Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

lunedì 17 dicembre 2012

INDUSTRIA FARMACEUTICA E OCCUPAZIONE ISRAELIANA

17 Novembre 2012

Dal 1967, al termine della guerra dei sei giorni, i palestinesi sono sottoposti ad un regime militare di occupazione da cui dipende anche la normativa sul commercio. Vedremo qui di seguito come, in nome del divide et impera, Israele abbia rallentato in ogni modo la nascita di una organizzazione farmaceutica palestinese, mantenendo nei territori occupati (OPT) un vero e proprio sistema di prigionia commerciale.

Il protocollo di Parigi (PP), siglato nel 1994, regola le relazioni fra Israele e l’Autorità Palestinese. In sostanza la normativa in esso contenuta pone Israele ed il futuro stato Palestinese sullo stesso piano per quanto riguarda il regime fiscale e commerciale (la cosiddetta taxation envelope). In realtà Israele ha imposto continue restrizioni agli accordi, opponendo ragioni di sicurezza interna, con un ulteriore giro di vite avvenuto nel 2000, dopo la seconda Intifada. Da allora gli scambi commerciali si muovono quasi a senso unico; merci israeliane possono entrare negli OPT ma non viceversa. Ciò significa che i palestinesi dipendono di fatto dalla normativa doganale sull’import/export decisa da Israele. Così, dal 2000 al 2008 la dipendenza economica dei palestinesi da Israele è cresciuta al 52%.
Tutto ciò ha avuto un’influenza negativa sulla nascente industria farmaceutica palestinese. Il ministero della Sanità israeliano ha imposto l’importazione esclusiva di farmaci registrati in Israele sia nella West Bank (WB) che nella striscia di Gaza (GS), impedendo, salvo rare eccezioni, gli scambi di prodotti con i paesi arabi limitrofi, partner commerciali naturali. I divieti si estendono anche all’importazione di farmaci generici dall’India, dalla Cina e dai paesi dell’ex URSS, molto competitivi nel prezzo, in quanto non registrati nel mercato israeliano.
Quest’ultimo importa principalmente da Unione Europea, Nord America e Australia, dove i farmaci sono notoriamente più costosi. Un solo esempio per capire meglio. Il Plavix®, usato dopo interventi di cardiochirurgia, se acquistato in Siria come generico costerebbe 12 US$ alla confezione, mentre i palestinesi lo devono acquistare obbligatoriamente da Israele, al prezzo di 110 US$.
L’industria farmaceutica palestinese serve una popolazione di almeno 4 milioni di abitanti, con un mercato stimato sui 105 milioni US$, il 75% dei prodotti sono venduti in loco con un’autonomia del 50%, essendo il 35% importato da Israele ed il 15% dall’estero. Quei pochi scambi commerciali comunque permessi, per millantate ragioni di sicurezza, non possono avvalersi del vicino aeroporto Ben Gurion, ma devono optare per spedizione navale via Giordania, logisticamente sfavorevole, oltre che più costosa.
In accordo con il PP, i farmaci con la scritta “Dono all’Autorità Palestinese” possono arrivare a destinazione anche se non registrati in Israele, ma non possono poi uscire dagli OPT. A Gaza si arriva così all’assurda situazione nella quale i farmaci scaduti, non potendo essere rispediti, devono essere smaltiti in loco, con aggravio dei costi. Se si considera poi che molte donazioni avvengono con prodotti al limite della scadenza di impiego ecco spiegato il problema dell’accumulo di sostanze chimiche in uno dei territori più densamente popolati del pianeta.
Altri ostacoli che l’Industria farmaceutica palestinese si vede frapporre sono determinati dalla licenza per l’importazione e uso di materie prime, per ogni singola spedizione. Alcune sostanze possono infatti rientrare in una lista di prodotti potenzialmente adatti a fabbricare esplosivi (dual-use). Per insindacabile decisione israeliana sotto questa denominazione ricadono una sessantina di sostanze, anche di uso comune, come la glicerina, eccipiente per la produzione delle capsule, o base per confezione di lassativi, oppure l’acqua ossigenata, usata come sterilizzante. Un altro ostacolo è rappresentato dal passaggio di merci da e per WB e da WB alla GS, che deve sottostare alla discrezionalità dei militari ai vari checkpoint.
Al contrario di quella palestinese, l’industria farmaceutica israeliana si è potuta sviluppare sin dagli anni ’50, grazie anche ad un regime protezionistico e di facilitazione fiscale. Il settore farmaceutico è uno dei maggiori successi commerciali dell’export Israeliano. Le aziende farmaceutiche nate in Israele, più di una trentina tra piccole e grandi, producono essenzialmente farmaci generici, impiegano oltre 7.000 addetti con un fatturato che ha raggiunto i 5.5 miliardi di dollari nel 2008, per un export in più di 120 paesi che rappresenta il 10% della bilancia commerciale. Tutte le aziende, dalla più grande, Teva, alle più piccole, sono nettamente favorite da questa situazione, sia per il facile accesso al mercato palestinese, senza intoppi di checkpoint, sia dall’assenza di barriere doganali, che impongono altrimenti il passaggio di carico tra mezzi di trasporto. Grazie alle norme di sicurezza solo Israele può vendere ai palestinesi i propri farmaci, che oltretutto non sono etichettati in lingua araba.
Anche per le multinazionali come Bayer, Pfizer e AstraZeneca, negli OPT non c’è competitività nei prezzi, visto il divieto di importare generici a basso costo, perché non registrati in Israele.
Il PP aveva sancito un principio di eguaglianza commerciale e fiscale fra Israele e gi OPT, ma la realtà non si è mossa nel verso auspicato dai negoziatori. Così il costo dei farmaci è stato parificato a quello vigente in Israele, imponendo ai palestinesi prezzi oltremodo elevati, senza contare l’umiliazione di dover usare un prodotto etichettato esclusivamente nella lingua del paese occupante.

Il documento “Captive economy. The Pharmaceutical Industry and the Israeli Occupation”, a cura di Coalition of Women for Peace (www.coalitionofwomen.org) e con la collaborazione di Who Profits (www.whoprofits.org) può essere scaricato gratuitamente, e diffuso, da
http://www.whoprofits.org/sites/default/files/captive_economy_0.pdf

Fonte: http://www.disinformazione.it/farmaci_palestina.htm

-jasmine-

domenica 16 dicembre 2012

Decine di feriti segnalate nell’attacco dell’ esercito alle proteste non violente in Cisgiordania

Sabato 15 Dicembre 2012 09:25 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni e agenzie

I soldati israeliani hanno attaccato, venerdì, le proteste settimanali non violente contro il muro di annessione illegale israeliano e gli insediamenti illegali di Israele in diverse parti della West Bank occupata, decine di feriti sono state segnalate.

L’esercito ha spruzzato i manifestanti con prodotti chimici, oltre a sparare decine di bombe a gas e proiettili di gomma, metallo e numerose munizioni. A Bil’in, nei pressi della centrale città cisgiordana di Ramallah, due manifestanti non violenti sono stati feriti da proiettili in gomma ricoperti di di metallo mentre decine hanno subito gli effetti della inalazione dei gas lacrimogeni

Questo venerdì, la protesta è stata intitolata “Il Venerdì di rabbia”; locali, attivisti per la pace israeliani ed internazionali hanno marciato verso la zona di Abu Lemon, che è stata restituita agli abitanti di Bil’in dopo una lunga battaglia legale, e i soldati li hanno inondati con acque reflue mescolate con sostanze chimiche e bombe a gas, sparando granate assordanti e proiettili di gomma rivestiti in metallo .

I manifestanti hanno marciato portando bandiere palestinesi, e hanno scandito slogan di chiamata per l’unità nazionale e per restare risoluti a tutte le norme nazionali fino alla liberazione e l’indipendenza, e hanno chiesto la liberazione di tutti i prigionieri politici detenuti da Israele, in particolare quelli detenuti senza accuse, con ordini illegittimi di detenzione amministrativa che violano i diritti umani fondamentali.

Il residente Tareq Adnan Abu Rahma, 16 anni, è stato colpito da un proiettile di gomma al braccio, mentre Mohammad Adeeb Abu Rahma, 18 anni, è stato colpito da un proiettile di gomma rivestito in metallo nella schiena. Decine di manifestanti, tra israeliani e internazionali, sono stati trattati per gli effetti di inalazione gas lacrimogeni, il Palestine News Network (PNN) ha riferito.

I manifestanti hanno sottolineato il rifiuto alle politiche illegali di Israele sulla uccisione deliberata dei palestinesi, consentendo all’esercito di sparare colpi di munizioni vive contro inermi manifestanti non violenti, e contro i civili palestinesi in generale. Il Comitato Popolare contro il Muro e le colonie a Bil’in ha denunciato con forza l’uccisione di Mohammad Salaymah, 17 anni, che è stato ucciso per il suo compleanno, giovedi, da una soldatessa israeliana, che gli ha sparato con proiettili veri mentre tornava dall’aver comprato una torta. La commissione ha detto che questo crimine fa parte del corso dei crimini di Israele e delle violazioni contro il popolo palestinese, e che tali crimini sono atti di “terrorismo di Stato “, che hanno lo scopo di costringere i palestinesi a sottomettersi all’occupazione, al suo muro illegale e agli insediamenti.

Ha anche chiamato per” aumentare le proteste nonviolente popolari in diverse parti della Palestina occupata per esporre le politiche di Israele razzista “, PNN aggiunto.

Nel villaggio di Kufur Qaddoum , nei pressi della città settentrionale della West Bank di Qalqilia, i residenti e i loro sostenitori internazionali ed israeliani hanno marciato anche contro il Muro e gli insediamenti, e hanno ribadito la loro richiesta che l’esercito deve aprire la strada principale del paese, che è stata bloccata e sigillata dai militari numerosi i anni fa, che fortemente limita la libertà di circolazione dei residenti.

I pacifisti israeliani hanno anche espresso il loro rifiuto alle dichiarazioni israeliane che che hanno cercato di ritrarre i manifestanti come violenti, dopo che le immagini di soldati israeliani, attaccando i manifestanti la scorsa settimana, in fuga dalla zona, scappando da manifestanti disarmati , sono state pubblicate.

Decine sono state anche trattate per gli effetti della inalazione di gas lacrimogeni dopo che l’esercito ha attaccato la protesta non violenta nel villaggio di Nabi Saleh, vicino a Ramallah. I manifestanti hanno marciato contro il Muro e gli insediamenti, e per condannare l’uccisione di Mohammad Salaymah, e replicato la protesta di questa settimana come “il Venerdì di lealtà con Salaymah, il figlio di Hebron”. Hanno marciato per le vie del paese cantando slogan contro l’occupazione e gli insediamenti, ed esprimendo la volontà di continuare a resistere all’occupazione illegale israeliana. L’esercito ha inondato i manifestanti con le bombe a gas, proiettili in gomma proiettili rivestiti di metallo e con acque reflue mescolate con sostanze chimiche. L’attacco ha portato a scontri tra i soldati e gli abitanti e decine di feriti sono stati segnalati. L’esercito ha anche usato spari di munizioni destinate ai manifestanti e ha sparato bombe a gas diversi nelle case palestinesi nel villaggio.

Il Comitato Popolare di Nabi Saleh ha denunciato gli attuali crimini israeliani, tra cui l’omicidio di Salaymah, e ha condannato gli attacchi seriamente e pericolosamente crescenti svolti dai coloni israeliani contro i residenti, le loro case, le terre e i loro luoghi sacri.

Il Media Coordinator delle proteste nonviolente in Kufur Qaddoum, Shteiwy Murad, ha dichiarato che i soldati hanno installato un posto di blocco, prima di venerdì, e hanno cercato di impedire ai giornalisti di raggiungere il paese, con il pretesto che si tratta di una “zona militare chiusa”, un problema che ha costretto i giornalisti a prendere una strada sterrata per bypassare. Shteiwy ha detto che la prevenzione del giornalisti di raggiungere il villaggio ha aumentato i timori tra i residenti che l’esercito intendesse mettere in atto le sue minacce, utilizzando proiettili veri contro le proteste non violente e contro i residenti in generale.

A Betlemme, l’esercito ha fatto uso eccessivo della forza contro i manifestanti non violenti nel campo profughi di Aida, che ha portato a scontri vicino all’ingresso orientale del campo, vicino alla moschea di Bilal Bin Rabah. I soldati hanno sparato bombe a gas che hanno causato diversi feriti.

Nel villaggio di Al-Ma’sara, anche nel distretto di Betlemme, l’esercito ha impedito ai manifestanti di raggiungere il cantiere del muro, e violentemente li ha attaccati. Il Coordinatore del Comitato nazionale contro il Muro e gli Insediamenti nel distretto di Betlemme, Hasan Breijiyya, ha riferito che la protesta ha segnato anche l’anniversario della prima Intifada, ed è venuta in solidarietà con i detenuti in sciopero della fame nelle prigioni di Israele, e di fronte a continue violazioni e aggressioni. Breijiyya ha chiesto più ampie proteste in solidarietà con i detenuti, e ha aggiunto che il caso dei detenuti richiede più azioni internazionali, non solo conferenze a Baghdad o altrove, in quanto ha bisogno di essere messo in evidenza a livello internazionale per sensibilizzare su questa situazione in corso, e ha chiesto alla Comunità internazionale di svolgere le sue funzioni per proteggere i detenuti e il popolo palestinese di fronte a tutti i tipi di violazioni e gli abusi dell’occupazione.

http://www.imemc.org/article/64750

………………………………………………………

15 feriti dal fuoco israeliano a Gerusalemme, cinque rapiti

Sabato 15 Dicembre 2012 08:21 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni e agenzie

Fonti mediche palestinesi hanno riferito, venerdì sera, che 15 palestinesi sono stati feriti dal fuoco israeliano militare a Al-Esawiyya , nella zona occupata di Gerusalemme Est, e cinque cittadini sono stati rapiti dopo che l’esercito ha invaso la zona e ha condotto atti provocatori contro i residenti.

Fonti locali hanno riferito che centinaia di residentistavano partecipando a un corteo non violento in solidarietà con i detenuti palestinesi in sciopero della fame nelle carceri israeliane. Le fonti hanno aggiunto che i soldati hanno violentemente aggredito i manifestanti non violenti, dopo che l’esercito ha invaso la zona, e il fatto ha portato a scontri con i soldati.

L’esercito ha inoltre demolito e rimosso la tenda di protesta montata in solidarietà con il detenuto Samer Al-Esaawy, da Al-Esawiyya, che ha iniziato lo sciopero della fame più di 86 giorni fa, e il suo stato di salute è in netto peggioramento. La tenda di protesta era stata installata nei pressi della Moschea Arba’een, in città, l’esercito confiscato la tenda e tutto ciò che era in essa.

L’attacco ha portato a scontri con i giovani locali che hanno lanciato pietre contro di loro, mentre l’esercito ha sparato bombe a gas, proiettili di gomma, e granate a concussione che hanno provocato quindici feriti. I soldati hanno poi rapito cinque residenti e li hanno portati in un luogo sconosciuto.

Amani Sarahna, portavoce della Società Prigionieri Palestinesi (PPS), ha dichiarato giovedi che le condizioni di salute di Safady si stanno pericolosamente deteriorando. Ha aggiunto che Sharawna era d’accordo, giovedi, a prendere liquidi, ma ha rifiutato farmaci e vitamine. Safady è stato rapito dall’esercito più di sei mesi fa, ed è stato posto sotto isolamento, senza alcuna accusa. Ha inoltre partecipato allo sciopero della fame di massa precedente condotto dai detenuti nel luglio di quest’anno, e Israele ha promesso di liberarlo quando i suoi sei mesi di detenzione amministrativa si fossero conclusi. Ma quando l’ordine è scaduto, le autorità israeliane hanno emesso quattro mesi aggiuntivi di detenzione amministrativa, invece di liberarlo, come promesso. Egli è uno dei quattro prigionieri politici palestinesi che stanno attualmente tenendo aperti gli scioperi della fame, uno dei quali è identificato come Samer Al-Barq, 38 anni; ha la cittadinanza giordana ed è sposato con una donna dal Pakistan. Al-Barq è tenuto sotto gli ordini di detenzione amministrativa, senza accuse o processo, da più di 18 mesi.

http://www.imemc.org/article/64749

…………………………………………………………

MOHAMMED, IL RAGAZZO UCCISO A HEBRON POCHI GIORNI FA, HA VISTO SUO FRATELLO AWAD SOLO DA DIETRO LE SBARRE O IN FOTO. E POI C’E’ UN VIDEO: QUESTO

Video: Il ragazzo palestinese ucciso a Hebron ha visto il fratello maggiore solo dietro le sbarre


da Annie Robbins il 15 Dicembre, 2012

Il 17enne ucciso da una soldatessa israeliana a Hebron, l’altro giorno, era Mohammed Salayme, e il fratello maggiore Awad Salayme era un prigioniero liberato da Israele nella scambio di prigionieri per Gilad Shalit nel mese di ottobre 2011. I termini dell’accordo di scambio di alcuni prigionieri gli proibì di ritornare alla sua casa in Cisgiordania. Così Awad Salayme fu esiliato a Gaza.

Lo scorso anno i due fratelli hanno comunicato con il video qui sopra. Ecco una traduzione dello scambio:

Speaker: Ho qui il più giovane fratello di Awad. Mohammed ha 16 anni. Awad ha trascorso 18 anni in prigione. Mohmmaed non ha mai visto se non in foto o da dietro le sbarre Awad.

Mohammed: In nome di Allah. Grazie a Dio per il tuo rilascio, Awad. Sono felice dal profondo del mio cuore. Sono estremamente felice [che sei libero]. Non ho sperimentato la felicità prima. Vorrei poterti abbracciare. Prego che presto ci si veda di persona e che io sarò con te e tutti i prigionieri e la Palestina anche sarà libera.
Voglio ricordarti una cosa, magari ricordo ancora. Mi ricordo quando ti ho toccato la mano in carcere E ‘stato un grande momento per me. Ora è un momento molto maggiore.

Mi congratulo per il tuo comunicato e mi congratulo con tutti gli altri prigionieri. Che Dio rilasci tutti gli altri prigionieri. Grazie a Dio ancora una volta e voglio stare con te.

Awad: Alhamdulillah, caro Mohammed. Sono sicuro che sarò con te presto. E io ti abbraccio e trovati una moglie.

Mohammed: Per prima cosa dobbiamo trovare a te una moglie.

Awad: Non preoccuparti per me.

Mohammed: Vado di fretta.

Awad: Grazie mio fratello Mohammed. Alhamdulillah, ora non c’è più bisogno di vedermi da dietro le sbarre . Sei stato in visita da un carcere all’altro, ora ci si può prendere una pausa.

Mohammed: Sono sicuro che saremo di nuovo insieme e sarò molto vicino a te tutto il tempo. La famiglia sarà di nuovo insieme, vivremo insieme, mangeremo insieme e non saremo mai più divisi di nuovo.

Awad: Ricordati quando mi hai visitato e ho ingannato l’ufficiale israeliano dicendogli che sei mio figlio per farti e fare una foto con te. Poi si rese conto che sei mio fratello. Ma abbiamo avuto quella foto.

Mohammed: Mi ricordo.

Awad: Sei stato grande quindi, in qualità di mio figlio.

Mohammed: Ricordo anche quando eravamo soliti prenderci in giro l’un l’altro se la nostra mamma è la tua mamma o la mia mamma.

Awad: Beh, lei è la MIA mamma. Non è lei che si chiamava Om Awad?

Mohammed: Alhamdulillah, dopo la sofferenza e la tortura delle visite che abbiamo vissuto ora sei libero. e spero che ci incontreremo presto.

Awad: In Sha Allah ci incontreremo subito dopo questa grande vittoria.

Mohammed: E vedremo di sposarti presto.

Awad: In Sha Allah. E voglio che tu ottenga un punteggio elevato a scuola e che mi renda orgoglioso di te.

http://mondoweiss.net/2012/12/video-palestinian-teen-slain-in-hebron-only-saw-his-older-brother-behind-bars.html

………………………………………………………….

I soldati israeliani occupano una casa in Huwwara
Inserito il: 15 dicembre 2012 | 7 15
14 dicembre 2012 | International Solidarity Movement, Palestina occupata

Soldati israeliani hanno occupato la casa di una famiglia nel villaggio di Huwwara, a sud di Nablus, per tre giorni, tra domenica 11 e martedì 13 dicembre. Prima di occupare la casa, i soldati erano entrati in casa due volte.

I membri della famiglia che vivono nella casa hanno raccontato come i soldati sono arrivati domenica alle 4:30 del mattino, hanno saltato il cancello e sono entrati nella loro casa. Non hanno dato alcun motivo per la loro intrusione e non hanno fornito alcuna informazione sulla durata del loro soggiorno o sulla natura delle loro attività all’interno della casa. La famiglia di nove persone, tra cui quattro bambini, sono stati costretti a rimanere sul piano terra di casa durante i tre giorni di occupazione, ed è stato loro ordinato di tenere il cancello aperto. Per nutrire i loro animali, che erano al piano superiore della casa, hanno dovuto chiedere il permesso ai militari e sono stati accompagnati a mano armata da parte dei soldati.

Il villaggio di Huwwara è circondato dagli insediamenti illegali israeliani di Itmar, Bracha e Yitshar, ed è vicino alla base militare israeliana di Huwwara . Negli ultimi due decenni Huwwara ha subito frequenti attacchi da parte dei coloni che lanciavano pietre, danneggiando auto e sparando a case e persone del villaggio. Inoltre, gli agricoltori sono stati fermati dal coltivare le terre e dal raccogliere le olive nelle zone vicine agli insediamenti.

http://palsolidarity.org/2012/12/israeli-soldiers-occupy-a-home-in-huwwara/

………………………………………………………

 

Coloni attaccano i residenti e i loro veicoli, vicino a Nablus

Sabato 15 Dicembre 2012 23:59 di Saed Bannoura – ai nostri microfoni e agenzie

Fonti mediche palestinesi hanno riferito sabato che diversi feriti sono stati riportati a Nablus, nel nord della Cisgiordania, dopo che i coloni estremisti israeliani e soldati hanno attaccato le case dei palestinesi e i loro veicoli. L’esercito ha anche sparato decine di bombe a gas nelle case civili provocando decine di feriti.

Le fonti hanno detto che una giovane donna palestinese è stata ferita, sabato sera, quando decine di coloni estremisti hanno attaccato una casa nel villaggio di Einabous, a sud di Nablus, e aggredito i suoi abitanti.

I coloni estremisti hanno anche lanciato pietre contro decine di veicoli palestinesi su una strada ad ovest di Nablus. Riportati danni ma nessun ferito è stato segnalato.

Ghassan Daghlas, responsabile del fascicolo insediamenti presso l’Autorità palestinese nel nord della Cisgiordania, ha riferito che i coloni dell’insediamento illegale di Yitzhar hanno invaso la casa di Ahmad Hamdan Hussein in Einabous, aggredito e ferito sua moglie Lialy Odah, 25 anni, e distrutto mobili e la proprietà. Lialy è stato trasferito in un ospedale locale accusando tagli e lividi. Daghlas ha inoltre dichiarato che l’esercito non ha cercato di allontanare i coloni, e invece ha sparato decine di bombe a gas ai residenti che sono stati soffocati e sono stati trattati per gli effetti di inalazione di gas lacrimogeni. Ha anche detto che decine di coloni hanno continuato a raccogliersi sulla strada principale, che conduce al paese, e hanno continuato a lanciare pietre contro i veicoli palestinesi fino al sabato sera, causando danni a diversi veicoli .

Nel frattempo in ORIF, vicino a Nablus, scontri sono avvenuti quando un certo numero di coloni estremisti ha cercato di invadere il paese, ma i residenti locali si sono scontrati con loro e hanno lanciato pietre e bottiglie vuote, l’esercito è arrivato sul posto e ha sparato bombe a gas ai residenti, ma non ha forzato i coloni a mantenersi a distanza.

http://www.imemc.org/article/64751

……………………………………………………

TERRITORI OCCUPATI: LIBERMAN, MI CANDIDO MALGRADO L’INCRIMINAZIONE

L’ex vice premier e ministro degli Esteri israeliano Avigdor Lieberman, leader degli ultra-nazionalisti di Yisrael Beiteinu, si candidera’ alle elezioni anticipate del 22 gennaio prossimo nonostante l’incriminazione per abuso di fiducia e frode che ieri lo aveva indotto a rassegnare le dimissioni dall’incarico governativo, riferisce Agi: lo ha confermato il suo portavoce Ashley Perry, precisando che Lieberman restera’ leader del proprio partito nonche’ numero due di Likud Beiteinu, la lista collettiva formata insieme al Likud del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Un’eventuale condanna gli impedirebbe di tornare a coprire un posto nell’esecutivo.

http://italian.ir/notizie//item/118075-m-o-lieberman,-mi-candido-malgrado-incriminazione

………………………………………………………………………………

sabato 15 dicembre 2012

UN MESSAGGIO UNIVERSALE, DA CONDIVIDERE E DA METTERE SOTTO OGNI ALBERO DI NATALE

Messaggio di Natale del sindaco di Betlemme

Pubblicato ieri (aggiornato) 15/12/2012 18:27

Di Vera Baboun

In una notte silenziosa e unica che portò la notizia di un evento glorioso, Gesù Cristo è nato nella mangiatoia di una grotta umile nella città di Betlemme. La profezia si adempì: “Ecco, la vergine sarà incinta e partorirà un figlio, ed essi lo chiameranno Emmanuele “, che significa” Dio è con noi “. Nel periodo natalizio uniamo le nostre preghiere per la pace e la giustizia in Palestina e in tutto il mondo.

Quest’anno preghiamo per i nostri fratelli a Gaza che soffrono l’umiliazione, la fame, la malattia e la mancanza di fissa dimora a causa dell’aggressione continua israeliana sulle loro case e terre. Questo mese facciamo memoria della Natività di nostro Signore, e il riconoscimento internazionale del nostro stato tanto atteso della Palestina al voto storico presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Questa vittoria, ottenere un certificato di nascita per il nostro stato, rappresenta un passo serio verso il raggiungimento della pace in Medio Oriente e la legittimità internazionale. E siamo orgogliosi di celebrare la decisione dell’Unesco di iscrivere la Chiesa della Natività e del Cammino nella Lista del Patrimonio Mondiale, che è una fonte di orgoglio e di festa per ogni abitante di Betlemme e palestinesi allo stesso modo, e una conferma della nostra identità nazionale palestinese.

Colgo l’occasione per rivolgere un invito sincero a tutti gli uomini di buona volontà ad andare a Betlemme, e un caloroso benvenuto ai visitatori provenienti da tutti gli angoli del mondo, che sono venuti quest’anno per condividere con noi la nascita del nostro Salvatore Gesù Cristo nel cuore della nostra città santa.

Spero che comprendano la santità e l’autenticità di Betlemme mentre camminano nelle sue strade e negli angoli, e sperimentano il calore dell’ospitalità dei suoi cittadini. Esorto le nostre famiglie nel mondo arabo a visitare i nostri luoghi santi in solidarietà con il popolo e contro l’occupazione israeliana.

Vera Baboun è stata eletta sindaco di Betlemme, nel mese di ottobre 2012.

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=548126

………………………………………………….

IL VIDEO DI B’TSELEM, CHE MOSTRA COSA E’ SUCCESSO DOPO L’UCCISIONE, DA PARTE DI UNA SOLDATESSA ISRAELIANA, DEL 17ENNE CHE AVEVA APPENA COMPRATO LA TORTA PER IL SUO COMPLEANNO. E LA RICOSTRUZIONE DI PCHR CAMBIA TOTALMENTE LA VERSIONE ISRAEL.

IANA.

Un adolescente a Hebron è stato ucciso dagli israeliani minuti dopo l’acquisto della torta per il suo 17 ° compleanno – PCHR
(video)

da Allison Deger il 14 Dic 2012

Oggi B’Tselem ha pubblicato il video di Mohammed Salayme nei momenti successivi alla sua uccisione da un’ ufficiale israeliano della polizia di frontiera mercoledì, 12 dicembre. Salayme non è visibile nella maggior parte delle riprese. Piuttosto, sembra essere circondato da soldati che lo lasciano a terra senza assistenza medica, poiché si rivolgono al cacciare via una folla di palestinesi.

Aggiornamento da Ahmed Moor : “L’uomo alla fine del video, Abu Awad, è il padre l’adolescente morto. Sta dicendo ‘questo è mio figlio’, mentre gli altri ragazzi stanno cercando di convincerlo a stare lontano dai soldati.».

Nel frattempo, la ricerca di un gruppo per i diritti umani sulla sparatoria ha messo più dubbi sulla versione israeliana che Salayme brandiva una pistola giocattolo di plastica quando è stato ucciso. La presente relazione viene un giorno dopo che la famiglia di Salayme ha fortemente negato alla stampa che il 17enne avesse una pistola di plastica, come abbiamo sottolineato ieri. Ecco il Centro palestinese per i diritti umani sulla uccisione:

“In un esempio di uso eccessivo della forza letale, forze di occupazione israeliane posizionate nel centro della Città Vecchia di Hebron hanno ucciso un ragazzo palestinese di 17 anni, Ziad Mohammed Awad al-Salayma, mercoledì, 12 dicembre 2012.
E ‘stato ucciso quando un soldato israeliano donna in forza alla Guardia di frontiera ha aperto il fuoco contro di lui e lo ha ucciso. Il Centro Palestinese per i Diritti Umani (PCHR) condanna questo crimine e ritiene che faccia parte di una escalation delle ostilità israeliane nei territori palestinesi occupati (OPT). PCHR invita le Alte Parti Contraenti della Quarta Convenzione di Ginevra a intraprendere azioni concrete per garantire il rispetto di Israele della Convenzione nei Territori Occupati e offrono una protezione immediata ai civili palestinesi.

Secondo i risultati delle indagini condotte dal PCHR, verso le 18.30 di mercoledì 12 Dicembre, 2012, Mohammed Awad Ziad al-Salayma, 17 anni, stava tornando a casa dopo aver comprato una torta per festeggiare il suo compleanno, che era lo stesso giorno. Quando arrivò a un posto di blocco israeliano alle porte della zona di al-Masharqa , i soldati israeliani al posto di blocco stavano detenendo un bambino, che aveva una pistola di plastica. Una volta che al-Salayma ha raggiunto il checkpoint, un soldato israeliano donna ha sparato da una distanza ravvicinata, di conseguenza, è stato colpito da tre proiettili che penetravano il suo corpo e lo hanno ucciso immediatamente. Le forze israeliane hanno mantenuto il suo corpo per più di due ore prima di consegnarlo a un’ambulanza appartenente alla Società di Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS). Come condizione preliminare per il rilascio del suo corpo, le forze israeliane hanno proibito la sepoltura di al-Salayma in un cimitero vicino alla zona di limitazione al-Sheikh nel centro della città vecchia.

Nota: Nel nostro report di ieri siamo passati sopra alla relazione che Mohammed Salayma stava tornando dopo comprata la torta.

http://mondoweiss.net/2012/12/hebron-teen-was-killed-by-israelis-minutes-after-buying-cake-for-his-17th-birthday-pchr.html


……………………………………………………

LA MANO PADRONA DI ISRAELE ANCHE SUI LUOGHI SACRI ALLA CRISTIANITA’. LA MAPPA PREVISTA DOPO LA COSTRUZIONE DEI NUOVI INSEDIAMENTI (MA IL PAPA STAVOLTA NON HA NIENTE DA DIRE?)

Colonizzando il Natale: fatti sull’occupazione israeliana e Betlemme

Sabato 15 Dicembre 2012 00:08 da Palestine News Network – PNN

Il Dipartimento Affari sui Negoziati dell’OLP ha emesso la propria scheda informativa sugli ultimi fatti dal titolo “Colonizzando il Natale:fatti sull’ occupazione israeliana e Betlemme”.

Betlemme è un chiaro esempio degli effetti gravi e terribili che le politiche di colonizzazione israeliane hanno avuto in Palestina. La confisca illegale di terreni, l’ espulsione delle famiglie palestinesi e la costruzione in corso di insediamenti israeliani sono alcune delle innumerevoli storie che possono essere udite dagli abitanti della Palestina in generale, e da Betlemme in particolare.

In effetti, Israele ha cercato di cambiare la demografica e geografica composizione del Territori palestinesi occupati, in particolare nella zona occupata di Gerusalemme Est, prendendo quanto più terra e il maggior numero possibile di risorse naturali con quanti meno palestinesi possibile, a beneficio dell’impresa coloniale illegale.

Gli insediamenti israeliani e Betlemme

Dopo l’occupazione israeliana del 1967, Israele ha impiegato diverse politiche di annessione delle aree importanti del distretto di Betlemme, in modo che Betlemme ha avuto la maggior parte del suo territorio a nord rubato da insediamenti israeliani.
A partire dal 1967, alcuni dei più grandi progetti di insediamenti illegali, che sono aumentati drammaticamente dopo gli accordi di Oslo nel 1993, sono stati effettuati in ed intorno a Gerusalemme Est occupata, in particolare tra Betlemme e Gerusalemme Est occupata.

Attualmente ci sono 22 insediamenti israeliani stabiliti sul territorio di Betlemme, tra Gilo, Giv’at Hamatos e Har Homa a nord, Teqoa e Nokdim (dove vive Avigdor Lieberman ) a est, Efrata e Navi Daniel (dove vive il Ministro della pubblica Diplomazia israeliana Yuli Edelstein ) al sud, così come Har Gilo e Betar Illit ad ovest, trasformando Betlemme in una prigione a cielo aperto .

Nella zona nord di Betlemme (tra cui Beit Jala e Sahour Bait) Israele ha illegalmente confiscato circa 22.000 ettari di terra (22 chilometri quadrati), circa le dimensioni del paese di Nauru. Dei 22.000 dunum che sono stati confiscati, Israele ha annesso illegalmente 18.000 dunum al cosiddetto comune di Gerusalemme II , che Israele ha unilateralmente espanso dal 1967. Questa terra confiscata è stata utilizzata per espandere gli insediamenti illegali di Gilo, Giv’at Hamatos e Har Homa.

Il Muro illegale ha di fatto annesso 4.000 ettari di terra appartenenti a Betlemme. Focus sull’ingresso nord : insediamenti a Gilo, Giv’at Hamatos e Har Homa

La rete tra gli insediamenti di Har Gilo, Cremisan Wall , Gilo, Giv’at Hamatos e Har Homa i effettivamente isola Betlemme da Gerusalemme. Questa rete potrebbe espandersi alla zona orientale di Betlemme, fermando ogni eventuale crescita di Betlemme verso la Valle del Giordano e il Mar Morto, il tutto all’interno dello Stato di Palestina.

Alcuni dei piani israeliani annunciati per gli insediamenti di Gilo, Giv’at Hamatos e Har Homa sono alberghi che alla fine beneficiano della vicinanza a Betlemme, oltre a godere di una vista perfetta della città. Mentre gli alberghi sono situati su terreni di Betlemme, e saranno utilizzati per l’attività di colonizzazione e il beneficio del illegali coloni israeliani piuttosto che per il beneficio dei legittimi proprietari terrieri. Questa mossa influenza notevolmente gli hotel palestinesi di Betlemme e Gerusalemme est. La maggior parte dei proprietari dei terreni interessati sono cristiani palestinesi di Betlemme, Beit Jala e Beit Sahour, oltre alle Chiese di diverse confessioni.

Il “Permit Regime” e gli attacchi israeliani contro le libertà palestinesi di culto

La politica di occupazione israeliana di separare e isolare le diverse comunità palestinesi ha diviso le comunità storiche in un modo molto intenso. In particolare, il Muro e l’imposizione di un regime di permessi razzista hanno ulteriormente intensificato la disconnessione tra Betlemme e Gerusalemme. Il regime di autorizzazione è necessario ai palestinesi che non risiedono a Gerusalemme per ottenere un permesso di sicurezza per attraversare da un lato all’altro. Questo comprende le autorità religiose cristiane e musulmane, donne, anziani e giovani. Esigere che i palestinesi da Betlemme richiedano i permessi di entrare a Gerusalemme Est occupata rappresenta una misura supplementare legale da parte di Israele, al fine di consolidare la propria annessione unilaterale e illegittima di Gerusalemme Est occupata.

Per migliorare la propria immagine internazionale, Israele commercializza il numero di permessi ai cristiani palestinesi durante la Pasqua e il Natale. Lo presentano come un gesto di buona volontà e un segno della cooperazione, anche se i palestinesi sono tenuti a chiedere i permessi dalla potenza occupante per passare da una parte all’altra del proprio paese all’altro, non in un paese diverso.

Indipendentemente da questo fatto, non tutti quelli che chiedono i permessi li ottengono. Ad esempio, nel mese di aprile 2011, 15.000 palestinesi cristiani hanno chiesto il permesso di entrare a Gerusalemme Est occupata, ma Israele ha emesso solo circa 2500 permessi. Israele pone anche problemi di permessi in modo casuale, spesso per uno o due membri di una famiglia. Ciò si traduce in permessi non utilizzati, quando le famiglie che scelgono di stare insieme sono costrette a festeggiare a casa.

I titolari di ID palestinesi che ottengono i permessi hanno solo il permesso di entrare a Gerusalemme a 3 dei 14 posti di blocco militari che circondano la città occupata. Questi punti di controllo sono limitati ai pedoni, causando lunghi e scomodi ritardi. Nei pressi di Betlemme ci sono 32 barriere fisiche erette dalle forze israeliane di occupazione -. tra checkpoint, blocchi stradali, cumuli di sporco, e cancelli.

Relazioni internazionali hanno fatto eco a questa situazione. I capi della UE di Missione di Gerusalemme (2012) hanno rilevato che:-Il [governo di Israele] selettivamente applica restrizioni politiche e giuridiche sulla libertà religiosa e l’accesso dei cristiani e musulmani [sic] fedeli religiosi ai loro luoghi santi situati a Gerusalemme / Città Vecchia durante tutto l’anno.

La maggioranza dei cristiani palestinesi in Palestina vive tra Gerusalemme Est occupata e il distretto di Betlemme. (2007)

Ultimi sviluppi: Cremisan e Mar Elias (Giv’at Hamatos)

Per più di un anno, i palestinesi di Beit Jala hanno condotto preghiere speciali per salvare la loro terra da ulteriori annessioni. Dopo aver perso quasi il 70% delle loro terre in favore degli insediamenti israeliani di Gilo e Har Gilo, Israele progetta di costruire un muro che li separa da una delle ultime aree verdi di Betlemme, la Valle Cremisan. La valle che Israele prevede di prendere è di proprietà di 58 famiglie palestinesi cristiane e delle chiese. Si trova tra gli insediamenti israeliani di Gilo e Har Gilo, compreso l’insediamento pianificato di Giv’at Yael.

Oltre la metà degli ulivi di Beit Jala si trovano a Cremisan. La città dell’olio di oliva è considerata una delle più belle in Palestina. Un asilo cattolico gestito da suore salesiane sarà fortemente influenzato dai piani israeliani, mentre un Seminario cattolico e la cantina gestita da salesiani coadiutori, che impiega lavoratori di Beit Jala, saranno lasciati al lato occidentale del muro. Israele prevede di riprendere la costruzione durante i primi mesi del 2013. Se il muro sarà costruito, i palestinesi della zona di Betlemme perderanno una delle loro tradizioni più preziose: durante gli ultimi giorni di maggio, la comunità cattolica svolge una processione dalla statua in onore della Vergine Maria a Cremisan, alla Chiesa dell’Annunziata a Beit Jala.

Mar Elias – Giv’at Hamatos

L’insediamento Mar Elias è uno dei luoghi più sacri ai cristiani in Palestina. E ‘dove la processione di Natale a Betlemme inizia ogni anno. Anche se storicamente è sempre stata una parte di Betlemme, le restrizioni israeliane hanno reso la chiesa off-limits per i cristiani palestinesi che cercano di pregare nella zona. Il terreno circostante Mar Elias è di proprietà principalmente di Chiese e famiglie cristiane palestinesi di Betlemme, ma la maggior parte di esso è stato illegalmente confiscato dalle autorità di occupazione israeliane per l’espansione degli insediamenti israeliani. L’insediamento Giv’at Hamatos diventa il collegamento tra gli insediamenti di Gilo e Har Homa, tagliando Betlemme da Gerusalemme e minacciando un luogo sacro situato nella parte storica di Gerusalemme -. la Strada di Hebron.

Migliaia di unità di insediamenti sono state annunciate tra il 2011 e il 2012. Il numero è considerato come una misura di ritorsione contro la dichiarazione delle Nazioni Unite per la Palestina (2.610 unità).
Divisa in tre piani (A con unità di 2610,B con 549 unità e C con 813 unità), la parte meridionale del Giv’at Hamatos inizia alla Tantour area (storicamente parte di Beit Jala), mentre la zona settentrionale raggiunge Talpiyot, a Gerusalemme Ovest. Se attuato, questo insediamento avrebbe un effetto simile a quello di espansione degli insediamenti E1 Ma’ale Adumin: sarebbe isolare ulteriormente Gerusalemme Est occupata, trasformando le comunità palestinesi in bantustan* murate, completando il sud della batustan della West Bank.

* i bantustan sono riserve , ed è un termine mutuato dall’apartheid in Sudafrica

http://www.imemc.org/article/64747

………………………………………………….

Come spesso accade si preferisce spendere soldi, in armi sempre piu sofisticate anzichè aiutare il proprio popolo… Israele ne ha dato un grande esempio durante il massacro compiuto a Gaza… oh già.. era per difendere gli abitanti del sud

Sabato, 15 Dicembre 2012 15:47
M.O: il 40% degli israeliani vuole emigrare

Tel Aviv – Quasi il 40 per cento degli israeliani emigrerebbe dal Paese, se ci fosse la possibilita’, per ragioni economiche.
Lo si apprende dal sondaggio del Haaretz. La crisi economica sarebbe il fattore principale a spingere gli abitanti dei territori occupati a prendere tale decisione. Il 15 ottobre, la Knesset, il Parlamento israeliano, ha approvato il suo scioglimento e ha indetto le elezioni legislative anticipate per il 22 gennaio 2013. Netanyahu aveva annunciato il ricorso al voto anticipato, precisando che non avrebbe accolto richieste non ragionevoli sul bilancio da parte dei partner della coalizione. Negli ultimi mesi, gli israeliani hanno rotestato in diverse occasioni contro il piano di austerity, deciso dal regime per ridurre il deficit e salvare l’economia.

…………………………………………………..

QUALCHE VOLTA PIANGERE NON è ABBASTANZA…

Israele: dopo l’incriminazione si dimette Lieberman

Il ministro degli Esteri israeliano, Avigdor Lieberman, ha annunciato le sue dimissioni all’indomani dell’incriminazione per abuso di fiducia e frode, riferisce Agi.

http://italian.irib.ir/featured/item/118004-israele-dopo-l-incriminazione-si-dimette-lieberman

 

SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam