Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

Domenica 28 aprile 2013

immagine1

 RAID ISRAELIANI NELLA NOTTE SULLA STRISCIA DI GAZA

Nella notte l’aviazione israeliana ha compiuto tre raid su Gaza, avvenuti con ogni probabilità in risposta al tiro di razzi di ieri contro il sud di Israele. Due dei tre raid hanno avuto come obiettivo Khan Younes, nel sud della Striscia di Gaza, contro alcune postazioni della Brigate Al-Qods. Il terzo, invece, è avvenuto su Rafah, al confine con l’Egitto. Compiuti contro il braccio armato della jihad islamica, i tre raid non hanno provocato vittime.

http://www.julienews.it/notizia/dal-mondo/raid-israeliani-su-gaza/301429_dal-mondo_2.html

……………………………………………………………………………………………………………….

immagine2

NONNA RESISTENZA 

Una donna di 82 anni a Hebron sfida i coloni e le truppe israeliani, da sola (video)

Pubblicato ieri (aggiornato) 27/04/2013 10:32

Hebron (Ma’an) -. Nel cuore della città vecchia di Hebron, una donna anziana insiste a rimanere nella sua vecchia casa, nonostante le pratiche provocatorie da parte sia dei coloni che delle truppe israeliane.

Um Salah, 82, ha detto a Ma’an TV giovedi che aveva vissuto nella sua casa per 70 anni, e che lei non se ne sarebbe mai andata, tranne che per la tomba.

L’abitazione, nel quartiere Khan Shahin, nelle immediate vicinanze di Shuhada Street, che le forze israeliane hanno chiuso al traffico nel 2000, è quasi come una prigione. “Pochi giorni fa, mi sono ammalata e le mie figlie mi hanno pregato di andare con loro solo per una settimana, ma ho rifiutato e ho detto loro che non avrei mai lasciato la mia casa. Voglio morire a casa mia “, ha detto Um Salah.

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=589717

……………………………………………………………………………………………………………….

Sabato 27 aprile 2013

immagine3

LE PROTESTE NON VIOLENTE IN CISGIORDANIA E LA SOLITA REPRESSIONE ISRAELIANA. NELLA STRISCIA DI GAZA, IRRUZIONE DEI BLINDATI DELL’ESERCITO (video ai commenti)

Decine di feriti nella manifestazione settimanale di Bil’in

Venerdì 26 Aprile 2013 20:48 di Saed Bannoura – IMEMC Notizie

Le proteste hanno avuto luogo in diverse parti della West Bank
venerdì 26 aprile 2013; fonti mediche palestinesi nel villaggio di Bil’in, vicino alla città centrale di Ramallah, hanno riferito che decine di residenti locali, israeliani e manifestanti internazionali sono stati trattati per gli effetti di inalazione del gas lacrimogeno dopo che l’esercito ha attaccato la settimanale nonviolenta protesta contro il Muro e gli insediamenti nel villaggio.

La protesta di questa settimana si è svolta anche in solidarietà con i prigionieri palestinesi detenuti da Israele, e di fronte alle violazioni e all’aggressione in corso. Fonti locali hanno riferito che l’esercito ha sparato bombe a gas, proiettili di metallo ricoperti di gomma e granate a concussione, e spruzzato i manifestanti non violenti con acque reflue miste con sostanze chimiche, non appena sono arrivati alla Riserva Naturale di Abu Lemon .
Diversi alberi sono stati bruciati anche dal fuoco israeliano mentre i manifestanti si precipitavano a spegnere il fuoco per salvare gli alberi e gli oliveti.

Vale la pena ricordare che pacifisti israeliani e una delegazione della French Palestinian Friendship Society, hanno partecipato alla protesta. I manifestanti non violenti hanno sollevato bandiere palestinesi e hanno iniziato la loro protesta marciando dal centro del paese, mentre cantavano slogan chiedendo l’unità nazionale palestinese e la liberazione di tutti i prigionieri palestinesi detenuti da Israele. I manifestanti non violenti hanno anche sollevato bandiere palestinesi e francesi e il simbolo della pace globale sul Muro di Annessione, e portavano manifesti affermando, tra le altre cose, “la resistenza continuerà fino alla vittoria”.

Abdullah Abu Rahma, coordinatore del Comitato Popolare contro il Muro e gli insediamenti a Bil’in, ha riferito che la questione dei detenuti palestinesi è una causa molto importante, e che questa protesta viene a esprimere solidarietà con loro in mezzo alle continue e crescenti violazioni israeliane contro di loro. Abu Rahma ha informato la delegazione francese in visita sulla storia della resistenza non violenta contro il Muro e gli insediamenti, e i successi della causa fatti con determinazione e fermezza , nonostante l’aggressione israeliana e l’uso eccessivo della forza contro i manifestanti da parte dell’esercito. Egli ha anche invitato a più partecipazione internazionale e al sostegno dei leader della resistenza non violenta in Palestina.

La visita della delegazione francese ha espresso la solidarietà con la lotta nonviolenta in corso, e ha salutato il modello di resistenza non violenta a Bil’in come creativo.

Vale la pena ricordare che decine di feriti sono state segnalate in diverse parti della Cisgiordania occupata dopo che l’esercito ha attaccato le proteste non violente settimanali . Fonti mediche hanno riferito che molti manifestanti sono stati trattati per gli effetti di gas lacrimogeni nel villaggio di Al-Ma’sara, vicino a Betlemme, dopo che l’esercito ha attaccato la sua protesta settimanale. Decine di feriti sono stati segnalati anche al villaggio di Nabi Saleh nei pressi di Ramallah, nell’uso eccessivo della forza contro i manifestanti non violenti. Incidenti sono stati riportati anche nella città di Silwad, vicino a Ramallah, dopo che l’esercito ha attaccato i manifestanti non violenti. Almeno quattro sono stati colpiti da proiettili di metallo ricoperti di gomma, mentre decine di residenti sono stati trattati per gli effetti del gas lacrimogeno.

http://www.imemc.org/article/65375

……………………………………………………………………………………………………………….

immagine4

ISRAELE NON UTILIZZERA’ PIU’ LE MUNIZIONI AL FOSFORO BIANCO. SVILUPPATE NUOVE TECNOLOGIE: STAVOLTA SI PASSA AL GAS

L’esercito di Israele smetterà di usare il fosforo bianco

Pubblicato ieri (aggiornato) 26/04/2013 21:58

GERUSALEMME (AFP) – L’esercito di Israele ha annunciato che smetterà di usare munizioni contenenti fosforo bianco, per cui è stato condannato a livello internazionale nel corso di un’operazione militare contro Gaza nel 2008-2009.

Bombe contenenti la sostanza chimica “non saranno più utilizzate,” l’esercito ha detto in una dichiarazione rilasciata nel tardo giovedi. “Nel giro di un anno, l’artiglieria israeliana avrà sviluppato una nuova munizione che può creare cortine fumogene e che utilizza solo gas. Ciò sostituirà le attuali munizioni che contengono piccole quantità di fosforo”, si legge .

Il 15 gennaio 2009, l’esercito sparò proiettili al fosforo bianco in prossimità di un composto di un’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi a Gaza City, per oscurare le posizioni delle truppe israeliane dai combattenti di Hamas nella zona, i media locali riferirono.

Il diritto internazionale proibisce l’uso di i proiettili al fosforo bianco in aree civili densamente popolate, ma lo consente in spazi aperti per essere utilizzati come copertura per le truppe.

Israele ha lanciato un’offensiva di 22 giorni nella Striscia di Gaza il 27 dicembre 2008, in risposta al lancio di razzi dal territorio a conduzione di Hamas . La guerra ha ucciso 1.400 palestinesi e 13 israeliani, e ha suscitato diffuse critiche internazionali a Israele per l’uso sproporzionato della forza.

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=589624

……………………………………………………………………………………………………………….

imamgine5

MA QUANTO CRITICA E SI PREOCCUPA QUESTA UNIONE EUROPEA….

UE critica Israele per distruggere le strutture palestinesi

إقرأ هذا الخبر بالعربية
da Naharnet Newsdesk 5 ore fa

Le missioni dell’Unione europea a Gerusalemme e Ramallah hanno espresso serie preoccupazioni venerdì circa la demolizione in questa settimana di 22 strutture in otto luoghi in tutta la Cisgiordania, compresa Gerusalemme est.

La distruzione ha spostato 28 persone, tra cui 18 bambini, e colpito altre 120 persone, tra cui 57 bambini, una dichiarazione delle missioni UE a Ramallah e Gerusalemme ha detto sulle azioni di martedì e mercoledì.

Alcune di queste strutture erano state finanziate dagli Stati membri dell’UE, tra cui la Francia, ha detto.

“Queste e altre demolizioni recenti sembrano porre fine ad un periodo in cui era stata notata una benvenuta riduzione nelle demolizioni”, ha detto l’Unione europea.

“Dall’anno 2008 più di 2.400 case e strutture palestinesi sono state demolite nell’area C della Cisgiordania e di Gerusalemme est, spostando più di 4.400 persone.”

I luoghi designati come Area C sono sotto completo controllo israeliano

La dichiarazione ha detto che, in data 14 maggio 2012, avevano chiesto a Israele di adempiere ai propri obblighi per quanto riguarda le condizioni di vita della popolazione palestinese in Area C, tra cui l’arresto dei trasferimenti forzati di persone e la demolizione di abitazioni palestinesi e delle infrastrutture.

Il portavoce del Ministero degli Esteri francese Philippe Lalliot ha condannato la distruzione di un campo beduino palestinese dall’esercito israeliano martedì nel nord della Valle del Giordano.

Ha detto che il campo era stato finanziato dalla Francia ed era “chiaramente identificabile.”

“La Francia è intervenuta presso le autorità israeliane per fermare la distruzione di case, lo spostamento e la distruzione … in Area C, che sono contrarie al diritto umanitario internazionale”, ha detto Lalliot.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha riferito venerdì la demolizione di due capannoni agricoli e di un ristorante palestinese in Area C, il 19 aprile e lo spostamento temporaneo di circa 60 persone, tra cui 36 bambini, nella Valle del Giordano a causa di un addestramento militare israeliano.

Fonte Agence France Presse

http://www.naharnet.com/stories/en/81009-eu-criticizes-israel-destroying-palestinian-structures

……………………………………………………………………………………………………………….

immagine5

DAVVERO ISRAELE RITIENE DI DETENERE L’ESCLUSIVA MONDIALE PER AVERE SUBITO UN GENOCIDIO?

Israele, gli Armeni e la questione del genocidio

Quando Israele ricorda l’Olocausto, perché fa pensare solo agli ebrei?

By Dalia Scheindlin | Pubblicato 25 Aprile 2013

La storia ha dimostrato più volte che gli ebrei non sono gli unici ad avere sofferto politiche di genocidio. I numerosi dibattiti circa il prevenire simili tragedie non hanno finora aiutato le popolazioni che hanno subito massacri ed espulsioni, con l’intento di distruggere la loro identità nazionale, religiosa o etnica – anche in questi ultimi decenni. Pertanto la politicizzazione del genocidio armeno in Israele nel contesto delle relazioni tra Israele e Turchia, descritto con grande eloquenza da Akiva Eldar in al-Monitor , non è solo sbagliata, ma mette in discussione se Israele è veramente impegnato al “mai più”, quando si tratta di persone che non sono ebree.

In realtà, gli ebrei non hanno bisogno di guardare al di fuori della loro comunità per comprendere la necessità categorica di universalizzare le lezioni terribili della Shoah. Eldar sottolinea che uno dei più grandi sostenitori di questa posizione era lui stesso una vittima:

“L’uomo che ha coniato il termine genocidio e ha combattuto per l’adozione del trattato [Convenzione del 1948 delle Nazioni Unite sulla prevenzione e la repressione del genocidio – ds] è stato il giurista ebreo-polacco Raphael Lemkin, la cui intera famiglia è stata annientata durante l’Olocausto. Egli stesso è riuscito a fuggire negli Stati Uniti. Lemkin si riferisce specificamente all’ annientamento degli armeni come un atto di genocidio. Questa posizione non è mai stata adottata dai governi israeliani. La posizione ufficiale israeliana è stata sintetizzata nel 2001 in un’intervista con l’allora ministro degli Esteri Shimon Peres con il Turkish Daily News : “Gli armeni hanno subito una tragedia”, ha detto, “ma non è un genocidio.”

Tragicamente, la descrizione di Eldar del sentimento che molti membri della Knesset hanno nei confronti di questa questione rispecchia ciò che sento nella società israeliana:

“Per loro, ogni tentativo di insinuare che altri popoli sono stati perseguitati e massacrati per motivi razzisti è considerata “mancanza di rispetto per l’Olocausto” (loro stessi, d’altra parte, spesso usano il termine “Olocausto”, soprattutto per spaventare l’opinione pubblica israeliana con la minaccia iraniana). Essi non definiscono il genocidio armeno come un problema umano-ebraico-etico.”

Per la tesi che il riconoscimento dell’esperienza armena minaccia le esigenze politiche molto immediate relative a Turchia, mi auguro che i leader turchi e le persone la vedano diversamente. Ricordare gli orrori subiti da altri direbbe più sui valori di Israele di quanto non si faccia sulla Turchia. Chiunque può commettere terribili crimini contro gli innocenti, ebrei compresi. Vorrei che un paese che sorge sopra il proprio trauma richiamasse, sostenesse e aiutasse le vittime ovunque.

Riesco a malapena a credere che questo deve essere detto, ma a quanto pare vale la pena ripeterlo: dobbiamo riconoscere che tutti gli esseri umani sono a rischio di cadere vittime di atti di genocidio o di perpetrare tali atti stessi. Le stesse persone possono essere in entrambe le posizioni. Negare questo mi sembra così terribile e pericoloso come la negazione dell’Olocausto stesso.

http://972mag.com/israel-armenians-and-the-question-of-genocide/69977/

……………………………………………………………………………………………………………….

immagine6

IL MURO DELL’APARTHEID METTE IN PERICOLO IL VILLAGGIO CRISTIANO DI BEIT JALA, IN CISGIORDANIA

(Nota della pagina: nei commenti, le ultime notizie sulla vicenda)

Cattolici palestinesi in lotta contro la barriera israeliana in Cisgiordania

By Diaa Hadid
25 aprile 2013

Beit Jala, Cisgiordania – i palestinesi in questo villaggio cristiano si augurano che il nuovo papa possa riuscire dove altri hanno fallito – spingendo Israele ad abbandonare i piani per costruire un tratto della sua barriera di separazione nella West Bank attraverso la pittoresca valle.

Dal momento che le proprietà del Vaticano sono interessate, i residenti si sono rivolti alla Chiesa Cattolica Romana per utilizzare più della sua notevole influenza in Terra Santa, per reindirizzare la barriera, anche mentre i leader cattolici locali detengono una speciale Messa di protesta nei frutteti minacciati ogni settimana.

Il Vaticano ha chiesto a Israele di non prendere le terre, ma i cattolici locali palestinesi vogliono che il nuovo pontefice intervenga più pesantemente su Israele.

“Abbiamo speranza nel nuovo papa, perchè egli è vicino ai poveri e agli oppressi”, ha detto il reverendo Ibrahim Shomali, il prete palestinese che ha guidato le proteste.

Israele ha costruito la barriera dal 2002 in risposta ad una ondata di attentati suicidi all’inizio dello scorso decennio, che ha ucciso centinaia di persone. Israele dice che la barriera è necessaria per tenere fuori gli aggressori palestinesi.

I palestinesi dicono che la barriera è un furto di terra perché procede a zig-zag attraverso la Cisgiordania. Al termine, quasi il 10 per cento della Cisgiordania, tra cui molti insediamenti israeliani, resterebbero dalla parte di Israele, secondo le Nazioni Unite. Circa i due terzi della struttura di 450 miglia sono stati costruiti.

Beit Jala è una bella città – cartolina cristiana di 16.000 abitanti nella West Bank a stragrande maggioranza musulmana . L’effigie del patrono palestinese, San Giorgio, è scolpita sulle facciate degli edifici. I generi alimentari vendono birra e le macellerie vendono carne di maiale, vietati dalla legge islamica. Una pista da bowling si trova di fronte a una base militare israeliana.

Eppure il paese si sente circondato. Esso confina con la città biblica di Betlemme su un lato. Su un altro, il filo spinato separa Beit Jala dalla colonia ebraica di Har Gilo. Parte della barriera di separazione sigilla un altro lato, per proteggere una strada vicina utilizzata dai coloni ebrei. I residenti dicono che il tratto della prevista costruzione chiuderà fuori uno degli ultimi spazi aperti rimasti del villaggio.

“Ci ammassano in un ghetto,” sospira Issa Khalilieh, la cui famiglia ha perso 12 ettari in anni di confische israeliane, ed è pronto a cedere altri tre acri (un ettaro) alla barriera.

Un funzionario della difesa israeliano ha detto che Gerusalemme sarebbe rimasta “aperta e vulnerabile” se la sezione non fosse costruita. Egli ha osservato che durante il culmine della violenza di un decennio fa, i militanti hanno sparato alla vicina Gilo da Beit Jala.

Nella zona di Beit Jala, il Ministero della Difesa di Israele prevede di cogliere alcuni 790 ettari della valle di Cremisan, ha detto l’avvocato Ghaith Nasser. Ministero della Difesa di Israele non ha voluto confermare quanta terra intendono cogliere.

Circa un terzo del territorio è di proprietà del Vaticano, con un monastero circondato da pini, un parco giochi e vigneti che i monaci hanno usato per fare il vino dal 1882. Nelle vicinanze si trova un convento dove le suore gestiscono una scuola per 600 studenti palestinesi. Circa 60 famiglie possiedono il resto, una serie di oliveti e albicocchi terrazzati a strapiombo sulla valle. I residenti ci vanno per rilassarsi, per fare barbecue e per pregare.

Se il percorso andasse come previsto, il monastero e frutteti saranno dalla parte di Israele della barriera. Il convento e la scuola saranno sul lato palestinese, circondati da alte mura di cemento, gli avvocati hanno detto.

I residenti stanno sfidando il progetto in tribunale per anni, e la costruzione rimane in attesa di una sentenza. Un gruppo cattolico di assistenza legale patrocina la battaglia legale, e il Patriarcato latino, che sovrintende gli affari cattolici locali, ha detto che simpatizza con i residenti. Il Vaticano ha firmato una lettera a ottobre, che ha condannato il percorso della barriera e chiesto a Israele di mantenere la valle Cremisan attaccata a Beit Jala.

I palestinesi cercano di fare di tutta la Cisgiordania e Gerusalemme Est, territori conquistati da Israele nella guerra del 1967 in Medio Oriente, le parti di un futuro stato.

Il tracciato della barriera ha attirato accuse che Israele sta utilizzando la struttura per incorporare alcuni insediamenti ebraici, come patria di più di 500.000 israeliani, nei suoi confini futuri.

“La barriera ha un percorso che … non è chiaramente definito da ciò che Israele chiama ragioni di sicurezza”, ha detto Aviv Tatarsky di Ir Amin, un gruppo di pressione che controlla il percorso della barriera attorno a Gerusalemme. “L’itinerario pianificato tocca la West Bank in modo da mettere i blocchi di insediamenti all’interno della sua area.”

I governi israeliani hanno dichiarato la loro intenzione di mantenere i principali blocchi di insediamenti in prossimità della vecchia linea di cessate il fuoco del 1949 lungo la Cisgiordania sotto un trattato di pace, che offre ai palestinesi il territorio israeliano in cambio, ma le trattative non sono riuscite a produrre un accordo.

http://www.detroitnews.com/article/20130425/NATION/304250359

……………………………………………………………………………………………………………….

Venerdì 26 aprile 2013

immagine7

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE PER LE MOGLI DEI DETENUTI PALESTINESI NELLE CARCERI DI ISRAELE: VOLERE ESSERE LIBERI E’ ANCHE QUESTO

Niente miracoli religiosi, solo il progresso della tecnica applicato anche in una zona del mondo dove non sempre la scienza va d’accordo con la fede. Il supremo Consiglio religioso palestinese, Fatwa, ha approvato all’unanimità la decisione di permettere l’inseminazione artificiale per le mogli dei detenuti palestinesi nelle carceri israeliane. La popolazione di questi ultimi al momento è di circa tremila persone.

……………………………………………………………………………………………………………….

immagine8

LE VESSAZIONI E LE CRUDELTA’ DEI COLONI ISRAELIANI CONTRO SEI BAMBINI PALESTINESI

Sei bambini palestinesi attaccati dai coloni israeliani in una settimana

Giovedi, 25 April 2013 15:09

La settimana scorsa, Al-Haq ha documentato una serie di attacchi da parte dei coloni israeliani contro i palestinesi e le loro proprietà. Questi incidenti hanno provocato il danneggiamento e la distruzione di più di 150 alberi di ulivi e di mandorli in tutta la Cisgiordania. Questi attacchi dei coloni hanno coinvolto anche aggressioni fisiche. Il 15 aprile, ‘Ala Dawoud Ya’ish, 25 anni, e Sami’ Adnan Abu Siriyah sono stati attaccati da coloni ‘ Homesh ‘dopo che il veicolo in cui viaggiavano si era fermato in prossimità dell’insediamento per problemi al motore . Un gruppo di 30 coloni lo ha circondato e ha picchiato ‘Ala, che alla fine è riuscito a fuggire. ‘Ala ha riportato contusioni alla spalla destra e graffi all’addome. Inoltre, i coloni di ‘ Bracha ‘ e ‘ Halamish ‘ hanno attaccato sei bambini palestinesi di età compresa tra i quattro e i dodici anni.

Fawwaz Fawzi Mansour – Kufr Qalil – governatorato di Nablus

Il 16 aprile, verso le ore 11:00, Fawwaz, 12 anni, era a pascolare le pecore della sua famiglia in una zona a nord di Kufr Qalil, a due chilometri a sud-est della colonia israeliana di ‘ Bracha. ‘ Fawwaz era a 500 metri a nord del suo villaggio, quando un colono in abbigliamento religioso ebraico lo ha afferrato per la spalla . Il colono – che aveva lunghe basette, indossava una kippah, pantaloni neri e una camicia bianca con frange – ha iniziato a picchiare Fawwaz con un fucile. Il colono ha ripetutamente colpito Fawwaz sul petto, facendolo cadere a terra, e il bambino ha battuto la testa contro una pietra.Ricordando l’incidente, Fawwaz ha dichiarato: ‘ero terrorizzato che il colono mi avrebbe ucciso perchè ero da solo nella zona.’
Fawwaz, che sanguinava copiosamente da una ferita alla testa, ha cercato di alzarsi e di fuggire dal colono, ma quest’ultimo lo ha afferrato di nuovo. Oltre a battere il ragazzo sul viso e sul petto, il colono anche iniziato a prendere a calci il bambino di 12 anni. Quando Fawwaz è caduto a terra per la seconda volta, il colono ripetutamente ha preso a calci la sua mano destra.

Quando Fawwaz è riuscito a fuggire, il colono ha inseguito il ragazzo e ha cominciato a lanciare pietre contro di lui. Dopo che è giunto a casa di sua sorella, il padre di Fawwaz è stato informato dell’incidente e ha portato il figlio al pronto soccorso all’ospedale Rafidiya di Nablus. Là Fawwaz ha avuto un’ingessatura applicata al suo braccio, dopo che gli è stato detto che il suo polso era rotto a causa dell’attacco, e ha ricevuto quattro punti di sutura alla testa. Dopo aver ricevuto le cure mediche, Fawwaz è stato riportato a casa. (Al-Haq Affidavit n ° 8551/2013)

Bashir Muhammad Tamimi – Deir Nitham – governatorato di Ramallah

Il 15 aprile, verso le ore 15:00, Bashir, 49 anni, stava camminando verso la fonte del villaggio, con i suoi quattro figli e uno dei suoi nipoti, di età compresa tra i quattro e i dodici anni. La fonte si trova ad est del villaggio di Deir Nitham e a circa 400 metri dalla recinzione che circonda l’insediamento ‘ Halamish ‘, che si trova su un terreno che appartiene al vicino villaggio palestinese di al-Nabi Saleh.
Quando Bashir e i bambini sono arrivati vicino alla sorgente, una macchina si è fermata sul lato della strada principale. Due coloni sono scesi dal veicolo, si sono diretti verso la sorgente e hanno gridato a Bashir di lasciare la zona. Uno dei coloni ha afferrato i bambini e ha cominciato a dar loro schiaffi in faccia e calci alle gambe e alla schiena. Quando Bashir ha cercato di separare i bambini dal loro aggressore l’altro colono, che portava una pistola, ha rivolto l’arma contro di lui.
Bashir stava cercando di calmare i bambini, che piangevano e tremavano dalla paura, quando una seconda auto israeliana si è fermata a fianco della prima. Un altro colono è sceso dalla seconda auto e ha detto a Bashir di andarsene immediatamente altrimenti sarebbe stato attaccato. A quel punto, una jeep militare israeliana è arrivata sulla scena e Bashir ha raccontato l’accaduto ai soldati. Il soldato comandante ha risposto a Bashir che la fonte apparteneva ai coloni e che i palestinesi non sono stati autorizzati a circolare nella zona circostante. Bashir ha negato la dichiarazione del soldato e ha chiesto di avere i nomi dei coloni e le carte d’identità, al fine di presentare una denuncia alla polizia israeliana, ma il soldato ha rifiutato.
Poco tempo dopo, quando una seconda jeep militare è arrivata sulla scena, un altro soldato ha ordinato a Bashir di lasciare la zona, mentre un gruppo di uomini palestinesi di Deir Nitham si era unito a Bashir. Una guardia di sicurezza privata da ‘ Halamish ‘era anche arrivata e ha minacciato di uccidere Bashir. Dopo che un soldato è intervenuto, la guardia di sicurezza ha lasciato, ma ha continuato a fare gesti minacciosi con le mani a Bashir. Una delle jeep militari si è ritirata dalla zona, mentre l’altra è rimasta a monitorare la situazione. Bashir e gli altri uomini palestinesi sono rimasti in zona fino a quando i soldati hanno costretto sia i coloni che gli abitanti palestinesi ad andarsene. I cinque bambini coinvolti nell’incidente non hanno riportato ferite gravi. (Affidavit N. 8552/2013)

Il giorno seguente, Sa’id Sabri al-Tamimi, un altro residente di Deir Nitham, ha scoperto che 120 dei suoi ulivi e mandorli erano stati danneggiati con seghe. Data la vicinanza della ‘Halamish’ e il confronto che aveva avuto luogo il giorno precedente, Sa’id ritiene che i coloni da ‘ Halamish ‘sono responsabili per l’attacco.

Al-Haq condanna tutti gli episodi di violenza dei coloni contro i palestinesi svolti in un clima di totale impunità ed esprime la sua grave preoccupazione per le violenze perpetrate contro i bambini. Secondo i dati dell’UNICEF, 18 bambini (13 maschi, 5 femmine) sono stati feriti dai coloni nel 2012, con altri 21 bambini feriti a seguito di intervento dell’esercito israeliano in incidenti correlati ai coloni. Come potenza occupante, Israele ha l’obbligo legale di assicurare il benessere e la sicurezza della popolazione occupata, anche indagando e perseguendo i responsabili delle aggressioni ai palestinesi . Inoltre, Israele deve rispettare gli obblighi dei diritti umani nei confronti della popolazione occupata, come quelli stabiliti nella Convenzione sui diritti del fanciullo, che Israele ha ratificato nel 1991.

http://www.alhaq.org/documentation/weekly-focuses/700

……………………………………………………………………………………………………………….

immagine9

ISRAELE E I PIRATI LEGALIZZATI: LE PERSECUZIONI E LE VESSAZIONI CONTRO I PESCATORI PALESTINESI

Israele non ha mai smesso la pirateria nelle acque palestinesi

Di Eva Bartlett
24 aprile 2013

Anche se non si sa per la mancanza di copertura mediatica, per decenni Israele ha commesso atti di pirateria in acque palestinesi: attacchi, rapimenti e furti verso i pescatori palestinesi, a volte appena un miglio al largo della costa della Striscia di Gaza.

Nonostante le promesse di contenzione, gli attacchi della marina israeliana hanno continuato dal cessate il fuoco di novembre 2012 tra le autorità israeliane e la resistenza palestinese. Il Centro Mezan per i diritti umani ha osservato il 24 marzo 2013, che ” Dal momento dell’accordo di cessate il fuoco, le forze di occupazione israeliane hanno effettuato 44 attacchi contro i pescatori nelle acque di Gaza, ferendo quattro pescatori. Le forze israeliane hanno arrestato 44 pescatori, confiscato nove barche e danneggiato attrezzature per la pesca in cinque diverse occasioni . “

La brutalità marina 2010 israeliana contro la Freedom Flotilla, in cui un commando israeliano ha ucciso nove attivisti internazionali (molti di loro di punto in bianco) e ne ha feriti ha avuto oltre 50 titoli, realizzati per breve tempo, poi sbiaditi. Ma gli attacchi precedenti sulle imbarcazioni di solidarietà, e quelli che seguirono, erano al meglio appena coperti dai media.

Allo stesso modo, gli attacchi quasi quotidiani sui pescatori palestinesi, anche se ben documentati da osservatori e organizzazioni per i diritti umani palestinesi e internazionali , diventano praticamente privi di copertura. Cannoniere israeliane nelle acque di Gaza di routine mitragliano, bombardano e usano cannoni ad acqua contro i pescatori palestinesi, oltre a prendere le loro barche.

Prima di rapire i pescatori palestinesi, la marina israeliana ordina loro sotto tiro di spogliarsi della loro biancheria intima, facendoli tuffare in acque gelide e spesso costringendoli a nuotare o stare a galla per un massimo di una mezz’ora o più, dopo di che vengono poi trascinati a bordo della cannoniera israeliana, ammanettati e con gli occhi bendati (di solito ancora solo in mutande) e rapiti da Israele.

Molti pescatori riferiscono che i loro interrogatori sono centrati sulla raccolta di informazioni: gli interroganti israeliani pongono domande sui salari dei pescatori, chi sono i loro vicini, e tentano di costringere i pescatori a lavorare come collaboratori di Israele. I loro rapimenti e gli interrogatori non hanno quindi nulla a che fare con la spiegazione israeliana di routine di “auto-difesa”.

Nel loro rapporto del 2002 , il Centro Palestinese per i Diritti Umani (PCHR), osserva che, oltre agli attacchi contro i pescatori palestinesi, la marina israeliana ha danneggiato le loro attrezzature per la pesca e affondato le loro barche.

Israele impone ulteriori ammende ai pescatori palestinesi, che devono pagare per il deposito delle loro barche rubate in Israele, e per il ritorno delle loro imbarcazioni, spesso distrutte o gravemente danneggiate, e quasi sempre spogliate delle attrezzature.

E’ storia vecchia

La storia degli attacchi israeliani e delle restrizioni unilaterali verso i pescatori palestinesi va indietro fino a metà degli anni 1990, subito dopo la firma degli Accordi di “pace” di Oslo . Sotto l’accordo interinale del 1994 firmato dalle autorità israeliane e palestinesi, le acque di pesca palestinesi si estendono per 20 miglia nautiche dalla costa di Gaza.

Il PCHR fa notare che nel marzo 1996, ” le forze di occupazione israeliane hanno imposto un assedio marittimo sulla Striscia di Gaza. Quando hanno allentato l’assedio il 22 marzo 2002, hanno diminuito l’area in cui è autorizzata la pesca a 12 miglia marine, impedendo ai pescatori di spostarsi ulteriormente, cosa che ha avuto un effetto negativo sulla loro produzione e sul reddito. “

Alla fine del 2008, prima di fare i 23 giorni di bombardamenti sulla Striscia di Gaza e di uccidere 1.455 palestinesi, le autorità israeliane hanno di nuovo illegalmente ridimensionato la zona di pesca a 3 miglia , il che significa che ai pescatori palestinesi è vietato l’accesso a circa l’ 85 per cento delle loro acque di pesca.

Dopo gli otto giorni di guerra a Gaza, nel novembre 2012, che ha ucciso più di 170 palestinesi, le autorità israeliane hanno benevolmente esteso i loro limiti unilateralmente imposti per 6 miglia. Nel marzo del 2013, hanno ancora una volta ridotto l’area di tre miglia. Ma molti pescatori hanno testimoniato che la marina israeliana li attacca anche quando sono solo a una o due miglia al largo della costa di Gaza .

I pescatori palestinesi dicono che la differenza tra un limite di 3 – o di 6 miglia – è trascurabile. Le Nazioni Unite sottolineano che “la maggior parte dei pesci ad alto valore si trova oltre i 12 Nm [miglia nautiche] dalla riva, dove il fondale scende e diventa roccioso, ” e, senza offrire alcun mezzo per garantire che sia attuato, suggerisce che “un ampliamento dell’area accessibile a 12 NM sarebbe a consentire ai pescatori di aumentare ulteriormente la loro pesca, di sfruttare il pesce migliore, e godere di ritorni economici
più elevati “.

Quale la polizia per i pirati israeliani?

Le autorità israeliane hanno regolarmente sostenuto che le azioni del loro esercito di occupazione sono in “auto-difesa”, tra cui la pirateria e gli attacchi letali sui pescatori palestinesi. Ma questi, insieme al collettivo punitivo limite di 3 miglia, sono aspetti della strategia di Israele di decimare la tradizione di pesca di Gaza, i mezzi di esistenza, e l’economia, e fanno parte del sistema generale di Israele a rendere il maggior numero possibile di palestinesi impoveriti e senza speranza.

Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, a partire dall’inizio del 2009 fino alla pubblicazione della relazione nel novembre 2011
” quattro pescatori sono stati uccisi e altri 17 sono stati feriti dal fuoco israeliano.” Il numero di pescatori uccisi negli ultimi dieci anni non è chiaro, ma i rapporti di organizzazioni per i diritti umani e le notizie locali mettono il totale a più di 10 pescatori. Il numero di pescatori feriti e rapiti è riferito a centinaia.

Israele continua a tenere 36 pescherecci palestinesi piratati in acque palestinesi, alcuni dal 2008. Senza le loro barche, 144 pescatori sono senza lavoro. La stragrande maggioranza dei pescatori sono già tra i più poveri di Gaza. Con le loro barche e le attrezzature rubate o distrutte, i pescatori cadono nella povertà fabbricata.

L’assedio israeliano, imposto subito dopo che Hamas nel 2006 ha vinto elezioni democratiche, ha fatto quello che le chiusure israeliane sin dagli anni ’90 hanno cominciato: distruggere l’economia della Striscia, causando la povertà manufatta che prevale oggi, e che ha lasciato l’80 per cento dipendenti dagli aiuti alimentari alla popolazione.

La crisi da ingegneria di assedio delle acque reflue, in cui 90 milioni di litri di liquami o di acque parzialmente trattate vengono pompati in mare ogni giorno, aggiunge un ulteriore livello di pericolo per la pesca di Gaza. L’approvvigionamento di pesci che vivono in queste acque tossiche sono l’unico problema che i pescatori palestinesi sono in grado di portare nel termine di tre miglia. Nell’agosto 2010, l’ONU ha osservato che “l’acqua di mare microbiologicamente contaminata che si trova lungo la costa della Striscia di Gaza rappresenta un pericolo grave per la salute, non solo per le persone che utilizzano le spiagge per la ricreazione, ma anche per tutta la popolazione, attraverso frutti di mare potenzialmente contaminati.”

Nel 2007, le Nazioni Unite hanno messo in guardia circa la pesca eccessiva di pesci appena nati: “I pescatori sono stati costretti ad abbandonare le loro reti in acque che contengono pesci giovani e specie di riproduzione, nel senso che il pesce pescato è in genere piccolo, per non parlare dei danni a lungo termine che sono stati fatti per gli habitat marini. “

Entro il 2011, l’ONU ha osservato che ” le future azioni di pesca saranno minacciate , “se la pesca eccessiva continua, e ha riportato l’impatto sulle catture di quell’anno. ” La pesca eccessiva in spazi ristretti ha provocato la cattura di sardine a diminuire del 90 per cento dal 2008 … Quest’anno la cattura di sardine è stata la più bassa registrata negli ultimi 12 anni … Il 2011 sarà probabilmente anche il record più basso per tutto il pesce catturato. “

Storicamente, questo non sarebbe stato un problema, con i pescatori che uscivano a 10 e più miglia per catturare il pesce di migrazione, tra cui le sardine.

Il settore della pesca, che una volta forniva sia l’occupazione che la nutrizione a prezzi accessibili per un segmento considerevole di 1,7 milioni di palestinesi di Gaza, è ormai solo un pericoloso rischio e la farsa di se stesso. Il PCHR ha riferito a marzo 2013 che l’industria della pesca di Gaza è ” sull’orlo del collasso, portando il numero di pescatori che lavorano da circa 10.000 nel 1999 a meno di 3.200 di oggi. “

Sempre a marzo, il PCHR e i gruppi di diritti Al Mezan e Al Dameer hanno invitato le Nazioni Unite ad agire sugli attacchi di Israele e le restrizioni sui pescatori di Gaza. In una lettera congiunta, i gruppi hanno invitato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a
” pubblicamente riconoscere e condannare le misure punitive imposte dalle autorità israeliane come una forma di punizione collettiva dei civili della Striscia di Gaza. “

Ma, come si nota nella loro lettera, l’ONU ha già chiesto la fine dell’assedio, e ha dichiarato – nel 2012 – che ” equivale a una punizione collettiva di tutti coloro che vivono a Gaza ed è una negazione dei diritti umani fondamentali in violazione del diritto internazionale. “

E che cosa ha questa condanna effettivamente raggiunto? Quando si tratta di Israele, nessun organismo internazionale lo fermerà dal violare il diritto internazionale, e per aver commesso crimini di guerra e la punizione collettiva.

Solo nel mese di marzo, quasi tre anni dopo che Israele ha macellato nove attivisti di solidarietà nel massacro della Mavi Marmara , il primo ministro israeliano Netanyahu (a seguito di una visita da parte di Obama) ha fatto delle scuse poco brillanti al primo ministro turco Erdogan, scusandosi per “errori operativi” effettuati nel corso del raid. E anche se Erdogan ha espresso soddisfazione pubblica con la scusa poco apologetica, i parenti dei turchi assassinati e i sostenitori globali della Flotilla si sono a mala pena placati.

Ma le scuse, dunque un’ammissione di colpa, sono tanto lontane quanta più responsabilità è andata: l’unica inchiesta tenuta era un’indagine condotta da Israele, che ha concluso che i commando israeliani non erano nel torto. Nessun organismo internazionale ha sottoposto le autorità israeliane a qualcosa, né lo farà mai. E delle pre-condizioni che Erdogan ha disposto al fine di riprendere i rapporti con Israele, lo stato sionista si è svincolato dalla condizione più importante: sollevare il suo assedio a Gaza.

Questo significa che Israele continuerà a limitare i pescatori palestinesi a meno di tre miglia, li attaccherà e li bombarderà a volontà, e nessuno li fermerà. I pescatori di Gaza sono lasciati a loro stessi, nelle loro acque di pesca molto limitate. E ‘una triste certezza che la pirateria israeliana continuerà disinibita, con la complicità dei media e degli organismi internazionali.

http://rt.com/op-edge/israel-pirating-palestinian-waters-309/

……………………………………………………………………………………………………………….

 

 SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam