E lei, l’ha visto il muro?

“Scusi sindaco, ma lei il Muro l’ha visto?” Il giornalista inizia la sua intervista a Giuliano Pisapia, sapendo di fare una domanda diventata ormai famosa dopo che Filippo Landi della Rai la fece al presidente del consiglio Silvio Berlusconi, appena passato attraverso il check-point di Betlemme. La conosciamo tutti la risposta del premier: “Quale muro? Mi dispiace ma non l’ho visto”.

Meno conosciuta è invece la seconda puntata. Contesto: visita ufficiale del successore presidente del consiglio, Mario Monti. Stesso luogo ameno: nove metri di cemento distesi per chilometri e chilometri e qui vergognosamente piantati in terra ovviamente palestinese, nella Betlemme che il mondo riconosce come “città della pace” e che senza bisogno di commenti è solo una mostruosa prigione. Anche stavolta l’intervistatore estrae la mitica domanda e la spara a Monti, con l’aggiunta: “Il presidente Berlusconi rispose a questa domanda affermando che non l’aveva visto”. Indovinate invece cosa risponde Monti… Beh, prima di tutto ha fatto un mezzo sorriso al riferimento così esplicito a Silvio. E poi? Nulla. Quella leggera inflessione della bocca e un accenno di sorriso sono state la sua risposta alla questione del muro di apartheid.

Ed ora godetevi la terza puntata. Anticipiamo subito che la risposta non è stata rivoluzionaria rispetto alle precedenti. Senz’altro apprezzerete la serietà di questo terzo politico italiano che perlomeno non evita la domanda, anzi, che dice ciò che dovrebbero tutti affermare senza paura:
“Questo è un muro di divisione che bisogna eliminare. (…) Da troppo tempo non si trova una soluzione a tutto questo. Purtroppo le discriminazioni non sono conosciute in Italia perché l’informazione è deformata”.
Ecco, vedete. Davvero niente di rivoluzionario. Ma il motivo per cui diamo così importanza a questa intervista è un altro. In Italia è iniziata la campagna elettorale, ma per i politici di tutti gli schieramenti sembra purtroppo che la politica estera, le armi, le guerre, e ovviamente le colossali ingiustizie come quella dell’occupazione della Palestina sono tutti temi neppure sfiorati.
Per questo, A VOCE ALTA lanciamo un appello a tutti coloro che intendono ricevere un mandato di servizio politico al bene del Paese e del mondo: non evitate di aprire gli occhi sul dramma-chiave di tutti i conflitti e una buona volta alzate la voce per chiedere che ognuno faccia la sua parte. Di questo, allora, il sindaco di Milano ci ha dato un primo, rarissimo esempio.

Bocchescucite

Ecco l’intervista che Nena News ha pubblicato:

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=34272

Articoli Correlati

3 Commenti

  1. Finalmente un politico italiano (anche se solo un sindaco ma almeno ha dato l’esempio) ha ammesso di aver visto il muro, gli altri lo hanno visto benissimo, non si può non vederlo, è imponente, …e le torrette di controllo ! e i chek- point come fanno a dire di non aver visto….

  2. Quando sono potuta passare io, una povera suora anziana proveniente da Roma con un gruppo di laici stipati in un pullman, ricordo una strada percorsa lentamente, con soste continue e molta fatica prima di poter oltrepassare quel posto di blocco tra due pezzi di muro alto e di cui non vedevo la fine né a destra né a sinistra.
    E uscire fu ancora più lento a mia memoria.
    Per poter pensare bene di chi non riesce a vedere devo dedurre o che , data la posizione ufficiale di personalità straniera sia riuscito a passare a razzo talmente veloce da annullare la possibilità di vedere oppure era talmente occupato in altro tipo conversazioni telefoniche oppure letture interessanti perché tanto c’è chi deve preoccuparsi di quisquiglie come i controlli dei posti di blocco. Ma non riuscire a vedere in chi sceglie di servire il Prossimo nella “carità politica” è un segnale di incapacità a tale ufficio, se poi tale posizione fosse una scelta poltica scegliendo di dire il falso , mi sembra ancora più pericoloso e negativo perchè evidenzia la tendenza a cercare l’interesse proprio e non il bene comune , e questo in Politica è molto negativo!

Trackbacks

  1. Aggiornamenti notizie al 17 settembre 2012 | Palestina Libera

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam