Doppia crisi: l’interruzione di corrente lascia Gaza senza acqua durante il blocco per la pandemia

809

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2020/09/05/doppia-crisi-linterruzione-di-corrente-lascia-gaza-senza-acqua-durante-il-blocco-per-la-pandemia/

https://mondoweiss.net/

4 SETTEMBRE 2020.         DI TAREQ S. HAJJAJ

La carenza d’acqua a Gaza a causa dei tagli al carburante israeliano sta lasciando i palestinesi in una doppia crisi: un blocco del COVID-19 combinato con i timori di non poter soddisfare i bisogni di base.

Gli operatori sanitari palestinesi spruzzano disinfettante sui veicoli che entrano nel campo profughi di Maghazi come precauzione contro la diffusione del coronavirus nella striscia centrale di Gaza il 1 ° settembre 2020 (foto: Ashraf Amra / immagini APA)

Baker Mousa si trova in una strada stretta, alla ricerca di clienti che vogliano fare acquisti da un piccolo negozio di alimentari che si allarga da una stanza sul davanti della sua casa nel quartiere Shujaiyeh della Striscia di Gaza. Cinque anni fa il cinquantaduenne palestinese ha trasformato il suo soggiorno in un negozio per provvedere a se stesso e ai suoi nove figli. Oggigiorno la maggior parte dei suoi clienti sono ragazzi del vicinato che comprano caramelle. Le vendite di solito sono sufficienti per coprire il costo del cibo, tuttavia, negli ultimi giorni tutto il profitto è andato all’acquisto di acqua poiché una crisi elettrica ha interrotto bruscamente l’approvvigionamento in tutta la Striscia di Gaza.

“Abbiamo sentito e visto i pericoli di questa pandemia, ma stare seduti a casa è un’altra minaccia di morte. Potremmo morire di fame “, ha detto Mousa. “Giorni fa ho dovuto bussare alla porta del mio vicino per prendere dell’acqua.”

Allo stesso tempo, Gaza ha subito il primo ampio blocco con attività commerciali, scuole e luoghi di culto chiusi dopo che i funzionari sanitari hanno appreso per la prima volta che il coronavirus non era più contenuto all’interno dei centri di isolamento gestiti dal governo, lasciando così molti palestinesi intrappolati tra crisi parallele. Il coprifuoco è stato ordinato in tutta la Striscia la scorsa settimana ed è stato esteso in 19 punti caldi questa settimana. I palestinesi si stanno riparando nelle loro case in mezzo alle alte temperature con sole quattro ore di elettricità al giorno e senza acqua corrente.

Più di 200 sono risultati positivi per COVID-19 da metà marzo. Anche se questo numero è basso, Gaza è alle prese con un sistema sanitario in collasso e pochi kit di test sono disponibili. Fino alla scorsa settimana, gli unici casi noti di coronavirus erano stati trovati all’interno di centri di isolamento gestiti dal governo o ai posti di blocco medici alle frontiere. Al momento della pubblicazione, quasi 600 sono risultati positivi a Gaza, quasi 500 in una settimana.

Di notte le strade asfaltate e i vicoli sabbiosi di Shujaiyeh sono bui, ad eccezione di alcuni luci delle case con generatori. Situato a est di Gaza City, più di 100.000 persone vivono su circa quattro miglia quadrate. Nel pomeriggio c’è poco movimento per le strade ad eccezione di alcuni in cerca di beni di prima necessità.

Mousa ha camminato alcune volte fino a una moschea locale che consente alla comunità di riempire le brocche da un pozzo nella loro proprietà. Dieci giorni fa ha scoperto che l’acqua era chiusa quando è andato a usare il rubinetto ed era asciutta. In un primo momento ha chiamato il comune che lo ha informato che avrebbero presentato una denuncia. In pochi giorni, era emersa la notizia che il recente fuoco incrociato tra Israele e Hamas si era intensificato e Israele stava sospendendo i trasferimenti di carburante. Il 19 agosto l’unica centrale elettrica di Gaza è stata chiusa. Senza elettricità, il servizio idrico si è interrotto poco dopo.

Il 26 agosto il comune di Gaza City ha dichiarato in un comunicato che l’attuale crisi elettrica ha fatto precipitare la distribuzione dell’acqua a un quarto dei bisogni della città. La dichiarazione afferma che il comune “possiede 76 pozzi d’acqua all’interno e all’esterno di Gaza City, che funzionano tutti con corrente elettrica, e la carenza di elettricità è ora compensata dal funzionamento di generatori di riserva”.

Lunedì, Israele e Hamas hanno raggiunto un accordo per sedare le tensioni con Hamas che accetta di interrompere l’invio di ordigni incendiari e razzi in Israele e Israele ha accettato di interrompere quasi due settimane di attacchi aerei notturni e consentire un’iniezione di denaro per il carburante dal Qatar. Nonostante il tentativo di distensione di giovedì, Gaza stava soddisfacendo solo i tre quinti della sua domanda di acqua poiché permane la carenza di energia.

LA POLIZIA PALESTINESE HA CHIUSO UNA STRADA CON BARRIERE DI SABBIA DURANTE UN BLOCCO IN SEGUITO ALLO SCOPPIO DEL CORONAVIRUS A DEIR AL-BALAH NELLA STRISCIA CENTRALE DI GAZA IL 3 SETTEMBRE 2020 (FOTO: ASHRAF AMRA / IMMAGINI APA)

Il primo blocco di Gaza

Le carenze si sono verificate proprio quando i palestinesi sono entrati nel loro primo blocco dall’inizio della pandemia, lasciando molti in una doppia crisi.

“Dal primo giorno del coprifuoco sapevo che sarebbero arrivati ​​giorni difficili”, ha detto Shatha Abdelsalam, 48 anni, che ha cercato di prepararsi contro la scarsità di cibo e acqua prima di chiudere la scorsa settimana. “Ho iniziato a raccogliere legna, cartoni, vecchi vestiti e qualsiasi cosa che potessi usare per accendere il fuoco”, ha detto. “So che i prossimi giorni saranno duri e potrei usare queste cose per cucinare”

Per coprire i bisogni dei suoi sette figli, ha un enorme serbatoio da 2.000 litri nella sua casa che può immagazzinare l’acqua, ma non è stata in grado di riempirlo prima che l’acqua fosse tagliata.

“Abbiamo sacrificato una parte importante del nostro denaro per garantire l’acqua per almeno una settimana, ma dopo averlo terminato non avremo altra scelta se non possiamo ottenere l’acqua del rubinetto”.

In un’altra casa a Shujaiyeh, Majeda al-Zaalan, 49 anni, siede al tavolo della sua cucina con i suoi tre figli adolescenti e organizza le loro risorse per la giornata. Divide una singola porzione di pane e formaggio da condividere in quattro. Successivamente organizza l’acqua, dando ciascuno tre litri al giorno per uso personale. Ha fatto il bucato per la casa una volta nell’ultima settimana e tutti sono stati razionati a una doccia.

“In questi tempi, l’acqua è la cosa più preziosa e deve essere in ogni casa, ma sfortunatamente non l’abbiamo nemmeno normalmente”, ha detto.

“La famiglia viveva dei piccoli guadagni di mio figlio maggiore Ahmed, che vendeva boccette di profumo in una strada principale. Ma da lunedì nessuno di noi è uscito dalla porta ”, ha continuato al-Zaalan. Ora la sua unica fonte di reddito proviene da una sovvenzione dell’organizzazione benefica britannica Oxfam International che le fornisce una modesta cifra di $ 35 ogni mese.

“Ho solo la mia famiglia e non ho intenzione di perderne nessuno”, ha continuato.

Le interruzioni dell’acqua a Gaza funzionano in modo simile ai blackout; non esiste un orario in cui l’acqua tornerà a funzionare e i palestinesi hanno iniziato a controllare i loro rubinetti tutto il giorno.

“Credo che abbiamo raggiunto la peggiore condizione di qualsiasi posto nel mondo intero, e ancora nei prossimi giorni, credo che peggiorerà”, ha detto.

Doppia crisi: l’interruzione di corrente lascia Gaza senza acqua durante il blocco per la pandemia

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.