Erdogan «Sultano atlantico»: Nato, Europa e Italia

0
357

tratto da: https://www.remocontro.it/2020/12/05/erdogan-sultano-atlantico-nato-europa-e-italia/

Alberto Negri Alberto Negri  5 Dicembre 2020

 

 

Erdogan incontinente, ormai non sa più trattenere le parole: «Macron è un guaio, la Francia se ne liberi». E la Turchia e un bel pezzo di medio oriente e mediterraneo e Nato, cosa dovrebbero fare con lui, presidente sultano? Se lo chiede Alberto Negri sul Manifesto, puntando in particolare sulle decisioni diplomatiche italiane verso l’importante Paese mediterraneo così discutibilmente governato.
Erdogan che ordina per la prima volta, manovre militari congiunte dell’aviazione con la Gran Bretagna exit, mentre l’Italia ieri ha firmato un accordo militare con Tripoli, di fatto un protettorato turco.
L’Italia che nel 1911 strappò la Libia agli ottomani e la Turchia oggi, che vuole costruire la sua «Patria Blu» fino alla Libia che faceva parte dell’impero.

L’ultra presidente turco uno e trino

«Erdogan con l’Europa ormai è uno e trino. Continua a tenere sotto pressione l’Unione europea sulla rotta dei profughi nell’Egeo, a farsi finanziare gli oltre tre milioni di rifugiati che si tiene in casa e allo stesso tempo gioca la sua partita diplomatico-militare facendo leva sugli interessi strategici diversi o confliggenti degli stati del continente».

L’Europa in un mare di guai petroliferi

Se è vero che Erdogan affronta l’ostilità di Parigi ed è sotto osservazione di Bruxelles per la questione delle frontiere marittime e dello sfruttamento del gas offshore nelle ‘zone esclusive’ di Grecia e Cipro, ci sono perplessità tra Paesi europei – tra questi emergono Germania e Italia – che si debba sanzionare Ankara per le sue violazioni. Soprattutto i tedeschi che diffidano dei soliti ricatti turchi sulla rotta balcanica dei profughi».

L’ombra della Russia di Putin

«In realtà tutti temono che Erdogan sfrutti nuovi spazi di manovra per accordarsi con la Russia di Putin con cui ha in ballo contenziosi brucianti in Siria, Libia e la questione del Nagorno Karabakh tra Armenia e Azerbaijan, altro alleato del reiss turco che ha appoggiato contro gli armeni con squadriglie di droni, come aveva già fatto in Libia contro il generale Haftar».

Italia sul fronte turco-libico

Così anche l’Italia, che tratta con la Turchia, fidandosi ben poco dei francesi che insieme a inglesi e americani gli hanno strappato la Libia di Gheddafi nel 2011, si prepara a convivere a Tripoli con Erdogan. Nell’intesa raggiunta ieri, si riattiva un accordo del 2013 che comprende la cooperazione in campo sanitario – già c’è l’ospedale da campo di Misurata con 300 soldati – l’intesa sulla formazione in Italia e in Libia di ufficiali e sottufficiali, compreso l’addestramento di guardia costiera e marina militare, e l’attività di sminamento».

Asse Italo turco, sperando in bene

«In poche parole ci sarà una sorta di cooperazione per rimettere in piedi le forze armate della Libia in collaborazione con la Turchia di Erdogan che con l’intervento militare a fianco di Sarraj ha salvato Tripoli dall’offensiva del generale della Cireanaica Haftar sostenuto da Russia, Emirati arabi uniti, Egitto e dalla stessa Francia, che con Ankara ha ormai molti conti in sospeso da regolare».

La Libia che campa in italiano

«L’accordo dell’Italia con Tripoli è importante, essendo l’unica nazione europea ad avere un’ambasciata funzionante mentre l’Eni non ha mai lasciato il Paese, fornisce elettricità a tutta la Libia e mantiene in funzione i campi petroliferi e il gasdotto Greenstream collegato alla Sicilia. Quindi Roma ora fa valere le sue carte anche nella prospettiva dei complicati negoziati in corso tra le parti libiche e i loro sponsor internazionali».

Il «SultaNato» di Erdogan

«Ma non scordiamo che in Tripolitania i rapporti di forza pendono dalla parte di Ankara: un mese fa i militari turchi sono stati fotografati sulle motovedette libiche donate dall’Italia. È sorto nel Mediterraneo una specie di «SultaNato» di Erdogan, entità che si allunga dalle coste turche a quelle del Nordafrica e che fonde le aspirazioni neo-ottomane di Ankara con un nuovo ordine gerarchico dell’Alleanza nelle acque del Mediterraneo. Il “reiss” ha pure il controllo sui flussi migratori.

Di migranti nell’accordo con la Libia non se ne parla: il «lavoro sporco» ricade adesso sotto la supervisione del Sultano, principale contractor di un appalto oscuro sulle disgrazie di esseri umani senza tutela.

Alberto Negri

ALBERTO NEGRI

Alberto Negri, giornalista, inviato di guerra per il Sole 24 Ore, ha seguito sul campo i principali conflitti ed eventi politici internazionali dagli anni’80 a oggi. Scrive per “il manifesto”, Tiscali, Linkiesta, Tpi e da adesso anche su RemoConto

 

Erdogan «Sultano atlantico»: Nato, Europa e Italia

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.