E’ urgente la protezione internazionale per la “Barca delle Donne per Gaza”

0
226

WE ARE ALL ON THE FREEDOM FLOTILLA 2 – NEWS·

LUNEDÌ 3 OTTOBRE 2016

 
freedom flotilla

(Foto: IDF/Flick)

3 ottobre 2016

La Marina israeliana ha ricevuto ordine dal suo Governo di intercettare Zaytouna – Oliva, la barca della missione della Freedom Flotilla Coalition, denominata “Barca delle Donne per Gaza”, quando si avvicinerà alle coste di Gaza (è la prima volta che parla di coste di Gaza, qualunque cosa questa indicazione implichi), dirottarla al porto israeliano di Ashdod, arrestare le 13 donne che si trovano a bordo e deportarle nei loro Paesi di origine, dopo che avranno firmato l’impegno a non tornare mai più (goo.gl/738Lji).

Lo ha annunciato, ieri, Quds Press: goo.gl/MGkSnL

Secondo quanto riferisce l’israeliana Channel2 TV, le navi sono pronte, al porto di Ashdod, mentre per Channel7 TV, altra emittente israeliana, un gruppo di coloni ebrei di estrema destra starebbe pensando a una propria flotilla che affronti Zaytouna e la costringa a dirigersi, in Siria, dove, secondo loro, i rifugiati Palestinesi hanno più bisogno di aiuto.

L’arrivo di Zaytouna – Oliva, a Gaza, è previsto, nei prossimi due o tre giorni. La barca ha accumulato del ritardo, anche per un guasto, verificatosi a causa del maltempo incontrato ma ha ricevuto l’aiuto, in mare, di attivisti greci, salpati dall’isola di Creta, che hanno riparato il guasto e hanno lasciato cibo e un messaggio scritto di solidarietà (goo.gl/5RY7ms).

Nella possibilità, tutt’altro che remota, essendosi sempre verificata, che la Marina israeliana compia l’ennesimo atto di pirateria contro un gruppo di persone pacifiche e intenzionate ad andare a Gaza e non in Israele, molte iniziative vengono organizzate, dai sostenitori di diverse città del mondo: presidi, invio di email, appelli sui social media.

Richieste ai Governi di protezione della barca stanno giungendo, da più parti.

Sandra Barrilaro, fotografa spagnola, a bordo di Zaytouna – Oliva, si rivolge al Governo spagnolo: https://www.youtube.com/watch?v=eUt…

Associazioni gazawi per i Diritti Umani: https://www.youtube.com/watch?v=EhZ…

Marama Davidson, parlamentare neozelandese, a bordo di Zaytouna – Oliva, ha scritto a Murry McCully, Ministro degli Esteri della Nuova Zelanda: goo.gl/mDJmSn

Jamal al-Khudari, Parlamentare palestinese e Capo della Commissione Popolare per la fine dell’Assedio di Gaza, si è rivolto alla Comunità internazionale: goo.gl/UN46tO

Parlamentari e organizzazioni spagnole si appellano, tra gli altri, all’Unione Europea: goo.gl/riwYi2

Intanto, Gaza attende di vedere aprirsi un varco verso una vita come quelle degli altri esseri umani.

Contatti stampa Italia: Lucia Intruglio Palmira Mancuso Press room internazionale: https://wbg.freedomflotilla.org/med… Aggiornamenti: http://www.freedomflotilla.it/ https://www.freedomflotilla.org/ hashtag #WomenToGaza

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.