E’ praticamente impossibile, per un bambino di Gaza che ha il padre in prigione, riuscire a vederlo. HAMZE, allora, prova a sognarlo.

mercoledì 10 aprile 2013

 immagine1

Centinaia di bambini di Gaza bloccati dalle visite ai genitori in carcere

Joe Catron
The Electronic Intifada Gaza City 9 Aprile 2013

“Sogno mio padre,” ha detto Hamze Helles, otto anni, nella casa della sua famiglia a Gaza City, nel quartiere Shajaya. “Mi manca molto, e sono molto ansioso di fargli visita. Per cinque anni, non l’ho mai visto. “

Hamze è uno dei due giovani figli di Majed Khalil Helles, un combattente di Fatah delle Brigate Martiri di al-Aqsa, che è stato catturato dalle forze israeliane l’ 8 agosto 2008 e condannato da un tribunale militare israeliano a cinque anni di detenzione nel carcere di Nafha .

Quattordici mesi prima che i suoi miliari imprigionassero Helles i, Israele aveva imposto un divieto globale in materia di visite dei familiari ai palestinesi prigionieri politici dalla Striscia di Gaza . Addameer , l’organizzazione di difesa dei prigionieri, ha chiamato la misura “parte della politica [di Israele] di trattare la Striscia di Gaza come un nemico a seguito delle elezioni legislative palestinesi nel 2006, e la cattura del soldato israeliano Gilad Shalit, un anno prima. “

Il divieto ha incontrato numerose critiche come un atto illegale di punizione collettiva , Addameer ha detto. “La politica di Israele è stata condannata, tra gli altri, dalle organizzazioni dei diritti umani palestinesi e israeliane , dal Comitato internazionale della Croce Rossa e dalla missione d’inchiesta dell’ONU sul conflitto di Gaza , nella sua relazione sulla offensiva israeliana 2008-2009 . “

I detenuti avevano lanciato uno sciopero della fame di massa di 28 giorni il 17 aprile 2012, giorno dei prigionieri politici palestinesi , con visite da parte delle famiglie che vivono a Gaza tra le loro principali richieste. E ‘ terminato il 14 maggio dello scorso anno con un accordo che “le visite dei familiari per parenti di primo grado ai prigionieri dalla Striscia di Gaza e per le famiglie provenienti dalla Cisgiordania, cui è stato negato di visitarli per ‘motivi di sicurezza’ vaghi saranno reintegrate entro un mese” da parte di Israele, tra le altre disposizioni.

Ma anche se le visite dei familiari dalla Striscia di Gaza hanno ripreso un mese più tardi rispetto a quanto concordato – il 16 luglio 2012 – Israele contava solo coniugi e genitori come “parenti di primo grado” e ha continuato a vietare che i bambini si rechino dai loro genitori detenuti (” La prova delle visite dei familiari di Gaza ha inizio , “al-Akhbar, 16 luglio 2012).

“Il viaggio della morte”

“L’esercito israeliano ci tratta male durante il viaggio”, Narmine Baker Helles, la moglie di Majed Helles Khalil, ha detto. “Le famiglie dei detenuti lo chiamano ‘il viaggio della morte.’ Ma la cosa peggiore, e la cosa più dannosa, è che i nostri figli non hanno mai visitato il loro padre. Sono sempre a chiedere di vederlo, ma non posso farci niente. Tocca agli israeliani. “

Israele detiene attualmente 437 detenuti dalla Striscia di Gaza, secondo Addameer. L’Associazione Hussam, un’organizzazione locale di detenuti ed ex detenuti, stima che il 60 per cento sono sposati, con centinaia di bambini tra di loro.

“Il perdurare di privare i bambini dei loro genitori con una visita nelle carceri israeliane causerebbe gravi ripercussioni sulla situazione generale psicologica dei bambini, e può avere un impatto negativo e dannose conseguenze psicologiche sui prigionieri stessi”, Hussam ha detto in un comunicato all’inizio di quest’anno.

Il gruppo ha invitato le organizzazioni per i diritti dei bambini “per esercitare pressioni sul [la] occupazione israeliana per permettere ai bambini di prigionieri di Gaza di visitare i loro genitori all’interno delle carceri israeliane” (” Hussam invita le associazioni ad esercitare pressioni su Israele per permettere ai bambini di visitare i loro genitori detenuti , “Palestine News Network, 29 gennaio 2013).

“Il nuovo programma di visite ha un certo numero di condizioni imposte dagli israeliani”, ha detto Reem Yousef Mikdad, il cui marito è in prigione. “Uno è che solo il coniuge e i genitori dei detenuti sono ammessi. Ma molti di loro hanno genitori che sono morti da anni. I prigionieri che non sono sposati non hanno nessuno che possa venire a vederli. “

Il marito di Reem, Yousef Mustafa Mikdad , leader delle Brigate dei martiri di al-Aqsa , è stato catturato dalle forze israeliane durante un raid nel novembre 2002, nella sua casa a Gaza City, quartiere di Tal al-Hawa .

“La missione era solo per catturare lui,” il fratello Ghazi Mikdad ha detto. “Gli israeliani hanno acclamato e applaudito, una volta che lo avevano preso.”

“Hanno iniziato a distruggere tutto”

Come i suoi quattro fratelli, il figlio di Yousef e Reem, Mustafa, un piccolo di 12 anni, con i capelli a punta, non ha visto suo padre, condannato a 21 anni di carcere a Nafha, per il divieto di giugno 2007 delle visite familiari.

“Ero abituato a visitare mio padre insieme a mia madre”, ha detto Mustafa. “Andavamo ogni due settimane.”

“Non mi ricordo molto di mio padre. Ma ricordo il modo in cui lo catturarono. Hanno invaso la zona, fatto saltare in aria la porta principale della casa, e sono scesi giù dagli elicotteri. Sono venuti in casa e hanno iniziato a distruggere tutto. “

Durante il raid, i cani militari israeliani hanno attaccato suo padre, ha ricordato. “Questa scena è ancora bloccata nella mia mente. Non abbiamo mai dimenticato. “

“Prima, quando potevamo visitare le carceri, i nostri figli non volevano andare a causa del tempo e dei molti ostacoli”, ha detto Reem. “Ora che vogliono non possono.”

Ai residenti di Gaza da parte di Israele è permesso di visitare i loro parenti detenuti, regolarmente affrontando ostacoli e ritardi. Tre settimane di moratoria sono state imposte nel corso delle feste ebree religiose appena concluse, mentre un mese di divieto di visite a tutti i detenuti nella prigione di Ramon, imposto come rappresaglia per uno sciopero della fame di massa in protesta sulle violazioni israeliane dell’accordo del 14 maggio 2012 , è in corso, in base al Centro per gli Studi Prigionieri Palestinesi (” Occupazione priva prigionieri dalle visite per un mese intero , ” al-Qassam, 21 marzo 2013).

Ogni lunedi, la protesta delle famiglie di molti detenuti si tiene nel cortile del Comitato Internazionale della sede della Croce Rossa nella Striscia di Gaza. Nasser Farrah, un organizzatore di eventi, ha dichiarato nel 2011 che l’incontro “potrebbe entrare nel Guinness dei primati per il più longevo settimanale sit-in in tutto il mondo.”

“Per quattro anni e mezzo, sono andata alla Croce Rossa ogni lunedi,” ha detto Nihaya Hassanat.

Suo marito Hassan Jaber Hassanat, un combattente per il Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina, Brigate della Resistenza nazionali, è stato catturato dalle forze israeliane il 21 dicembre 2008 e condannato da un tribunale militare a otto anni di detenzione in prigione a Ramon.

“Non mi sembra che ci sia un risultato per queste proteste”, ha detto. “Ma spero che mio marito a volte possa vedermi attraverso i media, perché spesso lo mostrano.”

“Noi di solito partecipiamo,” Reem Yousef Mikdad ha detto. “Io lavoro, quindi non sono sempre libera. Ma i suoi fratelli e figli di solito vanno, e partecipano ad altre attività. Ma non c’è nessuna escalation delle proteste in solidarietà con i prigionieri. E ‘umiliante. Non stiamo facendo quello che ci si aspetta di fare. “

“Mi manca molto”

Molti figli dei detenuti sono desiderosi di descrivere le proprie attività a sostegno dei loro genitori.

“Non posso andare la maggior parte dei lunedì a causa della scuola”, ha detto Mustafa. “Ma io partecipo a tutte le attività nazionali per i detenuti, come il giorno dei prigionieri, e programmi per i prigionieri a scuola.”

“Sto sempre pregando Dio di liberare mio padre molto presto, perché mi manca molto”, Wiam, cinque anni, uno dei sei figli di Jaber Hassan Hassanat, ha detto nella sua casa a Gaza City, nel quartiere al-Zaytoun . “Siamo felici e stiamo bene. Abbiamo solo bisogno di vederlo. Non abbiamo bisogno di niente altro nella vita. “

“Quando mi è permesso di visitare mio marito, mi alzo molto presto la mattina per uscire via dai miei figli, perché so che chiederebbero di venire con me,” ha detto Nihaya Hassanat.

“Quando dico a Wiam che vado in visita a suo padre, non vuole permettermi di andare da sola. Lui mi prega di portarlo. Non capisce che non gli è permesso di venire a causa della politica israeliana. Non ho niente a che fare con questo. “

http://electronicintifada.net/content/hundreds-gaza-children-blocked-visiting-parents-prison/12353

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam