E la chiamano «guerra»

adminSito   mercoledì 21 novembre 2012 15:20

Noam Chomsky: l’operazione militare israeliana contro Gaza non è una guerra, ma la fase finale della campagna di pulizia etnica dei palestinesi.

di Noam Chomsky

Editoriale pubblicato su Il Manifesto, 21 novembre 2012

L’incursione e i bombardamenti su Gaza non puntano a distruggere Hamas. Non hanno il fine di fermare il fuoco di razzi su Israele, non puntano a instaurare la pace.

La decisione israeliana di far piovere morte e distruzione su Gaza, di usare armamenti letali degni di un moderno campo di battaglia su una popolazione civile largamente indifesa, è la fase finale di una pluridecennale campagna per fare pulizia etnica dei palestinesi.

Israele usa sofisticati jet da attacco e navi da guerra per bombardare campi profughi densamente popolati, scuole, abitazioni, moschee e slum; per attaccare una popolazione che non ha aviazione né contraerea, armamenti pesanti, unità di artiglieria, blindati (…). E la chiama guerra. Ma non è guerra, è un assassinio.

Quando gli israeliani nei territori occupati dicono che si devono difendere, si difendono nel senso che ogni esercito occupante deve difendersi dalla popolazione che sta schiacciando. Non puoi difenderti, quando stai occupando militarmente la terra di qualcun altro.

Questa non è difesa. Chiamatela come volete, ma non è difesa.

 

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=41763&typeb=0&E-la-chiamano-

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam