E POI SI CHIEDONO “PERCHE’ CI ODIANO?” – di Patrizia Cecconi (con il video del bombardamento)

0

10 agosto 2018

E poi si chiedono “perché ci odiano?”
Lasciare per mezza giornata internet e poi tornare a casa e scoprire che gli eletti hanno messo la propria firma di carogne su un’altra azione di puro terrorismo, scatena il più nobile e legittimo odio che si possa provare: quello verso la prepotente violenza dell’oppressore sull’oppresso. 

il teatro e centro culturale Masahal com’era fino a ieri

ed eccolo dopo l’attacco terroristico israeliano di poche ore fa

Il palazzo della cultura in briciole.
A perenne vergogna dello stato di Israele…

Hanno distrutto un centro culturale, gli eletti, anzi “il” centro culturale Mesahal di Gaza. Vogliono annichilire i gazawi e si illudono così di spegnere la loro creatività. Devono ucciderli tutti per riuscirci, ma proprio tutti. Dopo la rabbia, lo sconforto, il dolore, arriva la risposta e si ricomincia. Magari domani troveremo “I RAGAZZI DEL PORTO” a fare parkour sulle rovine come già fatto su altri bombardamenti, ultimo quello che ha colpito Al Katiba.
Rinuncia Israele, puoi solo collezionare i più bei diplomi di assassino, ma alla fine saranno motivo di vergogna e non di orgoglio e ti toccherà pure nasconderli…..

E POI SI CHIEDONO “PERCHE’ CI ODIANO?” – di Patrizia Cecconi

IL VIDEO DEL BOMBARDAMENTO

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.