Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

Mercoledì 27 marzo 2013

immagine1

DAL SUO ESILIO A GAZA, AYMAN SHARAWNA RACCONTA IL SUO SCIOPERO DELLA FAME

Israele “ha cercato di bandirmi per 28 anni”, dice lo scioperante della fame Ayman Sharawna

Joe Catron The Electronic Intifada
Gaza City 25 marzo 2013

Ad Ayman Sharawna è necessario l’aiuto di due amici, uno che lo sostiene su ciascun lato, per camminare nel salotto del suo nuovo appartamento con vista sul porto di Gaza, sabato. Ma se gli effetti fisici dei suoi otto mesi di sciopero della fame erano visibili, Sharawna ha proiettato un’aria di vittoria quando ha parlato con gli attivisti che si erano riuniti per dargli il benvenuto.

“Il mio sciopero della fame ha ottenuto due cose”, ha detto. “In primo luogo, ha vinto la mia liberazione, la mia libertà. In secondo luogo, ha impedito l’arresto di altri prigionieri che sono stati rilasciati nell’ accordo Shalit [lo scambio di prigionieri nel mese di ottobre 2011]. “

Lo sciopero della fame di Sharawna si è concluso il 17 marzo con un accordo in cui Israele lo ha bandito a Gaza dalla sua casa nella città di Hebron nella West Bank , per 10 anni.

Una dichiarazione del Centro palestinese per i diritti umani di Gaza ha chiamato il suo trasferimento forzato “una forma di punizione collettiva e rappresaglia vietate ai sensi della Quarta Convenzione di Ginevra “(” PCHR condanna la deportazione di Ayman al-Sharawna a Gaza da parte dell’esercito israeliano , “18 marzo 2013).

Lo sciopero della fame di Sharawna era tanto una questione di difesa collettiva quanto il garantire la sua libertà personale, ha detto. “Le forze di occupazione hanno minacciato, la notte che mi hanno arrestato, di arrestare tutti i detenuti di Hamas che erano stati rilasciati in cambio di Shalit. Ma il mio sciopero della fame li ha fermati. “

“Giocare con le parole”

Per quanto riguarda la sua liberazione nella Striscia di Gaza, l’ha considerata come un successo. “Quando ci hanno offerto di deportarmi, mi hanno dato la scelta di diversi paesi. Ma mi sono rifiutato di andare in nessun’altra parte, se non a Gaza, che non avevano offerto in un primo momento. Sento che gli dispiaceva mandarmi qui. “

Anche il termine del suo spostamento è stato una lotta, ha detto. “Stavano giocando con le parole, quando l’accordo è stato redatto. Hanno messo l’esilio per 28 anni, ma hanno detto che mi avrebbero permesso il ritorno dopo 10 anni. Ho rifiutato di firmare. Ho detto: ‘No, dovreste scrivere 10 anni.’

“Sono molto orgoglioso di essere qui a Gaza. Hanno pensato che avrebbe trovato molto difficile stare qui, come un estraneo. Questo era sbagliato. “

Il 18 ottobre 2011, lo scambio di prigionieri tra Israele e Hamas aveva liberato Sharawna dopo nove anni di prigionia. Un totale di 1.026 detenuti palestinesi erano stati rilasciati. Il 31 gennaio dello scorso anno, le forze israeliane hanno fatto irruzione nella sua casa e lo hanno arrestato di nuovo in base al contenuto di un ” file segreto amministrativo . “

I procuratori militari avevano affermato che Sharawna aveva violato i termini del suo rilascio, ma non hanno mai rivelato le loro accuse a Sharawna o ai suoi avvocati.

I pubblici ministeri avevano chiesto che Sharawna completasse i restanti 28 anni della sua precedente condanna militare, dallla quale aveva ricevuto un perdono presidenziale di Israele nel quadro dell’accordo di scambio, e hanno iniziato una serie di udienze segrete, spesso chiuse dalla corte militare contro di lui. Il 1 ° luglio dello scorso anno, ha annunciato uno sciopero della fame aperto con l’obiettivo immediato di vincere la sua libertà.

“Niente di peggio che la fame”

“Non c’è niente di peggio che la fame”, ha detto Sharawna. “Una giornata di sciopero della fame è fino a 10 giorni normali. Non sto esagerando.

“Uno sciopero della fame, in generale, è difficile. Ma dopo 200 giorni, è molto difficile, perché ho smesso di prendere lo zucchero e le vitamine. La fase più difficile dello sciopero è stato il mese scorso, perché ero incatenato. Mi era solo permesso di andare in bagno due volte al giorno. “

Il Prison Service israeliano (IPS) ha cercato in vari modi di convincere Sharawna a riprendere a mangiare. “Sanno che mi piacciono molto i dolci “, ha detto con un sorriso. “Così erano soliti portare dolci e metterli di fronte a me.”

Altre volte gli IPS gli hanno trattenuto gli antidolorifici, offrendoli in cambio della fine del suo sciopero .

Sharawna ha sospeso diverse volte i suoi scioperi in risposta alle promesse da parte di Israele che avrebbe riesaminato il suo caso. Ma entro il 17 marzo, era cresciuta la diffidenza verso le assicurazioni dei suoi rapitori e si è rifiutato di mangiare fino a dopo la sua liberazione. “Ho insistito per lasciare il carcere lo stesso giorno in cui è stato firmato l’accordo”, ha detto. “Ho rotto il mio sciopero della fame alle 10:30 pm in al-Shifa Hospital ” a Gaza City, dove è stato portato appena entrato nella Striscia di Gaza.

“L’intera cosa era una sfida”, ha detto. “Avevo dimenticato tutto. L’unica cosa che avevo in mente era la sfida, per vincere. “

“Raramente ho dormito”, ha aggiunto. “Non riuscivo a dormire molto a causa del dolore e del rumore causato intenzionalmente dagli agenti.”

Sharawna parla ripetutamente di suoi compagni di detenzione che sono rimasti nelle carceri israeliane, in particolare di Samer
Issawi , ora a 247 giorni di sciopero della fame parziale a partire da lunedi, e Dirar Abu Sisi , l’ingegnere di Gaza rapito in Ucraina il 19 febbraio 2011, che è stato tenuto in isolamento da agenti israeliani .

“Mi sento preoccupato per Samer Issawi, soprattutto dopo che l’udienza è stata rinviata per due mesi”, ha detto. “Il mio sogno è per mio fratello, Dirar Abu Sisi, perchè sia rilasciato a breve. Lui sta vivendo condizioni molto dure e ha perso i sensi più volte. “

Un altro sogno, ha aggiunto, “è che i prigionieri siano uniti. Siamo così sparsi ora. “

La fine dello sciopero della fame di Sharawna è stato un momento di confusione, ha detto, ma la sua liberazione ha portato chiarezza. “Negli ultimi due mesi, non ho ricevuto informazioni sufficienti dal Comitato Internazionale della Croce Rossa . Avevo paura che la mia famiglia si opponesse al mio trasferimento nella Striscia di Gaza, ma quando sono stato rilasciato, ho saputo che l’hanno sostenuto. “

“Sono passati cinque giorni qui a Gaza”, ha aggiunto. “Ogni giorno è come una festa per me, una celebrazione. La mia famiglia l’ha fatta a Gaza per 72 ore. “

E la sua determinazione rimane forte come egli guarda verso il futuro a Gaza e non solo. “Gli israeliani volevano combattere contro di me, ma non ci sono riusciti”, ha detto. “Tornerò alla West Bank . Tornerò a Gerusalemme . Ci incontreremo alla moschea di al Aqsa nei prossimi anni, se Dio vuole. “

http://electronicintifada.net/content/israel-tried-banish-me-28-years-says-hunger-striker-ayman-sharawna/12315

……………………………………………………………………………………….
immagine3

CINQUE RAGAZZINI PALESTINESI RISCHIANO LUNGHE CONDANNE PER AVERE LANCIATO PIETRE CONTRO UN’AUTO DI COLONI. LA DIFESA SOSTIENE CHE LE CONFESSIONI SONO STATE ESTORTE CON LA TORTURA 

Il tribunale militare israeliano rinvia la condanna dei minori palestinesi

Martedì, 26 marzo 2013 16:30

Le forze israeliane hanno recentemente arrestato più di 20 minori palestinesi

L’occupazione israeliana è in procinto di incriminare cinque minori palestinesi che sostiene sono responsabili di aver causato un incidente stradale che ha provocato danni a diversi coloni israeliani in Salfeet.

Il Centro per i prigionieri palestinesi (CPP) ha detto in una dichiarazione rilasciata martedì che l’udienza era prevista per oggi (martedì), ma per ragioni sconosciute, è stata rinviata.

L’avvocato di CPP, Kamal Sabbagh, ha detto che un tribunale militare israeliano ha rinviato la sessione di udienza dei cinque palestinesi per altri dieci giorni. “Nessuna ragione è stata data dal giudice”, ha detto l’avvocato.

I minori sono Kolaib Mohamed, 15 anni, Mohamed Solaiman, 14, Mohamed al-Souf, 15, Tamer al-Souf, 16 e Ammar al-Souf, 17.

Sulla base di accuse contro di loro, l’avvocato ha avvertito che i minori potrebbero essere condannati a lunghe pene.

Ha detto che l’occupazione israeliana li accusa di avere lanciato pietre contro le auto dei coloni. Le loro pietre, l’occupazione israeliana ha affermato, hanno causato un incidente stradale in cui sono rimasti feriti otto coloni. Alcuni di loro hanno riportato lesioni gravi.

L’ attivista della Cisgiordania per i diritti umani, Qaher abu-Kamal, ha invitato le organizzazioni internazionali dei diritti dell’uomo presenti nelle questioni relative ai minori di offrire il loro supporto legale. Ha detto che l’occupazione israeliana li aveva torturati fino a quando non hanno confessato le accuse contro di loro.

Sollecitando le organizzazioni internazionali per l’aiuto, Abu-Kamal ha detto che ci sono stati precedenti diversi tribunali israeliani che hanno condannato i minori palestinesi, indipendentemente dalle norme del diritto internazionale.

Forze di occupazione israeliane hanno recentemente arrestato più di 20 minori palestinesi dalle loro scuole e dalle strade mentre si recavano a scuola.

Un centro israeliano per i diritti umani ha pubblicato un video che mostra come i soldati israeliani sono aggressivi quando arrestano alcuni bambini per le strade di Hebron. I bambini indicati indossano le loro uniformi scolastiche e le borse di scuola sulle spalle.

http://www.middleeastmonitor.com/news/middle-east/5597-israeli-military-court-postpones-sentencing-of-palestinian-minors

……………………………………………………………………………………….
immagine2

SULLA NORMALIZZAZIONE DEI RAPPORTI TRA TURCHIA E ISRAELE, PESA IL MASSACRO DELLA NAVI MARMARA

Israele pagherà alla Turchia “decine di milioni di dollari” per gli omicidi della flottiglia: relazione

Pubblicato Martedì 26 Marzo 2013

Israele pagherà alla Turchia “decine di milioni di dollari” per compensare le famiglie degli attivisti uccisi nel 2010 nel raid contro la flottiglia per Gaza, come parte di un accordo per ripristinare le relazioni diplomatiche tra i due paesi, una fonte turca ha detto al quotidiano israeliano Haaretz .

La fonte anonima ha detto che l’ammontare del prezzo del sangue da trasferire alle famiglie dei nove attivisti uccisi, quando le truppe israeliane salirono sulla loro nave, è ancora da stabilire, ma sarà nell’ordine di decine di milioni , secondo il rapporto pubblicato Martedì.

Ma, ha aggiunto la fonte, il procedimento per ripristinare i legami può essere ostacolato dalle richieste di Israele che la Turchia faccia cadere tutte le accuse contro le truppe coinvolte nel massacro della flottiglia. La fonte ha osservato che la Turchia non può legalmente obbligare le famiglie delle vittime a far cadere le accuse.

“L’unica cosa è cercare di convincere le loro famiglie a ritirare le loro richieste, ma non vi è alcun modo per costringerle a farlo”, Haaretz ha citato la fonte come dicendo.

Israele e Turchia avevano avuto rapporti caldi fino al raid 2010 sulla flottiglia di sei navi, che erano in viaggio per consegnare aiuti umanitari alla Striscia di Gaza assediata. I commando israeliani salirono a bordo di una delle navi, la Mavi Marmara, da elicotteri e motoscafi, prima di aprire il fuoco su di loro.

Lo Stato ebraico ha sostenuto che l’attacco è stato un atto come di auto-difesa, dopo che gli attivisti avevano utilizzato bastoni e coltelli per evitare che il commando dirottasse la loro nave, che era in acque internazionali.

Le truppe spararono ad alcuni degli attivisti a bruciapelo, mentre altri furono colpiti da dietro mentre cercavano di fuggire.

Israele ha rifiutato di chiedere scusa per l’attacco fino alla settimana scorsa, quando il primo ministro Benjamin Netanyahu ha chiamato il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan. Da parte sua, Erdogan ha accettato le scuse.

I due paesi sono ora in trattative per ripristinare le relazioni. Ynet ha riferito martedì che il ministro degli Esteri turco, Ahmet Davutoglu, ha detto che la normalizzazione del suo paese con Israele si blocca su tre condizioni: che lo Stato ebraico si scusi per il massacro, che offra la compensazione, e che si ponga fine al blocco paralizzante di Gaza.

Dopo la spaccatura diplomatica di tre anni fa, Erdogan ebbe il riconoscimento come un campione della causa palestinese, e ha fatto dichiarazioni in tal senso.

Ma anche dopo aver rotto le relazioni diplomatiche, la Turchia ha mantenuto i suoi legami militari , economici , e di intelligence con Israele.

Il premier turco a novembre scorso ha descritto Israele come “Stato terrorista” e l’ha accusato di “pulizia etnica”, durante gli otto giorni di assalto israeliano su Gaza quel mese.

E all’inizio di questo mese, ha detto il sionismo è stato “un crimine contro l’umanità”, ma ora ha fatto marcia indietro sulla osservazione, mentre tenta di riparare i rapporti tesi con il suo ex alleato.

Erdogan, che ha assunto la carica nel 2003, si era recato a Gerusalemme e si era incontrato con l’allora primo ministro israeliano Ariel Sharon, il 1 ° maggio 2005. Sharon era ministro della difesa durante l’invasione israeliana del Libano nel 1982, che ha causato circa 20.000 morti, guadagnandosi la denominazione di “macellaio di Beirut”.

Più di tre anni dopo, Erdogan ha accolto con favore l’allora primo ministro israeliano Ehud Olmert ad Ankara. Le forze di Olmert avevano invaso il Libano nel luglio 2006, uccidendo più di 1.200 persone. Cinque giorni dopo il loro incontro in Turchia, Olmert ha lanciato nel 2008-2009 l’attacco a Gaza, uccidendo oltre 1.400 persone.

(Al-Akhbar)

http://english.al-akhbar.com/node/15358

……………………………………………………………………………………….
Martedì 26 marzo 2013

immagine4

SONO SEMPRE DI PIU’ I BAMBINI ED I RAGAZZINI DETENUTI NELLE CARCERI ISRAELIANE

Bollettino di Detenzione – Numero 38 – Febbraio 2013
Inviato il: 25 Mar 2013 |

Febbraio ha registrato il più alto numero di bambini palestinesi – per un totale di 236 – imprigionati e processati dal tribunale militare del sistema israeliano dal mese di ottobre 2010. Tra di loro c’erano 39 bambini di età compresa tra i 12 e i 15 anni, un 25,8 per cento di aumento da gennaio. Un totale di 141 bambini (59 per cento) sono tenuti in strutture di detenzione all’interno di Israele, in violazione del diritto internazionale umanitario. Inoltre, l’UNICEF ha pubblicato un rapporto che mette in evidenza il diffuso maltrattamento dei bambini al di sotto di detenzione israeliani.

http://www.dci-palestine.org/documents/detention-bulletin-issue-38-february-2013

……………………………………………………………………………………….
immagine5

QUEI BRAVI RAGAZZI

Il caporale israeliano Ari Ben Reuven dice: “rompete tutte le ossa” del ragazzo palestinese piangente, sequestrato sulla strada per la scuola

Inviato da Ali Abunimah Dom, 2013/03/24 – 15:58

The Electronic Intifada ha catturato ancora più terribilmente dichiarazioni razziste e violente da parte dei soldati israeliani su Facebook destinate a bambini palestinesi, come parte del nostro sforzo per documentare questo fenomeno diffuso .

Il giorno in cui il presidente degli Stati Uniti Barack Obama è arrivato per la sua visita Israele la scorsa settimana, le forze di occupazione israeliane a Hebron hanno violentemente sequestrato e detenuto decine di bambini palestinesi, alcuni più giovani di otto anni, sulla strada per la scuola.

Il video straziante, sul’attacco dell’esercito israeliano sui bambini, è andato virale su YouTube.

B’Tselem , l’organizzazione israeliana che documenta e critica alcune delle violazioni dei diritti umani di Israele, che ha pubblicato il video, ha condannato l’arresto di massa dei bambini come “illegale” e ha detto che alcuni dei bambini erano stati portati in centri di interrogatorio in cui subiscono gravi e sistematici abusi , compresa la detenzione di bambini in isolamento e duri interrogatori senza genitori o avvocati presenti, che è la norma.

In casi precedenti, i bambini palestinesi hanno testimoniato che in tali condizioni essi sono stati costretti a confessare agli interrogatori israeliani per false accuse di lanciare pietre o bombe molotov e pressati per informare su amici e parenti.

“Una pallottola in bocca”

Yoni Gordon della Brigata Givati pensa che il bambino palestinese dovrebbe essere messo in ginocchio e sparato in bocca. ( Fonte )

Quando il video dell’arresto dei bambini è stato pubblicato sul popolare pagina Facebook israeliana ” Siamo tutti a favore della morte ai terroristi , ” un focolaio di incitamento razzista, ha fornito l’occasione per decine di israeliani, ancora una volta, di esprimere visualizzazioni terribilmente violente (vedere l’ immagine di tutti i commenti nel contesto ).

Alcuni di questi commenti, sono dei soldati israeliani. Qui ci sono alcuni che indicano la mentalità di questi soldati:

Oren Degani, della Brigata Kfir, visto con un bambino, pensa che i bambini palestinesi sono “stronzetti.” ( Fonte )
Oren Degani, il cui profilo Facebook contiene informazioni secondo le quali è membro del “Black Scorpions”, unità della Kfir Brigade dell’esercito israeliano , ritiene chiaramente che i bambini palestinesi meritano tale trattamento e che sono tutti presunti colpevoli. Egli ha scritto sotto il video:
“Fingono di essere santi innocenti che non hanno fatto nulla. So questo dal mio servizio di riserva. Gettano una bomba incendiaria e quando li catturiamo piangono e giurare su Maometto che non hanno fatto nulla … stronzetti.

L’immagine del profilo del caporale Ari Ben Reuven comprende il motto “La strada per la pace è lastricata di mirini telescopici” e “Lasciate che l’esercito li falci giù!” ( Fonte )
Ari Ben Reuven, il cui profilo Facebook indica che si tratta di un caporale dell’esercito israeliano, è stato ancora più schietto :
“Mi piacerebbe spezzare ognuna delle sue ossa”

Ron Shwartz ha avuto una reazione simile e haosservato :
“Più violenza è necessaria. Dove sono i manganelli per rompere le gambe?”

Yoni Gordon , un membro della Brigata Givati, aveva un semplice consiglio su come trattare con un bambino palestinese :
“Mettetelo in ginocchio e sparategli un proiettile in bocca.”

Avisaf Hillel (al centro) rimpiange i suoi giorni nell’esercito per aver abusato di bambini palestinesi. ( Fonte )
Avisaf Hillel, il cui profilo Facebook dice che frequenta ” l’Università di Ariel , “un’istituzione di coloni nella Cisgiordania occupata, ed è un duro sostenitore della squadra di calcio di Israele Beitar di Gerusalemme, i cui tifosi sono noti per le loro scorribande razziste, ha guardato indietro con affetto e con un tocco di sarcasmo il suo tempo nell’esercito quando maltrattava i bambini palestinesi:
“Come mi mancano quei giorni! Ma durante il mio tempo in regolare servizio militare, non hanno potuto ottenere un bip fuori dalla loro bocca! Ci siamo presi cura di loro molto bene!”

Anche Avi Mayer, propagandista del social media Agenzia Ebraica difende l’abuso di minori
Un altro di quelli che difende e giustifica la brutalità dei soldati che si vede nel video è stato il propagandista del social media Agenzia Ebraica Avi Mayer – egli stesso un volontario americano nell’esercito israeliano.

In una serie di tweet, Mayer, ex portavoce dell’esercito israeliano , ha suggerito che le accuse mosse contro i bambini dall’esercito di occupazione israeliano dovrebbero essere prese come verità incontrovertibili che i bambini erano criminali che meritavano tale trattamento scioccante, e che i bambini palestinesi dovrebbero essere considerati come colpevoli fino a provare tutto ciò di cui l’esercito israeliano li accusa.

Non sorprende che Mayer ha assolutamente rifiutato di criticare la routine da parte dell’esercito israeliano, gli abusi documentati di bambini o le dichiarazioni raccapriccianti dei suoi compagni d’arme.

Si ringrazia Dena Shunra per ulteriori ricerche.

http://electronicintifada.net/blogs/ali-abunimah/israeli-corporal-ari-ben-reuven-says-break-every-bone-crying-palestinian-boy

……………………………………………………………………………………….
immagine6

COME ALCUNI ISRAELIANI DI BUONA VOLONTA’ SI ACCINGONO A CELEBRARE LA PASQUA

La forze di occupazione israeliane e i coloni continuano a scatenarsi in Cisgiordania

Lunedi, 25 March 2013 10:59

Più di otto palestinesi sono stati arrestati e ulteriori incursioni sono state effettuate alla Moschea Al-Aqsa, mentre le forze di occupazione israeliane e i coloni ebrei illegali continuano le loro scorribande in tutta la Cisgiordania occupata. Tra gli arrestati c’è anche un bambino.

Il Forum dei prigionieri palestinesi ha detto che le forze israeliane hanno arrestato Awadallah Hassan, 15 anni, dalla sua casa nel quartiere Dora di Ramallah. A Jenin, Mahmoud Abul-Haijaa da Al-Yamoun ha detto che le truppe israeliane hanno fatto irruzione nella sua casa, hanno effettuato una perquisizione (che ha causato molti danni nell’esecuzione) e hanno portato via suo figlio, Mohamed, 20 anni. Testimoni a Hebron hanno detto che il locale Omar Jaber è stato prelevato dalla sua abitazione per un luogo sconosciuto dopo che le forze israeliane sono entrate e hanno perquisito i locali.

Un altro drappello di soldati israeliani ha rastrellato il campo profughi di Balata a Nablus e detenuto Omar Swalmeh, 21 anni, Qais abu-Jonaid, 22 e Omar Hashash, 20. Testimoni hanno detto che le truppe hanno fatto irruzione nella varie case palestinesi prima di trattenere i giovani.

Secondo il gruppo di protesta Assemblea della Gioventù palestinese contro gli insediamenti di Israele , il giornalista Abdul-Aziz Nofal dal centro di Hebron, è stato arrestato. Nofal è stato arrestato durante la preparazione di una relazione sugli insediamenti di Israele in seguito all’ultimo annuncio israeliano che ha in programma di ampliare le colonie illegali. Un altro uomo, Jawad abu-Aisha, è stato arrestato nella stessa zona.

Nel frattempo, un gran numero di rabbini israeliani e coloni hanno fatto irruzione nella moschea Al-Aqsa, accompagnati, affermano fonti locali, da una presenza “massiccia” della sicurezza. La Fondazione Al-Aqsa per le Dotazioni e il patrimonio islamico ha detto che le forze di occupazione israeliane hanno radunato come bestiame centinaia di studenti e fedeli negli angoli della Spianata delle moschee, al fine di lasciare che i rabbini e coloni svolgessero i propri riti.

La Fondazione ha avvertito di recente di una ondata di aggressione israeliana contro Al-Aqsa, soprattutto durante il periodo pasquale. Tali incursioni a Pasqua sono diventate una sorta di rituale per gli israeliani.

http://www.middleeastmonitor.com/news/middle-east/5572-israeli-occupation-forces-and-settlers-continue-rampages-in-west-bank

……………………………………………………………………………………….

Lunedì 25 marzo 2013

immagine7

SAMER ISSAWI PUO’ MORIRE DA UN MOMENTO ALL’ALTRO

Avvocato: il cuore di Issawi potrebbe fermarsi in qualsiasi momento

Pubblicato oggi (aggiornato) 25/03/2013 13:03

RAMALLAH (Ma’an) – Il cuore di Samer Issawi potrebbe fermarsi in qualsiasi momento, un avvocato ha detto lunedi: la salute del prigioniero continua a deteriorarsi dopo 236 giorni di sciopero della fame. I medici israeliani hanno detto all’avvocato della Società Prigionieri Palestinesi Fawaz al-Shalawdi che il battito cardiaco di Issawi era sceso a 28 battiti al minuto e la sua glicemia è scesa a 65 milligrammi per decilitro. I medici dicono che il suo cuore potrebbe fermarsi da un momento all’altro.

Issawi soffre di problemi di respirazione, vertigini costanti e forti dolori all’addome e ai reni, al-Shalawdi ha detto . “Nonostante la mia situazione di salute critica, e tutto ciò che soffro, prometto a tutti che la mia situazione sanitaria non influenzerà le mie decisioni”, Issawi ha detto in una lettera. “Continuerò il mio sciopero della fame aperto, e non mi ritrarrò dai miei passi . La mia vita non è più preziosa del sangue dei martiri palestinesi “.

Issawi è stato ricoverato a fine febbraio e ha smesso di bere acqua ai primi di marzo. Lui era troppo malato per partecipare ad una audizione presso il centro di detenzione militare di Ofer la scorsa settimana. Il 21 febbraio, un tribunale di Gerusalemme ha condannato i Issawi a otto mesi di carcere, ma deve ancora affrontare un comitato militare che potrebbe imprigionarlo per 20 anni.

Il direttore del club dei prigionieri palestinesi, Fares Qadura, ha detto che la decisione della Corte è stata “una farsa giudiziaria che accade solo in Israele,” etichettando il governo israeliano una “mafia”. Nel mese di marzo, Issawi detto che la sua morte sarebbe stata una vittoria , per il rifiuto di arrendersi alla occupazione di Israele ..

“Non vi preoccupate se il mio cuore si ferma, io sono ancora vivo adesso e anche dopo la morte, perché Gerusalemme corre nelle mie vene. Se muoio, è una vittoria, se ci liberiamo, è una vittoria, perché in entrambi i casi mi sono rifiutato di arrendermi alla occupazione israeliana, la sua tirannia e l’arroganza “, ha scritto sul Guardian.

Issawi fu liberato nel 2011 nell’accordo di scambio prigionieri di ottobre tra Hamas e Israele, ma i soldati lo hanno nuovamente arrestato il 7 luglio , accusandolo di aver violato i termini della sua liberazione lasciando Gerusalemme. I pubblici ministeri israeliani stanno cercando di annullare la sua amnistia e ripristinare la sua condanna precedente.

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=578565

………………………………………………………………………………………
immagine8

DURANTE LA SUA VISITA IN ISRAELE E CISGIORDANIA, PARE CHE OBAMA ABBIA RICEVUTO MOLTE LETTERE… QUESTE SONO QUELLE DI DUE NIPOTI DI MAHMOUD ABBAS, IL PRESIDENTE DELL’AUTORITA’ PALESTINESE

I nipoti di Abbas hanno dato due lettere a Obama

Pubblicato ieri (aggiornato) 24/03/2013 22:19

RAMALLAH (Ma’an) – Due dei nipoti del presidente Mahmoud Abbas hanno dato una lettera al presidente degli Stati Uniti durante la sua visita a Ramallah giovedi.

Firas, 10 anni, ha scritto che 168 bambini palestinesi erano nelle prigioni israeliane, di cui 15 dell’ età di Malia e 20 dell’ età di Sasha , riferendosi alle figlie di Barack Obama. “Ti prego di farli uscire. Fai che Israele smetta di arrestare bambini”, ha scritto.

Ziad, 14 anni, ha scritto che i palestinesi hanno combattuto per la libertà per 65 anni. “Signor Presidente, questa occupazione sotto cui siamo è l’ultima occupazione in tutto il mondo. Eccellenza, anche noi abbiamo un sogno e questo è il motivo per cui ‘ siamo qui oggi “.

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=578456&

……………………………………………………………………………………….

immagine9

LE IMMAGINI DEL VILLAGGIO DI PROTESTA DI AHFAD YOUNIS: DALLA FESTA ALLO SGOMBERO FORZATO DA PARTE DELLE MILIZIE ISRAELIANE

FOTO: Le forze israeliane demoliscono un campo palestinese costruito per protestare contro la visita di Obama

Fino alla notte del suo sgombero forzato sabato, attivisti palestinesi hanno costruito e mantenuto un nuovo campo di protesta in E1 contro l’occupazione israeliana e l’espansione degli insediamenti, dirigendo il loro messaggio alla visita di Presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

Foto di: Ryan Rodrick Beiler, Anne Paq, Yotam Ronen, e Oren Ziv
24 marzo 2013

Mentre l’aereo del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama stava atterrando all’aeroporto Ben Gurion mercoledì, attivisti palestinesi sono tornati alla zona E1 per stabilire un altro villaggio di protesta nella tradizione di Bab Al-Shams e altre azioni simili negli ultimi mesi. Gli organizzatori hanno nominato il nuovo campo “Ahfad Younis”, dal personaggio principale del romanzo ‘Bab Al-Shams’ (“Porta del Sole”), che è stato l’omonimo del villaggio di protesta originale nel mese di gennaio di quest’anno.

In un primo momento, una piccola forza di polizia di frontiera israeliana è stata a guardare mentre centinaia di attivisti erano riuniti su una collina lungo la valle dall’ insediamento israeliano Ma’ale Adumim. Come tutti gli insediamenti israeliani nei territori palestinesi occupati, Ma’ale Adumim è illegale secondo il diritto internazionale. Tuttavia, dato che la sera si avvicinava, le forze israeliane hanno circondato il villaggio di tende. Secondo notizie Ma’an :

“Un portavoce militare israeliano ha detto che centinaia di palestinesi hanno stabilito “un insediamento illegale”, e che le forze di sicurezza erano nella zona “per mantenere l’ordine.” Ha detto che i soldati hanno arrestato il conducente di un camion carico di materiale, tra cui delle tende. Mohammad Khatib, portavoce degli attivisti, ha detto che i soldati hanno consegnato ai manifestanti un documento che dichiarava l’area zona militare chiusa.!

L’azione, pur continuando il tema delle proteste simili contro l’occupazione israeliana e l’espansione degli insediamenti, ha concentrato gran parte del suo messaggio sulla visita del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Secondo una dichiarazione da parte degli organizzatori del ricorso :

“… L’azione di oggi mira “in primo luogo, alla rivendicazione del nostro diritto di palestinesi a tornare nelle nostre terre e villaggi, in secondo luogo, alla rivendicazione della nostra sovranità sulle nostre terre senza il permesso di nessuno. In terzo luogo, le nostre azioni sono intese a tutelare la nostra terra dalla confisca continua e dalla minaccia di insediamento e colonizzazione. E quarto, per espandere la resistenza popolare come una forma di resistenza, fra le tante, con la quale il nostro popolo è impegnato in tutto il mondo. Poiché il ricorso di oggi coincide con la visita del presidente Barack Obama nella regione, gli attivisti affermano la loro opposizione alla politica dell’amministrazione americana, che è stata complice dell’ occupazione israeliana e del colonialismo.Gli Organizzatori sottolineano: “Un’amministrazione che ha utilizzato il diritto di veto 43 volte su 79 (dal 1979 al 2011) a sostegno di Israele e contro i diritti dei palestinesi, una amministrazione che concede aiuti militari a Israele per oltre tre miliardi di dollari all’anno, non può avere alcuna contributo positivo per ottenere giustizia e i diritti del popolo palestinese. “

Il campo è rimasto per quattro giorni prima di essere evacuato con la forza nella notte di sabato, il giorno dopo che il presidente Obama era partito per la Giordania. Quaranta attivisti incarcerati nello sfratto sono stati poi rilasciati nei pressi di Ramallah.

http://972mag.com/photos-israeli-forces-demolish-palestinian-camp-built-to-protest-obama-visit/68150/

……………………………………………………………………………………….
immagine10

IN PALESTINA, LA FESTA DELLA MAMMA E’ STATA IL 21 MARZO. MA A GAZA, CI SONO MADRI SENZA PIU’ FIGLI E FIGLI SENZA PIU’ MADRI, DAI GIORNI DI QUELLA MALEDETTA “COLONNA DI NUBE” 

Festa della mamma a Gaza: un tempo di dolore

Da: Asmaa Al-Ghoul per Al-Monitor Palestina Pulse. Inviato il 21 marzo

Il giorno della mamma l’anno scorso, Ronan Arafat, 5 anni, scelse una rosa sulla via del ritorno dal vivaio e la offrì a sua madre. Quest’anno, tuttavia, Ronan non offrirà alla madre una rosa. Non crescerà un altro anno, lei è stata uccisa da aerei da guerra israeliani che hanno bombardato la loro casa nel sud del quartiere Zeitun a Gaza City il 14 novembre 2012.

Sua madre, Nisreen, dice: “Mia figlia fu martirizzata il primo giorno della guerra. La nostra casa si trova in una grande area agricola. Mi ricordo di aver sentito le notizie del giorno circa l’assassinio di Ahmed Jabari, così ho portato con me i miei figli ci siamo preparati per andare a casa della mia famiglia. E al momento che mio figlio Jalal e le due figlie Maria e Ronan sono venute da me perchè li aiutassi a vestirsi, la casa si disintegrò sotto pesanti bombardamenti. ”
Con le lacrime che le rigano il viso, aggiunge, “Sono stata sepolta con solo la mia faccia fuori. Ho chiamato i miei figli e ho sentito mio figlio Jalal, che aveva appena 7 anni al momento, dire: ‘Mamma, sto soffocando.’ Ho visto la mia figlia maggiore Maria, che allora aveva 9 anni, in piedi che ci cercava, ma non ho visto affatto Ronan e ho continuato a chiamarla. Ho sentito che qualcosa era accaduto.” Quando arrivò in ospedale, lei ha insistito che la sua famiglia chiamava per chiedere della sorte della figlia. In quel momento, le dissero che Ronan era andata in paradiso.

Nisreen ha detto ad Al-Monitor durante un’intervista nella sua casa in affitto presa di recente: “Ronan è la più giovane. Era solita tornare dalla scuola materna a piedi, e quando aveva qualche minuto di ritardo volevo correre in strada ad aspettarla. A volte si fermava dalle sue nonne e dava loro due baci . Amava tanto mia madre, era una bambina intelligente e amata. Vorrei averla salvata, ma ero stata coperta da pietre pesanti. Mio figlio Jalal mi chiede sempre di lei: ‘Perché siamo riusciti a uscire da sotto la casa, ma lei non l’ha fatto’? Mi chiede, ‘Ronan beve e mangia, mamma?’ “

Dice che suo marito Youssef arrivò secondi dopo che la casa era stata bombardata per trovarla come un solido blocco di fuoco. Non ha mai pensato che avrebbe trovato qualcuno vivo, e nel momento in cui trovò Ronan, sapeva che lei era morta.
“Lei è stata colpita alla testa da dietro e ho notato che il suo orecchio era stato danneggiato dall’impatto del bombardamento. Il suo corpo era coperto di pezzi di schegge, e ho ringraziato Dio che il resto della famiglia era okay, “ha detto.

Mentre parlavano delle birichinate di Ronan e di altri ricordi, entrambi i suoi genitori sono scoppiati in lacrime. Era una bambina impertinente. Era gelosa all’idea che un nuovo bambino potrebbe venire nella famiglia. Avrebbe cantato la canzone “Mamma ha un bambino”, la madre era incinta di due mesi quando è stata colpita. Sua madre ha detto: «Io sono incinta di sette mesi ormai, e aspetto un bambino. Se fosse stata una bambina, l’ avrei chiamata Ronan. Sono andata alla sua tomba il 13 dicembre dello scorso anno dopo la guerra. Era il suo compleanno, e in questo giorno della mamma, Ronan non mi offrirà una rosa o una carta decorata con un cuore, come ha fatto l’anno scorso. Non andava ancora a scuola. Era in attesa di compiere sei anni per iscriversi a scuola. “

Najat Naeem è un’altra madre che sente il dolore, invece della felicità, per la festa della mamma. Pur avendo altri cinque figli, non riesce a dimenticare il suo più giovane, Abboud. Aveva 2 anni e mezzo quando è stato ucciso dalle schegge di un missile israeliano che ha colpito un edificio accanto al loro nel quartiere Rimal a Gaza City.

Naeem ha detto ad Al-Monitor, “Per tutta la guerra ho tenuto mio figlio in grembo. Sentivo che qualcosa stava per accadergli e ho detto alle persone intorno a me che avevo paura per Abboud. Infatti, il giorno della sua morte, abbiamo avuto tanti bambini, in quanto la famiglia del fratello di mio marito era ospite a casa nostra insieme a mia figlia sposata. Erano tutti seduti all’interno della casa perché la zona in cui viviamo è molto più sicura. La scheggia, però, ha scelto il mio figlio più giovane, è penetrata direttamente nel suo cuore, senza nemmeno dargli la possibilità di dire la parola ‘mamma’. L’altro mio figlio, Mahmoud, è stato ferito al ginocchio, il nostro vicino al petto. “

Mentre piange amaramente, aggiunge, “Sono quattro mesi da quando ci ha lasciato Abboud. Fu martirizzato il 21 novembre 2012 ed è stato nella mia mente da allora. Vado a chiudermi in camera e piango da sola per evitare che il resto dei miei figli mi senta triste, ma sono una mamma e il mio cuore non dimenticherà mai mio figlio, anche se ne avessi altri 20. Prima che tu arrivassi, ero sola in casa, e stavo pensando ad Abboud, ricordandolo a giocare , a sentire la sua voce qua e là. Prima della sua morte, gli stavo insegnando ad andare in bagno da solo. Ero dura, ma ora vorrei che potesse fare pipì sui suoi vestiti quando e dove vuole. Non vorrei dire una parola . “

Mentre sfoglia le sue foto sul suo cellulare, lei dice: “Questa foto è stata scattata prima della guerra. Questa è stata durante la guerra, quando si svegliò una volta all’alba per la paura. Questa era poche ore prima della sua morte. Qui, indossa le scarpe che ama, le ho comprati per lui dall’Egitto. Ora guardo le sue cose e le abbraccio e cerco il suo odore. Egli è venuto dopo che i miei figli e figlie erano cresciuti, ma ero molto legata a lui. “

Mentre singhiozza, aggiunge, “A tutti i nostri vicini di casa e parenti piaceva Abboud. Recentemente, ho capito che stava diventando sempre più bello e straordinariamente intelligente. I suoi occhi e capelli erano così belli. Era così tenero. Aveva l’abitudine di spazzolare i miei capelli e posso ancora sentire lui che mi diceva, ‘Che belli!’ Ogni giorno della mamma è triste per me, perché mia madre è morta molti anni fa, ma in questa festa, la mia tristezza è più profonda a causa della morte di mio figlio, e ringrazio Dio per la presenza di tutto il resto dei miei figli qui per dirmi ‘ Mamma, felice giorno. ‘”

In questo giorno della mamma, è il contrario per Razan, 9 anni, e sua sorella Mirhan, 18 anni, che hanno perso la loro madre. In guerra, il 18 novembre 2012, gli aerei da guerra israeliani hanno schiacciato la loro casa, uccidendo la madre, che era intrappolata sotto tonnellate di macerie.
Con un sorriso, Razan dice che ha offerto i suoi garofani alla madre l’anno scorso mentre le sue sorelle hanno comprato i suoi doni. Questa festa, però, metterà le rose sulla sua tomba.

Suo padre, Osman, è sdraiato sul divano, con la gamba destra con viti di platino. Ha detto ad Al-Monitor , “Mia moglie si prendevacura di tutto, di tutte le sue sette figlie , dei suoi cinque figli e lei avrebbe ricordato il nostro sesto figlio, il martire Muhammad, che è stato ucciso durante l’occupazione nel 2006. Quando fu martirizzata, ho imparato a conoscere molti dei problemi e delle preoccupazioni che era solita nascondermi e che affrontava a modo suo. Io ero con lei in casa quando un vento forte e veloce è venuto e ci ha sepolto sotto la casa a due piani.; era la potenza della bomba. “

Con gli occhi fissi a terra, Mirhan dice: “mi sposo la settimana prossima, e speravo che mia madre sarebbe stata con me nel mio matrimonio. Mia sorella maggiore Mervat sta prendendo il suo posto ora e mi ha aiutato in tutto.
“Per la festa della mamma qui ci saranno problemi. Non dimenticherò mai quando il personale medico mi ha tirato fuori da sotto le macerie e li ho sentiti dire che mia madre era morta. A volte mi immagino di sentire la sua risata e la voce in giro per casa. Se fosse stata qui, la mia felicità sarebbe stata maggiore il giorno del mio matrimonio. “

Secondo il Centro Mezan per i diritti umani, il numero dei morti nella recente guerra, che durò otto giorni, durante il mese di novembre 2012, ha raggiunto 168, tra cui 34 bambini e 13 donne, e 1.046 feriti, tra cui 446 bambini e 105 donne.

http://www.al-monitor.com/pulse/originals/2013/03/gaza-mothers-day.html

……………………………………………………………………………………….

Domenica 24 marzo 2013

immagine11

L’AUTORITA’ CARCERARIA ISRAELIANA ACCUSATA DI LASCIAR MORIRE IN PRIGIONE UN DETENUTO PALESTINESE MALATO DI CANCRO

Hamas: l’IOA sta condannando a morte Abu Hamdiya in carcere

[23/03/2013 – 09:07]

GAZA, (PIC) – Il movimento Hamas ha denunciato le autorità di occupazione israeliane per trattenere il prigioniero Abu Maysara Hamdiya in carcere nonostante abbia sviluppato il cancro.

Hamas ha detto in una dichiarazione venerdì che l’insistenza sul mantenimento di Abu Hamdiya dietro le sbarre da parte della IOA, nonostante le sue condizioni in rapido deterioramento, significava che era torturarlo e assassinarlo.

Ha chiesto il rilascio immediato di Abu Hamdiya per consentirgli di ricevere un trattamento adeguato e ha tenuto l’IOA pienamente responsabile per la sua vita.

Hamas ha invitato le masse palestinesi ad organizzare manifestazioni a sostegno di Abu Hamdiya e dei prigionieri in sciopero della fame nelle carceri israeliane di occupazione.

Il movimento ha chiesto a tutti i gruppi per i diritti umani e alle organizzazioni internazionali di salvare la vita di Abu Hamdiya e di tutti i pazienti e degli altri prigionieri in sciopero della fame. Ha inoltre invitato la Lega Araba, l’Organizzazione per la Cooperazione Islamica, e la comunità internazionale per fare pressione sul governo israeliano a rilasciare tutti i prigionieri palestinesi.

http://occupiedpalestine.wordpress.com/2013/03/24/hamas-israel-executing-cancer-inflicted-abu-hamdiya-in-jail-msf_usa-phr_il-icrc-unocha/

……………………………………………………………………………………….
immagine12

E’ SUCCESSO POCO FA: L’ESERCITO ISRAELIANO SGOMBERA CON LA FORZA IL VILLAGGIO DI PROTESTA DI AHFAD YOUNIS, NEI PRESSI DI GERUSALEMME. ARRESTATO ANCHE IL PARLAMENTARE BARGHOUTI.

Le forze israeliane smantellano un villaggio di protesta in E1 

Pubblicato oggi (aggiornato) 24/03/2013 15:48

RAMALLAH (Ma’an) -. Forze israeliane domenica hanno smantellato un villaggio di protesta istituito da attivisti palestinesi a est di Gerusalemme la scorsa settimana. Le forze israeliane hanno fatto irruzione nel villaggio Ahfad Younis in Eizariya all’inizio di domenica, testimoni hanno detto a Ma’an, rimuovendo forzatamente circa 50 persone dalla zona. Hanno arrestato otto persone, tra cui il parlamentare palestinese Mustafa Barghouti , e le hanno trasferite all’insediamento di Maale Adumim . 

Quattro persone sono state arrestate da Jenin, uno da Bilin, uno da Betlemme e una persona da Ramallah, hanno detto testimoni.

“L’occupazione israeliana ci impedisce di avvicinarci alla nostra terra, mentre i coloni sono autorizzati a prenderne il controllo “, ha detto Barghouti, giurando che i palestinesi avrebbero ricostruito il villaggio. 

Il portavoce della polizia israeliana Mickey Rosenfeld ha detto che 200 agenti di polizia israeliani si sono trasferiti inizialmente nella zona domenica e hanno rimosso le persone sulla scena. Due uomini e una donna sono stati arrestati durante l’incidente, con tutte le attrezzature e le persone rimosse dalla zona, ha detto Rosenfeld. 

Gli attivisti avevano istituito Younis Ahfad su una collina nei pressi del sito del villaggio di protesta di Bab al-Shams la scorsa settimana, quando il presidente degli Stati Uniti Barack Obama è arrivato in Israele. In un comunicato, gli attivisti hanno descritto l’iniziativa come “in primo luogo, la rivendicazione del nostro diritto di palestinesi a tornare nelle nostre terre e villaggi, in secondo luogo, la rivendicazione della nostra sovranità sulle nostre terre senza il permesso di nessuno. ” 

Gli attivisti hanno detto che lo scopo era di mettere in evidenza la loro opposizione alle politiche dell’amministrazione Obama nella regione, dicendo che è stato “complice dell’ occupazione israeliana e del colonialismo.” “Un’amministrazione che ha utilizzato il diritto di veto 43 volte … a sostegno di Israele e contro i diritti dei palestinesi, una amministrazione che concede aiuti militari a Israele per oltre tre miliardi di dollari all’anno, non può avere alcun contributo positivo per ottenere la giustizia “, dice la nota.

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=578097

. ……………………………………………………………………………………..
immagine13

CHISSA’ SE OBAMA HA MAI SENTITO PARLARE DI BEIT SAFAFA….

Quello che Obama si è perso: le proteste per l’autostrada dei coloni, che taglierà in due un quartiere di Gerusalemme

da Alex Kane il Mar 23, 2013 4

Sia il presidente Barack Obama e che gli abitanti della frazione di Beit Safafa hanno sperimentato la stessa tempesta di sabbia a Gerusalemme ieri. Ma è lì che finiscono le somiglianze: mentre Obama si è recato a Gerusalemme a Yad Vashem per rendere omaggio al sionismo alla tomba di Theodor Herzl , gli abitanti del villaggio di Gerusalemme sono usciti in gran numero per protestare contro la costruzione di un’autostrada progettata per tagliare il loro quartiere a metà.

Il piano con cui si calpestano i desideri dei residenti e la loro vicinanza fisica è un ottimo esempio del tipo di difficoltà che i palestinesi a Gerusalemme e altrove abitualmente attraversano – difficoltà che Obama ha solo brevemente menzionato e che i palestinesi sopportano a causa dell’ instancabile sostegno diplomatico e militare americano allo stato di Israele.

Mentre Obama era in visita a siti emblematici a Gerusalemme, circa 600 residenti di Beit Safafa hanno manifestato contro il progetto di ampliamento dell’autostrada Begin progettata per passare attraverso il loro villaggio . Dopo la preghiera del Venerdì nel villaggio, i residenti hanno marciato verso il cantiere di costruzione dell’autostrada, che è già in corso, nonostante le vociferanti obiezioni degli abitanti del villaggio. Gli abitanti del villaggio ritmicamente applaudivano mentre marciavano. I manifestanti hanno cantato in arabo, “Tutti dicono di no a Obama” e “nel sangue e nello spirito, torneremo a Beit Safafa,” e i canti diventavano più forti mentre passavano sotto un tunnel sulla strada per il cantiere. Giovani ragazzi erano seduti sulle spalle di altri residenti e alcuni di loro sventolavano bandiere palestinesi, proclamando a gran voce le loro obiezioni alla pianificata autostrada. Questa interromperà il facile accesso alla moschea del villaggio e al forno, e anche renderà difficile per i membri di una famiglia che vivono nella stessa frazione di visitarsi l’un l’altro. Gli oppositori della strada dicono che l’autostrada non ha bisogno di essere costruita giusto attraverso il loro villaggio; invece, una galleria può essere costruita con lo stesso scopo.

Per tre mesi, gli abitanti di Beit Safafa hanno fatto del loro meglio per rigettare i posti di blocco per il progetto di autostrada, che si dice che taglierà il loro quartiere in due e non li servirà. Un opuscolo informativo sul piano di Ir Amin , un’organizzazione che sostiene una soluzione politica equa a Gerusalemme, afferma che “la costruzione di massa è attualmente in corso per trasformare una strada interna in un percorso di sei corsie. La nuova strada andrà a dicidere il quartiere in due, tagliando
fuori le sue strade interne e alterando completamente il carattere di questa tranquilla comunità, con la creazione di una grave minaccia ambientale per i suoi abitanti. ” I piani per l’autostrada risalgono al 1990, ma è solo ora che la costruzione è iniziata.

L’autostrada servirà ai soli illegali insediamenti ebrei che circondano Beit Safafa. E ‘ tutto parte di un piano più grande di fortificare la “Grande Gerusalemme”, e gli abitanti stanno cercando di fermare la costruzione con le manifestazioni e con procedimenti giudiziari contro l’autostrada.

“Questo potrebbe danneggiare e distruggere il nostro paese”, ha detto Ala Salman, un abitante del villaggio e organizzatore chiave delle proteste a Beit Safafa, in un’intervista, mentre i suoni della preghiera del Venerdì si sentivano chiaramente intorno a noi.
E ‘ come “un 48 che non è mai finito”, intervenne Ruth, un’ attivista israeliana che ha anche partecipato alla manifestazione. Un gruppo di circa 15 attivisti israeliani erano lì per mostrare solidarietà con il villaggio. Salman ha aggiunto che l’autostrada farà sì che il villaggio sarà “come la West Bank”, un riferimento alla barriera di separazione che si protende nella Cisgiordania occupata.

Le manifestazioni, organizzate da uomini e donne del villaggio, hanno avuto luogo a Beit Safafa, di fronte alla Knesset e di fronte al municipio di Gerusalemme. Le vigorose manifestazioni sono una deviazione dalla tranquillità abituale del villaggio. Beit Safafa è un paese noto per essere amico degli ebrei israeliani residenti in Gerusalemme. Ospita alcune scuole che promuovono la convivenza tra palestinesi e israeliani ebrei. Ma l’autostrada minaccia di distruggere in parte il quartiere . E non è neanche la prima volta che strade e autostrade hanno affettato e tagliato il villaggio. Secondo Aviv Tatarsky, un ricercatore di campo per Ir Amin, che era presente alla manifestazione, una strada che porta alla colonia di Gilo ha già tagliato in parti il paese.

Le autorità israeliane hanno risposto duramente alle proteste. A un certo punto, a Gerusalemme la polizia ha chiesto che gli abitanti dei villaggi avessero l’autorizzazione richiesta dal consiglio comunale per protestare in una piazza – una richiesta che l’Associazione dei Diritti Civili in Israele dice che è illegale . Ma la richiesta di permesso illegale è l’ultima delle preoccupazioni degli abitanti del villaggio.

Essi hanno dovuto fare i conti con pestaggi, arresti e molestie. Nel mese di febbraio, Haaretz ha riferito che le autorità erariali israeliane hanno intensificato la loro attività nel paese in quella che, dicono i residenti, è una punizione per le dimostrazioni. Il quotidiano israeliano ha anche riferito che funzionari della municipalità di Gerusalemme hanno “distribuito multe per ‘la costruzione senza permesso’ – per edifici, tra cui un baldacchino per esempio, che erano lì da 10 o 15 anni” . E anche se non vi era la violenza della polizia alla manifestazione di ieri, non è sempre stato così. Ai primi di marzo, Mairav Zonszein di 972 Magazine ha riferito che in una protesta a Beit Safafa , “la polizia ha esercitato una forza eccessiva, utilizzando granate a gas, pistole elettriche e spray al pepe, violentemente arrestando otto persone e ferendone 10.” Una delle persone arrestate, secondo la relazione di Zonszein, era minorenne.

Salman, un organizzatore di protesta, afferma che le manifestazioni “andranno avanti. Siamo stanchi ma andremo avanti. ” Oltre alle manifestazioni, casi giudiziari hanno cercato di fermare l’autostrada.

Un appello iniziale contro l’autostrada Begin, o Strada 4, nel mese di febbraio è stato respinto dalla Corte distrettuale di
Gerusalemme . La Corte ha accolto il ragionamento della municipalità di Gerusalemme per cui l’autostrada può passare attraverso, nonostante i residenti dicono che non hanno avuto la possibilità di sollevare obiezioni circa Road 4. E all’inizio della settimana, la Corte suprema israeliana ha respinto una petizione per fermare il lavoro sulla strada . L’Alta Corte ha detto che un ordine di “arresto dei lavori” sarebbe troppo costoso per lo stato, anche se il giudice ha ordinato al Tribunale del Distretto di Gerusalemme di sentire un altro ricorso contro l’autostrada che è stato presentato. La Corte del Distretto di Gerusalemme deciderà sul caso dopo la Pasqua, secondo l’abitante del villaggio e organizzatore della protesta Ala Salman.

L’autostrada è l’ultima divisione che Beit Safafa ha dovuto sperimentare. Dopo la dichiarazione dello Stato di Israele nel 1948, il paese è stato diviso in due – una parte controllata dagli israeliani, e l’altro lato dai giordani. Nel 1967, l’intera città di Gerusalemme passò sotto il controllo israeliano, e alcuni dei residenti ottennero la cittadinanza israeliana, mentre altri ricevettero le carte d’identità di Gerusalemme.

L’estensione della Begin Highway è parte del piano israeliano lento, ma deliberato, di costruire una “Grande Gerusalemme”, che fa riferimento ai piani di espansione della città per abbracciare gli insediamenti illegali che ad anello si trovano intorno a Gerusalemme. Questo piano israeliano è stato a lungo in piedi fin dalla guerra del 1967. “Io dico francamente che dobbiamo fare tutto quanto in nostro potere per rendere la Grande Gerusalemme la più grande città ebraica del mondo, una vera e propria città ebraica, sia in termini di numero di abitanti che nel dare un carattere permanente ebraico a tutta la città”, il vicesindaco di Gerusalemme, il rabbino Cohen, ha dichiarato nel 1967 . Anche se la legislazione è stata introdotta per sancire la “Grande Gerusalemme” in legge, i conti devono ancora essere passati.

Ma anche il primo ministro Benjamin Netanyahu ha chiarito il suo sostegno per la “Grande Gerusalemme.” “Efrat e Gush Etzion sono parte integrante, elementare ed evidente della Grande Gerusalemme”, ha detto Netanyahu ad agosto 2012 . “Sono le porte meridionali di Gerusalemme e saranno sempre parte dello Stato di Israele. Stiamo costruendo Efrat e Gush Etzion con entusiasmo, fede e responsabilità “, ha detto il primo ministro. Sia Efrat che Gush Etzion sono insediamenti illegali. Comprendere gli insediamenti intorno alla città come parte di una “Grande Gerusalemme” è utile a Israele in termini di demografia e politica – perchè permette ad Israele la rivendicazione di più ebrei nella città santa, mentre il dividere la città rende difficile la parte di un’ eventuale soluzione a due -stati.

L’autostrada a Beit Safafa ha lo scopo di creare “un tratto continuo di autostrada da Gush Etzion al blocco sud dell’insediamento della città al blocco di insediamento Givat Ze’ev a nord,” secondo Ir Amin . “La Cisgiordania sarebbe infine collegata con due autostrade più controverse: la Tunnel Road di collegamento con Gush Etzion a Gerusalemme sud e la strada 443, progettata per instradare il traffico dei coloni a nord della città di Tel Aviv, negando l’accesso ai palestinesi.”

Il chiaro scopo dell’autostrada è quello di rendere più facile l’accesso a Gerusalemme per i coloni che vivono fuori dai confini cittadini reali. L’intenzione della strada è che “geopoliticamente, è possibile aumentare gli insediamenti … dicono che è una strada strategica, cui non si può rinunciare “, ha commentato Tatarsky di Ir Amin. “Questo sta cambiando il geografia e la demografia. Non importa quale sia l’intenzione. Ma ciò che il risultato sarà [è]: si disporrà di più insediamenti in Cisgiordania, saranno più collegati a Gerusalemme, in modo che creare qualsiasi cambiamento politico diventa più difficile “.

L’attivista israeliana Ruth, che ha aderito alla manifestazione, ha riassunto l’intenzione del prolungamento autostradale senza mezzi termini: “Quando si parla di cemento, è quasi come non solo il cemento fisico, è un cemento metaforico. Stanno cementando questa idea, che sempre rimarranno in una Gerusalemme unita. “

http://mondoweiss.net/2013/03/protests-settler-neighborhood.html

……………………………………………………………………………………….

 

SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam