Damasco val bene un avvicinamento ai Fratelli Musulmani

374

14 apr 2015

Arabia Saudita e Turchia starebbero negoziando un’alleanza militare in chiave anti-Assad: truppe di terra e raid. Nonostante la lontananza ideologica.

IMMAGINE1

Il presidente turco Erdogan vicino al principe saudita Moqren bin Abdulaziz al-Saud (Foto: Afp)

di Chiara Cruciati

Roma, 14 aprile 2015, Nena News – Che alleanza militare sia. Secondo quanto pubblicato ieri dall’Huffington Post, Arabia Saudita e Turchia sarebbero pronte a compiere il passo tanto desiderato ma mai direttamente tentato: rovesciare il presidente Assad con le armi.

Fonti anonime vicine ai due governi hanno parlato al giornale di un dialogo in corso tra Ankara e Riyadh, sotto la supervisione del Qatar, per giungere alla definizione di un’alleanza militare in chiave anti-Damasco: la Turchia fornirebbe truppe di terra – una vera e propria invasione della Siria – e l’Arabia Saudita l’aviazione, che assista i ribelli moderati che combattono (a dire il vero con pochi risultati) sul terreno. La Siria val bene un accordo tra due paesi vicini negli obiettivi (la testa di Assad e l’indebolimento dell’Iran) ma lontani nell’ideologia: a dividerli è la Fratellanza Musulmana, di cui il partito di Erdogan è sostenitore, ma considerato l’altro grande nemico saudita. Una divisione che li ha portati ad occupare posizioni opposte durante il colpo di stato egiziano contro il presidente eletto Morsi e durante l’attacco israeliano contro Gaza la scorsa estate.

Pare che la discussione sia nota agli Stati Uniti almeno da febbraio: a farlo sapere ad Obama sarebbe stato l’emiro del Qatar, Sheikh Tamim bin Hamad al-Thani, durante una vista alla Casa Bianca, che per ora preferisce non rilasciare dichiarazioni in merito.

Secondo le fonti intervistate dall’Huffington Post, è probabile che il dialogo in corso resti tale e non porti ad un effettivo intervento. Alla luce, però, di quanto sta avvenendo da oltre due settimane in Yemen, i tentativi di alleanze militari segrete tra due paesi lanciati da anni nella crociata anti-Siria preoccupano: l’apertura di un simile fronte – quello in Siria, che per importanza politica e centralità strategica non è certo lo Yemen – provocherebbe il definitivo collasso dei fragili equilibri mediorientali, in una regione ormai divisa in due assi, sunnita e sciita, ognuno impegnato ad approfittare delle guerre altrui per definire le proprie zone di influenza.

Un eventuale intervento lascerebbe in mano sunnita la soluzione dei conflitti interni e regionali, relegando in un angolo gli Stati Uniti che con Obama hanno chiaramente dimostrato di voler gestire il Medio Oriente con le armi, ma indirettamente: raid aerei in Siria e Iraq, poco efficaci sul terreno, e sostegno finanziario e militare alle opposizioni moderate. Qualche stivale sul terreno c’è (i consiglieri inviati in Iraq ad addestrare l’esercito iracheno che, secondo più di una fonte, hanno preso parte agli scontri diretti contro lo Stato Islamico), ma gli Usa sembrano più propensi a muovere i fili lasciando che le aree di influenza siano ridisegnate dai regimi arabi alleati. In testa Turchia e Arabia Saudita, seppur Obama sappia bene quali pericoli si celano dietro l’eventuale caduta di Assad: unica vera barriera all’avanzata dei gruppi islamisti e qaedisti, la sua scomparsa lascerebbe il paese nel caos, vista l’incapacità della Coalizione Nazionale Siriana (la federazione delle opposizioni moderate sostenuta dall’Occidente) a rappresentare non solo una valida forza militare ma anche una credibile alternativa politica.

A festeggiare è proprio la Coalizione che spera – dice il responsabile dell’ufficio di Washington, Oubab Khalil – di veder finalmente cadere la testa del presidente siriano.Riyadh e Ankara non commentano la notizia, che però potrebbe trovare conferma nell’accordo di difesa stipulato poche settimane fa da Turchia e Qatar, supervisore del presunto dialogo: Erdogan ha siglato con l’emiro del Qatar un accordo per la condivisione di informazioni di intelligence, per la cooperazione militare e l’eventuale dispiegamento di truppe in paese terzi.

L’Isis arretra in Iraq, ma avanza in Siria

A guadagnare terreno intanto è lo Stato Islamico, capace in Siria di sbarazzarsi di buona parte delle opposizioni moderate e arrivare a qualche km da Damasco. Ma se in Siria il califfo al-Baghdadi avanza, arretra in Iraq. I numeri li ha dati il Pentagono: l’Isis ha perso il controllo di quasi 17mila km quadrati in Iraq (tra il 25% e il 30% dei territori prima controllati), ha fatto sapere il portavoce Steve Warren.

I miliziani sono stati spinti verso sud e ovest, perdendo il controllo delle province più centrali. Si rafforza la presenza dell’esercito governativo a Tikrti, Sinjar e vicino la diga di Mosul. Secondo gli Usa i punti segnati sarebbero frutto dei raid della coalizione, ma la partecipazione fondamentale dell’Iran – come guida delle milizie sciite, le più numerose a Tikrit – appare il motivo più concreto di ripiegamento dell’Isis.

Che si rafforza invece a Yarmouk: nonostante l’intervento dell’esercito di Damasco, il campo resta occupato per oltre la metà dagli uomini del califfato, che – secondo l’inviato dell’Olp in Siria Ahmad Majdalani – ora utilizzano artiglieria pesante. Nena News

 http://nena-news.it/damasco-val-bene-un-avvicinamento-ai-fratelli-musulmani/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.