DALLA VIOLENZA DEI COLONI AGLI ATTACCHI CONTRO GLI EBREI HAREDI, IL CORONAVIRUS STA METTENDO A NUDO LA STRATEGIA ISRAELIANA

0
413

tratto da: INVICTA PALESTINA

 

An Israeli police officer asks an Ethiopian Christian man to leave after he prayed outside the Church of the Holy Sepulchre, traditionally believed by many to be the site of the crucifixion of Jesus Christ, after the traditional mass procession was called off amid coronavirus fears in Jerusalem’s old city, Friday, April 17, 2020. Christians are commemorating Jesus’ crucifixion without the solemn church services or emotional processions of past years, marking Good Friday in a world locked down by the coronavirus pandemic. (AP Photo/Ariel Schalit)

La diffusione del coronavirus tra i palestinesi è pericolosa per gli ebrei israeliani, tuttavia le autorità e le loro varie agenzie continuano a distruggere cliniche, demolire case e saccheggiare città e quartieri piuttosto che offrire l’aiuto necessario per scongiurare il virus.

Fonte – English version

Di Miko Peled – 20 Aprile 2020

Palestina occupata – Alla luce della pandemia di COVID-19, ci si aspetterebbe che il desiderio di lavorare tutti assieme per frenare la diffusione del virus dovrebbe essere superiore a qualsiasi considerazione di politica, razza o religione. Tuttavia, la violenza e l’abbandono del governo sionista israeliano e degli organismi non governativi nei confronti dei palestinesi non solo continua a pieno ritmo, ma in molti casi sono aumentati.

Marzo e aprile del 2020 saranno ricordati non solo per la pandemia, ma per la violenza provocata dalle autorità israeliane contro le popolazioni che i sionisti sono determinati a distruggere, i palestinesi che vivono sotto l’occupazione nei grandi ghetti eretti da Israele, cittadini palestinesi di Israele, e quelli che languiscono nelle carceri israeliane. Inoltre, ci sono ebrei ultra-ortodossi o Haredi che vivono in comunità segregate e sono disprezzati dallo stato israeliano.

La negligenza e la violenza delle autorità, abbinate alla insensibilità della società israeliana e dei principali politici eletti, sono tutte sintomatiche di una società intrinsecamente razzista. Una società che è incapace di dimostrare anche la minima misura di empatia per la sofferenza degli altri.

Nella realtà di oggi, la diffusione del coronavirus tra i palestinesi è, in effetti, pericolosa anche per gli ebrei israeliani. Tuttavia, le autorità e le loro varie agenzie continuano a distruggere cliniche, demolire case e saccheggiare città e quartieri piuttosto che offrire l’aiuto necessario per scongiurare il virus.

Adolescenti in difficoltà

Una delle piaghe con cui i palestinesi devono convivere è un gruppo di adolescenti ebrei violenti, gravemente turbati, sociopatici che si definiscono “Giovani delle colline”. Il nome può sembrare in qualche modo accattivante ma i ragazzi che fanno parte di questo gruppo sono radicalmente indottrinati, violenti e razzisti e sono stati capaci di bruciare viva una famiglia palestinese nella loro casa.

I gruppi radicali di sionisti violenti sono sempre stati considerati favorevolmente dalle autorità sioniste. Anche se di tanto in tanto potrebbero aver oltrepassato il limite. Poiché sono ideologicamente allineati con la leadership sionista, non vengono mai puniti anche quando sono coinvolti in omicidi. Questo è stato il caso in cui bande di terroristi armati hanno condotto il massacro a Deir Yasin nell’aprile del 1948, e così è stato per i recenti casi di attacchi mortali dei giovani sionisti contro i palestinesi.

Anche la pandemia di coronavirus non ha cambiato il modo in cui lo stato di Israele consente a queste bande violente di terrorizzare i palestinesi intensificando ulteriormente i loro attacchi. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, la violenza delle bande sioniste contro i palestinesi è aumentata del 78% tra il 17 e il 30 marzo. Il rapporto, che è stato persino menzionato nella pubblicazione filo-sionista The Jerusalem Post, cita “almeno 16 attacchi di coloni israeliani che hanno provocato cinque feriti palestinesi e gravi danni materiali.

Le Nazioni Unite hanno specificato che “Gli attacchi includono la lapidazione di veicoli, strutture vandalizzate e aggressioni fisiche”. “Nella regione di Gush Etzion, in cui risiedono e sono indottrinate molte delle più violente bande sioniste, “sono stati sradicati circa 100 ulivi di proprietà palestinese e ad Hebron le telecamere di sorveglianza sono state danneggiate o rubate da una casa e una scuola”.

Prigionieri palestinesi

La Giornata dei prigionieri palestinesi, che è stata commemorata questo aprile, ha richiamato l’attenzione sulla triste realtà delle carceri israeliane. Sebbene le informazioni non siano prontamente disponibili e le autorità non siano disponibili, è stato riferito che ci sono casi di COVID-19 all’interno delle prigioni.

È noto che le condizioni nelle carceri sono nella migliore delle ipotesi inadeguate e nella peggiore delle ipotesi criminali. Con il sovraffollamento, la mancanza di un’igiene adeguata e l’assenza di servizi igienici adeguati, le carceri hanno il potenziale per una diffusione massiccia del virus. In un caso recentemente riportato da Addameer, il Prisoner Support and Human Rights Association, un prigioniero palestinese è stato messo in isolamento a causa dei sintomi di COVID-19. Tuttavia, le condizioni in una cella di isolamento della prigione sono lungi dall’essere adatte a una persona malata. In un altro caso, Nourredin Sarsour è stato infettato e questo è stato rivelato solo una volta rilasciato.

Attaccare le comunità Haredi

Nei giorni in cui ho riferito qui degli attacchi sconnessi di Israele contro la comunità ebraica ultra-ortodossa o Haredi, sono emerse altre notizie su violenti raid da parte delle autorità israeliane. In una e-mail che ho ricevuto dal rabbino Hirsh di Neturei Karta a Gerusalemme, scrive il rabbino, “i responsabili della nostra salute pubblica conducono incursioni costanti nei nostri quartieri, lanciano granate stordenti e picchiando indiscriminatamente i residenti”.

Un’altra email mi è arrivata da attivisti locali di Haredi che chiedevano aiuto dall’esterno. Questa e-mail includeva i seguenti video, che stanno già creando sdegno.

 

La violenza mostrata dalle autorità conferma solo la loro mancanza di interesse nel creare un ambiente di comprensione e tolleranza. Quando la polizia israeliana entra nei quartieri di Haredi, lo fanno come invasori violenti e non come forze dell’ordine per aiutare i residenti.

Le immense differenze esistenti tra gli ebrei Haredi e la società secolare israeliana e il modo in cui le due comunità vedono le autorità statali sono enormi. Ora, ad ogni incursione in un quartiere di Haredi, la rabbia e la frustrazione crescono e il potenziale di scontri cresce con esso. La società secolare israeliana, con i suoi atteggiamenti bigotti nei confronti degli ebrei Haredi, sostiene lo stato e le sue politiche di persecuzione e chiede che facciano di più. È un circolo vizioso in cui lo stato di Israele vuole chiaramente vedere la situazione aggravarsi.

Chiusura di una clinica di test coronavirus

The Palestine Chronicle ha recentemente riferito di una stazione di test del coronavirus che è stata chiusa dalle autorità israeliane. È successo a Silwan, una città palestinese di 55.000 persone adiacente alla Città Vecchia di Gerusalemme. “Secondo Sami Mshasha, portavoce dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i soccorsi e i rifugiati in Palestina (UNRWA), Israele ha impedito alla sua organizzazione di fornire servizi sanitari relativi al coronavirus per i palestinesi nella Gerusalemme est occupata”.

Mshasha ha anche detto all’agenzia di stampa palestinese WAFA, che le misure israeliane sono una “continuazione” delle restrizioni imposte dalle autorità israeliane alle attività dell’UNRWA a Gerusalemme, “in seguito al riconoscimento americano di Gerusalemme come capitale di Israele e del trasferimento dell’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme”.

Inoltre, Palestine Chronicle riferisce che, secondo fonti israeliane, “la ragione principale dietro l’azione del governo israeliano è prevenire qualsiasi attività dell’Autorità Palestinese a Gerusalemme. Questa non è la prima volta che la polizia israeliana interferisce quando le organizzazioni palestinesi forniscono servizi necessari ai residenti di Gerusalemme est. Citano l’intervento dell’Autorità Palestinese in città come motivo. Il problema è che mentre le autorità israeliane proibiscono alle organizzazioni palestinesi di fornire servizi, nemmeno Israele fornisce questi servizi.

Il genocidio ha molte forme

Secondo il dottor Yousef Jabareen, membro della Knesset per la Joint Arab List, le autorità israeliane hanno condotto oltre 200.000 test di coronavirus. Meno del dieci percento di test è stato condotto in città abitate da cittadini palestinesi di Israele, lasciandoli vulnerabili e senza informazioni cruciali sulla portata del virus nelle loro comunità.

Ora, è stato segnalato un grave focolaio nelle città di Dayr el-Asad e Al-Ba’ane, nel nord della Palestina, e sta suscitando grande preoccupazione. Allo stesso modo, il sistema di apartheid costringe i beduini palestinesi nel Naqab a vivere in condizioni di sovraffollamento in estrema povertà con mancanza di acqua e infrastrutture con uno stato che non fornisce loro risorse per far fronte alla diffusione del virus.

Se si dovesse guardare alla definizione ufficiale del crimine di genocidio così come è stata delineata dalle Nazioni Unite e confrontarla con tutti i diversi modi in cui Israele uccide o permette chiaramente ai palestinesi di morire, le somiglianze sono sorprendenti. La domanda che rimane è quando il mondo interverrà per sanzionare Israele per aver commesso questi crimini contro l’umanità.

Trad: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

Dalla violenza dei coloni agli attacchi contro gli ebrei Haredi, il Coronavirus sta mettendo a nudo la strategia israeliana  

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.