E POI SI CHIEDONO “PERCHE’ CI ODIANO?” – di Patrizia Cecconi (con il video del bombardamento)

10 agosto 2018

E poi si chiedono “perché ci odiano?”
Lasciare per mezza giornata internet e poi tornare a casa e scoprire che gli eletti hanno messo la propria firma di carogne su un’altra azione di puro terrorismo, scatena il più nobile e legittimo odio che si possa provare: quello verso la prepotente violenza dell’oppressore sull’oppresso. 

il teatro e centro culturale Masahal com’era fino a ieri

ed eccolo dopo l’attacco terroristico israeliano di poche ore fa

Il palazzo della cultura in briciole.
A perenne vergogna dello stato di Israele…

Hanno distrutto un centro culturale, gli eletti, anzi “il” centro culturale Mesahal di Gaza. Vogliono annichilire i gazawi e si illudono così di spegnere la loro creatività. Devono ucciderli tutti per riuscirci, ma proprio tutti. Dopo la rabbia, lo sconforto, il dolore, arriva la risposta e si ricomincia. Magari domani troveremo “I RAGAZZI DEL PORTO” a fare parkour sulle rovine come già fatto su altri bombardamenti, ultimo quello che ha colpito Al Katiba.
Rinuncia Israele, puoi solo collezionare i più bei diplomi di assassino, ma alla fine saranno motivo di vergogna e non di orgoglio e ti toccherà pure nasconderli…..

E POI SI CHIEDONO “PERCHE’ CI ODIANO?” – di Patrizia Cecconi

IL VIDEO DEL BOMBARDAMENTO

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam