Dall’omelia nella Notte di Natale a Betlemme di Fouad Twal, Patriarca di Gerusalemme

0

Cari fratelli e sorelle,

la festa ritorna quest’anno mentre molti di voi soffrono per un motivo o per l’altro. Migliaia di giovani in carcere attendono con impazienza di riacquistare la loro libertà. Le famiglie sono separate e attendono un permesso per potersi riunire sotto lo stesso tetto. Soffrite per una occupazione che non ha fine.

Gaza e il sud di Israele sono usciti da una guerra le cui conseguenze sono ancora visibili sul terreno e negli animi.

… La nostra preghiera abbraccia tutte le famiglie, arabe ed ebree, colpite dal conflitto. Che il Signore doni loro pazienza, conforto e consolazione, e che la società doni loro assistenza e sostegno!

In questa notte, abbiamo bisogno di un momento di silenzio e di preghiera. Guardiamo il Bambino di Maria e ascoltiamolo: “Beati i miti, perché erediteranno la terra; beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio. Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati” (Mt 5,5-10).

Lei, Signor Presidente Abbas, e Sua Maestà il Re Abdullah II, siete stati in prima linea fra coloro che hanno lavorato e lavorano per la pace, la non violenza e la giustizia. Il Signore Vi protegga e Vi assista. Apprezziamo i vostri sforzi e le vostre posizioni coraggiose a livello regionale e internazionale. Grazie perché continuate a battervi per una giusta causa che è quella della pace e della sicurezza per tutti i popoli della Terra Santa.

I vostri sforzi hanno avuto come frutto il riconoscimento, da parte delle Nazioni Unite, della Palestina come Stato “osservatore” non membro.

Questo riconoscimento deve essere un passo decisivo verso la pace e la sicurezza per tutti. Solo la giustizia e la pace in Terra Santa potranno portare a ristabilire un equilibrio regionale e mondiale!

O Bambino di Betlemme, che dopo essere sfuggito alla crudeltà di Erode, conoscesti, assieme a tua Madre e a San Giuseppe, tuo padre adottivo, la povertà e l’esilio in Egitto, liberaci da tutti i tiranni di questo mondo e fa’ di noi un santuario ove Tu possa costantemente rinnovare la Tua nascita, così da essere testimoni del tuo amore!

E tu, Maria, Madre nostra, che hai profuso attenzioni materne al tuo Divino Bambino, proteggi tutti i bambini del mondo da ogni male e metti nei loro cuori il seme della fede, della speranza e della bontà.

Cari fratelli e sorelle, vi auguro un buon Natale, e il dono della pace che il Signore ha promesso a tutti gli “uomini di buona volontà” (Lc 2,14). Amen!

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.