DAMASCO: ISRAELE HA COLPITO ALEPPO

0

28 mar 2019

L’esercito siriano denuncia un bombardamento su una zona industriale nella città settentrionale. Tel Aviv non commenta. Intanto il Consiglio di Sicurezza Onu condanna il riconoscimento Usa del Golan come territorio sovrano di Israele

Un precedente raid israeliano sulla Siria (Foto: Global Look Press / Ammar Safarjalani)

della redazione

Roma, 28 marzo 2019, Nena News – L’esercito siriano ha denunciato oggi un raid aereo, attribuito da Damasco all’aviazione israeliana, contro una zona industriale a nord di Aleppo, Sheikh Najjar. Intervengono anche fonti delle opposizioni siriane: il bombardamento, dice l’Osservatorio siriano per i diritti umani, organizzazione basata a Londra e parte del fronte anti-Assad, avrebbe colpito magazzini di munizioni iraniani e un aeroporto militare utilizzato dalle forze di Teheran e avrebbero ucciso sette iraniani. Aleppo sarebbe uno degli hub militari, secondo alcuni osservatori, della Repubblica islamica in Siria che nella seconda città siriana per importanza avrebbe una forte presenza delle Guardie Rivoluzionarie.

Il raid ha provocato un blackout elettrico su Aleppo. Alcuni missili sganciati dai jet, aggiunge l’esercito di Damasco, sono stati abbattuti dalla contraerea siriana. Tel Aviv non commenta, dopo una serie di interventi – che hanno costellato gli ultimi anni di guerra siriana – che nell’ultimo periodo sono stati rivendicati dal governo israeliano. L’ultima dichiarazione risale a gennaio quando il premier Netanyahu parlò apertamente di “azioni di grande successo per arrestare il ruolo militare iraniano in Siria”.

Sarebbero stati oltre 800 gli interventi israeliani in Siria nell’ultimo anno e mezzo, aveva dichiarato lo scorso autunno l’esercito israeliano: nel mirino circa 200 target, tra convogli di armi  e postazioni iraniane secondo le affermazioni di Tel Aviv. Che non ha mai nascosto la propria posizione verso il paese vicino: da anni il governo israeliano lavora sia sul piano militare, con la copertura Usa, sia su quello diplomatico, attraverso colloqui con Mosca, per ridurre la presenza iraniana in Siria con l’obiettivo di costringere Teheran a ritirare le proprie truppe.

L’Iran, a oggi, non ha mai risposto direttamente a Israele nonostante le minacce di rappresaglie, consapevole che una reazione provocherebbe un’esplosione delle tensioni nella regione. Soprattutto alla luce delle politiche attuate in Medio Oriente dall’amministrazione statunitense guidata da Donald Trump che sta lavorando alacremente fin dalla sua inaugurazione per dare vita a un asse arabo-israeliano contro l’Iran. Asse che passa per Riyadh e arriva a Tel Aviv e che ha, tra le sue vittime, i palestinesi a cui Trump sta tentando di imporre il cosiddetto “Accordo del Secolo”, piano di pace che non tiene conto delle storiche rivendicazioni palestinesi ma che si focalizza sulla normalizzazione dei rapporti tra Israele e i paesi sunniti arabi.

L’attacco su Aleppo è arrivato mentre il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si riuniva d’emergenza per discutere, su richiesta di Damasco, l’unilaterale riconoscimento delle Alture del Golan siriano come territori israeliani. La scorsa settimana Trump aveva annunciato l’intenzione di compiere tale mossa, molto simile a quella del 6 dicembre 2017 quando riconobbe Gerusalemme capitale di Israele. Ed è stata confermata lunedì: alla Casa bianca, con Netanyahu accanto, il presidente Trump ha ufficializzato il riconoscimento del Golan come territorio sovrano israeliano.

Immediate erano state le reazioni: il Golan è stato occupato da Israele nel 1967 e, al pari di Gerusalemme est, Gaza e Cisgiordania, è considerato dal diritto internazionale e dall’Onu territorio occupato. Al Palazzo di Vetro, ieri, gli altri 14 membri del Consiglio di Sicurezza hanno condannato la mossa statunitense, definendola una “palese violazione” delle risoluzioni delle Nazioni Unite e dello stesso Consiglio che ha emesso almeno tre risoluzioni che chiedono a Israele di ritirarsi dal territorio siriano.

A preoccupare è anche la tenuta della missione dell’Onu Undof, mille caschi blu che dal 1974 sono dispiegati nella zona per monitorare il cessate il fuoco. Nena News

 

DAMASCO: ISRAELE HA COLPITO ALEPPO

http://nena-news.it/damasco-israele-ha-colpito-aleppo/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.