Dopo le proteste dei palestinesi e il malumore degli USA, Netanyahu ferma il progetto per le costruzioni di nuovi insediamenti in Cisgiordania, e si arrabbia con il suo ministro Ariel.

mercoledì 13 novembre 2013

 immagine1

Dopo il clamore, Netanyahu ordina lo stop alle gare abitative nella West Bank

Gli USA chiedono spiegazioni a Israele; i palestinesi minacciano di sospendere i colloqui di pace.

di Barak Ravid, Jack Khoury e Chaim Levinson

novembre 12, 2013

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha ordinato di fermare la potenziale costruzione di circa 24.000 case nella West Bank , tra cui le gare abitative per la zona di contenzioso E-1 fuori da Gerusalemme.

Netanyahu ha rimproverato il ministro per l’edilizia Uri Ariel dicendo che la mossa del suo ministero di emettere gare per le potenziali costruzioni non contribuisce alla soluzione, ma in realtà la danneggia .

Nella sua conversazione nell’incaricare Ariel a riesaminare la potenziale costruzione , il primo ministro ha sottolineato che le offerte non hanno alcun valore giuridico o pratico e che creano inutili attriti con la comunità internazionale, in un momento in cui Israele sta cercando di reclutarla per un accordo migliore sull’ Iran

Netanyahu ha anche detto ad Ariel che si aspetta che egli si coordini con lui su tali mosse prima di andare avanti. Ariel ha spiegato che questi sono solo piani potenziali e non hanno raggiunto alcuna fase formale.

Quando la notizia delle offerte ha fatto irruzione martedì sera, il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas ha minacciato di fermare i colloqui di pace. Ha chiesto a Israele di tornare indietro sui suoi nuovi piani di insediamento, e ha chiesto una riunione d’emergenza mercoledì a Ramallah per discutere la questione.

Un funzionario palestinese ha detto a Haaretz che Abbas ha parlato a Kerry e agli altri membri del Quartetto, nonché al segretario della Lega araba Nabil al-Arabi.

Il funzionario ha anche detto che vi è una crescente domanda tra la leadership palestinese di fermare le trattative e girarle agli organi delle Nazioni Unite, tuttavia collaboratori vicini ad Abbas credono che non si darà corso alla minaccia, senza prima il coordinamento con gli americani.

“È necessario ricordare che fermare i negoziati e il processo diplomatico è quello che i coloni e il loro rappresentante, il ministro dell’Housing Uri Ariel, vogliono di più. Se giochiamo nelle loro mani, essi avranno raggiunto i loro obiettivi. Netanyahu ha bisogno di dimostrare ciò che vuole : raggiungere un accordo o far saltare il processo “, ha detto l’alto funzionario.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha detto che è “profondamente preoccupato” per l’annuncio di Israele sulle gare indette per la costruzione di circa 24.000 nuove unità di insediamento in Cisgiordania e che sta chiedendo spiegazioni a Israele.

Il portavoce del Dipartimento di Stato Jen Psaki ha detto che Washington è stata colta di sorpresa e non aveva alcuna conoscenza preliminare dei piani. “Siamo stati sorpresi da questo e siamo alla ricerca di una spiegazione da parte del governo israeliano. Non è stato discusso in anticipo. Non riconosciamo la legittimità degli insediamenti”.

La portavoce del Consiglio Nazionale di Sicurezza Bernadette Meehan ha detto: “Siamo profondamente preoccupati da questi ultimi rapporti che oltre 24.000 unità aggiuntive sono nelle fasi di pianificazione iniziale. Attualmente stiamo cercando ulteriori spiegazioni da parte del governo di Israele. La nostra posizione sugli insediamenti è abbastanza chiara: abbiamo sempre considerato che gli insediamenti sono illegittimi “.

Meehan ha aggiunto: “Abbiamo invitato le due parti a prendere misure per creare un clima positivo per i negoziati. Non pensiamo che la pianificazione degli insediamenti, anche nelle sue fasi iniziali, sia un passo che crea un ambiente positivo per i negoziati.”

Netanyahyu: ‘Non c’è nessuna E1. Non voglio sentirne ‘

I dettagli sui piani per la nuova costruzione di insediamenti sono sbarcati sul tavolo del Segretario di Gabinetto Avichai Mendelblit martedì mattina, compresi i piani per 1.200 unità nella controversa zona E1 tra Ma’ale Adumim e Gerusalemme.

Secondo fonti vicine a Netanyahu, Mendelblit è andato subito alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per aggiornarla. “Netanyahu ha detto subito a Mendelblit di dire [al Ministro per l’Housing] a Uri Ariel che non c’è nessuna E1. Non ne vuole sapere.”

Mendelblit ha contattato il ministro per l’alloggiamento per informarlo della richiesta del primo ministro di fermare il processo di pianificazione per la E1, ma a partire da martedì sera, i due non si erano parlati direttamente.

Fonti vicine a Netanyahu hanno detto che la mossa del ministro per l’ Housing Ariel “è stata irresponsabile e sconsiderata. Israele sta concentrando tutti i suoi sforzi diplomatici sulla questione iraniana al fine di evitare un cattivo accordo, e improvvisamente questa mossa entra e dirige tutta l’attenzione internazionale sulla questione degli insediamenti “.

Il piano più ampio di circa 24.000 unità abitative comprende diverse aree urbane, così come il Consiglio regionale Binyamin e Gush Etzion. Si tratta di un numero insolitamente elevato di gare, senza precedenti negli ultimi dieci anni. Le offerte sono solo per la pianificazione – alcuni sono piani scheletro, alcuni costituiscono regimi generali urbani e altri, schemi dettagliati di edifici urbani.

 

tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

……………………………………………………………………………………………..

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.haaretz.com/news/diplomacy-defense/1.557681

After uproar, Netanyahu orders stop to West Bank housing tenders

U.S. demands explanations from Israel; Palestinians threaten to call off peace talks.

By , and  | Nov. 12, 2013 | 11:11 PM

immagine1

Construction in Har Homa. Photo by AP

Prime Minister Benjamin Netanyahu ordered to halt potential construction of about 24,000 homes in the West Bank, including housing tenders for the contentious E-1 area outside Jerusalem.

Netanyahu reprimanded Housing Minister Uri Ariel saying that his ministry’s move to issue tenders for potential construction does not contribute to settlement, but actually damages it.

In his conversation instructing Ariel to re-examine the potential construction, the prime minister emphasized that the tenders have no legal or practical significance that creates unnecessary friction with the international community at a time when Israel is trying to recruit it for a better deal on Iran.

Netanyahu also told Ariel that he expects him to coordinate with him on such moves before going ahead. Ariel explained that these are only potential plans and have not reached any formal stage.

When the news of the tenders broke Tuesday evening, Palestinian Authority President Mahmoud Abbas threatened to call off peace talks. He demanded Israel go back on its new settlement plans, and called for an emergency meeting Wednesday in Ramallah to discuss the issue.

A senior Palestinian official told Haaretz that Abbas spoke to Kerry and other members of the Quartet, as well as Arab League Secretary General Nabil al-Arabi.

The official also said there is a growing demand among Palestinian leadership to stop the negotiations and turn to UN bodies, however aides close to Abbas believe he won’t make good on the threat without coordinating with the Americans first.

“You must remember that stopping negotiations and the diplomatic process is what the settlers and their representative, Housing Minister Uri Ariel, want most. If we play into their hands, they will have achieved their goals. Netanyahu needs to prove what it is he wants: To reach an agreement or to blow up the process,” the senior official said.

The U.S. State Department said it is “deeply concerned” by Israel’s announcement over the tenders issued for the construction of some 24,000 new settlement units in the West Bank and that it is demanding explanations from Israel.

State Department spokeswoman Jen Psaki said that Washington was taken by surprise and had no prior knowledge of the plans. “We were surprised by it and we are seeking explanation from the Israeli government. It was not discussed in advance. We don’t recognize the legitimacy of settlements.”

National Security Council spokesperson Bernadette Meehan said: “We are deeply concerned by these latest reports that over 24,000 additional units are in the early planning stages. We are currently seeking further explanation from the Government of Israel. Our position on settlements is quite clear: We have always considered the settlements to be illegitimate.”

Meehan added: “We have called on both sides to take steps to create a positive atmosphere for the negotiations. We do not consider settlement planning, even in its early stages, to be a step that creates a positive environment for the negotiations.”

Netanyahyu: ‘There is no E1. I won’t hear of it’

Details on the plans for new settlement construction landed on Cabinet Secretary Avichai Mendelblit’s table Tuesday morning, including the plans for 1,200 units in the controversial E1 area between Ma’ale Adumim and Jerusalem.

According to sources close to Netanyahu, Mendelblit went right away to the Prime Minister’s Office to update him. “Netanyahu immediately told Mendelblit to tell [Housing Minister] Uri Ariel there is no E1. I won’t hear of it.”

Mendelblit contacted the housing minister to inform him of the prime minister’s demand to halt the planning process for E1, but as of Tuesday evening, the two hadn’t spoken directly.

Sources close to Netanyahu said Housing Minister Ariel’s move “was irresponsible and thoughtless. Israel is concentrating all its diplomatic efforts on the Iranian issue in order to avoid a bad deal, and suddenly this move comes in and steers all international attention to the issue of settlements.”

The broader plan of some 24,000 housing units encompasses several urban areas, as well as the Binyamin Regional Council and Gush Etzion. This is an unusually large number of tenders, unprecedented in the last decade. The tenders are for planning only – some are skeleton plans, some constitute general urban building schemes and others, detailed urban building schemes.

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam