ERO UN COLONO. SO COME I COLONI DIVENTANO ASSASSINI

0

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-i-was-a-settler-i-know-how-settlers-became-killers-

Ho aiutato a stabilire l’avamposto illegale della Cisgiordania, dove studiavano i sospetti nell’omicidio di una donna palestinese, Aisha Rabi. Ho visto la destra israeliana radicalizzare al punto di svalutare la vita umana – per chiunque non sia ebreo

Un colono ebreo reagisce dopo essere stato arrestato dai poliziotti di confine israeliani ai margini della città di Ramallah, in Cisgiordania. 16 aprile 2006REUTERS

Ho lasciato l’insediamento di Rehelim in Cisgiordania circa nove anni fa. Da allora, ho attraversato un profondo processo di cambiamento per quanto riguarda la mia ideologia e fede, e oggi sono un critico radicale del progetto di insediamento.
Tuttavia, Rehelim è significativo per me come un luogo in cui ho contribuito a stabilire inizialmente un avamposto illegale e dove alcuni dei miei figli sono nati e cresciuti. La consapevolezza che i giovani che studiano nella yeshiva di Rehelim sono accusati di aver ucciso li vicino una donna palestinese di 47 anni, Aisha al-Rabi, mi agita profondamente.

Come  chiami un rabbino che protegge e difende i terroristi ebrei?  Le loro pretese sono finite. La leadership dei coloni è una banda di Vigilanti violenta e razzista.

È importante notare fin dall’inizio che, nonostante la risposta della leadership dei coloni, che ha spaziato dal silenzio vergognoso, all’apologetica, fino alla difesa diretta dei sospettati, i residenti di Rehelim – per quanto ne so – sono i coloni tradizionali, contrari a danneggiare le vite umane o avere un’attività terroristica.
Ma sfortunatamente, la corrente dominante dei coloni è direttamente responsabile di questa grave ingiustizia, come parte dei fenomeni di criminalità nazionalista nei territori occupati. Le bande giovanili hanno perso ogni moderazione, e talvolta anche la dignità umana, questo è il prodotto di anni di educazione in cui un’ideologia e una visione religiosa iper-nazionalista regnano sovrane.

costruzione illegale dell’avamposto Rehelim

Non si tratta solo di rabbini estremisti che chiaramente aprono la strada al terrorismo ebraico attraverso libri come “The King’s Torah”, e il famigerato lavoro del 2010 pubblicato dalla yeshiva Od Yosef Chai nell’insediamento di Yitzhar che ha opinato che i non ebrei sono ” per natura “non comprensiva” e gli attacchi contro di loro “frenano la loro inclinazione al male”, mentre i bambini e i figli dei nemici di Israele possono essere uccisi poiché “è chiaro che cresceranno per farci del male”.
Piuttosto, i responsabili di questo deterioramento morale sono rabbini, educatori e leader tradizionali. Questi individui apertamente calpestano lo stato di diritto per costruire un’altra casa e occupare un’altra collina. Coloro che insegnano di conoscere meglio dello stato rispetto a ogni conflitto, si permettono di dettare la realtà stabilendo fatti sul terreno.

È così che abbiamo creato Rehelim e come l’abbiamo sviluppato giorno dopo giorno. Eravamo determinati a stabilire un accordo lì, e anche se tutto ciò che facevamo era illegale, è successo. Tutte le nostre trasgressioni sono state cancellate retroattivamente, e la verità è che non è una sorpresa. I successivi governi israeliani, per i quali lo stato di diritto avrebbe dovuto essere una guida luminosa, ci hanno aiutato in ogni fase del processo.
Mi chiedo spesso come ho avuto l’audacia di perseguire la mia ideologia e la mia fede quando sapevo che stavo infrangendo la legge, e quando il più ampio pubblico israeliano non ha supportato le mie azioni né chiesto di farlo.
La risposta a questa domanda è direttamente intrecciata con i cambiamenti che si sono verificati tra il pubblico dei coloni nazional-religiosi negli ultimi anni. Per anni, l’impresa degli insediamenti ha resistito alla legge israeliana – e io non mi riferisco volutamente al diritto internazionale, ma piuttosto alla nostra legge israeliana. Questo non era né un errore innocente né un momento di debolezza; è stato istituzionalizzato, quindi il metodo ha funzionato fin dall’inizio.

La destra capì che anche se non erano d’accordo su tutto, solo l’allineamento collettivo, un fronte unito contro i nemici dell’impresa insediamento, avrebbe mantenuto il successo. Da quando questa intuizione è comparsa, abbiamo visto un significativo processo di radicalizzazione tra tutti i ranghi della destra.
Il furto criminale e la costruzione non infastidiscono più nessuno a destra, e nessuno si oppone a tale condotta. In passato i danni ai palestinesi o alle loro proprietà erano debolmente condannati da alcuni esponenti della destra, ma oggi non esiste una tale voce.

I palestinesi portano il corpo di Aisha Rabi, 48 anni, durante i suoi funerali nel villaggio di Biddya in Cisgiordania. 13 ottobre 2018

Solo durante l’ultimo mandato del governo abbiamo assistito al cambiamento significativo che si è verificato. Durante le indagini di coloro che sono stati sospettati di aver compiuto il terribile attacco nel villaggio palestinese di Duma, in cui tre membri della famiglia Dawabsheh sono stati bruciati vivi, la principale risposta del ministro dell’Istruzione Naftali Bennett e del ministro della giustizia Ayelet Shaked è stata la critica degli interrogatori del servizio di sicurezza Shin Bet – e non del crimine stesso efferato.

Questa volta, il ministro della Giustizia Shaked ha chiamato e persino incontrato le famiglie dei giovani detenuti con l’accusa di omicidio di Rabi, pur mantenendo una posizione nominale di “non interferenza” riguardo alle indagini.
Oggi, tutti e due insieme a tutti i leader della destra, rimangono clamorosamente in silenzio sull’assassinio di Aisha Rabi e sull’identità dei suoi aggressori. Questo silenzio fragoroso è la perfetta incarnazione dell’allineamento collettivo: per il fine ultimo, tutti i mezzi sono giustificabili. E le azioni parlano più delle parole.
Come ho notato, Rehelim, per quanto io conosca il luogo e i suoi residenti, non è un accordo estremo in relazione agli altri. Tuttavia anni di calpestamento della morale e della legge hanno trascinato i residenti locali in un unico blocco collettivo, insieme a tutti i coloni e alla destra in generale.
Questo collettivo non condannerà neppure atti spregevoli di terrore e svaluterà anche il significato della vita umana, per chiunque non sia ebreo.

Shabtay Bendet, padre di sette figli, vive a Jaffa ed è a capo della squadra di Osservatori della pace di Settlement. In passato era un giornalista per il sito web di notizie Walla (che copriva i territori occupati e i settori religiosi e ultra-ortodossi) e in passato era un colono religioso e un fondatore del primo avamposto in Cisgiordania. Twitter: @ Shabi72

 

 

 

ERO UN COLONO. SO COME I COLONI DIVENTANO ASSASSINI

Ero un colono. So come i coloni diventano assassini

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.