Estranei in casa mia: la rivelazione delle lettere inviate dai palestinesi espulsi a David Ben Gurion nel 1948

406

Articolo pubblicato originariamente su Haaretz e tradotto dall’inglese da Beniamino Rocchetto

Sami Saada è stato cacciato dal suo appartamento ad Haifa e nel tentativo di reclamare la proprietà ha inviato lettere al primo Primo Ministro israeliano. Le lettere rimasero senza risposta ma riemergono in un nuovo libro.

Di Sheren Falah Saab 

L’11 luglio 1948, quasi due mesi dopo la dichiarazione dello Stato di Israele, un gruppo della milizia clandestina pre-statale israeliana Hagana si presentò alla porta dell’appartamento di Sami Saada in Via Mar Elias nella periferia della città di Haifa e gli ordinò di trasferirsi immediatamente in un appartamento in Via Abbas. Ciò ha fatto seguito all’ordine del Primo Ministro David Ben-Gurion, dopo che le forze israeliane hanno preso la città, di concentrare tutti i palestinesi rimasti in città nel quartiere di Wadi Nisnas e nella vicina Via Abbas.

Non è chiaro cosa abbia passato Saada nel primo anno di esistenza di Israele. Come gli altri 3.500 residenti rimasti in città, probabilmente provava paura e incertezza come uno straniero nella sua stessa terra, senza alcuna guida politica a rappresentarlo. Ma il 26 giugno 1949 inviò una lettera a Ben-Gurion in cui descriveva come fosse stato dolorosamente espropriato della sua casa.

“Io, il sottoscritto Sami Saada, impiegato presso la Compagnia Petrolifera Irachena di Haifa, ho vissuto negli ultimi anni in un appartamento al 124 di Via Mar Elias composto da quattro ampie stanze, una cucina, un bagno e tre terrazzi. In questo appartamento la mia famiglia e mio figlio hanno trovato tutte le comodità necessarie”, ha scritto.

“L’11 luglio 1948 arrivarono le autorità militari e mi trasferirono al 29 di Via Abbas dove mi permisero di abitare all’ultimo piano, che si raggiunge salendo 84 gradini. Ho obbedito con sopportazione all’ordine militare, nonostante i numerosi disagi che ha presentato a me e alla mia famiglia, e sono in possesso di un permesso ufficiale dei militari che mi dà il diritto di abitare nel suddetto appartamento al n. 29, composto da quattro stanze, una cucina e un bagno”.

Fino a quando Israele non conquistò la città, Saada, nato nel 1910, condivideva l’appartamento in Via Mar Elias con sua madre, sua moglie e i suoi quattro figli. Ad un certo punto prima che le battaglie della Guerra d’Indipendenza raggiungessero Haifa nell’aprile 1948, gli altri membri della famiglia lasciarono la città e si trasferirono in Libano. Secondo le leggi del nuovo Paese, i parenti sono stati dichiarati assenti e le loro proprietà sono state nazionalizzate.

L’arrivo di indesiderati ospiti ebrei nel suo appartamento, come lo descrive Saada nella sua lettera a Ben-Gurion, è stato solo uno di una serie di occupazioni delle case dei palestinesi locali da parte dei soldati e delle loro famiglie, compresi alcuni che non erano fuggiti e sono rimasti ad Haifa. Tali occupazioni continuarono a verificarsi per molti mesi dopo la presa della città. E anche nel suo nuovo appartamento in Via Abbas, Saada non trovò pace.

“Il 19 gennaio 1949 tornai a casa alle 10 di sera dopo aver trascorso la serata con dei conoscenti”, racconta nella sua lettera.

“A casa ho trovato una famiglia di estranei composta da un uomo di nome Maman, sua moglie e suo cognato. Sono entrati in casa dopo averla aperta con i loro mezzi speciali e hanno occupato una stanza dopo averla svuotata di tutti i mobili. Ne è scaturita subito una discussione tra me e loro che è durata fino a mezzanotte e si è conclusa con la piena consapevolezza che sarebbero usciti di casa la mattina presto, e quindi ho deciso di non chiamare la polizia. Li ho trattati bene, soprattutto perché hanno promesso di non rimanere nell’appartamento”.

Non sembra, tuttavia, che gli intrusi abbiano mantenuto la loro parte del patto. Saada ha continuato scrivendo di essere andato negli uffici del Custode della Proprietà degli Assenti per registrare il contratto di locazione del suo nuovo appartamento solo per scoprire che il suo visitatore, un uomo di nome Edward Maman, era arrivato lì per primo per affittare una delle camere.

“Quando sono salito per entrare, ho scoperto che il signor Maman era arrivato prima di me, accompagnato da un ufficiale dell’esercito che era lì per proteggerlo. Dopo che si sono intrattenuti con il direttore per 20 minuti, sono stato chiamato. E avevo con me uno degli impiegati della Compagnia Petrolifera Irachena, Max Salomon, che ha parlato a mio nome perché non so parlare la lingua ebraica”, ha scritto Saadi.

“Dopo pochi minuti, Max Salomon ha spiegato quanto segue in inglese: Il Dipartimento di Custodia promette e si impegna a darmi un contratto di affitto per l’intero piano. Promette che il signor Maman lascerà la casa solo quando la sua famiglia tornerà ad Haifa, che vivrà con la sua famiglia in una sola stanza, che sarà considerato un ospite nella mia casa e che ha accettato le condizioni specifiche in cambio di una mia promessa di ospitarlo in una stanza.

“Nei mesi successivi, dopo che Maman aveva preso alloggio in una delle stanze della mia casa, suo padre e sua madre sono arrivati ​​ad Haifa e hanno vissuto insieme a lui in quella stanza”, ha raccontato Saadi. “Mentre speravo che Maman mantenesse la sua promessa, le cose si sono complicate. Il padre mi molestava ad ogni occasione e pretendeva che la casa fosse ampliata a mie spese”.

Ma la storia di Saada non si è conclusa con la fine della disputa con la famiglia Maman. Nella lettera, ha continuato descrivendo l’invasione dell’appartamento da parte di un’altra famiglia ebrea che questa volta ha provocato il suo sfratto dalla casa.

UFFICIALMENTE SENZATETTO

“La mattina del 7 aprile 1949, una compagnia militare fece irruzione nelle case arabe in Via Abbas e dopo averle requisite, lasciò gli inquilini per strada”, scrisse. “Ora Maman e suo padre hanno trovato ampio sostegno per le loro azioni contro di me. Attraverso l’esercito, la Polizia Militare e la polizia civile, hanno convocato un ufficiale con il grado di Capitano di nome Chechik per fare irruzione nel mio appartamento. Mi ha picchiato e mi ha cacciato di casa. Ho contattato le autorità, ma non hanno fatto nulla per me. Gli occupanti mi hanno buttato fuori e ammassato tutti i miei averi in una stanza”.

Sami Saada è diventato effettivamente un senzatetto. “Ho il contratto di locazione e pago per intero proprio come ho pagato per la residenza mentre altri ne beneficiano indebitamente, contrariamente alla legge”, ha osservato.

Oltre a sfrattare Saadi, scrisse che le due famiglie, i Mamans e i Chechiks, avevano cambiato la serratura della porta d’ingresso e gli avevano impedito di avere accesso ai suoi averi rimasti lì.

Il contenuto delle lettere che Saada inviò a Ben-Gurion appare nel libro in lingua ebraica dello storico Adam Raz il cui titolo si traduce come: “La Catastrofe Personale di Sami Saada” (Carmel Press, Gerusalemme). Raz, che fa parte del personale dell’Istituto Akevot, che si descrive come un istituto per la ricerca sul conflitto israelo-palestinese, ha trovato le lettere di Saada negli Archivi di Stato di Israele e negli archivi dell’esercito israeliano. Hanno fatto luce sulla tragedia vissuta da molte migliaia di palestinesi quando fu fondato lo Stato di Israele.

“I palestinesi rimasti in Israele erano completamente senza voce”, ha detto Raz. “Erano rimasti nel Paese che ora era diventato Israele e vi erano cittadini di settima classe. Non solo. L’intera struttura sociale e politica palestinese era andata in pezzi. Erano profughi nella loro terra e nella loro Patria, soggetti al dominio ebraico, il che spiega la disperazione nelle lettere di Saada”.

Questo è il secondo libro di Raz sull’argomento, dopo “Il Saccheggio Delle Proprietà Arabe Nella Guerra d’Indipendenza” (Carmel Press), uscito alcuni anni fa in ebraico.

“In quel libro ho descritto tendenze e politiche generali, ma nel libro su Saada volevo mostrare un lato più personale”, ha detto. “C’è una differenza tra scrivere generalmente sul saccheggio di Haifa e descrivere la storia dall’interno: le paure, le incertezze, le difficoltà. È la differenza tra le statistiche e un singolo caso”.

E questa non è l’unica differenza. Il nuovo libro è scritto come un’opera teatrale, con l’aggiunta di due capitoli storici.

“Durante tutto il percorso, era chiaro che la storia di Saada non era adatta a un articolo o a un libro di storia perché ci sono troppe informazioni mancanti nella trama”, ha spiegato Raz. “Com’era la vita a casa di Saada dopo che le due famiglie ebree si erano trasferite? Si è preparato il caffè o aveva paura di farlo? Chi ha pulito la cucina? Condivideva il frigorifero con loro? Ci sono così tante domande, ma non avevo le risposte”.

Sebbene non sia stato in grado di ottenere tutte le lettere in cui Saada descriveva la sua difficile situazione personale, Raz ha affermato di essere riuscito a trovare negli archivi materiale sufficiente per fornire una descrizione insolitamente dettagliata di ciò che gli era successo.

“I suoi tentativi di intentare causa, una volta che ha deciso di citare in giudizio gli abusivi in due diversi tribunali, non hanno portato da nessuna parte. I casi non sono più negli archivi. Ben-Gurion non rispose alle lettere che gli erano state inviate, ma il Ministro delle Minoranze, Bechor-Shalom Sheetrit, il Ministro ebreo che all’epoca fece di più per i palestinesi e si oppose alla politica di espulsione di Ben-Gurion, cercò di aiutarlo. Alla fine non ci riuscì”.

Cosa ha spinto Sami Saada a scrivere lettere a Ben-Gurion? Credeva che il Primo Ministro sarebbe stato solidale con la sua situazione?

“Nonostante la Nakba (la pulizia etnica e l’espulsione dei palestinesi dopo la creazione di Israele) perpetrata contro il popolo palestinese e il profondo cambiamento istituzionale, ci sono strutture sociali e politiche che hanno continuato ad esistere all’interno della società palestinese, inclusa la pratica di indirizzare le richieste alle istituzioni attraverso le lettere”, ha detto la dottoressa Leena Dallasheh, una storica dell’Università Humboldt della California che ha anche lei studiato i documenti provenienti dagli archivi nazionali di Israele.

“Nel 1926, le autorità britanniche concessero la cittadinanza ai palestinesi in Palestina e anche se erano consapevoli dei limiti della cittadinanza coloniale, scrivevano abitualmente alle istituzioni britanniche per rivendicare i loro diritti di cittadini. Pertanto, scrivere alle istituzioni israeliane è una continuazione del periodo che ha preceduto la fondazione dello Stato”.

Le lettere che Saada ha inviato a Ben-Gurion sono una finestra sulla sofferenza personale dei palestinesi e sui loro rapporti con l’istituzione ebraica che ora aveva il controllo. Nel suo libro, Raz descrive la battaglia legale che Saada ha cercato di condurre contro le autorità israeliane per ottenere la giustizia che pensava di meritare.

Il 13 luglio 1949 ha intentato una causa civile contro Maman e Chechik per aver occupato il suo appartamento. L’udienza sul caso era fissata per gennaio dell’anno successivo. In attesa fosse fissata una data, Saada ha continuato a inviare lettere a Ben-Gurion, che, come noto, sono rimaste tutte senza risposta, ed è rimasto uno sfollato, impossibilitato ad accedere all’appartamento.

“Promettetemi che mi farete sapere quando finirà questo calvario”, scrisse il 28 settembre 1949. “Tutti i documenti dimostrano le mie ragioni. Imploro le autorità come cittadino del Paese: salvatemi! Non ho fatto del male a nessuno e non ho infranto la legge. Mi hanno lasciato per strada e continuano a ignorare le leggi e gli ordini del governo e mi stanno causando gravi danni finanziari in un momento in cui ho bisogno di tutte le mie risorse”.

In un’altra lettera, del 16 novembre 1949, descrisse i suoi disperati tentativi di tornare nell’appartamento di Via Abbas e il calvario a cui fu sottoposto.

“Seguendo le vostre ultime istruzioni, ho contattato Moshe Yatah, l’impiegato incaricato degli affari arabi ad Haifa. Mi ha detto che vi ha già scritto del mio caso e che aspettava le vostre istruzioni. Vorrei cogliere l’occasione per evidenziare ancora una volta l’entità dell’espropriazione e del danno arrecato a me e alla mia proprietà dagli atti barbari commessi da questo gruppo che sminuisce la legge e i vostri ordini”.

Secondo il materiale trovato da Raz, Moshe Yatah, che lavorava presso il distaccamento del Ministero delle Minoranze ad Haifa, si è occupato del caso di Saada, ma a quanto pare senza alcun risultato.

“Sami Saada ha un contratto di locazione per l’appartamento. Continua a pagare l’affitto per l’appartamento in cui non può abitare. I due abusivi continuano a vivere nell’appartamento senza pagare l’affitto”, scrisse Yatah ai suoi superiori.

Non è noto se gli sforzi di Yatah siano stati di aiuto. Tutto indica che Saada non ha mai ripreso possesso del suo appartamento. Gli archivi, inoltre, non hanno fornito risposte a molte altre domande, incluso se Saada avesse vinto la causa civile e se avesse effettivamente vissuto come un senzatetto, come affermava nelle sue lettere.

Dallasheh ha detto che la confisca delle proprietà palestinesi è stata un atto deliberato che aveva lo scopo di inviare un messaggio.

“Il governo israeliano ha trasferito gli abitanti palestinesi di Haifa nell’area di Wadi Nisnas contro la loro volontà, e sono diventati assenti nel senso che hanno perso il diritto alla loro proprietà. Lui e gli altri palestinesi che non sono fuggiti hanno visto come le strutture sociali, economiche e culturali che conoscevano erano crollate, ma nonostante aver attraversato la Nakba, hanno deciso di rimanere e sopravvivere lì nonostante tutto. È importante ricordare che lo Stato era in procinto di essere fondato e non c’era alcuna previsione che un gran numero di palestinesi sarebbe rimasto. La priorità data all’appropriazione di proprietà degli “assenti” per lo Stato e la maggioranza ebraica ha giocato un ruolo nel processo di nascita e fondazione dello Stato”, ha affermato.

DUE TRAUMI

Ra’id Saada, 60 anni, che vive a Gerusalemme Est, ha detto di aver scoperto per la prima volta le lettere che suo padre scrisse a Ben-Gurion da Raz, che gli mostrò il materiale. “Quello che mio padre mi ha detto è che viveva in una casa ad Haifa e si è trasferito in Via Abbas. Non mi ha detto cosa è successo all’interno della casa. Non mi ha parlato delle lettere e non sapevo come fosse la sua vita ad Haifa dopo la guerra”, ha detto il figlio.

“Dovete capire che mio padre ha subito due traumi. Il primo è stato la conquista di Haifa e il secondo, altrettanto doloroso, fu che la sua famiglia si divise quando sua moglie e i suoi figli rimasero in Libano. Per tutti quegli anni, ha desiderato ardentemente riunire la famiglia. Era costantemente nei suoi pensieri. Molte famiglie palestinesi si sono separate a causa di quello che è successo nel 1948. Mio padre ha dovuto prendere decisioni difficili all’ombra dei cambiamenti che gli erano stati imposti e che hanno causato sconvolgimenti anche all’interno della famiglia”.

Come se la perdita della sua casa e la nostalgia per la sua famiglia non fossero abbastanza, la compagnia petrolifera in cui lavorava Saada chiuse dopo la guerra.

“Il suo status è cambiato e ha perso ciò che aveva”, ha detto Ra’id, aggiungendo che all’inizio degli anni ’50 suo padre tentò senza successo di riunire la famiglia.

“A causa di varie controversie e problemi personali, mio ​​padre non è stato in grado di riunire la famiglia e non si è adattato in Libano. Non ha trovato il suo posto lì. Alla fine si è separato dalla moglie, che è rimasta in Libano con i bambini, e dopo un po’ hanno ottenuto i passaporti libanesi”.

Dal Libano, Saada si trasferì in Giordania dove trovò lavoro presso la filiale locale della compagnia petrolifera dove aveva lavorato ad Haifa. “Ho una valigia con le foto di mio padre di quando lavorava in Giordania. Ci sono persino foto di lui con Re Hussein”, ha detto suo figlio.

Nel 1960, Sami Saada sposò una donna palestinese di nome Julia di Beit Jala in Cisgiordania che lavorava come sarta. L’aveva incontrata ad Amman. La coppia ha avuto quattro figli, incluso Ra’id. Questo nuovo capitolo nella vita della famiglia ha provocato anche altri cambiamenti. Ra’id Saada ha detto che all’inizio degli anni ’60 suo padre acquistò un albergo a Gerusalemme Est, il Jerusalem Hotel, e si trasferì in città.

“Gli è capitato di vedere un annuncio sul giornale di un albergo in vendita a Gerusalemme”, ha detto il figlio. “Ha mostrato l’annuncio a mia madre e lei lo ha incoraggiato a comprarlo. Ma non aveva abbastanza soldi, quindi ha contattato mio zio, che allora lavorava in Iraq, e hanno deciso di acquistare insieme l’albergo”.

Il Jerusalem Hotel è ancora di proprietà della famiglia Saada. Ra’id Saada lo gestisce con suo fratello e suo cugino.

Le lettere che Sami Saada ha inviato a Ben-Gurion sono garbate e rispettose. Suo figlio descrive il padre come una persona che aveva una pazienza incredibile e si prendeva molta cura del suo aspetto.

“Indossava sempre un completo a tre pezzi. Anche quando andavamo in spiaggia, si vestiva in modo formale. Tutti coloro che hanno conosciuto Sami Saada ricordano quanto fosse rispettato. La gente andava da lui per un consiglio e lui ascoltava con comprensione e trovava le soluzioni a ogni problema. Inoltre parlava perfettamente l’inglese. Quando studiavo inglese a scuola, non avevo bisogno di un dizionario, perché avevo mio padre. Mi ha aiutato con ogni problema. Amava scrivere ed era un bravo scrittore e scrisse lettere per le persone tutta la sua vita.”

Non è chiaro il motivo per cui Saada non ha mai raccontato ai suoi figli quello che è successo nell’appartamento di Via Abbas o delle lettere scritte a Ben-Gurion.

“Mio padre non era una persona che parlava dei suoi sentimenti o di cose che lo preoccupavano. Teneva le cose per sé”, ha detto Ra’id. “Forse ha raccontato a mia madre quello che è successo nell’appartamento di Haifa. Non ho mai saputo come si sentisse veramente”.

A un certo punto, il figlio maggiore di Saada, Rafiq, 78 anni, che vive in Grecia, ha voluto sapere cosa fosse successo alla casa in cui aveva vissuto la famiglia. Suo padre accettò di andare ad Haifa con Rafiq, e andò anche Ra’id.

“Sono passati alcuni anni dalla guerra del ’67. Mi hanno dato una macchina fotografica per fotografare la casa, ma ho fatto qualcosa di sbagliato e ho rovinato la pellicola”, ha ricordato. “Non abbiamo nemmeno trovato la casa e mio padre non ha detto molto dopo il viaggio”

All’inizio degli anni ’80, Sami Saada si ammalò del morbo di Parkinson. Morì sette anni dopo, all’età di 76 anni. Sua moglie Julia è morta proprio lo scorso anno.

“Penso che mio padre sia morto con sentimenti di rabbia”, ha osservato Ra’id, “perché proprio in quel periodo una delle mie sorelle è stata uccisa nella guerra civile in Libano. La malattia di mio padre è peggiorata nel tempo e i farmaci che ha preso hanno portato all’insufficienza renale che ne ha causato la morte. Nell’ultima parte della sua vita, ricordava molto poco”.

“Mio padre ha avuto una vita difficile dopo la Nakba. Non è stato in grado di mantenere la sua famiglia o la sua casa, ma ciò non gli ha impedito di andare avanti e tenere unita la famiglia il più possibile. E lo ha fatto grazie alla sua personalità gradevole e spigliata”, ha detto il figlio.

Dopo la morte del padre, il figlio tornò ad Haifa e questa volta riuscì a trovare la casa in Via Abbas. “Mio padre ha vissuto lì per molto tempo e vedere la casa è stato molto significativo per me”, dice Ra’id. “Questa casa fa parte della mia eredità familiare, della mia identità”.

Sheren Falah Saab è una giornalista cresciuta nella Galilea occidentale e ha conseguito un dottorato in studi sulle donne e sul genere. È corrispondente dal mondo arabo per Haaretz.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.