Dalla Palestina: ferito il nostro amico Muhammad al-Khatib, relatore alla giornata ONU per la Palestina a Lucca

295

 

Pubblicato il 20 dicembre 2014 da Admin2

immagine1
http://palsolidarity.org/2014/12/palestinians-continue-the-struggle-against-the-adei-ad-outpost/
20 dic 2014 | International Solidarity Movement | Turmusaya, Palestina occupata

Centinaia di bambini palestinesi, donne e uomini, si sono riuniti a Turmusaya venerdì 17 dicembre per completare la messa a dimora dell’albero iniziato dal ministro dell’Autorità palestinese Ziad Abu Ein, che è stato ucciso dai soldati israeliani venerdì 10 dicembre.

“Ziad aveva intenzione di piantare alberi di ulivo su terra palestinese privata vicino all’avamposto illegale di Adei Ad, ma gli è stato violentemente impedito di raggiungere il sito da parte dell’esercito israeliano che lo ha aggredito e  ucciso. Pensavamo che dopo aver ucciso il ministro, ieri i militari ci avrebbero permesso di piantare alberi pacificamente ma abbiamo trovato gli stessi soldati pronti ad utilizzare ancora di più la violenza contro di noi “, ha detto il difensore dei diritti umani Abdullah Abu Rahmah.

image

Mohammed Khatib

“Nonostante la violenza delle forze di occupazione”, abbiamo piantato alberi nel luogo in cui Ziad aveva progettato di piantarli. Nonostante la loro violenza, continueremo a lottare con gli agricoltori i cui terreni sono stati rubati e con gli agricoltori che non possono coltivare la loro terra a causa dell’occupazione. “Abu Rahmah è stato ferito da una granata stordente che è stata tirata direttamente a lui mentre stava piantando un albero di ulivo.

Dopo aver pregato vicino al punto dove il ministro è stato fermato dall’esercito, i manifestanti con gli ulivi hanno scalato la collina fino al luogo in cui Abu Ein aveva intenzione di piantare alberi. Hanno cominciato a piantare sotto una raffica di lacrimogeni, granate stordenti  e pestaggi da parte della polizia di frontiera israeliana.
Due attivisti palestinesi, Mohammed Khatib e Jaffar Hamayel, la cittadina israeliana e co-fondatore di ISM Neta Golan, e la cittadina statunitense e attivista Danika Padilla, sono stati tutti arrestati con violenza.

image

L’arresto di Danika e Neta

In un’altra zona della protesta, i giovani hanno risposto all’assalto militare con pietre contro l’esercito che spruzzava i manifestanti con acqua putrida conosciuta come “skunk”, sparava proiettili di acciaio rivestiti di gomma e munizioni calibro 22.  Molti manifestanti hanno sofferto gravemente per l’inalazione di gas lacrimogeni e due palestinesi hanno riportato ferite alle gambe dai proiettili .22.

image

Jaffar Hamayel

I quattro attivisti arrestati sono stati portati alla stazione di polizia dell’ insediamento Binyamin. Neta e Danika sono state liberate nelle prime ore di questa mattina. Mohammed e Jaffar sono stati accusati di aver aggredito e disturbato la polizia di frontiera in scontri dopo che gli era stato detto di disperdersi. Sono stati portati alla stazione di polizia del Russian Compound a Gerusalemme Ovest dove rimarranno in carcere fino alla data del processo, domani, 21 dicembre, al tribunale militare di Ofer.

 

http://reteitalianaism.it/public_html/index.php/2014/12/20/i-palestinesi-continuano-la-lotta-contro-lavamposto-adei-ad/

…………………………………………………………………………..

 

9 injured as Israeli forces suppress march near Ramallah

immagine1
Published Friday 19/12/2014 (updated) 20/12/2014 17:49

RAMALLAH (Ma’an) — Nine Palestinians were injured on Friday as Israeli forces suppressed a march in the Ramallah-area village of Turmusayya.

Demonstrators were attempting to set up a memorial for Ziad Abu Ein, a PA minister who died in the village on Dec. 10 after being assaulted by Israeli soldiers.

Israeli forces fired rubber-coated steel bullets and tear gas at the demonstrators and detained four activists.

One demonstrator, Muhammad al-Khatib, reportedly had his arm broken while being arrested.

Officials from different political factions performed Friday prayers on land threatened by Israeli annexation and planted olive trees in the area.

Marchers set off from the village carrying portraits of Abu Ein.

The PA official was taking part in a tree-planting project in the village on the day that he died.

Medical sources told Ma’an that Abu Ein lost consciousness and that his heart stopped after being beaten by Israeli soldiers and inhaling tear gas.

 http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=748352

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.