Elior Levy: Intervista a un giovane palestinese che lancia gli aquiloni

0
168

Sintesi personale 

Inviamo gli aquiloni e andiamo su Facebook per osservare gli incendi dalla tua parte“, ha detto H., che appartiene alla “unità di aquiloni” di Gaza. I Palestinesi dipingono i loro aquiloni con i colori della bandiera palestinese e talvolta aggiungono anche una svastica.

 

(Foto: AFP)

“L’aquilone è l’arma migliore e l’arma più importante che abbiamo a Gaza, è meglio di tutti i razzi. Quando un missile viene lanciato da Gaza, hai una risposta, ma per gli aquiloni non hai una risposta e causano molti danni”, ha spiegato.

Lunedì, il ministro della Difesa Avigdor Lieberman ha detto che circa 9.000 dunam di raccolti e foreste sono stati bruciati a causa degli incendi iniziati dagli aquiloni. Gli aquiloni continuano a causare immensi danni nelle comunità di confine di Gaza e mettono in pericolo la vita degli israeliani che vivono vicino alla striscia.

 (Photo: AFP)(Foto: AFP)

H. è stato ferito due settimane fa durante gli scontri del venerdì “March of Return” vicino al recinto di confine.

Un  oggetto non identificato è esploso vicino a lui e un pezzo di granata ha colpito una gamba.

All’inizio della campagna “March of Return”, circa due mesi fa, faceva parte della “unità che bruciava le gomme”, ma due settimane dopo si è trasferito alla “unità degli aquiloni”.

Ha rivelato che l’ “unità di aquiloni” opera come un’organizzazione, ma afferma di non avere alcun collegamento con Hamas. Siamo giovani provenienti da tutta la Striscia di Gaza, siamo divisi in gruppi in base alle aree, ogni gruppo ha una persona responsabile che decide quando far  volare gli aquiloni e quanti. Non abbiamo aiuti da Hamas. Ogni kit, con il suo dispositivo incendiario, ci costa tre o quattro shekel“, La  sua “unità” sta progettando di far  volare una grande quantità di aquiloni venerdì, per celebrare il Naksa Day che commemora la sconfitta nella Guerra dei Sei Giorni del 1967. Guardiamo la TV e ci rendiamo conto  che avete una grande paura di questi aquiloni, per cui ogni venerdì ci sono sempre più giovani che partecipano a questa attività“, ha aggiunto.

Sembra che lui e i  suoi amici non si sentano in colpa per il danno ambientale che causano. Se Israele non ha problemi a bruciare Gaza, perché dovremmo avere qualche problema a bruciare Israele?” ha chiesto . H. ha detto che lui e i suoi complici non hanno paura. Non voglio diventare uno shahid (martire), ma non ho paura delle minacce di assassinio: se inizi a ucciderci, aumenteremo gli  aquiloni  fino a rimuovere l’assedio da Gaza.

 

Elior Levy: Intervista a un giovane palestinese che lancia gli aquiloni

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2018/06/elior-levy-intervista-un-giovane.html

 

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.