Era carta, penna e voce della resistenza palestinese..

0

immagine1

Vittorio Arrigoni (Besana in Brianza, 4 febbraio 1975 – Gaza, 15 aprile 2011)

Era un ragazzo pieno di vita, di ideali, di forza e di bontà d’animo. Lottava contro ogni forma di ingiustizia, contro gli oppressori, contro il male. Si era innamorato di un popolo intero, un popolo che lo aveva accolto a braccia aperte ed aveva affidato a lui il proprio destino, la speranza, un futuro…Vittorio aveva sposato la Palestina.

Viveva a Gaza insieme a pescatori, contadini, bambini..si poneva come scudo umano per proteggerli nei pescherecci, nei campi, nelle scuole e dentro le ambulanze. E’ stato ferito, è stato catturato, è stato torturato..ma poi ritornava tra la sua gente, sempre più forte e sempre più tenace, con il sorriso.
Era carta, penna e voce della Resistenza palestinese.

Vittorio era…e continua ad essere, resiste dentro i cuori di chi lo ha amato, anche di chi non lo ha conosciuto. 

immagine2

Silvia Franceschini

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.