Due scuole finanziate dall’Europa a rischio di demolizione

16/11/2017

 

PIC. Altre due scuole palestinesi finanziate dall’Unione Europea in Cisgiordania sono minacciate di demolizione e sequestro da parte dell’autorità di occupazione israeliana.

Le scuole di Wadi as-Siq e al-Muntar sono state costruite l’anno scorso con finanziamenti dei donatori europei come parte degli aiuti umanitari alle comunità palestinesi beduine prive di servizi di base.

Le scuole servono i bambini delle comunità di sfollati e rifugiati che, per molti anni, hanno già subito la distruzione della loro proprietà da parte di Israele.

Le scuole sono ora oggetto di procedimenti giudiziari israeliani che potrebbero portare alla loro distruzione e al loro sequestro. Le udienze sono previste per il 20 novembre e il 10 dicembre, secondo il Norwegian Refugee Council (NRC).

L’NRC ha affermato che il suo programma di consulenza informativa e legale fornirà assistenza legale alle comunità in tribunale.

Ancora una volta, i bambini palestinesi stanno affrontando la traumatica prospettiva di presentarsi a scuola e di scoprire che non esiste più”, ha detto la direttrice della NRC in Palestina, Kate O’Rourke.

Ancora una volta dobbiamo chiederci: perché ai bambini viene negato il diritto fondamentale all’istruzione? Questo attacco alle scuole fa parte di una più ampia spinta a trasferire con la forza le comunità palestinesi della Cisgiordania occupata e di Gerusalemme Est per creare uno spazio per l’espansione degli insediamenti illegali”, ha aggiunto O’Rourke.

Il preside della scuola al-Muntar, Wisam Merei, ha avvertito che “se la scuola sarà demolita, la maggior parte dei bambini sarà costretta all’abbandono scolastico”.

Un rappresentante e genitore della comunità, Abu Hasan, ha confermato queste preoccupazioni e ha affermato che “i bambini non hanno alcun altro posto dove studiare nella comunità. Questa scuola permette ai bambini locali di studiare senza dover lasciare la loro comunità e utilizzare strade rischiose vicino all’insediamento”.

Negli ultimi nove anni, la comunità Wadi as-Siq ha ricevuto 11 ordini di fermo dei lavori nelle sue strutture. Due sono state demolite nel 2012 e nel 2014 e tutte le latrine mobili fornite da una ONG locale nel 2011 sono state confiscate dall’amministrazione civile dell’esercito israeliano, che ora sta anche tentando di sequestrare la scuola dalla comunità.

Chiediamo ai governi e ai donatori che finanziano l’educazione dei bambini palestinesi di aumentare la pressione diplomatica per prevenire la demolizione e il sequestro delle infrastrutture scolastiche, che è una violazione del diritto internazionale umanitario e del diritto fondamentale all’istruzione di tutti i bambini”, ha detto O’Rourke.

La distruzione delle strutture educative non è solo una violazione del diritto internazionale, ma dimostra anche disprezzo nei confronti della fornitura di aiuti da parte della comunità internazionale alla popolazione palestinese occupata, per garantire ai bambini un posto sicuro dove apprendere”, ha aggiunto.

All’inizio di quest’anno, le autorità israeliane hanno distrutto e danneggiato altre tre scuole della Cisgiordania finanziate dall’assistenza internazionale, poco prima che i bambini tornassero a scuola dopo la pausa estiva”, secondo l’NRC.

Più di 60 scuole in Cisgiordania sono attualmente a rischio di demolizione. I bambini nelle scuole di tutta la Cisgiordania si trovano ad affrontare attacchi al loro diritto all’istruzione. Solo nella prima metà del 2017, sono stati documentati in Cisgiordania 93 episodi legati all’istruzione che hanno colpito 13.906 studenti, compresi gli incidenti in cui i bambini sono stati arrestati mentre si trovavano nelle loro classi o sono stati esposti a molestie ai posti di blocco”.

 

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

 

Due scuole finanziate dall’Europa a rischio di demolizione

Due scuole finanziate dall’Europa a rischio di demolizione

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam