Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

Venerdì 21 dicembre 2012

Una superstrada taglierà in due il quartiere palestinese di Beit Safafa, a Gerusalemme Est. Un serpente di cemento il cui scopo sarà collegare la Città Santa con le colonie israeliane in Cisgiordania. Violentando un’intera comunità, già assediata da Muro e insediamenti.

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=44826&typeb=0&Loid=200&Gerusalemme-Est-la-superstrada-dell-apartheid

………………………………………………………

DOPO LA DISTRUZIONE DEL CAMPO DI YARMOUK, CENTINAIA DI PROFUGHI PALESTINESI VAGANO PER DAMASCO IN CERCA DI UN RIFUGIO.

In Siria i palestinesi dormono difficilmente in inverno a Damasco

Pubblicato mercoledì 19/12/2012 (aggiornato) 20/12/2012 17:38
Di Oliver Holmes

BEIRUT (Reuters) – La luce gialla del lampione illumina il ragazzo, avvolto in una coperta sottile, le gambe esposte al freddo di dicembre, mentre dorme su un marciapiede in un quartiere ricco di Damasco. Il bambino – a malapena nei suoi anni dell’adolescenza – fu detto dall’attivista dell’opposizione, che ha postato la sua foto su Internet, che era di Yarmouk, un quartiere palestinese vicino al centro della città , che è diventato l’ultimo campo di battaglia per i ribelli e un obiettivo per l’artiglieria del presidente Bashar Assad.

La Siria ospita un mezzo milione di palestinesi, profughi fuggiti alla creazione di Israele nel 1948, ed i loro discendenti. La maggior parte si trova nei densamente costruiti condomini di Yarmouk.

Mentre i ribelli hanno preso la zona nella tarda serata di lunedi, attacchi di rappresaglia da parte delle forze governative sono arrivati duri e veloci. I residenti in fuga hanno detto che correvano, molti a piedi, mentre il metallo altamente esplosivo e caldo distruggeva le loro case. Diverse migliaia sono saltati in taxi e autobus e fuggirono per la frontiera libanese, a 50 km di distanza. Altri avevano amici e famiglie che avrebbero potuto offrire un sostegno.

Ma dopo 21 mesi di conflitto, molti erano senza soldi e senza opzioni. I residenti di Damasco parlano di centinaia di famiglie che inciampano nei viali ampi della finora ricca zona centrale di Damasco, con l’aria stordita, seduti nei parchi e sui marciapiedi.

Una donna che vive lì ha detto a Reuters che i palestinesi sembravano essere increduli al loro destino: “Stavo cercando di prendere un taxi quando ho visto un vecchio uomo stordito sul marciapiede”, ha detto, chiedendo di rimanere anonima per paura di ritorsioni ufficiali. L’uomo, ben vestito con una giacca blu, stava cercando di coprirsi sui giornali per proteggere il corpo dal freddo: “Non riusciva a coprirsi le gambe coperte perché non aveva quotidiani abbastanza. Si avvolgeva le mani intorno alla testa per tenerla calda “.

Un altro residente ha detto che gli sfollati hanno istituito comunità palestinesi in giro per quartieri centrali della città, le aree che sono saldamente nel controllo del governo e che – a differenza dei sobborghi esterni pieni di ribelli infiltrati – non saranno bombardate.

“C’è un parco, appena di fronte all’hotel Four Seasons. E ‘diventato un luogo per molte famiglie “, questa seconda donna disse. “Stavo camminando passando di lì e un bambino,di circa 10 o 11 anni, mi ha chiesto se ci fossero posti di lavoro che poteva fare”, ha aggiunto . Il ragazzo la portò nel piccolo parco e, sotto un albero, il suo 18enne fratello dormiva in una scatola di cartone. ” Quello che è successo in Yarmouk è stato così improvviso che i cittadini hanno deciso di fuggire in una frazione di secondo ” , ha detto. “Non hanno preso nulla con loro.”

Gli aiuti gestiti dal governo
Il governo siriano è un grave ostacolo per le organizzazioni indipendenti dei media, per cui è difficile verificare i rapporti. Assad e suo padre prima di lui si sono espressi per 40 anni per la Siria come campione della causa palestinese . Ma durante la repressione e la guerra, in cui 40.000 persone sono state uccise, Assad ha perso la maggior parte dei suoi alleati palestinesi. La direzione del movimento islamista palestinese di Hamas, la cui religione e politica sono più in linea con i ribelli, ha levato le tende da Damasco per il Qatar, uno dei più feroci nemici di Assad.

Nel complesso, circa 2,5 milioni di persone hanno già abbandonato le loro case in Siria ed è possibile che il governo abbia esaurito i ripari o sia stato sopraffatto dal più recente aumento. Lisa Gilliam, una funzionaria dell’Unrwa, l’agenzia delle Nazioni Unite che aiuta i palestinesi , ha detto che ben 100.000 di loro erano in movimento. Gli operatori umanitari stanno offrendo cibo e riparo, ha aggiunto:
” Ma per la maggior parte non si sa dove sono”.

La Siria limita l’accesso dei gruppi di soccorso internazionali e delle Nazioni Unite, e si basa sulla locale siriana Mezzaluna Rossa Araba per distribuire gli aiuti . Ma molti degli sfollati vedono i locali operatori umanitari come alleati del governo di Assad. Alcuni locali accusano il personale SARC di fungere da informatori e limitare gli aiuti che danno ai residenti nelle aree controllate dai ribelli, come Yarmouk, essenzialmente per aiutare l’esercito ad applicare punizioni collettive.

Altri incolpano i ribelli per limitare i movimenti della SARC, dicendo che i combattenti a volte attaccano i convogli SARC. Mentre i ribelli si spostano in zone più intorno alla capitale, Damasco centrale è uno degli ultimi paradisi sicuri nella città merlata.

Una didascalia sulla foto del ragazzo che dorme sulla strada dice che è stata presa nel ricco quartiere di Abu Ramaneh. Nelle vicinanze si trova la Piazza Omayyade, che è per Damasco ciò che è Trafalgar Square a Londra o Times Square a New York. Anche lui, come migliaia di altri, dovrà dormire fuori in città, dove durante la notte le temperature precipitano vicino al gelo in inverno. Mercoledì è stato splendente, ma la pioggia è in arrivo.

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=549451&

……………………………………………………

MUHAMMAD, OTTO ANNI, E’ MORTO A NOVEMBRE, SOTTO UN GELSO DI GAZA, COLPITO DAL MISSILE DI UN DRONE ISRAELIANO. ORA QUEL GELSO E’ IL SIMBOLO DELLA FERMEZZA DELLA SUA FAMIGLIA.

Resteremo radicati qui, dice provocatorio il padre di un bambino di Gaza ucciso da Israele

Rami Almeghari The Electronic Intifada Striscia di Gaza 19 dic 2012

Sotto un albero di gelso in una giornata soleggiata, Muhammad Ibrahim Ashour e cinque dei suoi cugini giocavano vicino alle loro case nella strada Siyam nel quartiere di Zaytoun del sud della città di Gaza .

Era martedì 20 novembre e aerei da guerra israeliani stavano svolgendo intensi attacchi aerei sulla zona, e in molte altre parti del territorio costiero occupato. Tutto ad un tratto, un missile sparato da un drone israeliano ha colpito il gelso, uccidendo Muhammad, di otto anni, e ferendo suoi cinque cugini e il nonno di Muhammad, 80 anni.

Muhammad era uno delle quasi tre dozzine di bambini uccisi nel corso di Israele negli otto giorni consecutivi di bombardamenti intensi in tutta Gaza il mese scorso.

Secondo il ministero della Sanità di Gaza, 183 persone sono state uccise durante l’offensiva israeliana . L’ Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha riferito che 103 civili palestinesi sono stati uccisi. Quasi 1.400 palestinesi sono stati feriti, di cui 155 anziani e 220 donne, il ministero della salute dice.

Forte esplosione

“Erano quasi le 16:00 di martedì, e stavo tornando dalla preghiera del pomeriggio in una vicina moschea”, ha ricordato lo zio di Muhammad, anche lui di nome Muhammad Ashour, ma viene chiamato Abu Rizeq.

Abu Rizeq stava tornando dall’aver dato le sue condoglianze ai suoi vicini, la famiglia Abu Zour. Alcuni dei loro figli erano stati uccisi da un aereo da guerra israeliano.

“Tutto ad un tratto, ho sentito una forte esplosione in direzione ovest , ma non immaginavo che era nelle vicinanze della mia famiglia”, ha detto.

“Mi sono precipitato a trovare Muhammad, che era a terra con la gamba amputata e l’addome dilaniato, mentre gli altri bambini, che sono anche i miei nipoti, erano feriti “, Abu Rizeq ha ricordato, indicando un cratere di quasi mezzo metro appena sotto un albero di gelso vicino a casa della famiglia di Ashour.

Bambini mirati

Abu Rizeq ha aggiunto: “Non riuscivo a immaginare che mio nipote sarebbe stato un bersaglio per i loro aerei militari. La nostra casa è quasi a tre chilometri di distanza dal confine e, come si vede, tutte e quattro le case appartengono a me e ai miei fratelli e nessun estraneo può avvicinarsi a questo settore. “

“Le nostre donne, noi e i nostri figli siamo gli unici qui,” ha spiegato. “Nel momento in cui l’esplosione ha colpito a pochi metri di distanza dalla casa di famiglia, ero in stato di shock, mentre un’ambulanza è venuta a soccorrere i bambini feriti e mio nipote morto Muhammad”.

Abu Rizeq e suo figlio hanno cercato la gamba di Muhammad, che era stata tranciata.

“Mio figlio l’ha avvolta e l’ha mandata in ospedale, dove erano stati ricoverati Muhammad e gli altri feriti”, ha detto.

Dal mese di agosto, Abu Rizeq si stava prendendo cura di suo nipote. Il padre di Muhammad, Ibrahim, sua madre e le loro quattro figlie erano tornati dagli Emirati Arabi Uniti , ma Ibrahim ben presto tornò a prepararsi per un trasferimento definitivo.

“Solo un giorno prima di martedì, avevo parlato a Muhammad e gli chiesi di stare attento. Ma egli rispose ridendo: ‘Zio, non preoccuparti per me, sarò un martire, sarò un martire’ “, ha detto Abu Rizeq.

La telefonata traumatica

Ashour Ibrahim è un ingegnere elettronico ed era negli Emirati Arabi Uniti, quando suo figlio è stato ucciso. Il 49enne padre ha parlato a The Electronic Intifada nei pressi di una casa nuova in costruzione in cui Ibrahim e la sua famiglia, ora di cinque membri, pianificano di vivere in modo permanente, cancellando il piano per trasferirsi nel Golfo.

“Sono stato informato per telefono che Muhammad era stato ucciso e allora, ho continuato a trattenermi, solo ho detto alhamdullilah [lode a Dio] e sussurrai alcune preghiere e mi preparai a tornare a Gaza per stare con mia moglie e le figlie in occasione di tale difficile momento “, ha detto.

“Nel momento in cui Muhammad è nato siamo rimasti estremamente soddisfatti, perchè è venuto dopo che abbiamo avuto tre figlie, la maggiore delle quali ha 16 anni. Ho detto a me e mia moglie che avevamo bisogno di più figli dopo che Dio ci aveva dato Muhammad. “

“Una volta ho chiesto a Muhammad, ‘Dov’è tuo fratello?’ Mi rispose con rabbia: ‘Mia madre dovrebbe portare un altro fratello per me’ “, Ibrahim ha ricordato con un sorriso triste sul suo volto.

Un leader

Negli Emirati Arabi Uniti, Muhammad era uno scolaro intelligente che eccelleva nella maggior parte delle materie e ha mostrato capacità di leadership.

“Tutti i suoi insegnanti amavano molto Muhammad e durante le chiamate telefoniche con me, tutti hanno espresso grande dolore per la sua morte per mano di Israele”, ha detto Ibrahim. “Mio figlio aveva un gruppo di amici a scuola e i suoi amici facevano affidamento su di lui per guidarli.”

Secondo il padre in lutto, Muhammad era appassionato di calcio in TV, in particolare del calciatore spagnolo Ronaldo del Real Madrid, e dei giochi per computer.

“Una volta, stava giocando a pallone nel cortile di casa nostra negli Emirati e sua madre gli ha chiesto di tornare prima delle 18:00”, ha detto Ibrahim. “Ma è tornato quasi due ore più tardi e disse, ‘mi sono dimenticato – mi stavo godendo il gioco, perdonami mamma, perdonami.'”

Il cugino di Muhammad di undici anni, Qasem Ashour, era un suo intimo amico . Qasem stava fermo sotto il gelso quando fu ucciso il cugino, ora ornato con un poster di Muhammad. Qasem non era in vena di giocare al momento in cui Muhammad è stato ucciso ed i suoi parenti sono stati feriti.

“Ogni notte sogno di Muhammad. Egli dice: ‘Qasem, andiamo a giocare, cerchiamo di guidare la moto,’ “ha detto Qasem.

“Mi manca Muhammad e non gioco con i bambini, come al solito. Mi piaceva così tanto Muhammad. Era gentile, molto diverso dagli altri bambini in giro “, ha aggiunto.

Un uccello nel cielo

“Muhammad è un uccello in cielo”, ha detto la sorella di Muhammad, di cinque anni, Huda. “Muhammad giocava con me e mi faceva giocare con l’ iPhone,” la bambina ha continuato. Improvvisamente smise di parlare e di sorridere.

Le altre tre sorelle e la madre di Muhammad erano ancora troppo addolorate per parlare del loro fratello e figlio perduto .

Ibrahim è ora in procinto di tornare negli Emirati Arabi Uniti per completare il suo lavoro come ingegnere elettronico, per poi tornare una volta per tutte al suo quartiere di Gaza. Proprio vicino al gelso, alcuni operai edili si sforzano di completare la costruzione della nuova casa della famiglia a Gaza.

“Non mi sono pentito di tornare a Gaza anche se il mio unico figlio è stato ucciso”, ha detto Ibrahim, tenendo la mano di Huda, nei pressi del buco nella terra lasciato dal missile. “Al contrario – voglio dire a titolo definitivo – resteremo qui, radicati come questo gelso. Prego Dio che avrò uno, due o tre figli per riempire il vuoto che Muhammad ha lasciato. “

http://electronicintifada.net/content/we-will-remain-rooted-here-says-defiant-father-gaza-boy-killed-israel/12021

…………………………………………………

VICINI A CHI LOTTA PER LA LIBERTA’ E LA GIUSTIZIA, A COSTO DELLA VITA

Il 17 dicembre la comunità virtuale si è mobilitata in solidarietà con i prigionieri politici palestinesi in sciopero della fame. Quasi 10 milioni di ‘cittadini della Rete’ si sono mossi su blog e social network per sottolineare il sacrificio che centinaia di detenuti nelle carceri israeliane stanno facendo contro la detenzione amministrativa.

http://www.osservatorioiraq.it/fame-di-giustizia-e-libert%C3%A0-sharawna-issawi-e-gli-altri-palestinesi-a-stomaco-vuoto

………………………………………………….

Lettera al Presidente Obama dai rabbini americani

Inserito da Liz Ingenthron il Gio, 2012/12/20 – 12:25

Caro Presidente Obama,

Le scriviamo questa lettera come rabbini americani, cantori e studenti rabbinici, che servono una vasta gamma di comunità ebraiche. Siamo rimasti costernati nell’apprendere che, subito dopo il riconoscimento da parte delle Nazioni Unite dello status di osservatore per la Palestina, il governo di Israele ha emanato i permessi per iniziare lo sviluppo di due grandi tratti di insediamenti abitativi in aree fortemente contestate a Gerusalemme Est (E-1) e Cisgiordania (Maaleh Adumim.)

Come ben sa, questi permessi di espansione sono a danno non solo per le prospettive di autodeterminazione palestinese, ma anche per la pace nella regione. Le chiediamo con la massima fermezza di usare la sua piena autorità per contrastare queste espansioni, che sono illegali secondo il diritto internazionale e che anche rendono impossibile ogni speranza di creare uno stato palestinese in Cisgiordania.

Noi rappresentiamo una voce crescente all’interno dell’ebraismo americano che cerca la fine dell’occupazione israeliana della West Bank e la sua morsa del blocco del popolo di Gaza. Noi crediamo che l’espansione aggressiva degli insediamenti nei territori occupati costituisce una strategia deliberata di ostacolare una soluzione pacifica del conflitto tra Israele e Palestina. Crediamo, inoltre, che gli Stati Uniti, come fonte primaria globale di sostegno finanziario e politico per il governo israeliano, hanno l’obbligo di ritenere il governo Netanyahu responsabile per queste azioni, che contrastano la possibilità di una soluzione pacifica del conflitto.

Non è più il caso – se mai lo è stato – che la comunità ebraica negli Stati Uniti è unificata nel suo sostegno delle politiche dei governi israeliani, che hanno cercato di creare “fatti sul terreno” che ostacolano le speranze di indipendenza e sostenibilità per il popolo palestinese. In assenza di un intervento attivo da parte degli Stati Uniti e altre nazioni, Israele sicuramente continuerà ad attuare queste politiche distruttive.

Come leader della comunità ebraica americana, ci uniamo a lei nella speranza per una pace giusta per tutti i popoli della regione. Per favore, sappia che ha il nostro forte sostegno per chiedere che il governo di Israele rinunci a questa ultima azione e per tutto ciò che si può fare per aprire la strada a una soluzione equa e sostenibile.

Cordiali saluti,

Rabbi Margaret Holub

Rabbino Rosen Brant

Rabbi Brian Walt

Rabbi Lynn Gottleib

Rabbi Joseph Berman

Rabbi Laurie Zimmerman

Rabbi Elizabeth Bolton

Rabbi Julie Greenberg

Rabbi Borukh Goldberg

Rabbi Eyal Levinson

Rabbi David Mivasair

Rabbi Rebecca Lillian

Rabbi Rachel Barenblat

Alana Alpert

Cantor Michael Davis

Rabbi Michael E. Feinberg

Pioggia Zohav

Rabbi Zev-Hayyim Feyer

Jessica Rosenberg

Ken Rosenstein

Rabbi Shai Gluskin

Rabbi Rebecca Alpert

Il rabbino Ari Lev Fornari

Rabbi Art Donsky

Rabbino Jeremy Milgrom

Rabbi Linda Holtzman

Rabbi Leonard Beerman

Rabbi Alexis Pearce

Rabbi Sarra Lev

Rabbi David Basior

http://jewishvoiceforpeace.org/blog/letter-to-president-obama-from-american-rabbis

…………………………………………………………

Giovedì 20 dicembre 2012

Giovedì, 20 Dicembre 2012 14:22
Ue: espansione colonie Israele minaccia la pace

Bruxelles – L’Ue e’ fermamente contraria all’espansione senza precedenti delle colonie israeliane attorno a Gerusalemme, in particolare a Givat Hamatos in quanto taglierebbero la continuita’ geografica con Betlemme.
Lo ha dichiarato l’Alto rappresentante per la politica estera Catherine Ashton, sottolineando che ”l’Ue non e’ mai stata piu’ chiara” nell’esprimere la sua ”forte opposizione”. La mossa ”costituisce una seria minaccia per una soluzione negoziata del conflitto” in Medio Oriente

http://italian.irib.ir/notizie/palestina-news/item/118301-ue-espansione-colonie-israele-minaccia-la-pace

SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam