Discriminazioni idriche a Gerusalemme Est

0

mercoledì 22 agosto 2012 11:46

 

 Durante l’estate i quartieri di Gerusalemme Est in crisi idrica anche per le politiche discriminatorie attuate dalle autorità israeliane, denunciano attivisti e Ong.

di Marta Fortunato

Gerusalemme, 22 agosto 2012, Nena News – “Qui a Gerusalemme Est non abbiamo acqua in casa anche per dieci giorni di seguito mentre a pochi chilometri da noi, nella parte Ovest della città, la fornitura è continua, 7 giorni su 7, 24 ore su 24”. Mahmoud Abu Ramlah vive al quindi piano di un appartamento a Kafr ‘Aqab, un quartiere che fa parte della municipalità di Gerusalemme, ma che dal 2002 è stato tagliato fuori dal muro. “Spesso l’acqua arriva di notte solo per alcune ore quando la pressione è molto bassa, e non sempre abbiamo il tempo sufficiente per riempire le taniche e le cisterne”.

Mahmoud fa parte di quei 90.000 palestinesi che vivono nella “parte cisgiordana” del muro ma sono residenti permanenti di Gerusalemme – e pertanto hanno la carta d’identità blu – , hanno accesso, senza restrizioni, alla città santa e al servizio sanitario nazionale e pagano le tasse ad Israele. Tuttavia da quando è iniziata la costruzione del muro dopo la seconda Intifada, questi quartieri, tra i quali rientrano Kafr ‘Aqab, il campo profughi di Shu’fat e molti altri, si sono trovati “dalla parte sbagliata” della barriera e man mano la municipalità di Gerusalemme ha iniziato a fornire sempre meno servizi. Nello stesso tempo l’Autorità Palestinese non ha ottenuto il permesso di operare in queste aree. “La municipalità di Gerusalemme viene meno ai suoi doveri” ha spiegato a Nena News Osama Abu Armila capo del consiglio locale di Kafr ‘Aqab – in questo quartiere regna l’anarchia: i rifiuti non vengono raccolti, la polizia non entra nel quartiere e non c’è nessuna manutenzione delle strade”. Inoltre uno dei principali problemi che questi quartieri sono costretti ad affrontare è la mancanza di acqua.

A Gerusalemme ci sono due compagnie responsabili della fornitura idrica della città. La Jerusalem Water Undertaking (JWU) con base a Ramallah si occupa della parte settentrionale di Gerusalemme (Kafr ‘Aqab, Beit Hanina e parti di Shu’fat). L’acqua proviene da Israele e la fornitura è di 85.000 metri cubi di acqua al mese per circa 4500 case – quantità non sufficiente per l’intera popolazione soprattutto d’estate quando il consumo aumenta e di conseguenza questi quartieri vivono una vera e propria crisi idrica. Israele si rifiuta di aumentare le quantità nonostante le richieste del JWU. Inoltre la manutenzione e la riparazione della rete idrica può avvenire solo dopo il rilascio di un permesso da parte delle autorità israeliane. Di conseguenza spesso in queste aree il sistema idrico è vecchio ed insufficiente a soddisfare le esigenze della popolazione palestinese.

Il secondo fornitore è la compagnia privata israeliana Hagihon, responsabile delle rimanenti aree palestinesi (come ad esempio i quartieri di Ras Khamis, Ras Shahada, Hashalom e il campo profughi di Shu’fat) e delle colonie israeliane all’interno di Gerusalemme. Anche se secondo regolamento [the Water and Sewage Company Law del 2001] questa compagnia “deve vendere e fornire l’acqua in maniera continua ed efficiente . ad ogni consumatore dell’area senza discriminazioni”, nella realtà Hagihon, che dal 2003 è stata privatizzata, applica un prezzo più alto per i palestinesi (12.6 shekel al metro cubo per i contatori prepagati palestinesi contro i 6.7 shekel per le colonie israeliane, fonte EWASH). Inoltre, come per i quartieri serviti dal JWU, c’è una costante mancanza di acqua. Secondo quanto riferito dal quotidiano israeliano Haaretz, proprio a causa dell’esasperazione causata da un insufficiente accesso all’acqua, all’inizio dell’estate sono avvenuti dei veri propri scontri tra alcune famiglie. “La gente è stanca, stufa, non tollera più questa situazione. Le cisterne che abbiamo sui tetti non bastano più, abbiamo smesso di fare la doccia a casa e facciamo il bagno ai nostri figli solo una volta a settimana” ha dichiarato ad Haaretz Jamil Sanduqa, capo del comitato del quartiere di Ras Khamis – si tratta di una vera e propria discriminazione idrica se si considera che nella parte Ovest della città la fornitura è continua”. Nena News

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=32639&typeb=0&Discriminazioni-idriche-a-Gerusalemme-Est

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.