Decolonizzare l’immaginario palestinese

327

Articolo pubblicato originariamente su Mondoweiss e tradotto dall’inglese dalla redazione di Bocche Scucite

UNA PAGINA DEL LIBRO DI STEVE SABELLA “PALESTINE UNSETTLED” (IMMAGINE PER GENTILE CONCESSIONE DI STEVE SABELLA)

Il nuovo libro dell’artista Steve Sabella, “Palestine Unsettled”, libera l’immagine della Palestina dai confini dei media tradizionali e della propaganda israeliana.

“Volevo liberare l’immagine della Palestina tenuta in ostaggio dalla macchina mediatica israeliana, creando nuovi significati e connotazioni”, dice l’artista palestinese Steve Sabella a proposito del suo nuovo libro, Palestine Unsettled. Il libro fotografico comprende 130 immagini uniche scattate in Palestina durante la Seconda Intifada e ha vinto la prestigiosa borsa di studio dell’Arab Fund for Arts and Culture – AFAC. Sabella definisce così la sua premessa: “A un certo punto della mia vita, come persona che ha vissuto sotto l’occupazione israeliana, mi sono reso conto che Israele colonizza non solo la terra ma anche l’immaginazione della gente. Questo mi ha portato a parlare della colonizzazione dell’immaginazione e di come, nella realtà e nella pratica, la ricerca dovrebbe diventare quella di liberare prima la mente, ripulendo le immagini che abbiamo di noi stessi, liberandole e rendendole libere”.

In una luminosa ma fredda giornata della terza settimana di settembre, ho visitato lo studio di Sabella nel colorato quartiere berlinese di Prenzlauer Berg per discutere del suo nuovo libro. Ma in qualche modo, abbiamo prima parlato delle nostre ambizioni, come mediorientali diasporici, di ottenere la cittadinanza tedesca e di come sfuggire all’imminente inverno tedesco.

Sabella, con i suoi lunghi capelli neri e i suoi vestiti neri, mi porge una copia di Palestine Unsettled. Vedo che il libro non ha un incipit o un epilogo. Sulla copertina del libro c’è una foto del porto di Gaza, con alcuni pescherecci a terra, altri in acqua. La fotografia è come un dipinto, che disegna dinamicamente linee blu e arancioni. “È un viaggio fotografico senza testo, parola, didascalia o data, tranne una dedica in arabo. Le immagini fluttuano nel tempo e nello spazio, una dopo l’altra, da una dimensione all’altra”, spiega.

Tuttavia, ha dedicato il libro a una persona e a un romanzo – I figli della rugiada del defunto scrittore palestinese in esilio Mohammed Al-Asaad. E spiega: “Il mio primo incontro con Mohammed Al-Asaad è avvenuto attraverso il mio libro di memorie The Parachute Paradox, che lui ha iniziato a tradurre volontariamente in arabo. Per caso, ho scoperto il suo capolavoro Children of the Dew e, senza il suo permesso, sentendolo come un dovere, ho iniziato a tradurlo in inglese. Children of the Dew parla di quella fatidica notte in cui la Palestina divenne Israele in un batter d’occhio. Per molti versi, il mio libro fa luce su quello che è successo dopo”. Le storie si fondono.

Sabella ha un modo speciale di assorbire/ricreare la bellezza, anche in una realtà tragica in cui c’è un assedio attivo su Gaza. Sabella spiega: “La Palestina è la terra della bellezza e dell’immaginazione”. Tuttavia, le persone che vedranno il libro non avranno alcuna informazione su ciascuna foto. Cosa penseranno?

Il libro contiene molte foto di bambini. Sembra che Sabella voglia proteggere il bambino palestinese, come in una fotografia in cui si vede un padre che tiene in braccio suo figlio, al posto di blocco di Qalandia. Proprio sopra di loro c’è il fucile di un soldato israeliano che li punta. In un’altra foto, l’F16 israeliano che di solito bombarda la Palestina sembra trasformarsi in un aquilone colorato che taglia il muro dell’apartheid e dà un futuro diverso ai bambini palestinesi. Un’altra foto ancora mostra giovani attori del teatro di Ramallah in piedi sul palcoscenico di fronte a un muro di separazione artistico fatto di un tessuto a rete come un muro invisibile.

Sabella immortala come gli israeliani abbiano dipinto il muro di separazione di marrone per confondersi con la terra e nascondere la sua esistenza ai coloni che vi passano accanto. Commenta: “Molti sono venuti e hanno conquistato la Palestina, per cosa saranno ricordati gli israeliani, quando il loro impero crollerà? Per aver costruito sulla terra la struttura più brutta della terra?”.

Durante le riprese di questo libro, Sabella si è spostato liberamente tra Israele, Gaza e la Cisgiordania. “Sono uno degli unici palestinesi che in questo periodo ha avuto accesso a tutta la Palestina, poiché, come sapete, i palestinesi di Gaza sono intrappolati e quelli della Cisgiordania hanno molte restrizioni, non possono nemmeno mettere piede a Gerusalemme. Poiché lavoravo con le Nazioni Unite e avevo la tessera stampa, potevo entrare a Gaza e altrove. Conosco Gaza molto bene. Sono stato persino rapito laggiù. Ho avuto la fortuna di avere una prospettiva a cui non molti hanno accesso, e sento sempre il dovere di condividere conoscenze e visioni”.

In una delle foto, riconosco il porto di Jaffa, dove ho vissuto prima di emigrare a Berlino. Sabella spiega: “C’è uno scatto dal porto di Jaffa per ricordare alla gente tutta la Palestina”.

Gli chiedo della ruota panoramica che appare in una delle foto e mi dice che è stata esposta a Gaza e poi bombardata e distrutta dai bombardamenti israeliani durante la seconda Intifada dai caccia F16 israeliani. La ruota panoramica, a mio parere, cattura il modo in cui l’ordine politico e teologico può ruotare, e c’è un’altra opportunità di risalire per coloro che ora sono in basso. Sabella spiega: “La ricerca palestinese è sempre stata quella di abbracciare la vita, cosa che ho percepito girando per le strade della Palestina ed entrando in molte case distrutte. I palestinesi, come tutti, vogliono vivere. Queste foto sono una celebrazione della vita”. L’idea di Sabella è quella di evadere dalla massa di immagini che conosciamo dai media israeliani e internazionali sulla Palestina.

Ora, seduto nel centro di Berlino, con il tempo che si fa ancora più freddo, guardo con tristezza alcune foto che mostrano i palestinesi sul Mar Mediterraneo. Sabella spiega: “Fino a poco tempo fa, ai palestinesi non era permesso raggiungere la riva del mare. Ho un amico nato a Rafah, non lontano dal mare, che non ha mai visto il mare perché gli insediamenti israeliani bloccavano la riva. Per me è assurdo”.

Dopo aver sfogliato più di due terzi del libro, sento quell’elevazione dell’anima soprattutto dalle foto delle donne palestinesi che lavorano tradizionalmente a ricamo, accanto alle foto dell’arabesco della Cupola della roccia – le linee quasi convergono. Sabella continua questa linea di pensiero: “Volevo invitare o condurre il pubblico in un viaggio attraverso la Palestina che sfidasse e rivedesse le loro aspettative, creando connessioni accattivanti”.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.