Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

Giovedì 20 dicembre 2012

CESSATE IL FUOCO? TREGUA? SEI MIGLIA INVECE DI TRE? PER I PESCATORI DI GAZA NON E’ CAMBIATO NIENTE 

DIRITTI UMANI
Pescatore di Gaza incarcerato per aver servito il caffè ad Hamas

Eva Bartlett The Electronic Intifada Gaza City 18 Dicembre 2012

GAZA CITY (IPS) – Poco dopo che Israele e Hamas hanno firmato un accordo di cessate il fuoco il 21 novembre, la marina israeliana ha rapito 30 pescatori palestinesi nelle acque di Gaza , distrutto e affondato una nave da pesca palestinese, e confiscato nove barche da pesca nello spazio di quattro giorni.

Il Centro Palestinese per i Diritti Umani (PCHR) ha riferito che 14 pescatori di una sola famiglia, che stazionavano a sole tre miglia nautiche dalla costa della Striscia di Gaza, sono stati tutti arrestati il 1 ° dicembre.

Alcuni pescatori erano a sole due miglia al largo della costa di Gaza quando sono stati attaccati con mitragliatrici e arrestati dalla marina israeliana. Di età tra i 14 ai 52 anni, la maggior parte più che adolescenti e sui 20 anni, questi pescatori provengono da alcune delle famiglie più povere di Gaza (” In una nuova violazione del cessate il fuoco, le forze israeliane hanno arrestato 14 pescatori e confiscato tre barche da pesca , “2 dicembre 2012).

Secondo Mifleh Abu Riyala, un rappresentante del Sindacato Generale dei pescatori marini, il cessate il fuoco non ha fatto alcuna differenza per i pescatori palestinesi.

I palestinesi sono autorizzati, nel quadro dell’attuale tregua Israele-Hamas ,” a pescare sei miglia fuori”, ha detto, “ma le cannoniere israeliane ancora ci attaccano, sia che siano sei o tre miglia.”

Gli accordi di Oslo avevano concesso ai pescatori palestinesi il diritto di pescare a venti miglia nautiche al largo – un diritto su cui la marina israeliana ha unilateralmente posto il veto, ridimensionando i “limiti” di pesca dal 1990 ad appena tre miglia, fino al cessate il fuoco il mese scorso, che ha permesso un lieve incremento a sei miglia nautiche.

“E ‘il nostro mare”

“Ma non ci sono pesci a sei miglia, il fondo del mare è ancora sabbioso. E ‘solo dopo sette miglia fuori che il fondo del mare diventa roccioso e il pesce è abbondante, “Abu Riyala ha detto.
“E ‘il nostro mare, per vivere, dobbiamo essere in grado di accedervi.”

Mohammed Baker, 70 anni, ha pescato per mezzo secolo. Si ricorda i giorni in cui il mare di Gaza era aperto ai pescatori palestinesi, e quando non c’era paura di essere aggrediti, arrestati o uccisi dalla marina israeliana. Due dei suoi figli, Amar, 34 anni, e Omar, 21, sono stati tra i 14 pescatori attaccati dalle navi da guerra israeliane il 1 ° dicembre. La marina israeliana non ha ancora restituito il loro hassaka (una piccola barca da pesca).

Come molti dei pescatori di Gaza City, i Baker vivono in Beach Camp, uno dei campi profughi più sovraffollati della Striscia.

Amar, sposato con sei figli, era ancora trattenuto dalle autorità israeliane, il 5 dicembre, quando il padre, Mohammed, ha raccontato gli eventi di quel giorno fatale.

“Cannoniere israeliane e piccoli gommoni hanno circondato l’hassaka dei miei figli e li hanno fatti spogliare nudi, costringendoli a tuffarsi in mare e a nuotare verso una delle barche israeliane “, dice Mohammed.

“Hanno messo un sacchetto sulla testa di Amar e lo hanno portato a Ashdod [un porto in Israele]. Amar ha l’asma, sono molto preoccupato per la sua salute “. Mohammed non è ancora stato in grado di parlare con suo figlio.

Quattro giorni dopo il rapimento di Amar, Mohammed è andato al Comitato internazionale della Croce Rossa , il cui lavoro include la visita e il monitoraggio delle condizioni dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane e nei centri di detenzione.

Imboscata

“Mi hanno detto che ad Amar è proibito di parlare con chiunque.
E ‘sotto interrogatorio “, dice Mohammed. Amar si trova ora accusato di “far parte della resistenza palestinese,” un’accusa basata sul suo precedente lavoro di fare il caffè e tè per gli ufficiali di Hamas.

“Mio figlio era un ‘ragazzo di cucina.’ Le persone che lavorano per il governo sono ancora civili “, dice Mohammed, riecheggiando i principi del diritto internazionale umanitario.

Spogliati della loro unica barca e di un membro della loro famiglia, i Baker affrontano circostanze ancora più terribili che mai. “Non c’è tregua per i pescatori. Siamo persone comuni, lavoriamo per guadagnare appena 30 o 40 shekel [$ 8 a $ 10] al giorno per nutrire le nostre famiglie “, dice Mohammed.

Khadr Baker, 20 anni, è stato fortunato che non è stato ucciso nel corso di un incontro con la marina israeliana il 28 novembre, durante il quale la sua barca è stata colpita come punizione per pescare a poco più di tre miglia dalla costa.

Suo padre, Jamal Baker, 50 anni, ha parlato dell’arresto di Khadr, spiegando che le cannoniere israeliane sono apparse senza preavviso e hanno cominciato a sparare a distanza ravvicinata sulla barca di Khadr.

“Gli israeliani hanno ordinato ai quattro pescatori sull’hassaka di Khadra spogliarsi e tuffarsi in mare, che è estremamente freddo in questo periodo dell’anno “, ha detto Jamal.

“Hanno fatto procedere Khadr in acqua per mezz’ora, mitragliando intorno a lui”, ha detto Jamal. L’ hassaka alla fine ha preso fuoco ed è esplosa, affondando subito dopo.

“Gli israeliani hanno messo Khadr sulla loro barca, lo hanno ammanettato nudo, e picchiato, e lo hanno interrogato per tre ore, accusandolo di lavorare con la resistenza palestinese”, il padre del ragazzo ha detto.

Senza la loro barca, la famiglia di dieci persone non ha alcun reddito. “Ho venduto le mie reti in modo che possiamo mangiare”, Jamal ha detto semplicemente.

“Cessate il fuoco non significa nulla”

Il PCHR ha riferito altri attacchi ai pescatori di quel giorno: in un caso, la marina ha attaccato e rapito cinque pescatori della famiglia al-Hessi , danneggiando – e, infine, confiscando – il peschereccio di grandi dimensioni in cui erano La barca non è ancora stata restituita (” 15 pescatori arrestati e sei barche da pesca confiscate e distrutte “, 29 febbraio 2012).

Nel febbraio 2009, Rafiq Abu Riyala, allora 23enne, fu colpito alla schiena – da un soldato israeliano che era a meno di 20 metri di distanza – con un proiettile “dum-dum”, che esplode al momento dell’impatto.

Il pescatore era a sole due miglia al largo della costa di Gaza quando venne attaccato. Uno dei due capifamiglia della sua famiglia, Rafiq Abu Riyala non può ora pescare nella stagione fredda. “I pezzi di schegge alla schiena provocano troppo dolore quando è freddo fuori,” ha detto.

Mahar Abu Amia, 40 anni, ha 16 persone cui provvedere.

“Anche mia moglie pesca” ha detto. “Ma non abbiamo alcuna possibilità: si compiono le sei miglia e sparano, si va solo a tre miglia e sparano. Che cosa è questo cessate il fuoco? Non significa niente per noi. “

http://electronicintifada.net/content/gaza-fisherman-jailed-serving-hamas-coffee/12017

…………………………………………………….

INGIUNZIONE DI SFRATTO AD UN’ANZIANA A GERUSALEMME

La polizia israeliana sta per demolire la casa di un’anziana donna di Gerusalemme

[19/12/2012 – 10:35]

Gerusalemme occupata, (PIC) – I poliziotti israeliani hanno fatto irruzione nella casa di un’anziana donna di Gerusalemme nel quartiere di Silwan , nella parte occupata di Gerusalemme, martedì e le hanno detto che la sua casa sarebbe stata rasa al suolo giovedi.

Fatima Jafra ha detto che risiedeva nella sua casa da più di 12 anni con i suoi 30 figli e nipoti.

Ha detto che i poliziotti le hanno ordinato di portare via le sue cose dalla casa prima di giovedi ‘mattina, altrimenti la casa sarebbe stata demolita sopra di loro.

Jafra fa appello a tutti i gruppi per i diritti umani e di chi si occupa di Gerusalemme e gerosolimitani perchè agiscano rapidamente e l’aiutino, prima che la casa venga rasa al suolo e lei e la sua famiglia restino senza tetto.

http://www.palestine-info.co.uk/En/default.aspx?xyz=U6Qq7k%2BcOd87MDI46m9rUxJEpMO%2Bi1s7A8aN06RdCLinn2k%2FvCLto1%2FOds0U91TyA5kGUzYhe77c5OTfKapantg%2FfgSpJr5X1M7UkCJgkqJsoN%2Fb1LKtbuu36MhLtTDUaThGqFyEhv0%3D#.UNHtD6SARpU.twitter

…………………………………………………….

IL PRIGIONIERO PICCHIATO E’ SAMER ISSAWI, DA MESI IN SCIOPERO DELLA FAME (VIDEO NEI COMMENTI)

Soldati israeliani picchiano un detenuto palestinese sulla sedia a rotelle

Mar 18 Dic, 2012 18:06 GMT

I soldati israeliani hanno picchiato un detenuto palestinese sulla sedia a rotelle e i suoi familiari nel palazzo di giustizia ad al-Quds (Gerusalemme).

Le guardie di sicurezza israeliane hanno attaccato il detenuto palestinese Samer Issawi, sua madre e sua sorella in un’aula di tribunale martedì, mentre lo stavano scortando in tribunale, dove la discussione nel suo caso avrebbe dovuto aver luogo.

“Hanno preso a calci Samer sul volto e sulle gambe. Hanno preso a calci anche me – una vecchia. Hanno preso a calci mia figlia e ci hanno costretto a lasciare la stanza e ora vogliono arrestarci” Reuters ha citato cosa ha detto la madre di Issawi, Laila.

L’Autorità della prigione israeliana, tuttavia, ha affermato che i membri della famiglia Issawi hanno tentato di avvicinarsi a lui contro il regolamento e sono stati impediti dalle guardie di sicurezza israeliane.

Issawi, 33 anni, è in sciopero della fame da settimane per le proteste contro la sua detenzione amministrativa, una pratica controversa utilizzata da Tel Aviv, che consente alle autorità israeliane di tenere le persone, per lo più palestinesi, senza accusa né processo a tempo indeterminato.

Issawi era stato arrestato nel mese di luglio, dopo essere stato in precedenza rilasciato come parte di un accordo di scambio di prigionieri dello scorso anno. Secondo un rapporto del 1 ° aprile 2012 pubblicato dal non governativo Palestinian Prisoner Support e da Human Rights Association, almeno 4.610 “politici” prigionieri palestinesi sono detenuti nelle carceri israeliane. Fonti indipendenti, tuttavia, dicono che il numero dei detenuti palestinesi nelle carceri israeliane ammonta a 11.000. HM / PKH / SS

http://www.presstv.ir/detail/2012/12/18/278813/israeli-guards-beat-palestinian-detainee/

…………………………………………………

NON C’ERA DA DUBITARNE: GLI STATI UNITI TIRANO SOLO LE ORECCHIE A QUEI DISCOLI DI ISRAELE. 

Gli Stati Uniti hanno impedito ieri l’approvazione in sede di Consiglio di Sicurezza dell’Onu di una risoluzione di condanna di Israele e del suo progetto di costruzione di migliaia di case per coloni in una delle aree più delicate tra Gerusalemme Est e la Cisgiordania.
Gli Usa si sono limitati ad esprimere «profonda delusione» per l’intenzione di Israele di costruire 6mila nuove case per coloni nei Territori palestinesi occupati.

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=44695&typeb=0&Da-USA-no-a-condanna-Israele-per-nuove-colonie

……………………………………………………………

Mercoledì 19 dicembre 2012

I PROFUGHI PALESTINESI IN FUGA DA YARMOUK, DIVENTATO ORMAI UN ALTRO TEATRO DELLA GUERRA CIVILE SIRIANA

Il campo profughi palestinese di Yarmouk, a Damasco, è diventato teatro di guerra. Da giorni proseguono gli scontri tra palestinesi pro-Assad e gruppi armati di opposizione, un’escalation di violenze che sta provocando la fuga di moltissime famiglie palestinesi. Se nei primi mesi della guerra civile siriana, i rifugiati palestinesi e le loro fazioni politiche hanno tentato di restare fuori dalla lotta per il potere, oggi il loro intervento è palese.

http://www.controlacrisi.org/notizia/Politica/2012/12/19/29463-il-campo-profughi-palestinese-di-yarmouk-diventa-esplosivo/

……………………………………………………

 I PRIGIONIERI PALESTINESI NELLE CARCERI ISRAELIANE: I NUMERI

4600 palestinesi, compresi 182 bambini , detenuti da Israele

Mercoledì 19 dicembre 2012 06:31 da Saed Bannoura – ai nostri microfoni Notizie

L’ex prigioniero politico, ricercatore palestinese, Abdul-Nasser Farawna, ha affermato che Israele sta attualmente tenendo in prigionia 4.600 palestinesi, tra cui 182 bambini e 11 donne, oltre a 1200 detenuti che sono malati, di cui 20 che vengono continuamente tenuti presso la clinica della prigione.

Farawna ha detto che quasi l’ 83% dei detenuti sono della Cisgiordania, il 10% della Striscia di Gaza e il resto sono di Gerusalemme e Palestina storica, e ha aggiunto che i prigionieri sono tenuti in 17 prigioni, campi di detenzione e strutture di interrogatori. Il ricercatore ha inoltre dichiarato che Israele trattiene in cattività 182 bambini palestinesi, e undici donne, tra cui Lina Al-Jarbouni, del territorio del 1948, che è stata imprigionata dal mese di aprile 2002.

Israele è anche in possesso di 184 detenuti in detenzione amministrativa senza accuse o processo, oltre a 13 deputati, tre ex ministri, decine di insegnanti, accademici, figure politiche e sociali.

Ci sono 1200 detenuti che soffrono di diverse malattie e condizioni di salute, compreso il cancro, e non ricevono le cure adeguate e specialistiche mediche di cui hanno bisogno. 20 di loro sono in continuo presso la Clinica prigione di Ramla che manca di specialisti, attrezzature di base e forniture, 18 detenuti soffrono di condizioni di cancro, insufficienza epatica o cardiaca, e 85 detenuti soffrono per condizioni fisiche o mentali.

Farawna ha anche dichiarato che ci sono 530 detenuti che sono stati condannati all’ergastolo, e che 109 detenuti sono stati imprigionati prima che fosse firmato il primo accordo di Oslo nel 1993, 70 che sono stati imprigionati per più di 20 anni, 23 detenuti sono stati imprigionati per più di 25 anni, e un detenuto, Karim Younis, è in carcere da 30 anni.

Per quanto riguarda i detenuti in sciopero della fame, Farawna ha detto che il detenuto in sciopero da più a lungo è Ayman Sharawna, che ha iniziato lo sciopero in corso 172 giorni fa e si trova ad affrontare una condizione di salute molto pericolosa , oltre a Samer Al-Eesawy, che ha iniziato lo sciopero 142 giorni fa: entrambi sono scesi in sciopero in quanto detenuti senza prove e accuse, e sono stati nuovamente arrestati da Israele dopo che erano stati rilasciati come parte della transazione di scambio di prigionieri, che ha ottenuto la liberazione del caporale israeliano, Gilad Shalit, prigioniero della resistenza a Gaza.

Vale la pena ricordare che ci sono altri quattro detenuti che hanno iniziato lo sciopero della fame un mese fa, tutti i detenuti in sciopero chiedono fine alla loro detenzione amministrativa illegittima senza accuse o processo.

Farawna ha invitato gruppi internazionali per i diritti umani e legali ad agire e salvare la vita dei detenuti in sciopero della fame nelle carceri israeliane, e per assicurare il rilascio di tutti i prigionieri politici detenuti dall’occupazione israeliana e di fronte a costanti molestie, abusi, e trattamento illegale in diretta violazione del diritto internazionale.

http://www.imemc.org/article/64768

 

SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

7 Commenti

  1. Questi ebrei, detti sionisti, entrano nei territori dei palestinesi, buttano fuori dalle loro case gli abitanti, distruggono i loro campi o se ne impossessano, bruciano i loro raccolti, uccidono o imprigionano i legittimi abitanti che oppongono resistenza. La comunità internazionanale lascia fare, il governo ebraico li aiuta e li incoraggia. Le vittime palestinesi vengono definite terroristi. Noi che veniamo informati di questi misfatti, non possiamo fare nulla, siamo impotenti. Possiamo solo esprimere disprezzo accompagnato da vomito.
    catalano.

  2. Rocco, questo tuo commento mi addolora molto, perché mi sembra confonda una giusta indignazione con l’oppressione e l’ingiustizia che Israele infligge ai palestinesi con temi e linguaggi da propaganda antisemita.
    Io penso che sia importante nominare che le ingiustizie che succedono oggi in Palestina sono le politiche di uno stato e non l’espressione di un popolo o di una religione, per quanto tale stato cerchi di arruolare entrambe a sostegno della propria ideologia.
    Io credo che gli interessi del mondo industriale e finanziario globale, in primo luogo quelli dei produttori di armi statunitensi ed europei, Italia inclusa, abbiano un ruolo altrettanto importante nel mantenere in piedi questa sistematica violazione dei diritti umani di quella che hanno i gruppi di pressione pro Israele (per esempio AIPAC). La differenza e’ che i molti non ebrei che profittano e lucrano da questa situazione (e molte altre) restano convenientemente invisibili.
    E’ ora che cominciamo a guardare il nostro ruolo, di italiani e di europei, nel conflitto. Non e’ vero che siamo impotenti, invece abbiamo tantissimo potere. Il potere di informarci e di informare, il potere di stare in solidarietà, il potere di portare avanti campagne BDS, il potere di cambiare le politiche e le leggi che QUI permettono alle cose LI di non cambiare.
    E’ ora che la smettiamo di esprimere un disprezzo altezzoso e disinformato e che iniziamo a FARE.

  3. Cara Laura, sono contento che tu abbia risposto alle mie critiche sui prodotti bruciati ai palestinesi dagli ebrei, chiamati sionisti. Ognuno di noi ha il dovere morale di esprimere giudizi di condanna e di dprezzo verso la disonestà umana a qualunque etnia essa appartenga. E sarebbe anche giusto che si smettesse di chiamare antisemiti coloro che manifestano tale genere di critiche. T’invito a guardare la mappa della Palestina e notare qual’ era l’estensione del territorio assegnato dall’Onu a i paelestinei prima del 1967 e quale è rimasta loro oggi. La dfferenza è stata sottratta dal governo ebraico con la forza delle armi. E guarda come:
    .
    Cara Laura io disprezzo il governo ebraico, ma non sono antisemita, cioè non disprzzo gli ebrei in quanto tali, ma disprezzo e odio quegli ebrei responsabili d’aver distrutto il popolo legittimo della Palestina, condannandolo a una vita di sofferenze senza fine. Ancora oggi forse 3 milioni e mezzo di questa gente, “senza colpa e senza dolo”, costretta a lasciare la loro casa e ogni loro avere, giace nei capi profughi nella valle del Giordano, come in prigioni a cielo aperto. Se vuoi puoi srivermi, autorizzo i titolari del sito, di darti il mio indirizzo, e,mail. Ti saluto cordialmente.
    Catalqano Rocco.

  4. Carissimi
    Devo ammettere che costituite un bell’esempio di disinformazione a go-go. Berciare sugli ebrei è davvero facile e comodo, specie quando si manipolano i fatti…
    Sarebbe bello sapere perchè per voi un bambino israeliano valga niente rispetto ad uno palestinese…
    Siete degli ipocriti belli e buoni. E non osate dare dei mostri a chi non la pensa come voi…

  5. <>:
    —-
    Laura, dimmi per piacere con che nome devo chiamare questa schiuma maleodorante che, approfittando dei consensi e del sostegno del governo israeliano, contiunua sensa sosta a sottrarre territori al popolo legittimo palestinese, già ridotto ai minimi termini da quest’orda disumana e sanguinaria che, col terrore delle armi, ha invaso la Palestina.

  6. Caro Giuseppe Gigliotti, non so se lei è in buona fedede quando sostiene che noi antisraeliani costituiamo un buon esempio di disinformazione. Se lei è in buona fede, non ha il disprezzo che abbiamo per il comportamento di Israele contro il popolo palestinese, perché tutti siamo soggetti a sbagliare nel valutare le situazioni umane. Ma se lei è in mala fede, lei appartiene a” quella schiera malvagia a Dio spiacente e ai nemici sui”, per dirla con Dante Alighieri. Lei vuol mettere una maschera su un comportamento scorretto, che non appartiene alla natura umana. Gente tranquilla che abitava una teterra da sei mila anni, “senza colpa e senza dolo” è stata costretta da un’orda sanguinaria a vedere la sua terra trasformata in cantoni militarizzati, i suoi villaggi schiacciati dalle ruspe ebraiche ed essa stessa costretta a lasciare ogni suo avere e rifuggiarsi in prigioni a cielo aperto, dove ancora è costretta a vivere nell’umiliazione e nella mimiseria, senza possibiità di sviluppo e di libertà. L’Onu, e in particolare gli Usa, non avevano nessun diritto morale di rendersi attori e sostenitori di questa tragedia umana e civile.

  7. gentile Signor Rocco le sue parole sono delle vere perle!
    Suo
    Adolfo

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam