’occhio del ciclone, essendogli negata persino la possibilità di sfollare. Più dell’80% di tutti i feriti erano civili. Tutto questo è successo sotto gli occhi della comunità internazionale. Quasi 4 anni dopo, non c’è ancora stata nessuna investigazione adeguata a livello nazionale.
Ancor peggio, la comunità internazionale ha voltato gli occhi nuovamente mentre Israele ha portato avanti una nuova operazione offensiva di cui hanno fatto parte attacchi sproporzionati e indiscriminati che hanno causato la perdita di molte vite di civili. Almeno due terzi degli uccisi e il 97% dei feriti durante l’ “Operazione Colonna di Nuvola” erano civili. Ancor prima che venisse lanciata un’investigazione soddisfacente su “Piombo Fuso” un’ennesima offensiva su larga scala ha lasciato ancor più vittime al suo passaggio.
La missione dell’ONU sul Conflitto a Gaza espose che crimini di guerra e crimini contro l’umanità furono commessi durante l'”Operazione Piombo Fuso”. Più approfonditamente, il resoconto sottolineò dei meccanismi di responsabilità a livello nazionale e, in caso di fallimento, a livello internazionale. Come concluso dal comitato di esperti ONU “l’inchiesta ufficiale deve però essere condotta da un corpo veramente indipendente, dato il conflitto piuttosto ovvio inerente al fatto di lasciare l’esercito ad esaminare il proprio ruolo nel progettare ed eseguire “Operazione Piombo Fuso”.
IL PCHR riconosce che La Corte Penale Internazionale sia il principale corpo indipendente in grado di condurre questo tipo di inchieste e, in questo contesto, il PCHR lancia la sua campagna “La Palestina all’ICC” che ha lo scopo di incoraggiare i rilevanti responsabili ad adempiere alla loro responsabilità nel premurarsi che la Palestina guadagni accesso alla Corte Penale Internazionale (ICC). Primariamente, lo stato della Palestina dovrebbe firmare e approvare lo “Statuto di Roma” senza ulteriori ritardi e presentare una dichiarazione attraverso il Registro della Corte sotto gli articoli 11 (2) e 12 (3) dello Statuto, accettando l’esercizio di giurisdizione della Corte dalla data di entrata in forza dello Statuto stesso, 1 luglio 2002.
In seguito all’adesione della Palestina allo “Statuto di Roma”, il Pubblico Ministero della Corte Penale Internazionale dovrebbe dare il via ad un’inchiesta proprio motu sui presunti crimini di guerra e crimini contro l’umanità che vengono commessi in Palestina in violazione dello Statuto stesso e richiedere un’autorizzazione della camera preliminare a procedere con un’investigazione, che fa seguito all’articolo 15 dello Statuto. Dopodiché il Pubblico Ministero dovrebbe riaprire l’esame preliminare e tener conto degli elementi idonei in modo da aprire così finalmente un’inchiesta sulla situazione in Palestina, portando il problema di fronte alla camera preliminare per una decisione giuridica sulla questione. Infine, sta alla comunità internazionale di appoggiare gli sforzi del popolo palestinese di cercare giustizia contro le violazioni di leggi dei diritti umani e umanitari internazionali attraverso l’uso del principio di giurisdizione universale.

http://www.palestinarossa.it/?q=it%2Fcontent%2Fblog%2Fpchr-lancia-la-campagna-palestine-alla-corte-penale-internazionale-icc

Leggi la petizione:http://www.pchrgaza.org/portal/en/index.php?option=com_content&view=article&id=9113%3Aend-impunity-in-palestine-calling-for-investigation-and-prosecution-by-the-international-criminal-court-&catid=156%3Aadvocacy-activities&Itemid=317

Grazie ad Anarko NoTav StayHuman per la segnalazione

……………………………………………………

Tramite Rosa Schiano in Gaza:

Foto scattata ieri. Un soldato israeliano scende dalla jeep e ci punta l’arma contro. Questa è l’immagine che da ieri ho fissa davanti ai miei occhi nella mia mente.
Vorrei sapere come fai a puntare la tua arma e sparare contro civili disarmati, contro noi internazionali fermi disposti in fila come barriera umana, contro contadini intenti a lavorare la propria terra che è la loro vita. Non c’è nulla di razionale in quello che fate, solo la vostra prevaricazione su ogni diritto, perseguendo il vostro “progetto” colonialista, non c’è nulla di umano nelle vostre persone.

Ma spero e sono sicura che prima o poi lo fermeremo il terrore nel quale fate vivere da 65 anni un’intera popolazione.

Rosa Schiano
il nostro Press Release sull’attacco che abbiamo subito questa mattina.

Forze Israeliane sparano contro contadini ed internazionali in Khuza’a

dagli attivisti della solidarietà internazionale

12 Dicembre 2012
Gaza- Forze israeliane hanno sparato con armi da fuoco e lacrimogeni contro contadini disarmati ed attivisti della solidarietà internazionale mentre lavoravano in Khuza’a, un piccolo villaggio vicino Khan Younis vicino il confine con Israele. Verso le 10:30 del mattino, i contadini sono arrivati ed hanno iniziato il lavoro arando la terra a circa 100 metri dalla barriera di separazione mentre gli internazionali si sono allineati tra la barriera ed i contadini. Subito si sono imbattuti in una jeep militare ed un veicolo da trasporto israeliani. Un soldato israeliano ha lanciato un avvertimento in arabo avvisando di lasciare l’area e poi ha sparato due proiettili in aria. Contadini ed internazionali sono rimasti calmi ed hanno continuato il loro lavoro e i soldati israeliani hanno lasciato l’area.
Verso le 11 del mattino, circa 20 palestinesi contadini e semplici cittadini hanno sostato a circa 300 metri dalla barriera di separazione. Due jeep militari sono tornate nella zona. Un soldato è uscito dal proprio veicolo ed ha sparato 4 volte in direzione dei contadini e degli attivisti. Il quarto colpo ha attraversato la linea formata dagli attivisti ed è atterrato nel terreno arato. Di nuovo, palestinesi ed internazionali non si sono fatti scoraggiare. Jeep israeliane si sono allontanate ed i contadini hanno finito il lavoro in questa zona di terra e si sono spostati in un vicino appezzamento di terreno.
Quindici minuti più tardi, due jeep israeliane sono tornate, una equipaggiata con mitragliatrice automatica.
Un soldato ha sparato tre colpi di gas lacrimogeno direttamente davanti agli attivisti.
Ha continuato sparando al trattore con arma da fuoco, danneggiando il motore e fermando il nostro lavoro. Un internazionale stava accompagnando il conducente a bordo del trattore. Il team di accompagnamento comprende attivisti dalla Spagna, dall’Italia, Francia, Inghilterra, Scozia, Germania e Stati Uniti.
I contadini di Gaza hanno con successo arato la terra e seminato il grano in appezzamenti di terra adiacenti, con la presenza internazionale, durante i due giorni precedenti.
Sebbene vi erano stati avvertimenti dalle forze israeliane di stare ad una distanza di 100 metri dalla barriera di separazione, non erano stati attaccati con arma da fuoco in una maniera simile. “Questo incidente è il primo esempio delle molestie e dell’imprevedibilità delle forze di occupazione israeliane che i contadini quotidianamente affrontano mentre lavorano nelle proprie terre in Gaza”, ha detto un attivista spagnolo della solidarietà internazionale. Per un report dei giorni precedenti della farming, vedere http://palsolidarity.org/2012/12/gazan-farmers-at-work-in-kuzaa/.
Residenti in Khuza’a hanno riferito che non hanno piantato in quest’area, dichiarata da Israele zona militare chiusa, da 13 anni. Precedentemente un frutteto, forze israeliane hanno spiantato la terra con bulldozers molte volte durante incursioni militari e regolarmente hanno sparato contro i contadini che tentavano di lavorare lì. I contadini sentivano che quest’area fosse ora accessibile dopo gli accordi per il cessate il fuoco il 21 novembre e che le forze israeliane dovrebbero “astenersi dal colpire i residenti nelle aree lungo il confine” e “di cessare le ostilità nella Striscia di Gaza, via terra, via mare e via aria, compreso le incursioni e le uccisioni mirate.” Questa è la stagione ottimale per piantare il grano e i contadini di Gaza hanno solo una piccola finestra di tempo in cui lavorare prima che la terra sia resa inutilizzabile.

http://palsolidarity.org/2012/12/israeli-forces-fire-on-gaza-farmers-and-internationals-in-khuzaa/

……………………………………………………

IL MINISTRO DEGLI ESTERI ISRAELIANO ACCUSA L’EUROPA DI COMPORTARSI NEI CONFRONTI DI ISRAELE COME FECE 60 ANNI FA, GIRANDOSI DALL’ALTRA PARTE MENTRE SI PERPETRAVA L’OLOCAUSTO DEGLI EBREI. 

Affermazione selvaggia di Lieberman che l’Europa sta ignorando un altro Olocausto, per mascherare il tentativo di derubare i palestinesi di 423 milioni di dollari

da Phil Weiss e Annie Robbins il 12 Dic 2012

Il Ministro degli esteri israeliano Avigdor Lieberman ha accusato i governi europei di ignorare un altro Olocausto martedì notte. La sua affermazione bizzarra è evidentemente uno sforzo per sostenere i piani israeliani di trattenere oltre $ 400 milioni di entrate fiscali da parte dell’Autorità palestinese.

Il Jerusalem Post riporta la dichiarazione scioccante di Lieberman:

Facendo eco alle osservazioni formulate nel corso della giornata su Radio Israele, confrontando le attuali azioni di alcuni governi con quelle durante l’Olocausto, Lieberman ha detto che gli ebrei hanno visto in passato come alcuni paesi europei hanno rivolto lo sguardo dalle prove e fatto finta di non vedere quando gli ebrei sono stati minacciati di distruzione e inviati nei campi di concentramento. Nell’intervista a Radio Israele, ha paragonato le attuali politiche dell’UE alle politiche dei paesi europei negli anni 1930 e 1940.

“Io non sono contento della la posizione dell’Europa, che in un altro momento della storia ha ignorato le chiamate per distruggere Israele”, ha detto. “I leader di Hamas hanno detto più volte che il loro obiettivo è chiaro – distruggere lo Stato di Israele. E l’Europa è tranquilla. Ieri la chiamata dell’Unione europea non era la condanna delle dichiarazioni di Hamas, ma un invito ad Hamas ad astenersi da dichiarazioni incendiarie. Abbiamo già visto cosa abbiamo passato con l’Europa alla fine del 1930 e nel 1940. “

E’ proprio quello che gli europei stanno facendo? Essi si oppongono ai piani di Israele di trattenere le entrate fiscali dovute all’Autorità palestinese.

Israele ha già trattenuto alla PA le entrate fiscali di dicembre. Ora il governo israeliano ha esteso tale politica fino a marzo – il che si aggiunge fino a $ 423 milioni di mancati introiti per la PA.

Le azioni di Israele hanno portato ad aspre critiche da parte dei ministri europei. Dopo che Israele ha annunciato che prevede di colonizzare la zona E-1 in Cisgiordania, come rappresaglia per l’aggiornamento alle Nazioni Unite della Palestina, i ministri degli Esteri dell’Ue hanno avvertito Israele di evitare di ” minare la situazione finanziaria “della PA e accennato a misure di esecuzione. A quel tempo i ministri hanno rilasciato una dichiarazione che indica che i futuri accordi ” tra l’UE e Israele si dice esplicitamente che non si estendono ad aree al di là della Linea Verde . ” Ouch.

E Israele sta realizzando la sua vendetta contro i palestinesi, proprio come ha minacciato di fare – Niente di tutto questo dovrebbe arrivare come uno shock per nessuno di noi.

Le accuse fracassone per bocca di Lieberman e le rappresaglie israeliane contro i palestinesi possono effettivamente rivelarsi vantaggi dell’aggiornamento palestinese alle Nazioni Unite, queste azioni estreme costringeranno la comunità globale a rispondere. Nadia Hijab, direttore di Al-Shabaka, la rete politica palestinese , ha messo in risalto proprio questo punto in un recente articolo di Al Jazeera :

Il più grande raggio di sole all’orizzonte è l’opposizione virulenta all’offerta delle Nazioni Unite da parte dei governi israeliani e americani. In realtà, essi sono stati inscatolati. Se Israele taglia gli aiuti alla PA, dovrà gestire la sua stessa occupazione . Se gli Stati Uniti tagliano gli aiuti all’Autorità Palestinese, perderanno la loro influenza sul programma palestinese.

Inoltre, l’apparente interesse della OLP / PA nel farsi rivivere offre opportunità alla società civile palestinese e ai suoi alleati per mantenere la leadership responsabile per i diritti dei palestinesi. Ma prima, sarebbe bene leggere quel documento, per sapere esattamente di cosa ritenerla responsabile.

http://mondoweiss.net/2012/12/liebermans-wild-claim-that-europe-is-ignoring-another-holocaust-masks-effort-to-rob-palestinians-of-423-million.html

…………………………………………………….

ISRAELE: STATO D’EMERGENZA A HEBRON
http://nena-news.globalist.it/

L’esercito israeliano ha dichiarato questa mattina lo stato d’emergenza nella città di Hebron a causa degli scontri in corso da ieri tra palestinesi e militari.

Gli scontri sono scoppiati dopo che una soldatessa dell’IDF ha ucciso con sei colpi di fucile il 17enne Mohammed Ziad al-Sulaima.

La soldatessa ha aperto il fuoco in area H2, vicino al checkpoint della Tomba di Abramo perchè il giovane aveva in mano una pistola giocattolo.

Le proteste sono subito esplose: gruppi di palestinesi hanno lanciato pietre ai soldati israeliani.
Nei giorni scorsi il ministro Lieberman aveva dato il via libera all’esercito israeliano: aprire il fuoco contro i palestinesi.

SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

1 Commento

  1. EUROPA DOVE SEI????????

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam