Disordini in Terra Santa oscurano le festività natalizie

0
217

Evidenza – 9/12/2015

 356781C

Imemc. L’imponente albero di Natale in Piazza della Mangiatoia a Betlemme è stato ufficialmente acceso, ma le festività di quest’anno sembrano destinate ad essere ostacolate dai disordini che percorrono tutta la terra Santa.

“Non possiamo dimenticare ciò che sta succedendo, che alcune persone soffrono”, ha detto padre Jamal Khader, il rettore del Patriarcato latino, che conduce tradizionalmente le cerimonie natalizie di Betlemme. “Le persone stanno perdendo la speranza in un futuro di pace”.

Normalmente costituiscono un’importante attrazione turistica, ma le celebrazioni di quest’anno vedranno solo una piccola frazione delle migliaia di visitatori che hanno affollato Betlemme negli ultimi anni.

Saranno anche un momento di difficile riflessione per i cristiani palestinesi, che sono notevolmente diminuiti negli ultimi anni, dato che molti hanno scelto di lasciare la propria patria per sfuggire ai quasi 50 anni di occupazione militare israeliana.

Padre Khader ha affermato che la processione annuale del Patriarca Latino da Gerusalemme a Betlemme il giorno prima di Natale avrà luogo anche quest’anno, come è già avvenuto nei peggiori anni della Seconda Intifada.

Ma le celebrazioni fuori della Chiesa della Natività in Piazza della Mangiatoia – tradizionalmente il luogo di nascita di Gesù Cristo – dovrebbero essere molto più contenute di quello che sono state in questi ultimi anni, con l’ufficio del sindaco che è pronto ad annunciare gli “accordi speciali” di questa settimana.

“Stiamo celebrando oggi con una situazione molto critica in Palestina”, riferisce il sindaco Vera Baboun, anche se ha aggiunto che celebrare il Natale era un dovere di Betlemme “come città della pace”.

Nulla senza il turismo

L’economia di Betlemme dipende fortemente dal settore turistico, e ogni anno, il quartiere attira quasi la metà dei turisti della Cisgiordania, la stragrande maggioranza di loro sono pellegrini cristiani.

Ma anche prima del diffondersi di una nuova ondata di agitazione dal mese di ottobre, il turismo aveva già registrato un forte calo nei territori palestinesi occupati, soprattutto a causa della guerra di Gaza dello scorso anno, ma anche più in generale delle turbolenze dell’intera regione.

La Camera di Commercio di Betlemme riferisce che il turismo in Cisgiordania nel primo semestre di quest’anno è sceso quasi del 32%  rispetto al primo semestre del 2014.

Dal mese di ottobre la situazione è solo peggiorata. La Camera di Commercio stima che l’attività economica in tutti i settori – compreso il turismo – è crollata ulteriormente dal 30 al 35% in tutti i territori occupati.

“Non si prevede di rilanciare l’economia di Betlemme il prossimo Natale, poiché molti turisti hanno cancellato le loro prenotazioni negli hotel”, ha detto, aggiungendo che il tasso di occupazione negli alberghi di Betlemme potrebbe abbassarsi ulteriormente al 40% nel periodo di Natale, normalmente l’alta stagione.

“Molte persone vogliono venire, ma hanno paura perché sanno che la Terra Santa è sotto occupazione”, ha affermato il ministro palestinese del Turismo, Rula Maaya.

Majdi Ata Amro, proprietari del Bedouin Store a nord di Betlemme, asserisce che l’attività è molto povera, per alcuni locali si registra un calo che arriva all’80% nel settore turistico. “Non senti che è Natale”, riferisce.

Spesso nella strada di fronte al suo negozio, che è vicino al muro di separazione israeliano, ci sono stati parecchi scontri. “Inshallah, ci sarà cambiamento”, ha detto. “Betlemme senza turismo è niente”.

L’emigrazione cristiana

Un Natale sottotono che può solo aggravare un anno già difficile per i cristiani palestinesi che hanno subito tutto il peso delle politiche di Israele, più, in particolare, espropri e, per i cittadini di Gerusalemme, la revoca dei diritti di residenza.

Gli estremisti ebrei hanno minacciato di attaccare le chiese palestinesi, e nel mese di giugno, hanno bruciato l’ala di una venerata chiesa in Galilea, sul luogo dove Gesù, si dice, ha compiuto il miracolo dei pani e dei pesci.

“Quasi tutti sono emigrati”, ha detto Raffoul Rofa, il direttore esecutivo della Società di San Yves, il braccio legale del Patriarcato latino. Nel corso dell’ultimo secolo, i cristiani palestinesi sono passati dal 20% all’1%.

Mentre i cristiani palestinesi hanno affrontato, così come i musulmani, gli effetti invalidanti delle politiche israeliane di occupazione, Rofa afferma che la loro emigrazione è stata in parte favorita dal loro status di minoranza, oltre al fatto che molti di loro possiedono parenti all’estero.

In un caso ampiamente riportato all’inizio di quest’anno, Israele ha deciso di andare avanti con il piano controverso per la costruzione del muro di separazione direttamente attraverso la terra appartenente al villaggio a maggioranza cristiana di Beit Jala, a ovest di Betlemme.

Se completato, il muro di separazione avrebbe tagliato i proprietari terrieri cristiani dagli oliveti che le loro famiglie hanno coltivato per secoli, per essere incorporati probabilmente nei vicini insediamenti ebraici di Gilo e Har Gilo.

“Almeno 58 famiglie qui a Beit Jala non avranno alcun appezzamento di terra da trasmettere alla prossima generazione”, ha detto Rofa, facendo notare che i piani spingerebbero molte famiglie e a fare i bagagli e partire.

La comunità attiva

Ora ci sono circa 60.000 cristiani che vivono nel territorio palestinese occupato, secondo le stime dell’ Olp; mentre la popolazione musulmane è cresciuta rapidamente negli ultimi decenni, quella cristiana è rimasta pressoché invariata.

“Non mi interessa quanti cristiani vivono qui” afferma padre Khader. “Ciò che conta è quello che stanno facendo, che tipo di presenza che hanno.” È una “comunità attiva” che resta in piedi insieme al resto della società palestinese, ed è ciò che conta di più.

Sperava le feste natalizie di quest’anno avrebbero portato un messaggio “di speranza per tutti gli abitanti della Terra Santa” e consentito alla chiesa di “condividere la gioia con coloro che soffrono”.

L’ultimo round di violenze ha finora ucciso più di 110 palestinesi e 20 israeliani, e non c’è fine allo spargimento di sangue.

La processione del Patriarca latino passerà attraverso il muro di separazione israeliano in un sito che è stato scosso da feroci scontri, quasi ogni giorno a partire dall’inizio del mese di ottobre , e si fa strada lungo una via dove le forze israeliane hanno sparato e ferito decine di manifestanti palestinesi.

Il ministro del Turismo Rula Maaya ha affermato inoltre che sperava che i festeggiamenti dell’anno avrebbero offerto qualche sollievo in un tempo che per molte persone risulta desolante. “Questa è la terra della pace”, ha detto, “Betlemme è il luogo di nascita del re della pace, e tutto quello che vogliamo è la pace”.

Traduzione di Domenica Zavaglia

 

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

Disordini in Terra Santa oscurano le festività natalizie

http://www.infopal.it/disordini-in-terra-santa-oscurano-le-festivita-natalizie/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.