Disabile palestinese aggredito e maltrattato dai militari israeliani

Scritto il 2011-05-27 in News

Betlemme – Ma’an. “Ashraf si trovava davanti al solito negozio. Poi, ho sentito un colpo di arma da fuoco e, corsa fuori, ho visto mio figlio che cercava di aprire la porta di casa mentre continuava ad urlare. Dietro di lui c’erano più di dieci soldati israeliani”.
Questo è il racconto della madre di Ashraf all’agenzia palestinese “Ma’an”.

Da quando aveva 4 anni, Ashraf Muhammed Suleiman Mousa, oggi 23enne, è affetto da una disabilità progressiva con una capacità cognitiva di un bambino di 4 anni. Le forze d’occupazione israeliane lo hanno aggredito mentre erano alla ricerca di ragazzi “colpevoli” di aver lanciato pietre.

Ashraf è di al-Khader, villaggio a sud-ovest di Betlemme, e, nel momento in cui i militari entravano nell’area con le jeep, si era intrattenuto con un venditore locale.

“Pare che i soldati siano stati accolti con lanci di pietre – ha riferito il commerciante – terrorizzato nel vedere i soldati israeliani, Ashraf si è messo subito a correre per raggiungere la casa, a circa 50 metri da qui. Nello stesso momento, i soldati hanno preso a sparare in aria”.

A gesti, Ashraf ha raccontato di essere stato bendato, mani legate e maltrattato, quando, raggiunto dai soldati fino a casa, è stato catturato.

La madre Karima, 42 anni, ha confermato che “quando il ragazzo è arrivato davanti alla porta di casa, i soldati lo avevano già raggiunto”.

Il marito di Karima vive per ragioni di lavoro in Arabia Saudita mentre la donna risiede in Palestina con cinque figli, il più grande dei quali è all’università.

“Lo hanno afferrato – ha aggiunto la donna -, bloccato per terra per picchiarlo senza alcuna pietà. Con gli anfibi militari lo hanno calpestato e, mentre io provavo a dire in inglese che mio figlio era disabile, mi hanno ordinato di rientrare. Lo hanno legato ai polsi bendandolo e portandolo nella jeep. Ho preso un referto medico di Ashraf per mostrarlo ai militari, ma non lo hanno nemmeno guardato”.

Angosciata, la madre ha chiesto aiuto ai vicini che, dopo circa mezz’ora, sono giunti portando con loro qualcuno che parlava in ebraico. Quando un vicino ha ripetuto ai militari israeliano che “Ashraf è disabile”, la situazione è parsa rientrare.

Ashraf è comunque stato detenuto per un’ora e quando è uscito dal veicolo militare “urlava e tremava”.

Contattati per saperne di più, ufficiali militari israeliani non sono hanno rilasciato alcun commento sull’accaduto.

(Nella foto: Ashraf Mohammed Suleiman Mousa. Ma’an News Agency).

http://www.infopal.it/leggi.php?id=18468

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam