DA SHIRIN

0

· di 

 immagine1

Shirin sorride, mi guarda, mi abbraccia. “Ci mancherai, Anna”.

“Anche tu Shirin”. Ma la mia voce è fredda, le mie parole non sembrano vere. “Davvero mi mancherai ma ora non capisco che sto partendo”. Non capisco che in qualche modo è un addio.

Shirin mi racconta di nuovo del fratello. E’ molto preoccupata, non può andarlo a trovare in prigione da un anno e tre mesi e nessuno in famiglia sa come sta, se sta facendo lo sciopero della fame assieme agli altri prigionieri palestinesi.

E’ una bella e calda giornata di sole, sorseggiamo il tè in giardino, seduti su un muretto di mattoni. I mandorli sono in fiore, l’orto è verde e rigoglioso. Un volenteroso vicino lavora la terra di Shirin e la prepara per la primavera.

Guardo lontano, al di là della barriera metallica, al di là della bypass road per i coloni israeliani….e scorgo Gerusalemme, in tutta la sua bellezza.

“E’ lì, vicinissima a noi, eppure così lontana”. Shirin sospira, si alza e si prepara per il saluto finale.

 

http://storiedellaltromondo.wordpress.com/2013/02/24/da-shirin/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.